UN INESORABILE DECLINO

Feed - CARABINIERI

Rispondi
Avatar utente
iosonoquì
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 966
Iscritto il: ven giu 19, 2009 7:16 pm

UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da iosonoquì » mer ott 14, 2020 10:57 am

Ho iniziato un percorso nell'Arma nel 1980. All'epoca turni spezzati, zero straordinari, mezzi tipo il Pulmino Fiat 900 con finestrini a manovella e senza aria condizionata. Divisa kaki a maniche lunghe con cravatta.
Piantone h.24.
Primo stipendio? poco meno di 400 mila lire.
Ieri, l'ennesima figura dell'Arma dove, qualora le indagini sveleranno la verità, ancora una volta l'Istituzione sarà messa alla berlina.
Lo scrivo senza vergognarmi: da quando sono in pensione, avendo lasciato la località dove ho prestato servizio per lunghi anni, non ho mai detto a nessuno, dove attualmente vivo, cosa facevo prima.
E non mi sono neanche iscritto all'Associazione.
L'Arma è in inesorabile veloce declino.
C'è un concreto bisogno di riaddrizzarla velocemente.
L'istituzione ha bisogno di gente valida, onesta, adeguatamente retribuita.
Ma chi sbaglia, lasciatemele scrivere, deve essere immediatamente sbattuto fuori a calci nel sedere.
Chi ha in animo di vestire una divisa dev'essere scelto per le sue qualità: onorabilità, rispetto, intelligenza e altre doti che possono far bene al paese.
Nessuno ti ha obbligato a rendere servizio alla comunità, ma devi entrarci consapevole, qualunque grado tu rivesta, di vestire la divisa assumendoti tutte le responsabilità di vivere, in primis, una vita onesta e senza macchie. Sicuramente facendo molti, forse troppi sacrifici.
Diversamente cambia mestiere, la divisa non fa per te.



Convenzionistituzioni.it
Gianbattista11
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 46
Iscritto il: lun set 07, 2020 6:54 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da Gianbattista11 » ven ott 16, 2020 11:12 pm

Ho iniziato un percorso nell'Arma nel 1980. All'epoca turni spezzati, zero straordinari, mezzi tipo il Pulmino Fiat 900 con finestrini a manovella e senza aria condizionata. Divisa kaki a maniche lunghe con cravatta.
Piantone h.24.
Primo stipendio? poco meno di 400 mila lire.
Ieri, l'ennesima figura dell'Arma dove, qualora le indagini sveleranno la verità, ancora una volta l'Istituzione sarà messa alla berlina. COSA E' SUCCESSO?

Lo scrivo senza vergognarmi: da quando sono in pensione, avendo lasciato la località dove ho prestato servizio per lunghi anni, non ho mai detto a nessuno, dove attualmente vivo, cosa facevo prima.
E non mi sono neanche iscritto all'Associazione. TANTO LO SANNO CHI SEI
L'Arma è in inesorabile veloce declino. fosse solo l'arma non si rispettano nemmeno i contratti
C'è un concreto bisogno di riaddrizzarla velocemente. Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei
L'istituzione ha bisogno di gente valida, onesta, adeguatamente retribuita. almeno il doppio
Ma chi sbaglia, lasciatemele scrivere, deve essere immediatamente sbattuto fuori a calci nel sedere.
Chi ha in animo di vestire una divisa dev'essere scelto per le sue qualità: onorabilità, rispetto, intelligenza e altre doti che possono far bene al paese.
Nessuno ti ha obbligato a rendere servizio alla comunità, ma devi entrarci consapevole, qualunque grado tu rivesta, di vestire la divisa assumendoti tutte le responsabilità di vivere, in primis, una vita onesta e senza macchie. Sicuramente facendo molti, forse troppi sacrifici.
Diversamente cambia mestiere, la divisa non fa per te.

mauri64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 472
Iscritto il: gio nov 15, 2018 5:27 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da mauri64 » sab ott 17, 2020 5:37 pm

iosonoquì ha scritto:
mer ott 14, 2020 10:57 am
Ho iniziato un percorso nell'Arma nel 1980. All'epoca turni spezzati, zero straordinari, mezzi tipo il Pulmino Fiat 900 con finestrini a manovella e senza aria condizionata. Divisa kaki a maniche lunghe con cravatta.
Piantone h.24.
Primo stipendio? poco meno di 400 mila lire.
Ieri, l'ennesima figura dell'Arma dove, qualora le indagini sveleranno la verità, ancora una volta l'Istituzione sarà messa alla berlina.
Lo scrivo senza vergognarmi: da quando sono in pensione, avendo lasciato la località dove ho prestato servizio per lunghi anni, non ho mai detto a nessuno, dove attualmente vivo, cosa facevo prima.
E non mi sono neanche iscritto all'Associazione.
L'Arma è in inesorabile veloce declino.
C'è un concreto bisogno di riaddrizzarla velocemente.
L'istituzione ha bisogno di gente valida, onesta, adeguatamente retribuita.
Ma chi sbaglia, lasciatemele scrivere, deve essere immediatamente sbattuto fuori a calci nel sedere.
Chi ha in animo di vestire una divisa dev'essere scelto per le sue qualità: onorabilità, rispetto, intelligenza e altre doti che possono far bene al paese.
Nessuno ti ha obbligato a rendere servizio alla comunità, ma devi entrarci consapevole, qualunque grado tu rivesta, di vestire la divisa assumendoti tutte le responsabilità di vivere, in primis, una vita onesta e senza macchie. Sicuramente facendo molti, forse troppi sacrifici.
Diversamente cambia mestiere, la divisa non fa per te.
Salve, hai perfettamente ragione, ahhhhhh..... il mitico pulmino delle poste, che ad ogni curva oscillava come un pendolo. La vecchia campagnola telonata, senza guarnizioni ai finestrini tutta buchi e spifferi che, quando soffiava forte il vento ovvero pioveva, per non prendere qualche malanno ero costretto a rattopparla con scotch adesivo da pacchi, oppure, con giornali arrotolati.
Indossavo la divisa la mattina presto e la toglievo la sera tardi con turni spezzati anche quattro cinque volte nell'arco della giornata, e quando rientravo in caserma stanco morto oltre l'orario di chiusura della mensa, se volevo mangiare dovevo farlo a spese mie.
Partivo in missione per corrispondenza detenuti, viaggiavo su treni postali con panche in legno che effettuavano tutte le fermate, anche nelle stazioni in aperta campagna dando la precedenza ai treni locali, una tratta consueta, Genova-Ventimiglia andata e ritorno, tredici ore compresa la sosta vitto di un'ora, dove i soldi del foglio di viaggio non bastavano a compensare un modesto pranzo al ristorante.
Piantonamenti all'ospedale reparto malattie infettive, orario 08,00-12,00 e 16,00-20,00 con il mezzo privato o pubblici super affollati.
Potrei continuare per ore ed ore a raccontare circostanze ed aneddoti della mia vita trascorsa nell'Arma, mettendo soventemente al primo posto la Benemerita, a discapito degli affetti familiari. Ho sacrificato gli anni migliori della mia gioventù, per cosa, per ritrovarci in queste condizioni.
E' proprio vero il detto "si stava meglio quando si stava peggio"....

Una buon fine settimana

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4296
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da lino » sab ott 17, 2020 6:24 pm

Certo che siete proprio "anziani" ,parlate di periodi giiurassici ..😁
Forse Iosonoqui si rivolgeva ad un fatto ben specifico, tipo quel servizio delle iene.
Oppure parlava in generale, comunque concordo in toto.

Mauri64, ho avuto stessi itinerari.....che incubi!!!!

Avatar utente
iosonoquì
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 966
Iscritto il: ven giu 19, 2009 7:16 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da iosonoquì » sab ott 17, 2020 6:36 pm

.... in effetti. Con le Iene il declino si é confermato in tutta la sua tragicità (ammesso che la Giustizia confermi le accuse!)

mauri64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 472
Iscritto il: gio nov 15, 2018 5:27 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da mauri64 » sab ott 17, 2020 6:41 pm

lino ha scritto:
sab ott 17, 2020 6:24 pm
Certo che siete proprio "anziani" ,parlate di periodi giiurassici ..😁
Forse Iosonoqui si rivolgeva ad un fatto ben specifico, tipo quel servizio delle iene.
Oppure parlava in generale, comunque concordo in toto.

Mauri64, ho avuto stessi itinerari.....che incubi!!!!
Caro lino, sapevo che saresti intervenuto nel merito. E' sempre un piacere leggere i Tuoi post.
Si hai proprio ragione, quanti sacrifici e soprattutto privazioni abbiamo subito.
Un caro saluto e un buon fine settimana

Gianbattista11
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 46
Iscritto il: lun set 07, 2020 6:54 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da Gianbattista11 » sab ott 17, 2020 8:52 pm

non ho capito se si stava peggio prima o adesso... leggendovi :D

a me degli spifferi sinceramente anche cabrio basta la pecunia...

si sta meglio adesso o prima ? ci vuole tanto a capire che se si sta bene economicamente certe trasmissioni tv non farebbero reportage quasi da non crederci.. prima prendo e poi riporto..

Vedete dal 2010 al 2015 io aspettavo il rinnovo contrattuale..assegno funzionale etc etc etc etc l'anno fatto partire dal 2016..

C'è un lato positivo andando in pensione.. che posso mandare a F... chi mi pare senza se e senza ma...

qualche soddisfazione me la sono già presa...

Buona serata

Gianbattista11
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 46
Iscritto il: lun set 07, 2020 6:54 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da Gianbattista11 » sab ott 17, 2020 10:13 pm

penso che nessuno possa negare che Si stava meglio prima... i contratti venivano rispettati-- le pensioni erano più alte e purtroppo ad oggi andrà sempre peggio..

1350 euro con 36 anni servizio , è una vergogna...

se passa la manovra def 2021 percepisco più di bonus che di pensione.. andiamo a bonus...

quindi siamo al declino-

Bollette che per pagarle ci vuole la finanziaria... trovi un portafoglio per terra con 10mila euro cosa fai?

Gianbattista11
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 46
Iscritto il: lun set 07, 2020 6:54 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da Gianbattista11 » sab ott 17, 2020 10:25 pm

trovi un portafoglio per terra con 10mila euro cosa fai?
lo porto all' ufficio oggetti smarriti...

elciad1963
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 384
Iscritto il: lun apr 25, 2016 10:34 am

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da elciad1963 » sab ott 17, 2020 11:41 pm

se trovi un portafoglio con 10 mila euro, sicuramente c'è un'errore. O sono falsi o è una tangente o pizzo, quindi è meglio passare diritto!!
Certo che si stava meglio prima!!!Pochi soldi, moltissimi sacrifici (ero in barbagia negli anni 80) ma c'era rispetto e considerazione e il popolo ci amava per quello che eravamo e rappresentavamo. Oggi ci aggrediscono, nessuno ci rispetta e principalmente si sono dissolti i valori e sentimenti più puri in cui credere.

Gianbattista11
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 46
Iscritto il: lun set 07, 2020 6:54 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da Gianbattista11 » dom ott 18, 2020 12:08 am

può capitare di trovarlo, io mi riferisco da pensionato e non in servizio o fuori dal servizio, un pensierino ce lo farei.. chi lo restituisce e chi se lo tiene.. 50 e 50 da valutare...siamo alle strette..

Per quanto riguarda il mio F... e soddisfazioni che mi prendo.. se prima ti stava sulle p... qualcuno non si poteva di certo dirglielo..... adesso gli mollo 3 cani... è una bella soddisfazione... :cry: se devi mandare a F .. l'amminsitratore etc etc non ci penso piu 2 volte...oppure punto enel.. etc etc etc etc etc per finire al recupero crediti...

Hai perfettamente ragione, prima c'era il rispetto per le divise, nel civile considerato che sono un civile, bisogna adeguarsi e farsi rispettare almeno che non ti chiudi a casa.... c'è da dire che negli ultimi anni sta aumentando la delinquenza anche quella minorile , come esempio l'ultima aggressione di tre carabinieri al pronto soccorso colpiti da un gruppo di ubriachi minori.

Si dorme buona notte....

Gianbattista11
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 46
Iscritto il: lun set 07, 2020 6:54 pm

Re: UN INESORABILE DECLINO

Messaggio da Gianbattista11 » dom ott 18, 2020 1:21 am

ritornando sul discorso economico, si stava meglio prima del 2002 con la lira , gli stipendi e il potere di acquisto erano piu' alti rispetto ad oggi. si parlava di 400 mila lire come primo stipendio ,

una pizza costava 3 mila lire...

adesso costa 7 euro e sarebbero 14 mila lire ...


per approfondire posto un link...
https://www.borsainside.com/macroeconom ... -ha-perso/

Rispondi