Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Forum dedicato agli operatori del comparto Sicurezza e Difesa in transito (o già transitati) all'impiego civile.
Feed - IMPIEGO CIVILE

Avatar utente
spartagus57
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 59
Iscritto il: sab mag 13, 2017 8:14 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da spartagus57 » sab dic 23, 2017 2:43 pm

Adesso avanti con i ricorsi presso la corte dei conti hanno finito di fare gli inteligenti il ministero della difesa



enryely
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 61
Iscritto il: sab ago 04, 2012 1:47 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da enryely » sab dic 23, 2017 6:45 pm

non credo serva ancora fare ricorso alla Corte dei Conti, dovrebbe essere direttamente liquidata dall'Inps perchè le istanze vanno fatte direttamente a loro.

Per naturopata:

E' possibile conoscere la fonte web da cui ha tratto la sentenza della Corte dei Conti?
Perchè ha omesso nella sentenza il "NON" sulla questione della cumulabilità della pensione privilegiata con gli stipendi e quindi ha tratto in inganno le persone che l'hanno letta in quanto ha dato un risultato opposto a quello che effettivamente è stato deciso dai giudici. Grazie.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1445
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da naturopata » dom dic 24, 2017 11:06 am

enryely ha scritto:non credo serva ancora fare ricorso alla Corte dei Conti, dovrebbe essere direttamente liquidata dall'Inps perchè le istanze vanno fatte direttamente a loro.

Per naturopata:

E' possibile conoscere la fonte web da cui ha tratto la sentenza della Corte dei Conti?
Perchè ha omesso nella sentenza il "NON" sulla questione della cumulabilità della pensione privilegiata con gli stipendi e quindi ha tratto in inganno le persone che l'hanno letta in quanto ha dato un risultato opposto a quello che effettivamente è stato deciso dai giudici. Grazie.
Semplicemente dalla Banca Dati della Corte dei Conti. Hanno sbagliato nella redazione finale del dispositivo. Poi, sicuramente si sarà sparsa la voce e hanno corretto. Anche lo stesso studio Guerra ha atteso di pubblicare con i suoi soliti titoli trionfalistici l'esito della sentenza che magari avranno inviato anche a loro errata e poi, successivamente, corretta.

enryely
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 61
Iscritto il: sab ago 04, 2012 1:47 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da enryely » dom dic 24, 2017 2:18 pm

Ci hanno provato o hanno fatto uno scherzetto? Speriamo che questa sentenza sia quella definitiva!

Vabbè comunque sia, Santo Natale!

trasmarterzo
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 393
Iscritto il: sab ago 19, 2017 5:52 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da trasmarterzo » ven feb 02, 2018 8:39 pm

naturopata ha scritto:
enryely ha scritto:non credo serva ancora fare ricorso alla Corte dei Conti, dovrebbe essere direttamente liquidata dall'Inps perchè le istanze vanno fatte direttamente a loro.

Per naturopata:

E' possibile conoscere la fonte web da cui ha tratto la sentenza della Corte dei Conti?
Perchè ha omesso nella sentenza il "NON" sulla questione della cumulabilità della pensione privilegiata con gli stipendi e quindi ha tratto in inganno le persone che l'hanno letta in quanto ha dato un risultato opposto a quello che effettivamente è stato deciso dai giudici. Grazie.
Semplicemente dalla Banca Dati della Corte dei Conti. Hanno sbagliato nella redazione finale del dispositivo. Poi, sicuramente si sarà sparsa la voce e hanno corretto. Anche lo stesso studio Guerra ha atteso di pubblicare con i suoi soliti titoli trionfalistici l'esito della sentenza che magari avranno inviato anche a loro errata e poi, successivamente, corretta.
Colleghi, sicuramenre sarò duro di comprendonio, ma i giochetti di parole non piacciono a nessuno, se si svegliassero i poeti di una volta che quanto meno parlavano e scrivevano un italiano antico (pseudo...) chissà se capirebbero anche loro...
Insomma,
1- il cumulo tra stipendio e p.p. c'è o non c'è?
2- per p.p bisogna intendere sia qiella ordinaria (10%) che quella tabellare?
3- se il cumulo c'è, mica vale solo per i militari transitati (cc, gdf, militari in genere), varà anche per le forze di polizia a ordinamento civile?
Saluti.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1445
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da naturopata » sab feb 03, 2018 11:24 am

trasmarterzo ha scritto:
naturopata ha scritto:
enryely ha scritto:non credo serva ancora fare ricorso alla Corte dei Conti, dovrebbe essere direttamente liquidata dall'Inps perchè le istanze vanno fatte direttamente a loro.

Per naturopata:

E' possibile conoscere la fonte web da cui ha tratto la sentenza della Corte dei Conti?
Perchè ha omesso nella sentenza il "NON" sulla questione della cumulabilità della pensione privilegiata con gli stipendi e quindi ha tratto in inganno le persone che l'hanno letta in quanto ha dato un risultato opposto a quello che effettivamente è stato deciso dai giudici. Grazie.
Semplicemente dalla Banca Dati della Corte dei Conti. Hanno sbagliato nella redazione finale del dispositivo. Poi, sicuramente si sarà sparsa la voce e hanno corretto. Anche lo stesso studio Guerra ha atteso di pubblicare con i suoi soliti titoli trionfalistici l'esito della sentenza che magari avranno inviato anche a loro errata e poi, successivamente, corretta.
Colleghi, sicuramenre sarò duro di comprendonio, ma i giochetti di parole non piacciono a nessuno, se si svegliassero i poeti di una volta che quanto meno parlavano e scrivevano un italiano antico (pseudo...) chissà se capirebbero anche loro...
Insomma,
1- il cumulo tra stipendio e p.p. c'è o non c'è?
2- per p.p bisogna intendere sia qiella ordinaria (10%) che quella tabellare?
3- se il cumulo c'è, mica vale solo per i militari transitati (cc, gdf, militari in genere), varà anche per le forze di polizia a ordinamento civile?
Saluti.
Caro collega, ci sarà pur un motivo per cui l'Avv. Vitelli non si esprime. In base a quello che chiedi:

1) non è impedito laddove si dimostri la non derivazione del precedente lavoro con il nuovo (praticamente quello che è sempre esistito e quindi non si è chiarito un bel nulla);
2)si, lo prevede chiaramente la legge;
3)si.

Purtroppo bisogna aspettare o i primi casi di colleghi o i nuovi ricorsi presentati e l'interpretazione dei giudici, anche se per chi deve decidere ora è un bel casino.

trasmarterzo
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 393
Iscritto il: sab ago 19, 2017 5:52 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da trasmarterzo » sab feb 03, 2018 1:07 pm

Colleghi, sicuramenre sarò duro di comprendonio, ma i giochetti di parole non piacciono a nessuno, se si svegliassero i poeti di una volta che quanto meno parlavano e scrivevano un italiano antico (pseudo...) chissà se capirebbero anche loro...
Insomma,
1- il cumulo tra stipendio e p.p. c'è o non c'è?
2- per p.p bisogna intendere sia qiella ordinaria (10%) che quella tabellare?
3- se il cumulo c'è, mica vale solo per i militari transitati (cc, gdf, militari in genere), varà anche per le forze di polizia a ordinamento civile?
Saluti.[/quote]
Caro collega, ci sarà pur un motivo per cui l'Avv. Vitelli non si esprime. In base a quello che chiedi:

1) non è impedito laddove si dimostri la non derivazione del precedente lavoro con il nuovo (praticamente quello che è sempre esistito e quindi non si è chiarito un bel nulla);
2)si, lo prevede chiaramente la legge;
3)si.

Purtroppo bisogna aspettare o i primi casi di colleghi o i nuovi ricorsi presentati e l'interpretazione dei giudici, anche se per chi deve decidere ora è un bel casino.[/quote]

Buongiorno collega ti ringrazio molto. Nel caso della p.p. tabellare sarebbe pero' un importo rilevante ai fin del cumulo con lo stipendio civile (adeguato all ultimo stipendio prima del transito..), quindi chissà (visto il periodo di magra...)!
Mi chiedo poi come si possa pensare (i grandi giuristi..) che un CC ecc.. (militare) o PS ecc.. (civile) possano essere considerati diversamente se comunque nel ruolo civile vengono spogliati dell' arma e quindi anche della specificità del comparto sicurezza, mah..
Buona giornata.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1445
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da naturopata » sab feb 03, 2018 5:05 pm

Buongiorno collega ti ringrazio molto. Nel caso della p.p. tabellare sarebbe pero' un importo rilevante ai fin del cumulo con lo stipendio civile (adeguato all ultimo stipendio prima del transito..), quindi chissà (visto il periodo di magra...)!
Mi chiedo poi come si possa pensare (i grandi giuristi..) che un CC ecc.. (militare) o PS ecc.. (civile) possano essere considerati diversamente se comunque nel ruolo civile vengono spogliati dell' arma e quindi anche della specificità del comparto sicurezza, mah..
Buona giornata.[/quote]

L'avv. Vitelli, ha risposto e come avrai potuto rilevare è stato molto vago, quello che sembrava un trionfo, potrebbe essere la solita vittoria di pirro.

Quello dell'importo della P.P.O. che sia tabellare o che sia quello degli anni maturati +10%, sono entrambi importi elevati e questo credo sia sfuggito, anche perché non puoi applicare il 10% allo stipendio da civile, in quanto trattasi di pensione e non stipendio e quindi la privilegiata va sulla pensione.

trasmarterzo
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 393
Iscritto il: sab ago 19, 2017 5:52 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da trasmarterzo » dom feb 04, 2018 12:41 pm

L'avv. Vitelli, ha risposto e come avrai potuto rilevare è stato molto vago, quello che sembrava un trionfo, potrebbe essere la solita vittoria di pirro.

Quello dell'importo della P.P.O. che sia tabellare o che sia quello degli anni maturati +10%, sono entrambi importi elevati e questo credo sia sfuggito, anche perché non puoi applicare il 10% allo stipendio da civile, in quanto trattasi di pensione e non stipendio e quindi la privilegiata va sulla pensione.[/quote]

Buongiorno a tutti ed al collega Naturopata, buona Domenica, in merito al transito un mio collega carissimo PS per patologie cause di servizio è stato riformato con la 3A (aggravamento) ma di anni di servizio ne ha 21 + 2 militare (ex ferma biennale L2), non so ora se ne ha riscattato ai fini del tfs. Bene, dovendo decidere per il transito e seguendo questo forum gli ho consigliato di non transitare o almeno di rinunciare SUCCESSIVAMENTE la firma per maturare un altro anno di stipendio, tanto gli spetta la P.P.TABELLARE e non la P.P.ORDINARIA. Ovvio che è un mio pensiero ma non voglio assolutamente consigliargli qualcosa per cui io stesso potrei poi avere rimorso.
Ecco perchè dicevo che se dovesse transitare e ci dovrebbe essere il cumulo tra stipendio e p.p.t. si raggiungerebbero cifre di tutto rispetto che non credo in questi momenti di magra acconsentirebbero.
Mio pensiero che poco conta, ma ho capito che ancora NULLA E' STATO DECISO anzi tutto come prima nonostante IL CUMULO NON E' IMPEDITO.
Saluti.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1445
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da naturopata » dom feb 04, 2018 2:21 pm

trasmarterzo ha scritto:L'avv. Vitelli, ha risposto e come avrai potuto rilevare è stato molto vago, quello che sembrava un trionfo, potrebbe essere la solita vittoria di pirro.

Quello dell'importo della P.P.O. che sia tabellare o che sia quello degli anni maturati +10%, sono entrambi importi elevati e questo credo sia sfuggito, anche perché non puoi applicare il 10% allo stipendio da civile, in quanto trattasi di pensione e non stipendio e quindi la privilegiata va sulla pensione.
Buongiorno a tutti ed al collega Naturopata, buona Domenica, in merito al transito un mio collega carissimo PS per patologie cause di servizio è stato riformato con la 3A (aggravamento) ma di anni di servizio ne ha 21 + 2 militare (ex ferma biennale L2), non so ora se ne ha riscattato ai fini del tfs. Bene, dovendo decidere per il transito e seguendo questo forum gli ho consigliato di non transitare o almeno di rinunciare SUCCESSIVAMENTE la firma per maturare un altro anno di stipendio, tanto gli spetta la P.P.TABELLARE e non la P.P.ORDINARIA. Ovvio che è un mio pensiero ma non voglio assolutamente consigliargli qualcosa per cui io stesso potrei poi avere rimorso.
Ecco perchè dicevo che se dovesse transitare e ci dovrebbe essere il cumulo tra stipendio e p.p.t. si raggiungerebbero cifre di tutto rispetto che non credo in questi momenti di magra acconsentirebbero.
Mio pensiero che poco conta, ma ho capito che ancora NULLA E' STATO DECISO anzi tutto come prima nonostante IL CUMULO NON E' IMPEDITO.
Saluti.[/quote]

Anche a mio modesto parere, con una 3^ CTG io scapperei subito (rinunciando quando chiamato per la firma) e prenderei da subito una signor pensione per i tempi che corrono.

trasmarterzo
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 393
Iscritto il: sab ago 19, 2017 5:52 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da trasmarterzo » dom feb 04, 2018 3:14 pm

Anche a mio modesto parere, con una 3^ CTG io scapperei subito (rinunciando quando chiamato per la firma) e prenderei da subito una signor pensione per i tempi che corrono.[/quote]

Beh collega che dirti se non che la pensi come me allo stato attuale che tutto è confuso.

trasmarterzo
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 393
Iscritto il: sab ago 19, 2017 5:52 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da trasmarterzo » gio feb 22, 2018 10:46 pm

naturopata ha scritto:
trasmarterzo ha scritto:L'avv. Vitelli, ha risposto e come avrai potuto rilevare è stato molto vago, quello che sembrava un trionfo, potrebbe essere la solita vittoria di pirro.

Quello dell'importo della P.P.O. che sia tabellare o che sia quello degli anni maturati +10%, sono entrambi importi elevati e questo credo sia sfuggito, anche perché non puoi applicare il 10% allo stipendio da civile, in quanto trattasi di pensione e non stipendio e quindi la privilegiata va sulla pensione.
Buongiorno a tutti ed al collega Naturopata, buona Domenica, in merito al transito un mio collega carissimo PS per patologie cause di servizio è stato riformato con la 3A (aggravamento) ma di anni di servizio ne ha 21 + 2 militare (ex ferma biennale L2), non so ora se ne ha riscattato ai fini del tfs. Bene, dovendo decidere per il transito e seguendo questo forum gli ho consigliato di non transitare o almeno di rinunciare SUCCESSIVAMENTE la firma per maturare un altro anno di stipendio, tanto gli spetta la P.P.TABELLARE e non la P.P.ORDINARIA. Ovvio che è un mio pensiero ma non voglio assolutamente consigliargli qualcosa per cui io stesso potrei poi avere rimorso.
Ecco perchè dicevo che se dovesse transitare e ci dovrebbe essere il cumulo tra stipendio e p.p.t. si raggiungerebbero cifre di tutto rispetto che non credo in questi momenti di magra acconsentirebbero.
Mio pensiero che poco conta, ma ho capito che ancora NULLA E' STATO DECISO anzi tutto come prima nonostante IL CUMULO NON E' IMPEDITO.
Saluti.
Anche a mio modesto parere, con una 3^ CTG io scapperei subito (rinunciando quando chiamato per la firma) e prenderei da subito una signor pensione per i tempi che corrono.[/quote]

Buonasera colleghi, avete ricevuto pure Voi una email dello STUDIO ASSOCIATO G.... inerente il cumulo tra stipendio e p.p. e di cui abbiamo abbondantemente discusso in molti post e pure con il preg.to Avv Vitelli'?
Ove tutto sembra stato "risolto"?
Per Naturopata, il collega ha rinunciato al transitato....
Saluti.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1445
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da naturopata » ven feb 23, 2018 10:20 am

trasmarterzo ha scritto:
naturopata ha scritto:
trasmarterzo ha scritto:L'avv. Vitelli, ha risposto e come avrai potuto rilevare è stato molto vago, quello che sembrava un trionfo, potrebbe essere la solita vittoria di pirro.

Quello dell'importo della P.P.O. che sia tabellare o che sia quello degli anni maturati +10%, sono entrambi importi elevati e questo credo sia sfuggito, anche perché non puoi applicare il 10% allo stipendio da civile, in quanto trattasi di pensione e non stipendio e quindi la privilegiata va sulla pensione.
Buongiorno a tutti ed al collega Naturopata, buona Domenica, in merito al transito un mio collega carissimo PS per patologie cause di servizio è stato riformato con la 3A (aggravamento) ma di anni di servizio ne ha 21 + 2 militare (ex ferma biennale L2), non so ora se ne ha riscattato ai fini del tfs. Bene, dovendo decidere per il transito e seguendo questo forum gli ho consigliato di non transitare o almeno di rinunciare SUCCESSIVAMENTE la firma per maturare un altro anno di stipendio, tanto gli spetta la P.P.TABELLARE e non la P.P.ORDINARIA. Ovvio che è un mio pensiero ma non voglio assolutamente consigliargli qualcosa per cui io stesso potrei poi avere rimorso.
Ecco perchè dicevo che se dovesse transitare e ci dovrebbe essere il cumulo tra stipendio e p.p.t. si raggiungerebbero cifre di tutto rispetto che non credo in questi momenti di magra acconsentirebbero.
Mio pensiero che poco conta, ma ho capito che ancora NULLA E' STATO DECISO anzi tutto come prima nonostante IL CUMULO NON E' IMPEDITO.
Saluti.
Anche a mio modesto parere, con una 3^ CTG io scapperei subito (rinunciando quando chiamato per la firma) e prenderei da subito una signor pensione per i tempi che corrono.
Buonasera colleghi, avete ricevuto pure Voi una email dello STUDIO ASSOCIATO G.... inerente il cumulo tra stipendio e p.p. e di cui abbiamo abbondantemente discusso in molti post e pure con il preg.to Avv Vitelli'?
Ove tutto sembra stato "risolto"?
Per Naturopata, il collega ha rinunciato al transitato....
Saluti.[/quote]

Bene per il collega (a mio modo di vedere), per la mail dello studio, io farei un'istanza di liquidazione del cumulo all'ex amm.ne e all'INPS competente e vediamo se è tutto risolto, anziché di proporre subito ricorso (cosa fattibile ma ad esclusivo vantaggio del solo legale, atteso che se tutto è risolto il suo intervento non dovrebbe esserci). In caso di risposta negativa e quindi nulla sarà risolto, attenderei qualche ricorso pilota di qualche temerario e vedere come si comportano i GUP di I° grado e regolarsi, poi se uno non vuol perdere tempo agisce subito (cosa che io non farei perché di risolto c'è solo che si faranno tanti ricorsi a tutto vantaggio, per ora, del solo studio legale).

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1445
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da naturopata » sab mar 03, 2018 3:04 pm

Ecco la prima sentenza che cita la SS.RR. 42/2017 sul cumulo stipendio + p.p.o. e lo concede, tutta via la motivazione è alquanto preoccupante:

Questo Giudice, pertanto, aderendo al recente orientamento delle Sezioni Riunite (sent. 42/2017) ritiene di dover dare al combinato disposto delle norme in esame l’interpretazione più favorevole volta a d assicurare la completa equiparazione fra il militare, titolare di pensione di privilegio, che prosegue la propria carriera ed il militare, parimenti titolare di pensione di privilegio, ma, a causa delle menomazioni sofferte, non più idoneo al servizio militare e, pertanto, transitato nei ruoli civili con capacità lavorativa residua


Una domanda nasce spontanea, il militare titolare di pensione privilegiata prosegue la propria carriera militare? Ma se è in pensione come fa?

REPUBBLICA ITALIANA


IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA

IL GIUDICE UNICO DELLE PENSIONI

Dott.ssa Maria Rita Micci

Ha pronunciato la seguente

SENTENZA n. 143/2018

nel giudizio di pensione, iscritto al n. 64003 del registro di segreteria, promosso ad istanza di : D. P. O. nato OMISSIS, rappresentato e difeso dall’avv. Andrea Bava del Foro di Genova e dall’avv. Francesco Saladino del Foro di Palermo ed elettivamente domiciliato presso lo studio di quest’ultimo sito in Palermo Via Salvatore Lo Forte n. 13

Nei confronti di : INPS

VISTI: D.Lgs. 174/2016

VISTI il ricorso e gli altri atti e documenti di causa;

UDITI, nella pubblica udienza del 15 febbraio 2018 l’avv. Scrimenti per il ricorrente e l’avv. Raia per l’INPS

FATTO

Il ricorrente ha prestato servizio quale militare dell’Esercito Italiano, 6^ Rgt. Bersaglieri. Lo stesso ha prestato servizio in Afghanistan, presso il Role 1 in Herat, là dove, in data 27 maggio 2013, rimaneva coinvolto in un attentato terroristico consistito nella esplosione di un’autobomba la passaggio del convoglio delle forse italiane.

Il ricorrente riportava lesione e veniva, quindi, ricoverato dapprima nella base italiana estera e poi in patria.

All’esito della convalescenza lo stesso riportava: “- ipoacusia neurosensoriale limitato alle alte frequenze a sx, - disturbo post traumatico con sindrome ansioso depressiva reattiva in trattamento psicofarmacologico, - esiti di distacco, verosimilmente traumatico, della quarta cartilagine costale di sinistra all’articolazione con il corpo dello sterno, ETG evidenziati”.

Tutto ciò rendeva il ricorrente inidoneo al servizio militare; lo stesso veniva, con verbale del 14 dicembre 2015, ritenuto idoneo al transito nei ruoli civili,

Veniva, quindi, assunto come dipendente civile.

Stante il riconoscimento della sussistenza di una patologia ascrivibile a tabella A e riconosciuta dipendente da causa di servizio, il ricorrente presentava istanza per il riconoscimento del diritto a pensione privilegiata.

L’INPS di Trapani riteneva tale domanda irricevibile con nota del 28 ottobre 2016 in quanto al momento della presentazione il ricorrente non era ancora titolare di partita pensionistica in quanto ancora in servizio.

L’odierno ricorrente proponeva, quindi, domanda giudiziale volta al riconoscimento del diritto a pensione privilegiata, ritenendo sussistente una intrinseca diversità tra il rapporto di impiego militare precedentemente intrattenuto e quello civile successivamente assunto per inidoneità al precedente impiego militare e, pertanto, a detta del ricorrente, la fattispecie in esame troverebbe la propria disciplina nelle previsioni di cui all’art. 139 e non già dell’art. 133 del DPR 1092/1973.

Con memoria depositata il 12 gennaio 2018, l’INPS chiedeva il rigetto del ricorso, non possedendo il ricorrente i requisiti di legge.

Il Giudice rinviava, quindi, l’udienza al giorno 15 febbraio 2018, stante la tardiva costituzione dell’INPS.

La difesa del ricorrente con memoria del 30 gennaio 2018 insisteva per l’accoglimento del ricorso.

L’INPS con memoria del 6 febbraio 2018 ribadiva la legittimità del suo operato e, in subordine, chiedeva rinviarsi la trattazione del giudizio in attesa della decisione delle Sezioni Riunite di questa Corte sulla questione.

Il decidente al termine della camera di consiglio, costatata l’assenza delle parti, depositava - ai sensi dell’art. 429, comma 1, c.p.c. come modificato dall’art. 53 del decreto legge n. 112/2008, convertito in legge n. 133/2008 nonché ai sensi del comma 1 dell’art. 167 del decreto legislativo 26 agosto 2016, n. 174 - in segreteria, per i seguiti di competenza, la presente sentenza.

Considerato in

DIRITTO

Il presente giudizio è finalizzato ad accertare la sussistenza del diritto alla percezione di pensione privilegiata per patologie riconducibili a causa di servizio da parte del ricorrente, già militare dell’Esercito Italiano, ora transitato nei ruoli civili dello Stato.

Il DPR 1092/1973 ammette, all’art. 130, in linea generale il cumulo fra pensioni normali dirette e/o assegni equivalenti con un trattamento di attività, prevedendo espressamente, agli articoli seguenti, dei divieti che ne fanno eccezione.

Il successivo articolo 133, infatti, prevede espressamente il divieto di cumulo tutte le volte in cui il rapporto successivamente intrattenuto costituisca una derivazione, continuazione o rinnovo di quello precedente che ha dato luogo a pensione, elencando, quindi, le diverse ipotesi in cui il divieto di che trattasi si trova ad operare.

Dalla lettura combinata dei due articoli, pertanto, si apprende come il divieto di cumulo si trovi ad operare ogni qual volta il servizio successivamente svolto derivi dal servizio da cui è scaturito il diritto a pensione.

L’art. 139, infine, prevede espressamente la possibilità di cumulare la pensione privilegiata o l’assegno rinnovabile con attività di servizio qualora quest’ultimo sia diverso da quello che ha dato origine a pensione.

Dopo diversi contrasti giurisprudenziali, sulla materia sono intervenute le Sezioni Riunite che, con sentenza n. 42/2017, hanno affermato che: “-la nozione di “diversità” destinata a definire la condizione per il cumulo del trattamento di attività (o di pensione) con la pensione di privilegio, pertanto, “non può coincidere con la mancanza di derivazione”, per la differente funzione assolta dai due elementi nel contesto delle rispettive previsioni (la “diversità” costituisce condizione per la maturazione del diritto al cumulo per l’art.139, mentre ogni ipotesi di “derivazione genetica” impedisce il cumulo agli effetti dell’art.133); ai fini dell’art.139 “il rapporto di natura diversa che non esclude il diritto al cumulo ...non può essere inteso come rapporto non derivato, altrimenti la norma con diversa previsione non avrebbe significato”, e “la diversità va individuata come specificazione nell’ambito derivato, essendo già fuori del divieto i rapporti non derivati”; - in tale specifica funzione, valevole ai fini della disciplina del cumulo del trattamento di attività e/o pensione con la pensione di privilegio avente titolo nel rapporto pregresso, l’elemento della diversità “deve essere individuato nella concreta disciplina del nuovo rapporto in termini oggettivi avuto riguardo alla natura della prestazione e allo status del dipendente, quand’anche immutati siano i soggetti del rapporto di servizio”.

Le Sezioni Riunite, pertanto, sono giunte a confermare l’orientamento già assunto con sentenza n. 21/QM/1998 in merito alla portata delle disposizioni citate e alla corretta definizione del concetto di “rapporto diverso” nell’ambito della più vasta estensione dei “rapporti derivati”.

Come correttamente affermato dalla Sezioni Riunite (sent. 42/2017), infatti, “Risulta evidente che all’art. 139 il legislatore ha inteso dettare, per la disciplina del cumulo tra pensione di privilegio relativa ad un servizio e trattamento di attività e/o pensione afferente ad altro successivo servizio, una regola del tutto diversa da quella imposta negli artt. 130 e 133 per la disciplina del cumulo di detti trattamenti con la pensione ordinaria. Tale disciplina è improntata ad un maggior favor per il soggetto che, a termini del vigente ordinamento, ha diritto alla pensione di privilegio, e la sua “ratio va individuata nella natura indennitaria o risarcitoria della pensione privilegiata”.

Ai fini del riconoscimento del diritto al cumulo, infatti, il legislatore ha dato rilevanza non già al concetto di “derivazione” tra i due rapporti, bensì al concetto di “diversità”, che, come correttamente osservato dalle Sezioni Riunite già con sent. QM 21/1998, deve essere vagliata, però, caso per caso, alla luce degli elementi concreti che caratterizzano il successivo servizio civile e lo status del dipendente, tenuto conto della disciplina delle singole fattispecie.

L’art. 133 lett. c), nel disporre il divieto di cumulo con il trattamento di attività in caso di “nomina all’impiego civile di sottufficiale o graduato in applicazione delle particolari disposizioni concernenti riserva di posti in favore di detti militari”, ha la funzione di definire una categoria di rapporti di servizio civile per i quali si configura il divieto di “cumulo” per le pensioni ordinarie relative a pregresso rapporto militare,

Questo Giudice, però, conformemente a quanto affermato dalle Sezioni Riunite con sentenza n. 42/2017, ritiene che il testo dell’art. 139, ult. co., prevede che la disciplina generale di cui ai primi due commi del medesimo articolo, ovvero la possibilità di cumulare pensione privilegiata ed attività di servizio, si applica “anche per i sottufficiali e i graduati che abbiano conseguito, con o senza soluzione di continuità, la nomina ad impiego civile di cui all’art. 133, lettera c)”. “Il tenore della norma evidenzia l’intenzione del legislatore di garantire anche alla categoria interessata (“i sottufficiali e i graduati che abbiano conseguito, con o senza soluzione di continuità, la nomina ad impiego civile di cui all’art. 133, lettera c”) lo stesso regime dettato indifferentemente per tutti i titolari di pensione di privilegio, non già per limitare tale diritto all’interno della categoria dei militari: l’art. 139, ult. co., deve correttamente leggersi nel senso che anche i militari transitati nel ruolo civile “in applicazione delle particolari disposizioni concernenti riserva di posti in favore di detti militari” sono ammessi al regime generale del cumulo di cui all’art. 139, primi due commi, indipendentemente dalla circostanza che tra il pregresso ed il nuovo servizio vi sia soluzione di continuità. All’inciso “con o senza soluzione di continuità”, che non è presente nella richiamata lett. c), deve essere dato infatti adeguato rilievo in seno all’art. 139, ult.co., che invece espressamente lo formula, ed esso mostra con evidenza che la ratio dell’art.139, ult.co., lungi dall’essere quella di escludere dal regime del cumulo di cui all’art. 139 determinate modalità di immissione del militare nei ruoli civili (quelle non ad esito di concorso), al contrario, è quella di chiarire che anche per i militari nominati a impiego civile per effetto di specifiche disposizioni di riserva di un posto a loro favore, come per gli altri, il diritto al cumulo della pensione di privilegio si configura in conformità alla regola generale di cui al primo comma – cioè laddove sussista il presupposto della diversità del servizio nel ruolo civile rispetto a quello pregresso nel ruolo militare -, e ciò sia nel caso che tra i due servizi si possa rinvenire una soluzione di continuità, sia nel caso opposto.”.

Il legislatore, pertanto, ha differenziato la disciplina del cumulo delle pensioni ordinarie da quella delle pensioni di privilegio, estendendo il diritto al cumulo di queste seconde ad un maggiore ambito di ipotesi, in ragione del favor che l’ordinamento riserva loro, e non in ragione di una particolare procedura di immissione nel successivo servizio civile.

Osservano le Sezioni Riunite, infatti, che : ”In tale sistema, una interpretazione “restrittiva” dell’art. 139, ult.co., per la quale nella disciplina delle pensioni di privilegio il diritto al cumulo sarebbe consentito agli “ex ufficiali o graduati” solo se immessi nel ruolo civile ad esito di concorso, si pone quale elemento di forte attrito con i due principi di carattere generale espressi dagli art. 133 e 139, e privo di una sua giustificabile ratio”.

Questo Giudice, pertanto, aderendo al recente orientamento delle Sezioni Riunite (sent. 42/2017) ritiene di dover dare al combinato disposto delle norme in esame l’interpretazione più favorevole volta a d assicurare la completa equiparazione fra il militare, titolare di pensione di privilegio, che prosegue la propria carriera ed il militare, parimenti titolare di pensione di privilegio, ma, a causa delle menomazioni sofferte, non più idoneo al servizio militare e, pertanto, transitato nei ruoli civili con capacità lavorativa residua.

Alla luce di quanto si qui esposto, deve essere riconosciuto al ricorrente, per le patologie “- ipoacusia neurosensoriale limitato alle alte frequenze a sx, - disturbo post traumatico con sindrome ansioso depressiva reattiva in trattamento psicofarmacologico, - esiti di distacco, verosimilmente traumatico, della quarta cartilagine costale di sinistra all’articolazione con il corpo dello sterno, ETG evidenziati”, ritenute riconducibili a causa di servizio, il diritto a pensione privilegiata di 8^ categoria Tabella A, così come riconosciuto con verbale del 14 dicembre 2015, a decorrere dalla suddetta data medesima.

L’Amministrazione convenuta, quindi, deve essere condannata alla liquidazione in favore del ricorrente del trattamento pensionistico di che trattasi così come riconosciuto dalla presente decisione, maggiorata degli interessi legali e della rivalutazione monetaria, a termini dell'art. 429, comma 3, c.p.c. con applicazione della regola dell'assorbimento secondo cui l'importo dovuto a titolo di interessi va comunque portato in detrazione dalle somme eventualmente spettanti a ripiano del maggior danno da svalutazione; quest'ultima calcolata alla stregua degli indici ISTAT ex art. 150 disp. att.c.p.c. rilevati anno per anno da applicare all' importo delle somme da rimborsare con riferimento alle singole scadenze dei ratei.

Per ciò che attiene alle spese giudiziali di cui all’art. 91 cpc, tenuto conto della complessità della questione trattata, di cui è sintomo la circostanza che è stato necessario l’intervento delle Sezioni Riunite di questa Corte, appare equo disporne l’integrale compensazione tra le parti.

PQM La Corte dei Conti - Sezione giurisdizionale per la Regione Siciliana - in composizione monocratica, in funzione di Giudice Unico delle Pensioni, definitivamente pronunciando, accoglie il presente ricorso n. 64003 presentato da O. D. P. e, per l’effetto, riconosce il diritto del ricorrente al trattamento pensionistico privilegiato di 8^ (ottava) Ctg. Tab. A, dalla data dell’accertamento (14 dicembre 2015). Condanna l’Amministrazione convenuta al pagamento del trattamento pensionistico riconosciuto spettante in forza della presente decisione, maggiorata degli interessi legali e della rivalutazione monetaria, nei termini dell'art. 429, comma 3, c.p.c. con applicazione della regola dell'assorbimento secondo cui l'importo dovuto a titolo di interessi va comunque portato in detrazione dalle somme eventualmente spettanti a ripiano del maggior danno da svalutazione; quest'ultima va calcolata alla stregua degli indici ISTAT ex art. 150 disp. att. c.p.c. rilevati anno per anno da applicare all' importo delle somme da rimborsare con riferimento alle singole scadenze dei ratei.

Spese compensate.

Così deciso in Palermo il 15 febbraio 2018

Il Giudice

F.to Dott.ssa Maria Rita Micci



Depositata in Segreteria nei modi di legge

Palermo, 15 febbraio 2018

Pubblicata il 27 febbraio 2018

Il Funzionario di Cancelleria

F.to Piera Maria Tiziana Ficalora

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1445
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Transito ruolo civile/ pensione privilegiata

Messaggio da naturopata » lun mar 26, 2018 6:26 pm

Importante Sentenza della Corte laziale:


Sent 123/2018 Repubblica italiana

in nome del popolo italiano

la Corte dei conti

Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio

nella persona del giudice monocratico Eugenio Musumeci ha pronunciato la seguente



sentenza

per il giudizio pensionistico iscritto nel registro di segreteria con il n° 74566;



proposto da

P. R., nato a Omissis (Omissis) il Omissis e residente a Omissis in Omissis n° 526, codice fiscale Omissis, rappresentato e difeso dall’avv. Alessia Di Carlo (del foro di Omissis), nonché elettivamente domiciliato a Roma in via Cesare Pascarella n° 34 presso lo studio del difensore stesso;

contro

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS), in persona del presidente pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Manuela Massa, Emanuela Capannolo, Clementina Pulli e Nicola Valente (tutti iscritti nell’elenco speciale annesso all’albo degli avvocati presso il tribunale di Roma), nonché elettivamente domiciliato a Roma in via Cesare Beccaria n° 29 presso l’Avvocatura centrale dell’INPS stesso.

§§§

1. Con ricorso notificato all’INPS l’11 febbraio 2016, nonché depositato presso questa Sezione il 18 di quello stesso mese, R. P. ha lamentato che sulla pensione privilegiata, attribuitagli dal 16 dicembre 2013 allorché era transitato dalla Polizia di Stato ad altro impiego civile nel Ministero dell’Interno, non gli era mai stata erogata la tredicesima mensilità. E ne ha quindi domandato il pagamento.

2. Con comparsa depositata il 16 novembre 2017 si è costituito l’INPS, limitandosi ad affermare che “… in esecuzione della circolare n° 195/2016 … gli uffici competenti provvederanno ad erogare la tredicesima mensilità sul suddetto trattamento, nei limiti della prescrizione quinquennale”; nonché eccependo, nelle conclusioni, il proprio difetto di legittimazione passiva.

3. Con memoria depositata il 4 gennaio 2018 il P. ha insistito per l’accoglimento della propria pretesa, sottolineando come essa fosse rimasta insoddisfatta a dispetto della predetta circolare INPS.

All’udienza del 22 di quello stesso mese la causa è stata discussa tra le parti; e, all’esito della camera di consiglio immediatamente successiva, questo giudice ha dato lettura del dispositivo riportato in calce alla presente sentenza.

4. Si appalesano infondate entrambe le eccezioni sollevate dall’INPS.

Questi, in tema di legittimazione passiva, non si è neppure premurato di chiarire quale sia il diverso soggetto contro il quale, in ipotesi, dovesse venir proposta la domanda attorea. Comunque quest’ultima, evidentemente, attiene allo svolgimento del rapporto pensionistico: che, indubbiamente, è demandato all’ente previdenziale e non involge in alcun modo la P.A. da cui promana il provvedimento di pensione.

A detrimento della prescrizione del credito azionato è sufficiente osservare, invece, che quest’ultimo risale a meno di un quinquennio or sono.

5. Sul piano sostanziale l’INPS ha riconosciuto la fondatezza della domanda attorea: peraltro ovviamente, visto che in corso di causa esso ha emanato la già menzionata circolare n° 195 del 10 novembre 2016.

Perciò in favore del P. è dovuta la tredicesima mensilità, proporzionatamente alla ridottissima frazione dell’anno 2013 dal 16 dicembre in poi, nonché in misura intera per le annualità successive. Alla sorte capitale vanno inoltre addizionati gli interessi legali (o, se eccedente rispetto a questi ultimi, la rivalutazione monetaria) dalla data di maturazione di ciascuna di quelle mensilità aggiuntive sino al dì dell’effettivo soddisfo.

6. Infine la soccombenza dell’INPS trae con sé la condanna di quest’ultimo al pagamento delle spese di lite. Le quali, visto che la pensione mensile del P. si aggira sui 3.000 euro (all. 6 al ricorso) e che identico è quindi l’ammontare di ciascuna delle quattro mensilità aggiuntive da lui rivendicate, possono quantificarsi in misura di 1.000 euro, oltre al rimborso del 15% per spese generali, al contributo previdenziale forense e all’IVA.

p.q.m.

la Corte dei conti, Sezione giurisdizionale regionale per il Lazio, definitivamente pronunciando in relazione al giudizio n° 74566:

1) dichiara il diritto di R. P. alla tredicesima mensilità sulla pensione privilegiata, a far data dal 16 dicembre 2013;

2) condanna l’INPS al pagamento dei maggiori ratei pensionistici maturati da quella data in poi, con l’aggiunta degli interessi legali (o, se eccedente rispetto a questi ultimi, della rivalutazione monetaria);

3) condanna l’INPS al pagamento delle spese di lite in favore del P., liquidate in euro 1.000 (mille), oltre al rimborso del 15% per spese generali, al contributo previdenziale forense e all’IVA.

Così deciso a Roma nella camera di consiglio del 22 gennaio 2018.

il giudice

(f.to Eugenio Musumeci)

Pubblicata mediante deposito in Segreteria il 15/03/2018

P. Il Dirigente

f.to Dott. Alessandro VINICOLA

Rispondi