Pagina 1 di 1

testimonianze

Inviato: mar nov 06, 2007 7:57 pm
da gaetano
Egregi Colleghi

concedetemi un minuto del Vostro tempo, leggete questa testimonianza, che, non sembra essere un caso isolato. Io cerco di pubblicare il mio vissuto, perché altri non si trovino nella mia stessa situazione.



Sono il Maresciallo Capo dei Carabinieri in "quiescenza" Gaetano Campisi, di cinquantaquattro anni, trenta dei quali trascorsi nella Gloriosa Arma dei Carabinieri. Mi sono arruolato all'età di diciassette anni e mezzo ed ho svolto servizio nei più svariati reparti di prima linea, come l'antidroga di Roma, Napoli e Milano, e reparti operativi sparsi per l'Italia; ho partecipato alle indagini della bomba a piazza della Loggia a Brescia, ho prestato servizio nell'antimafia di Palermo ed ho fatto anche la scorta ad un magistrato. Tanti anni di servizio spesi con onestà, abnegazione e sacrificio, sino al giorno in cui mi ha colpito una grave malattia dell'intestino (il morbo di Crohn), che mi ha poi costretto a lasciare l'attività operativa per quella burocratica.



Nel 1991 è iniziato un contenzioso con la mia amministrazione, per un banale "caso d’ufficio".

Tutto ebbe inizio quando (avevo la qualifica di terminalista c/o il Nucleo Rilevazione Dati del Comando Legione Carabinieri di Firenze), per motivi logistici si è dovuto ampliare (anno 1986/87) la struttura informatica, con conseguente trasferimento del preesistente ufficio in altri locali. Essendo l’unico Sottufficiale, specializzato, addetto all’Ufficio e, quindi, responsabile funzionale del Nucleo, ritenendo che i nuovi locali erano carenti sia sotto il profilo delle norme di sicurezza che igienico-sanitarie, informai i Superiori diretti, sia verbalmente che con richieste, proponendo, delle possibili soluzioni logistiche alternative.

A seguito di tale iniziativa fui allontanato dall’incarico previo trasferimento da un comando superiore, Comando Legione Carabinieri Firenze – Nucleo Rilevazione Dati in cui ero l’unico sottufficiale specializzato come “terminalistaâ€

Re: testimonianze

Inviato: gio ott 29, 2009 3:14 pm
da sebona
Ciao Collega,
si purtroppo oggi è ancora cosi....rompi e loro ti trasferiscono.....parli e ti allontanano....poi parlano di eliminare il nonnismo o di far rispettare le leggi.....Loro non sono al servizio dello stato, ma oggi è lo stato al servizio Loro.
Ciao Sebastiano