Sulla separazionne

Avvocato Civilista
Feed - L'Avv. Giovanni Carta risponde

Moderatore: Avv. Giovanni Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte all'Avv. Giovanni Carta verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con l'avvocato ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.
Rispondi
Mogol
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 6
Iscritto il: mar lug 04, 2017 1:02 pm

Sulla separazionne

Messaggio da Mogol » mer ott 10, 2018 10:56 pm

Buonasera, non so se questo è il forum giusto per poter chiedere un parere riguardo un caso di separazione. In poche parole, il caso è questo:
- marito e moglie sposati da 20 anni ma che da circa 15, vivono praticamente in città diverse per motivi legati al lavoro del marito;
- la moglie vive nella casa coniugale, però insieme alla figlia maggiorenne (separata e con un bambino di 4 anni, con un lavoro ed uno stipendio di circa 1.000 euro);
- la moglie lavora e guadagna circa 1.100 euro al mese;
- il marito guadagna circa 4.500 euro al mese franco spese (alloggio gratuito nella città dove lavora);
- la casa coniugale vale circa 200.000 euro con un mutuo residuo di circa 130.000 euro.
La moglie ha rinunciato alla carriera per 15 anni, curando i figli (l'altro figlio è indipendente e vive fuori casa da circa 5 anni), mentre il marito, dedicandosi al suo lavoro, ha potuto avanzare nella carriera ed arrivare a guadagnare quanto sopra, elargendo però alla moglie circa 1000 euro al mese per i suoi bisogni e per le necessità della gestione della casa.
Il marito però paga il mutuo, bollette, etc...
In sintesi, la moglie può chiedere un mantenimento al marito? Può avanzare una richiesta che sarebbe pari alla metà del valore della casa più un mantenimento di circa 500 euro?
Grazie per chiunque volesse rispondere a questa domanda...



Avatar utente
Avv. Giovanni Carta
Professionista
Professionista
Messaggi: 120
Iscritto il: gio giu 22, 2017 12:54 pm

Re: Sulla separazionne

Messaggio da Avv. Giovanni Carta » mer ott 17, 2018 9:05 pm

Buonasera.
L'entità dell'eventuale assegno di mantenimento in favore della moglie nel caso da Lei rappresentato dipenderà da tutti gli elementi da Lei indicati, che il singolo giudice designato per trattare il caso valuterà in maniera autonoma e personale. In tale contesto compirà una comparazione complessiva di molteplici fattori per stabilire l'importo dell'assegno, tra cui, in qualche misura, anche la (parziale) rinuncia alla carriera lavorativa. tuttavia, ripeto, ogni giudice avrà ampia discrezionalità nello stabilire la prevalenza dell'uno o dell'altro fattore nel singolo caso da decidere.
Quanto all'immobile, invece, il Giudice della separazione non è competente a decidere sulla relativa proprietà, che dipenderà dal fatto che lo stesso sia stato o meno acquistato in costanza di matrimonio in regime di comunione legale ovvero di separazione ovvero che sia pervenuto all'uno o all'altro coniuge al di fuori del matrimonio.
Il Giudice della separazione può eventualmente statuire sulla sua assegnazione temporanea in presenza di figli minori.
Cordiali saluti
GC

Mogol
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 6
Iscritto il: mar lug 04, 2017 1:02 pm

Re: Sulla separazionne

Messaggio da Mogol » ven ott 19, 2018 11:32 am

Avv. Giovanni Carta ha scritto:Buonasera.
L'entità dell'eventuale assegno di mantenimento in favore della moglie nel caso da Lei rappresentato dipenderà da tutti gli elementi da Lei indicati, che il singolo giudice designato per trattare il caso valuterà in maniera autonoma e personale. In tale contesto compirà una comparazione complessiva di molteplici fattori per stabilire l'importo dell'assegno, tra cui, in qualche misura, anche la (parziale) rinuncia alla carriera lavorativa. tuttavia, ripeto, ogni giudice avrà ampia discrezionalità nello stabilire la prevalenza dell'uno o dell'altro fattore nel singolo caso da decidere.
Quanto all'immobile, invece, il Giudice della separazione non è competente a decidere sulla relativa proprietà, che dipenderà dal fatto che lo stesso sia stato o meno acquistato in costanza di matrimonio in regime di comunione legale ovvero di separazione ovvero che sia pervenuto all'uno o all'altro coniuge al di fuori del matrimonio.
Il Giudice della separazione può eventualmente statuire sulla sua assegnazione temporanea in presenza di figli minori.
Cordiali saluti
GC
Grazie mille per la gentile risposta. Volevo solo precisare che l'immobile è stato acquistato dopo il matrimonio...quindi in comunione. Il dubbio sorgeva riguardo la liquidazione alla moglie della metà del valore dello stesso.

Avatar utente
Avv. Giovanni Carta
Professionista
Professionista
Messaggi: 120
Iscritto il: gio giu 22, 2017 12:54 pm

Re: Sulla separazionne

Messaggio da Avv. Giovanni Carta » gio ott 25, 2018 7:47 pm

Buonasera.
Come precisato in precedenza, in ogni caso il giudice della separazione non statuisce alcunché sul diritto di proprietà dell'immobile, anche se questo sia stato acquistato in regime di comunione legale durante il matrimonio.
Soltanto in caso di separazione consensuale, ove i coniugi si accordassero in tal senso, la questione potrebbe essere trattata.
Cordiali saluti

Mogol
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 6
Iscritto il: mar lug 04, 2017 1:02 pm

Re: Sulla separazionne

Messaggio da Mogol » mar ott 30, 2018 8:25 am

Grazie mille per la risposta.
Cordialità.

Rispondi