Stato ansioso e visita di idoneità

Feed - ESERCITO

SIMONERo
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 3
Iscritto il: lun lug 29, 2019 10:31 pm

Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da SIMONERo » lun lug 29, 2019 11:38 pm

Buonasera,
ho sofferto l'anno scorso dopo un periodo familiare stressante, di forti attacchi di ansia. Ho comunicato a lavoro questo periodo di stress, inoltre li ho informati di essere in cura con una psicoterapeuta , la quale mi ha prescritto degli psicofarmaci in dose molto leggere. Sottolineo che il mio lavoro mi è sempre piaciuto, ho avuto elogi e sono sempre stato gratificato dai miei superiori per il lavoro svolto. I miei problemi sono legati a tutt'altro. Dopo aver comunicato a lavoro di essere seguito da una psicoterapeuta ed ecc, sono stato messo in convalescenza. Dopo 4 mesi ho eseguito la prima visita per l'idoneità ma pur avendo avuto un parere positivo mi hanno rimandato di altri 4 mesi, faccio una seconda visita ma lo stesso mi hanno rimandato di altri 4 mesi. Dopo più di un anno, sto benissimo, eseguo pa terza visita, non mi fanno fare neanche il Minnesota test, perché li ho superati le volte precedenti, quindi mi sottopongono solo ad un colloquio con lo psicologo e poi lo psichiatra, porto certificati che attestano la mia guarigione, mi dicono che anche per loro posso tornare a lavoro, però poi si soffermano sul fatto che prendo ancora una dose ridottissima di psicofarmaco , che comunque la mia psicoterapeuta voleva togliermi. Ad oggi sono passati 14 mesi, ho voglia di tornare a lavoro, inoltre ho esigenza di tornare a lavoro anche dal punto di vista economico. Potreste aiutarmi con qualche informazione, non voglio assolutamente essere congedato, come potrei essere reintegrato?Ho portato anche vari certificati in cui sia la psicoterapeuta che lo psichiatra che mi hanno seguito , parlavano di un completo superamento dello stato ansioso ma comunque questi certificati pur fornendogli neanche li hanno letti. Io pur essendo un militare svolgo mansioni di ufficio, non ho nessuna arma in dotazione e non faccio servizi armati o di caserma. Visto che tra qualche mese non avrei diritto piu allo stipendio potreste consigliarmi sul da farsi per rientrare in servizio. Vi Ringrazio, anticipatamente.



Convenzionistituzioni.it
fettel
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 87
Iscritto il: mar mar 19, 2019 2:37 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da fettel » mar lug 30, 2019 9:53 am

Quando hai la prossima visita? E comunque, fatti fare due certificati sia dalla psicologa che dallo psichiatra, che attestano che sei completamente guarito e che i farmaci non li prendi più, e la cosa importante è che ti devi fare accompagnare da un medico legale che attesta il tuo superamento dello stato ansioso. In bocca al lupo.

SIMONERo
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 3
Iscritto il: lun lug 29, 2019 10:31 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da SIMONERo » mar lug 30, 2019 10:40 am

Buongiorno,
grazie. La prossima visita tra 90 giorni. Ripeto sono quasi 14 mesi che sono in convalescenza...I certificati li ho prodotti ma non li hanno guardati, gli interessava solo se ero ancora sotto farmaci.Potrei avere qualche nome e consiglio su un medico legale di Roma per farmi accompagnare alla prossima visita?

Hades
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 12
Iscritto il: mer set 12, 2018 8:27 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da Hades » mar lug 30, 2019 11:48 am

Come ti hanno già suggerito, devi produrre dei documenti che certificano la totale guarigione dalla patologia. Alla CMO se non vai con il medico legale, devi essere convincente e mostrarti sicuro di te. Diversamente, saranno diffidenti e tenderanno a concederti sempre convalescenza fino ad arrivare alla soglia dei 730 giorni nel quinquennio. Se hai il supporto del dss del tuo reparto, prova a chiedere se può metterci una buona parola per te prima di andare in visita. Io ci sono passato per le stesse motivazioni tue. So come funziona.

fettel
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 87
Iscritto il: mar mar 19, 2019 2:37 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da fettel » mar lug 30, 2019 6:30 pm

Ti ho mandato un messaggio in privato, Ciao.

SIMONERo
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 3
Iscritto il: lun lug 29, 2019 10:31 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da SIMONERo » mar lug 30, 2019 10:36 pm

Un'altra domanda...ma alla visita devo farmi accompagnare da un medico legale oppure da uno psichiatra?

Avatar utente
Alessandra DAlessio
Professionista
Professionista
Messaggi: 206
Iscritto il: lun nov 07, 2016 4:26 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da Alessandra DAlessio » mar ott 15, 2019 4:39 pm

Deve farsi eccompagnare da uno psicoterapeuta psicopogo o uno psichiatra. Il medico legale non è competente
Dott.ssa Alessandra D'Alessio
Psicologa Clinica e del Lavoro
Psicologa Forense

Psicoterapeuta
Via R. Montecuccoli n.15 Roma
Tel 3429204614
Www.studio-atena.it
email: info@studio-atena.it

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4295
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da lino » mer ott 16, 2019 12:00 am

SIMONERo ha scritto:
lun lug 29, 2019 11:38 pm
Buonasera,
ho sofferto l'anno scorso dopo un periodo familiare stressante, di forti attacchi di ansia. Ho comunicato a lavoro questo periodo di stress, inoltre li ho informati di essere in cura con una psicoterapeuta , la quale mi ha prescritto degli psicofarmaci in dose molto leggere. Sottolineo che il mio lavoro mi è sempre piaciuto, ho avuto elogi e sono sempre stato gratificato dai miei superiori per il lavoro svolto. I miei problemi sono legati a tutt'altro. Dopo aver comunicato a lavoro di essere seguito da una psicoterapeuta ed ecc, sono stato messo in convalescenza. Dopo 4 mesi ho eseguito la prima visita per l'idoneità ma pur avendo avuto un parere positivo mi hanno rimandato di altri 4 mesi, faccio una seconda visita ma lo stesso mi hanno rimandato di altri 4 mesi. Dopo più di un anno, sto benissimo, eseguo pa terza visita, non mi fanno fare neanche il Minnesota test, perché li ho superati le volte precedenti, quindi mi sottopongono solo ad un colloquio con lo psicologo e poi lo psichiatra, porto certificati che attestano la mia guarigione, mi dicono che anche per loro posso tornare a lavoro, però poi si soffermano sul fatto che prendo ancora una dose ridottissima di psicofarmaco , che comunque la mia psicoterapeuta voleva togliermi. Ad oggi sono passati 14 mesi, ho voglia di tornare a lavoro, inoltre ho esigenza di tornare a lavoro anche dal punto di vista economico. Potreste aiutarmi con qualche informazione, non voglio assolutamente essere congedato, come potrei essere reintegrato?Ho portato anche vari certificati in cui sia la psicoterapeuta che lo psichiatra che mi hanno seguito , parlavano di un completo superamento dello stato ansioso ma comunque questi certificati pur fornendogli neanche li hanno letti. Io pur essendo un militare svolgo mansioni di ufficio, non ho nessuna arma in dotazione e non faccio servizi armati o di caserma. Visto che tra qualche mese non avrei diritto piu allo stipendio potreste consigliarmi sul da farsi per rientrare in servizio. Vi Ringrazio, anticipatamente.
Non vorrei cagionarti ulteriori ansie , Ma sarà dura rientrare .
Il non fare o fare servizi armati alle cmo non interessa ,.o sei idoneo al SMi oppure no.
Se non ti hanno gia' decurtato lo stipendio e non lo hai ancora fatto, proponi la C.di.S. anche se intempestiva x evitare l' immediata decurtazione e poter rimanere con il pieno stipendio ,,per eventuale transito nei ruoli degli impiegati nei ruoli civili.
Devi portare certificazione ASL , che abbia chiari giudizi positivi nella eventuale remissione della patologia o comunque nel prox futuro, con possibile cure psicoterapeutiche e farmacologiche.
Credo tu debba seguire il consiglio della dott.ssa D'ALESSIO trovare uno specialista che possa aiutarti nell'affrontare gli specialisti della Cmo.
I migliori auguri.

Franco49
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 3
Iscritto il: mar mag 05, 2020 5:12 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da Franco49 » ven mag 29, 2020 12:42 am

Salve,sono nuovo del forum.
Sono un caporal maggiore capo in convalescenza da luglio 2019 per distimia confermata dai test.
Dovevo tornare a visita alla cmo di Roma ad aprile ma per il covid hanno rinviato a data da destinarsi...
Sono il cura da una psichiatra. Del csm che non vuole scalare il depakin.Io sto benissimo e da febbraio mi sono scalato i farmaci da solo ed oggi non li prendo più ,ma ho paura a dirglielo.Tra l altro ci siamo visti a febbraio dopodiché non mi ha più chiamato.Da agosto seguo un percorso psicoterapeutico che mi ha aiutato e sta aiutando tantissimo.Io non voglio prendere più psicofarmaci e vi chiedo..posso andare a visita senza certificato della asl?Con un certificato da privato?Io non voglio essere riformato né transitare a ruolo civile...Devo portarmi un medico legale o meglio la mia psicologa?
Grazie di cuore a chi risponderà

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4295
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da lino » dom mag 31, 2020 10:28 am

Franco 49, anche per te di massima vale la risposta del collega di cui sopra.

Non sono uno specialista, ma la distimia di solito è curabilissima con le cure farmacologiche e psicoterapeutiche.

Perdonami la franchezza non è certo un giudizio negativo nei tuoi confronti, ma smettere la cura data dal tuo psichiatra , senza avvisarlo, non farà bene a nessuno.

Prima di tornare al CML, contatta lo specialista e mettilo al corrente di aver scalato il farmaco, prendendo un nuovo appuntamento..(di certo non ne avrà a male).

Solo lui potrà fare una certificazione presa in considerazione dalla commissione.

I certificati dei privati vengono presi con le molle.
I migliori auguri.

Franco49
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 3
Iscritto il: mar mag 05, 2020 5:12 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da Franco49 » mar giu 02, 2020 1:46 am

Grazie Lino gentilissimo nell'avermi risposto.
Il fatto di aver scalato da me è che non ho il minimo appoggio dello psichiatra del csm che va dritto per il suo protocollo non pensando che quella pillola mi fa perdere il posto che tanto amo...Gia'da gennaio sto chiedendo di scalare ma non c è verso.La psicoterapia è stata il mio grande aiuto e sono determinato a proseguire.Ho risolto tanti miei conflitti interiori e sinceramente quel farmaco l ho preso all inizio ma poi non ne sentivo né il bisogno né la necessità.
Conoscendo ormai il mio medico non credo proprio mi accordi con questa decisione e per evitare relazioni negative volevo rivolgermi ad un privato.I tempi per scalare i farmaci sono lunghi ed ho paura di rimanere senza stipendio con moglie e figli a carico😔e mutuo....Loro fanno il loro lavoro ma per noi militari è un arma a doppio taglio....se ti curi con psicofarmaci non sei idoneo se non ti curi non segui la terapia....davvero non so che fare e a quale santo rivolgermi...grazie per l attenzione.

Serena89
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 40
Iscritto il: ven lug 05, 2019 3:16 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da Serena89 » gio giu 04, 2020 8:41 am

Franco49 segui il consiglio di Lino, i certificati dello specialista privato valgono poco e niente! Stai sereno, mal che vada passi civile!

Franco49
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 3
Iscritto il: mar mag 05, 2020 5:12 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da Franco49 » ven giu 05, 2020 1:34 am

Sì,l. Ho capito.Secondo la vostra esperienza ci possono essere psicofarmaci che non contrastano l idoneità?Potrei proporlo alla mia psichiatra in caso volesse mantenermi la cura visto che non sa niente di regole militari e pensa solo alle armi...Io ho ottime relazioni da parte sua di regressione e remissione della patologia.Ma sto farmaco non so fino a quando me lo vorrà prescrivere....Io vorrei arrivare a visita pulito da farmaci ma conseguendo la mia psicoterapia.
Il ruolo civile non mi interessa....anche se dovesse essere l ultima spiaggia lo accetterei ma con tanto tanto dispiacere....Credo che il medicinale voglia prenderlo chi ne ha bisogno...io sono in pace con me stesso ho superato tutto non vedo perché me li continua a prescrivere....
Grazie a tutti

Serena89
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 40
Iscritto il: ven lug 05, 2019 3:16 pm

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da Serena89 » sab giu 06, 2020 2:08 pm

Che io sappia il depakin di solito é prescritto a vita essendo uno stabilizzatore dell' umore più che un antidepressivo vero e proprio ma a prescindere da questo é sempre lo psichiatra che decide quanto tempo durerà la terapia. Solitamente alla cmo interessa leggere cosa scrive lo psichiatra del cim non quello che dici tu. Se sei in convalescenza da più di 6/8 mesi la vedo dura rientrare... Purtroppo non esistono psicofarmaci che noi militari possiamo assumere. Cerca di stare sereno male che vada passi civile così starai meglio e potrai assumere tutti i farmaci che ti prescrivono.

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4295
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Stato ansioso e visita di idoneità

Messaggio da lino » sab giu 06, 2020 9:54 pm

Franco49 ha scritto:
mar giu 02, 2020 1:46 am
Grazie Lino gentilissimo nell'avermi risposto.
Il fatto di aver scalato da me è che non ho il minimo appoggio dello psichiatra del csm che va dritto per il suo protocollo non pensando che quella pillola mi fa perdere il posto che tanto amo...Gia'da gennaio sto chiedendo di scalare ma non c è verso.La psicoterapia è stata il mio grande aiuto e sono determinato a proseguire.Ho risolto tanti miei conflitti interiori e sinceramente quel farmaco l ho preso all inizio ma poi non ne sentivo né il bisogno né la necessità.
Conoscendo ormai il mio medico non credo proprio mi accordi con questa decisione e per evitare relazioni negative volevo rivolgermi ad un privato.I tempi per scalare i farmaci sono lunghi ed ho paura di rimanere senza stipendio con moglie e figli a carico😔e mutuo....Loro fanno il loro lavoro ma per noi militari è un arma a doppio taglio....se ti curi con psicofarmaci non sei idoneo se non ti curi non segui la terapia....davvero non so che fare e a quale santo rivolgermi...grazie per l attenzione.
Concordo con Serena89.
Se si casca, si casca in piedi, con la possibilità del transito.
Inoltre Le riforme su queste patologie non vengono date per la sola assunzione di psicofarmaci, basta solo la patologia .
Potrebbe essere solo un periodo della nostra vita che abbisogna di un supporto psicologico o farmacologico.

Molti amici del nostro comparto , sono stati fatti rientrare, nonostante le cure, per la completa guarigione della patologia.

Inoltre con i test, non hanno bisogno di altro, per prendere decisioni sia in positivo che in negativo.

Se vuoi provare nel rientrare trova un valido medico legale che abbia specializzazioni specifiche o conosca le CMO.
In particolare, fai capire la tua ferrea volontà di rientrare in servizio per la tua avvenuta guarigione.

Rispondi