Ruoli civili per un Ufficiale?

Feed - La Dott.ssa Lucia Astore risponde

Moderatore: Dott.ssa Astore

Rispondi
Samurai2017
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 22
Iscritto il: lun mag 29, 2017 7:24 am

Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Samurai2017 » dom apr 29, 2018 10:30 pm

Buonasera Dottoressa,
Mi permetto di sottoporre alla Sua attenzione il mio caso che, pur essendo simile ad altri che ho letto nel Forum, è tuttavia un po’ particolare e per questo avrei davvero bisogno di essere rassicurata.
Sono un Tenente dell’Esercito Italiano e sono entrata in Accademia nel settembre del 2009. Nel settembre 2014 sono stata assegnata al mio primo reparto (se dovesse servire, specificherò quale).
A luglio 2017 sono stata posta in convalescenza dalla CMO di Roma, in quanto ho deciso dopo diversi anni di portare il mio comando a conoscenza del mio problema psicologico, che si può riassumere in: anoressia nervosa di tipo restrittivo e stati d’ansia. Per questi disturbi sono seguita da una psicologa e da uno psichiatra, e assumo una terapia farmacologica. A luglio 2017 mi sono stati dati due mesi di convalescenza; ad ottobre ne ho ricevuti altri quattro, sempre dalla CMO di Roma (l’ultimo provvedimento scadeva a febbraio, ma date le liste di attesa della CMO, avrò la prossima visita il 10/05).
Per farla breve, in tutto questo nessuno, nonostante i miei dubbi e le mie insistenze (soprattutto perché, come detto, l’ansia è uno dei motivi per cui non sto bene!), mi ha spiegato a che cosa sto andando incontro.

1) c’è la possibilità che un Ufficiale come me possa essere giudicato idoneo al transito nei ruoli civili?
2) ho ragione di temere di restare senza lavoro?
3) cosa succederà al mio stipendio (che per adesso sto percependo interamente)?

Mi scuso per il tempo che Le sto facendo perdere, ma sono arrivata al punto di rinunciare anche ad un taglio di capelli ogni quattro mesi, per paura di spendere soldi in vista di un futuro da disoccupata.
La ringrazio anticipatamente e Le porgo i miei più distinti saluti.

Chiara



lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 3640
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da lino » lun mag 21, 2018 12:41 am

Samurai2017 ha scritto:Buonasera Dottoressa,
Mi permetto di sottoporre alla Sua attenzione il mio caso che, pur essendo simile ad altri che ho letto nel Forum, è tuttavia un po’ particolare e per questo avrei davvero bisogno di essere rassicurata.
Sono un Tenente dell’Esercito Italiano e sono entrata in Accademia nel settembre del 2009. Nel settembre 2014 sono stata assegnata al mio primo reparto (se dovesse servire, specificherò quale).
A luglio 2017 sono stata posta in convalescenza dalla CMO di Roma, in quanto ho deciso dopo diversi anni di portare il mio comando a conoscenza del mio problema psicologico, che si può riassumere in: anoressia nervosa di tipo restrittivo e stati d’ansia. Per questi disturbi sono seguita da una psicologa e da uno psichiatra, e assumo una terapia farmacologica. A luglio 2017 mi sono stati dati due mesi di convalescenza; ad ottobre ne ho ricevuti altri quattro, sempre dalla CMO di Roma (l’ultimo provvedimento scadeva a febbraio, ma date le liste di attesa della CMO, avrò la prossima visita il 10/05).
Per farla breve, in tutto questo nessuno, nonostante i miei dubbi e le mie insistenze (soprattutto perché, come detto, l’ansia è uno dei motivi per cui non sto bene!), mi ha spiegato a che cosa sto andando incontro.

1) c’è la possibilità che un Ufficiale come me possa essere giudicato idoneo al transito nei ruoli civili?
2) ho ragione di temere di restare senza lavoro?
3) cosa succederà al mio stipendio (che per adesso sto percependo interamente)?

Mi scuso per il tempo che Le sto facendo perdere, ma sono arrivata al punto di rinunciare anche ad un taglio di capelli ogni quattro mesi, per paura di spendere soldi in vista di un futuro da disoccupata.
La ringrazio anticipatamente e Le porgo i miei più distinti saluti.

Chiara
Non sono la dott.ssa , premesso che le situazioni sono tutte simili nonostante lo status o grado.
Se Lei vuole rientrare provveda nel contattare un MEDICO legale e cerchi di rientrare .
Sennò dopo circa 12/24mesi verrà riformata e visto che non ha maturato pensione, potrà solo transitare nel ruolo degli impiegati civili dello stato , con lo stipendio che percepisce in questo momento ,chiaramente congelato sino a che i suoi nuovi colleghi arriveranno a tale importo (molti anni).
La sua destinazione sarà nella regione ove effettuava servizio.
Dopo il 12 mese subirà il 50% di decurtazione stipendiale.
Superato il 18 mese sino ai 2 anni percepirà il nulla.
Consiglio per esperienza personale superato il 12 mese (non prima) di tentare causa di SERVIZIO x le patologie accusate onde evitare la decurtazione e proseguire nel percepire attuale stipendio.
Chiaramente credo Lei sia in servizio permanente effettivo.
I migliori auguri.
Lino

Samurai2017
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 22
Iscritto il: lun mag 29, 2017 7:24 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Samurai2017 » lun mag 28, 2018 7:06 am

Grazie Lino per la risposta, sei stato veramente gentile.
Per quanto riguarda la causa di servizio, mi avevano consigliato di non tentarla nemmeno, perché per patologie psichiatriche tendono a riconoscerla solo se le cause sono strettamente collegate al servizio (parlo di esplosioni, conflitti a fuoco e simili), quindi non sarebbe il mio caso. Tu mi consigli di provare ugualmente?
E poi un’altra cosa: so che tendenzialmente la sede di servizio da civile si trova nella regione ove si orestava servizio militare, ma so anche che per particolari esigenze la cmo riconosce la necessità di un trasferimento. Nel mio caso, lo psichiatra che mi ha in cura ha scritto chiaramente in tutte le sue relazioni che ho bisogno, per la mia serenità, di rimanere in Toscana dove mi trovo attualmente in convalescenza. Dici che il parere del medico può contare qualcosa in questo caso?
lino ha scritto:
Samurai2017 ha scritto:Buonasera Dottoressa,
Mi permetto di sottoporre alla Sua attenzione il mio caso che, pur essendo simile ad altri che ho letto nel Forum, è tuttavia un po’ particolare e per questo avrei davvero bisogno di essere rassicurata.
Sono un Tenente dell’Esercito Italiano e sono entrata in Accademia nel settembre del 2009. Nel settembre 2014 sono stata assegnata al mio primo reparto (se dovesse servire, specificherò quale).
A luglio 2017 sono stata posta in convalescenza dalla CMO di Roma, in quanto ho deciso dopo diversi anni di portare il mio comando a conoscenza del mio problema psicologico, che si può riassumere in: anoressia nervosa di tipo restrittivo e stati d’ansia. Per questi disturbi sono seguita da una psicologa e da uno psichiatra, e assumo una terapia farmacologica. A luglio 2017 mi sono stati dati due mesi di convalescenza; ad ottobre ne ho ricevuti altri quattro, sempre dalla CMO di Roma (l’ultimo provvedimento scadeva a febbraio, ma date le liste di attesa della CMO, avrò la prossima visita il 10/05).
Per farla breve, in tutto questo nessuno, nonostante i miei dubbi e le mie insistenze (soprattutto perché, come detto, l’ansia è uno dei motivi per cui non sto bene!), mi ha spiegato a che cosa sto andando incontro.

1) c’è la possibilità che un Ufficiale come me possa essere giudicato idoneo al transito nei ruoli civili?
2) ho ragione di temere di restare senza lavoro?
3) cosa succederà al mio stipendio (che per adesso sto percependo interamente)?

Mi scuso per il tempo che Le sto facendo perdere, ma sono arrivata al punto di rinunciare anche ad un taglio di capelli ogni quattro mesi, per paura di spendere soldi in vista di un futuro da disoccupata.
La ringrazio anticipatamente e Le porgo i miei più distinti saluti.

Chiara
Non sono la dott.ssa , premesso che le situazioni sono tutte simili nonostante lo status o grado.
Se Lei vuole rientrare provveda nel contattare un MEDICO legale e cerchi di rientrare .
Sennò dopo circa 12/24mesi verrà riformata e visto che non ha maturato pensione, potrà solo transitare nel ruolo degli impiegati civili dello stato , con lo stipendio che percepisce in questo momento ,chiaramente congelato sino a che i suoi nuovi colleghi arriveranno a tale importo (molti anni).
La sua destinazione sarà nella regione ove effettuava servizio.
Dopo il 12 mese subirà il 50% di decurtazione stipendiale.
Superato il 18 mese sino ai 2 anni percepirà il nulla.
Consiglio per esperienza personale superato il 12 mese (non prima) di tentare causa di SERVIZIO x le patologie accusate onde evitare la decurtazione e proseguire nel percepire attuale stipendio.
Chiaramente credo Lei sia in servizio permanente effettivo.
I migliori auguri.
Lino
Grazie ancora e buona giornata!
Chiara

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 3640
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da lino » lun mag 28, 2018 11:59 pm

[quote="Samurai2017"]Grazie Lino per la risposta, sei stato veramente gentile.
Per quanto riguarda la causa di servizio, mi avevano consigliato di non tentarla nemmeno, perché per patologie psichiatriche tendono a riconoscerla solo se le cause sono strettamente collegate al servizio (parlo di esplosioni, conflitti a fuoco e simili), quindi non sarebbe il mio caso. Tu mi consigli di provare ugualmente?
E poi un’altra cosa: so che tendenzialmente la sede di servizio da civile si trova nella regione ove si orestava servizio militare, ma so anche che per particolari esigenze la cmo riconosce la necessità di un trasferimento. Nel mio caso, lo psichiatra che mi ha in cura ha scritto chiaramente in tutte le sue relazioni che ho bisogno, per la mia serenità, di rimanere in Toscana dove mi trovo attualmente in convalescenza. Dici che il parere del medico può contare qualcosa in questo


Di regola bisogna attendere almeno un anno nel.nuovo impiego per proporre domande di avvicinamento .
Questa "regola" è stata fatta per evitare che migliaia di militari usino questo sistema per avvicinarsi alla propria regione "mantenendo" un lavoro statale a tempo indeterminato.
Chiaramente superato l'anno potrebbero non esserci posti per il suddetto..

Se chiami persociv potrebbero spiegare meglio i tecnicismi di solito sono gentili e disponibili.
Di max funziona come ti ho detto.
La domanda per la c.di s. Serve in prevalenza per evitare il taglio stipendiale e x la continuazione del percepimento anche in attesa del transito (si rischia di rimanere senza stipendio ).
La cmo può dare indicazioni per il tipo di servizio che l" ex. Militare potra svolgere, la destinazione la decide persociv sentito persomil!!
I migliori auguri x tutto.
Lino.

Avatar utente
airone7388
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 309
Iscritto il: sab apr 16, 2016 8:52 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da airone7388 » mar mag 29, 2018 1:01 pm

lino ha scritto:
Samurai2017 ha scritto:Buonasera Dottoressa,
Mi permetto di sottoporre alla Sua attenzione il mio caso che, pur essendo simile ad altri che ho letto nel Forum, è tuttavia un po’ particolare e per questo avrei davvero bisogno di essere rassicurata.
Sono un Tenente dell’Esercito Italiano e sono entrata in Accademia nel settembre del 2009. Nel settembre 2014 sono stata assegnata al mio primo reparto (se dovesse servire, specificherò quale).
A luglio 2017 sono stata posta in convalescenza dalla CMO di Roma, in quanto ho deciso dopo diversi anni di portare il mio comando a conoscenza del mio problema psicologico, che si può riassumere in: anoressia nervosa di tipo restrittivo e stati d’ansia. Per questi disturbi sono seguita da una psicologa e da uno psichiatra, e assumo una terapia farmacologica. A luglio 2017 mi sono stati dati due mesi di convalescenza; ad ottobre ne ho ricevuti altri quattro, sempre dalla CMO di Roma (l’ultimo provvedimento scadeva a febbraio, ma date le liste di attesa della CMO, avrò la prossima visita il 10/05).
Per farla breve, in tutto questo nessuno, nonostante i miei dubbi e le mie insistenze (soprattutto perché, come detto, l’ansia è uno dei motivi per cui non sto bene!), mi ha spiegato a che cosa sto andando incontro.

1) c’è la possibilità che un Ufficiale come me possa essere giudicato idoneo al transito nei ruoli civili?
2) ho ragione di temere di restare senza lavoro?
3) cosa succederà al mio stipendio (che per adesso sto percependo interamente)?

Mi scuso per il tempo che Le sto facendo perdere, ma sono arrivata al punto di rinunciare anche ad un taglio di capelli ogni quattro mesi, per paura di spendere soldi in vista di un futuro da disoccupata.
La ringrazio anticipatamente e Le porgo i miei più distinti saluti.

Chiara
Non sono la dott.ssa , premesso che le situazioni sono tutte simili nonostante lo status o grado.
Se Lei vuole rientrare provveda nel contattare un MEDICO legale e cerchi di rientrare .
Sennò dopo circa 12/24mesi verrà riformata e visto che non ha maturato pensione, potrà solo transitare nel ruolo degli impiegati civili dello stato , con lo stipendio che percepisce in questo momento ,chiaramente congelato sino a che i suoi nuovi colleghi arriveranno a tale importo (molti anni).
La sua destinazione sarà nella regione ove effettuava servizio.
Dopo il 12 mese subirà il 50% di decurtazione stipendiale.
Superato il 18 mese sino ai 2 anni percepirà il nulla.
Consiglio per esperienza personale superato il 12 mese (non prima) di tentare causa di SERVIZIO x le patologie accusate onde evitare la decurtazione e proseguire nel percepire attuale stipendio.
Chiaramente credo Lei sia in servizio permanente effettivo.
I migliori auguri.
Lino
Buongiorno Lino, ho evidenziato sopra la parte che non ho capito, perchè deve attendere il superamento del 12mo mese per la causa di servizio onde evitare la decurtazione dello stipendio?
Correggimi se sbaglio, ma ero fermamente convinto che la domanda bisognava farla entro il 12mo mese (anche poco prima..) di spettativa continuativa... per i motivi di cui sopra.
Grazie.

Dott.ssa Astore
Professionista
Professionista
Messaggi: 2387
Iscritto il: ven lug 22, 2011 2:41 pm
Località: Studio medico: Firenze, Via della Mattonaia 35 - tel. 055 23 45 154

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Dott.ssa Astore » mar mag 29, 2018 2:49 pm

Data la delicatezza del suo caso cerchi di venire subito da me per parlarci a voce.Sarebbe opportuno quanto pria.Grazie Lucia Astore
Dott.ssa Lucia Astore - Medico Legale | Psichiatra forense
Studio: Via della Mattonaia, 35 - 50121 Firenze
Telefono: 055 23 45 154

Avatar utente
Sarah
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 4
Iscritto il: ven feb 19, 2016 9:57 pm

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Sarah » mar mag 29, 2018 3:15 pm

Difatti non ha senso. La domanda di causa di servizio va fatta entro il 6' mese dal trauma o dalla prima diagnosi.
Sarah!

Avatar utente
airone7388
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 309
Iscritto il: sab apr 16, 2016 8:52 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da airone7388 » mer mag 30, 2018 9:27 am

Sarah ha scritto:Difatti non ha senso. La domanda di causa di servizio va fatta entro il 6' mese dal trauma o dalla prima diagnosi.
Buongiorno Sarah, in effetti per evitare la decurtazione dello stipendio l' istanza di riconoscimento di dipendenza da causa di servizio si fa prima del 12mo mese e non dopo, poi è pure consigliato cominciare a mettere da parte qualcosa per far fronte all' eventuale diniego da parte del cvcs e quindi la restituzione, non ci si trova cioè spiazzati, e questo dipende certamente dal tipo di infermità/patologie.
Infatti per quelle psichiatriche il riconoscimento è molto piu' difficile se non si fa emergere come nesso di causa un evento scatenante in servizio del tipo traumatico... ma questa è altra cosa.
Per quanto riguarda il discorso come dici te entro 6 mesi dal trauma o dalla prima diagnosi, è giustissimo ma non del tutto corretta in quanto è fondamentale che nella istanza venga spiegata la percezione della consapevolezza che quella determinata patologia determina in ambito lavorativo.

PS: se il collega gentilmente poi ci spiega invece la sua esperienza farà cosa gradita a noi tutti.
Buona giornata.

Samurai2017
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 22
Iscritto il: lun mag 29, 2017 7:24 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Samurai2017 » ven giu 01, 2018 10:24 am

Ciao a tutti, nel frattempo sono stata alla cmo di Roma dove mi hanno dato appuntamento per il 16 luglio per fare dei test psicologici. Non mi hanno saputo dire altro...

Avatar utente
Sarah
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 4
Iscritto il: ven feb 19, 2016 9:57 pm

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Sarah » ven giu 01, 2018 10:40 am

Ti consiglio di fare domanda di accesso agli atti e vedere cosa ti hanno scritto sul verbale della CMO, compreso di referto visita psicologica/psichiatrica se ne hai fatte. Questo al fine di evitare sorprese.
Sarah!

Samurai2017
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 22
Iscritto il: lun mag 29, 2017 7:24 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Samurai2017 » ven giu 01, 2018 11:30 am

Ciao Sarah, ne ho già fatte diverse. Finora sostanzialmente hanno confermato la diagnosi del mio psichiatra, disturbo del comportamento alimentare e stati d'ansia

Dott.ssa Astore
Professionista
Professionista
Messaggi: 2387
Iscritto il: ven lug 22, 2011 2:41 pm
Località: Studio medico: Firenze, Via della Mattonaia 35 - tel. 055 23 45 154

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Dott.ssa Astore » lun giu 04, 2018 3:06 pm

e' possibile che la inviino ai ruoli civili ,deve avere una relazione psichiatrica fatta bene.Se vuole -data la delicatezza del suo caso-venga al mio studio fissando una visita e ne parliamo insieme.Se accetta deve portarmi tutta la documentazione medica e amministrativa in suo possesso.Mi faccia sapere
Lucia Astore
Dott.ssa Lucia Astore - Medico Legale | Psichiatra forense
Studio: Via della Mattonaia, 35 - 50121 Firenze
Telefono: 055 23 45 154

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 3640
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da lino » sab giu 09, 2018 2:14 am

Sarah ha scritto:Difatti non ha senso. La domanda di causa di servizio va fatta entro il 6' mese dal trauma o dalla prima diagnosi.
Chi lo dice???
Il soggetto potrebbe accorgesene anche dopo un anno che la patologia è causa di servizio anche se viene definita intempestiva.

Nel mio caso l'avessi fatto nell'immediato, mi avrebbero risposto con un bel diniego e appena superato il periodo e sarei rimasto senxa stipendio ,compreso il periodo dell' l'aspettativa al transito che nel mio caso è durata anni con tutte le problematiche del caso!!!
Se poi siete convinti che con le patologie mentali si ottiene facilmente la C.di.S. potete farla anche il gg. Dopo.
Auguri a tutti!!!

Avatar utente
Sarah
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 4
Iscritto il: ven feb 19, 2016 9:57 pm

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da Sarah » sab giu 09, 2018 10:59 am

Lo dice la normativa in vigore.

6 mesi dal trauma o 6 mesi dalla diagnosi. Il tuo discorso lo trovo poco fattibile. Come pensi di riuscire a dimostrare che "non sono riuscito a capire che questa diagnosi medica sia correlata al servizio?" Su, dai. Non so di che epoca sia la tua causa di servizio, oggigiorno cavillano per qualsiasi cosa.
Sarah!

furore5
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 198
Iscritto il: mer giu 06, 2018 6:57 pm

Re: Ruoli civili per un Ufficiale?

Messaggio da furore5 » sab giu 09, 2018 12:40 pm

Per quanto riguarda il discorso come dici te entro 6 mesi dal trauma o dalla prima diagnosi, è giustissimo ma non del tutto corretta in quanto è fondamentale che nella istanza venga spiegata la percezione della consapevolezza che quella determinata patologia determina in ambito lavorativo.

Giusto quello che dice il collega airone, è scritto in diverse sentenze.

Ovviamente come dice Lino per le patologie psichiatriche è difficile un riconoscimento di causa di servizio a meno che non derivi da un evento di natura violenta e traumatica (scontro a fuoco, incidente in auto, caduta durante inseguimento magari in flagranza con conseguenze gravi che mettono a rischio la vita, ecc....) e forse chissà mobbing (a questa è altra storia....).

Rispondi