Risarcimento danni

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Rispondi
lucignolo1977
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 1
Iscritto il: gio apr 19, 2018 2:46 pm

Risarcimento danni

Messaggio da lucignolo1977 » ven giu 29, 2018 12:35 am

Gentile avvocato, sono un Appuntato Scelto dei carabinieri, nel mese di settembre scorso sono stati avviati nei miei confronti un procedimento disciplinare e contestualmente un procedimento penale militare per presunta insubordinazione con ingiuria aggravata compiuta nei confronti del mio ex comandante di stazione. A seguito di tali provvedimenti, nel disciplinare, il comandante di corpo rilevava a mio carico un semplicissimo richiamo orale mentre nel penale militare sono stato assolto ai sensi dell'art. 131 bis c.p."particolare tenuità dei fatti." Durante il dibattimento penale, anche dai test dell'accusa, veniva fatto risaltare che il sottoscritto non aveva mai pronunciato le frasi incriminate nei confronti del mio ex comandante e quindi le aveva percepite soltanto lui, confermando tra l'altro quello che i testimoni stessi avevano scritto precedentemente nelle proprie relazioni di servizio ma che comunque non erano servite a interrompere all'origine entrambi i procedimenti a mio carico o per lo meno limitarne i danni. Per quanto brevemente descritto, ho patito mio malgrado, un trasferimento ad altra sede di servizio sostenendo parecchie spese per la mia difesa, senza contare lo stato d'animo di una persona che non aveva commesso assolutamente ciò che gli era stato addebitato. Considerato il fatto che la questione poteva essere tranquillamente gestita e risolta già dall'origine, bastava che il comandante di compagnia avesse letto con più attenzione le dichiarazioni fornite dai testimoni dell'accusa, palesemente discordanti con quelle dell'accusatore, secondo la sua esperienza in materia, potrei in qualche modo rivalermi sull'amministrazione nonché sulle persone eventualmente coinvolte? La ringrazio fin da prima per la risposta che potrà darmi.



Rispondi