Rinuncia transito ruoli civili per sede non gradita.

Consulenza legale su contensioni pensionistici - Corte dei Conti
Feed - L'Avv. Massimo Vitelli risponde

Moderatore: Avv. Massimo Vitelli

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte all'Avv. Vitelli verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con l'avvocato ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.
Rispondi
Noccioline
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 33
Iscritto il: mar gen 27, 2015 11:25 pm

Rinuncia transito ruoli civili per sede non gradita.

Messaggio da Noccioline » gio nov 09, 2017 12:05 pm

Gent.mo Avvocato Vitelli,
mi permetto di farLe un veloce riassunto della mia situazione.
Sono un Maresciallo M.M. arruolato nel Settembre 92, destinato c/o la sede di La Spezia dal 95 e in aspettativa per malattia da Marzo 2017.
Durante il periodo di aspettativa sono stato oggetto di un trasferimento da La Spezia c/o la sede di Augusta, trasferimento ovviamente non gradito vista la mia situazione. Entro Febbraio/Marzo 2018 sarò riformato (mi è già stato detto dalla CMO di Spezia), avrei bisogno di chiarirmi alcuni dubbi.
-Se decidessi di transitare nei ruoli civili posso, in caso di sede di servizio non gradita, rinunciare prima della firma del nuovo contratto e andare in pensione?
-La mia eventuale rinuncia al transito, prima della firma sul nuovo contratto, può pregiudicare i vantaggi per il personale riformato (es. possibilità di ricorrere alla cdc per il moltiplicatore?).
La ringrazio per ogni informazione che riuscirà a darmi.
Cordialità.



Avatar utente
Avv. Massimo Vitelli
Professionista
Professionista
Messaggi: 455
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Rinuncia transito ruoli civili per sede non gradita.

Messaggio da Avv. Massimo Vitelli » gio nov 09, 2017 2:09 pm

Noccioline ha scritto:Gent.mo Avvocato Vitelli,
mi permetto di farLe un veloce riassunto della mia situazione.
Sono un Maresciallo M.M. arruolato nel Settembre 92, destinato c/o la sede di La Spezia dal 95 e in aspettativa per malattia da Marzo 2017.
Durante il periodo di aspettativa sono stato oggetto di un trasferimento da La Spezia c/o la sede di Augusta, trasferimento ovviamente non gradito vista la mia situazione. Entro Febbraio/Marzo 2018 sarò riformato (mi è già stato detto dalla CMO di Spezia), avrei bisogno di chiarirmi alcuni dubbi.
-Se decidessi di transitare nei ruoli civili posso, in caso di sede di servizio non gradita, rinunciare prima della firma del nuovo contratto e andare in pensione?
-La mia eventuale rinuncia al transito, prima della firma sul nuovo contratto, può pregiudicare i vantaggi per il personale riformato (es. possibilità di ricorrere alla cdc per il moltiplicatore?).
La ringrazio per ogni informazione che riuscirà a darmi.
Cordialità.
======

1). Certo, può rinunciare;
2) No, rischia degli svantaggi semmai, al contrario, proprio se transita nei ruoli civili.
Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it

enryely
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 55
Iscritto il: sab ago 04, 2012 1:47 pm

Re: Rinuncia transito ruoli civili per sede non gradita.

Messaggio da enryely » sab apr 07, 2018 6:29 pm

Buonasera Avvocato, essendo transitato all'impiego civile nel marzo 2017, e, all'epoca del tutto all'oscuro della questione moltiplicatore, vorrei farLe 2 semplici domande circa il moltiplicatore:

1) il fatto di essere stati riformati PRIMA dell'entrata in vigore del riordino delle carriere può essere considerato un vantaggio per i militari?

2) Ci sono speranze almeno MINIME che il moltiplicatore venga riconosciuto al personale transitato all'impiego civile?

Cordiali Saluti.

Avatar utente
Avv. Massimo Vitelli
Professionista
Professionista
Messaggi: 455
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Rinuncia transito ruoli civili per sede non gradita.

Messaggio da Avv. Massimo Vitelli » lun apr 09, 2018 1:41 pm

enryely ha scritto:Buonasera Avvocato, essendo transitato all'impiego civile nel marzo 2017, e, all'epoca del tutto all'oscuro della questione moltiplicatore, vorrei farLe 2 semplici domande circa il moltiplicatore:

1) il fatto di essere stati riformati PRIMA dell'entrata in vigore del riordino delle carriere può essere considerato un vantaggio per i militari?

2) Ci sono speranze almeno MINIME che il moltiplicatore venga riconosciuto al personale transitato all'impiego civile?

Cordiali Saluti.
""""""""""""""
Salve.
Risposta sostanzialmente NEGATIVA ad entrambe le domande.
Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it

Rispondi