RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Feed - CARABINIERI

Avatar utente
Roberto Mandarino
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 2073
Iscritto il: gio ott 22, 2009 4:01 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da Roberto Mandarino » mer apr 21, 2010 3:28 pm

Tra i due stipendi non c'è differenza, qualora durante l'utimo giorno di aspettativa malattia si percepisca lo stipendio intero.

Dopo il transito si percepisce lo stipendio da impiegato civile del Ministero Difesa,siccome questo è più basso di quello che si percepiva durante il servizio nel corpo si appartenenza, viene aggiunto ad integrazione un assegno "a personam" per raggiungere il precedente e più favorevole stipendio.
Questo durerà fino a quando con gli aumenti contrattuali lo stipendio da impiegato civile non lo supererà.

Durante tutta l'aspettiva malattia si percepisce l'ultimo stipendio che si aveva l'ultimo giorno di aspettativa malattia.
Quindi se qualcuno si trova in aspettativa malattia per una patologia per la quale non chiede il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio, avrà lo stipendio decurtato al 50% dopo aver superato il 12°mese e nessuno stipendio oltre il 18° mese. Di conseguenza rimarrà per tutta la durata del transito (14-16 mesi) con lo stipendio decurtato al 50% oppure nullo.

Per quanto riguarda la domanda che hai posto all'Avvocato Carta, non saprei forse è molto impegnato.

Saluti Roberto


2.9.1963. Fa bene e scordati, fa male e pensaci.

Convenzionistituzioni.it
domengio
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 205
Iscritto il: gio apr 22, 2010 5:44 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da domengio » gio apr 22, 2010 7:16 pm

Cari colleghi, anch'io mi accingo a scrivere i quanto fra poco (credo) mi verrà notificato il decreto della NO non dipendente da causa di servizio e quindi adesso devo scegliere tra pensine o ruolo civile.
Sono un Mar. Ord. con 27 anni di servizio compiuti più i famo 5 anni. Da circa 5 anni sono in aspettativa speciale in attesa che il comitato si pronunci sulla dipendenza, cosa che probabilmente sarà negativa. Certamente se negativo farò ricorso al TAR per una moltitudine di ragioni che non vado ad elencare.
Ho provato a chiedere quanto potrei prendere di pensione ma non sono riuscito ad avere una risposta esaustiva chi mi dice 1300 chi 1500 uno perfino 1700. Numeri da giocare al lotto.
Ecco perchè scrivo chiedendo a Voi:
quanto potrei prendere di pensione (parametro 124 livello 6bis) - anche sommariamente?;
lo stipendio per la categoria B3 nel ruolo civile a quanto ammonta?;
cosa transita dello stipendio mio attuale?
una categoria bmassima farebbe scattare il famoso 10% della pensione privilegiata (facendo le dovute istanze)?
Grazie per quanto mi potranno aiutare.
Gazie anche a roberto63 se, come ho visto nelle altre risposte, può aiutarmi.

Avatar utente
Roberto Mandarino
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 2073
Iscritto il: gio ott 22, 2009 4:01 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da Roberto Mandarino » gio apr 22, 2010 7:40 pm

E' sufficiente anche una sola patologia riconosciuta dipendente da causa di servizio dal Comitato di Verifica, ed ascritta sul verbale di riforma a qualsiasi categoria della tab.A "a vita" ai fini di Pensione Privilegiata Ordinaria dalla Commissione Medico Militare.
In questo modo si ottine automaticamente il diritto alla pensione privilegiata dell'importo del 10% di quella d'invalidità maturata con l'anzianità di servizio.

Dopo la riforma, chi opta per il transito, intraprende tutta una serie di procedure.
Per prima cosa passa in " aspettativa per il transito", questa dura solitamente 12-16 mesi, e per tutto tale periodo si percepisce l'ultimo stipendio che si riceveva durante l' aspettativa malattia, quindi se era decurtato si percepirà decurtato, se era nullo non si percepirà..

Successivamente dopo aver fatto una piccola visita medica e dei test attitudinali per il nuovo incarico, si potrà firmare il contratto da impiegato civile del Ministero Difesa.
In tale posizione si percepisce lo stipendio da impiegato che è notoriamente più basso di quello che si percepiva precedentemente, questo viene quindi integrato con un assegno a personam fino a raggiungere quello precedente, fino a quando gli aumenti contrattuali degli impiegati civili non consentiranno di superarlo.


Saluti Roberto
2.9.1963. Fa bene e scordati, fa male e pensaci.

domengio
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 205
Iscritto il: gio apr 22, 2010 5:44 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da domengio » gio apr 22, 2010 8:45 pm

ringrazio roberto per la risposta e se non disturbo, solo adesso ho ricordato di tale cosa, per caso è a conoscenza se anche con la NON dipendenza da causa di servizio di una patologia si ha sempre diritto all'equo indennizzo o misura simile.

Avatar utente
Roberto Mandarino
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 2073
Iscritto il: gio ott 22, 2009 4:01 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da Roberto Mandarino » gio apr 22, 2010 9:11 pm

Ormai da una ventina di anni circa, non si ha più diritto all'Equo Indennizzo qualora la patologia non sia riconosciuta dipendente da causa di servizio dal Comitato di Verifica.

Saluti Roberto
2.9.1963. Fa bene e scordati, fa male e pensaci.

domengio
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 205
Iscritto il: gio apr 22, 2010 5:44 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da domengio » gio apr 22, 2010 10:35 pm

grazie roberto
per la cortese e immediata risposta.

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4313
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da lino » gio apr 22, 2010 11:03 pm

domengio ha scritto:Cari colleghi, anch'io mi accingo a scrivere i quanto fra poco (credo) mi verrà notificato il decreto della NO non dipendente da causa di servizio e quindi adesso devo scegliere tra pensine o ruolo civile.
Sono un Mar. Ord. con 27 anni di servizio compiuti più i famo 5 anni. Da circa 5 anni sono in aspettativa speciale in attesa che il comitato si pronunci sulla dipendenza, cosa che probabilmente sarà negativa. Certamente se negativo farò ricorso al TAR per una moltitudine di ragioni che non vado ad elencare.
Ho provato a chiedere quanto potrei prendere di pensione ma non sono riuscito ad avere una risposta esaustiva chi mi dice 1300 chi 1500 uno perfino 1700. Numeri da giocare al lotto.
Ecco perchè scrivo chiedendo a Voi:
quanto potrei prendere di pensione (parametro 124 livello 6bis) - anche sommariamente?;
lo stipendio per la categoria B3 nel ruolo civile a quanto ammonta?;
cosa transita dello stipendio mio attuale?
una categoria bmassima farebbe scattare il famoso 10% della pensione privilegiata (facendo le dovute istanze)?
Grazie per quanto mi potranno aiutare.
Gazie anche a roberto63 se, come ho visto nelle altre risposte, può aiutarmi.
Vai a vedere nel sito( avvocato risponde )c'e un mar.s.ups con i tuoi anni di servizio che prende 1850 di provvisoria presumo che non vi sia una grande differenza non piu' di 100-150 euro. Saluti Lino

domengio
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 205
Iscritto il: gio apr 22, 2010 5:44 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da domengio » gio apr 22, 2010 11:24 pm

grazie Lino per l'indicazione e colgo l'occazsione anche per chiedere se è vero che il rimborso della licenza ordinaria non usufruita è relativa solo al periodo di effettivo servizio, ovvero prima della malattia, o si può richiedere anche il periodo di convalescenza?
ringrazio quanti possono rispondere

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4313
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da lino » gio apr 22, 2010 11:31 pm

Un b3 ministeriale percepisce euro 1050, risposta sicura ci lavora un mio congiunto. Ma a noi non interessa (abbiamo gli stessi anni di servizio), i "civili" non arriveranno mai al nostro stipendio se decideremo di transitare,perchè andremo in pensione prima.Saluti Lino

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4313
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da lino » ven apr 23, 2010 12:11 am

Guarda Domengio per le licenze non fruite vi sono varie risposte nel forum ti consiglio di leggerle sono interessanti .Personalmente ho letto una sentenza del consiglio di stato del 16 /03/2009. Sezione VI, 07/05/2001 nr.2520. Facendotela semplice dovrebbero rimborsarci le ferie non godute per qualsiasi motivo,di fatto Chieti non ci sente e ci obbligano ha fare cause. Probabilmente contano sul fatto che le cifre non sono così alte e la maggior parte di noi lascia perdere, per notizia ogni giorno di licenza vale dalle 60- 80 euro lorde in base ai parametri stipendiali. Così se qualcuno si vuol fare due conti....
Per curiosità Chieti che cifra ti dava della tua pensione, giusto per vedere la differenza con quello che mi hanno riferito per il mio caso.
Grazie Lino.

Avatar utente
Roberto Mandarino
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 2073
Iscritto il: gio ott 22, 2009 4:01 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da Roberto Mandarino » ven apr 23, 2010 7:11 am

Volevo soltanto precisare che tra un Maresciallo sups e un Maresciallo Ordinario c'è una differenza di tre parametri stipendiali, quindi abbastanza rilevante, la pensione pertanto non sarà simile a quella del collega che ha scritto nel forum dell'Avvocato.

Saluti Roberto
2.9.1963. Fa bene e scordati, fa male e pensaci.

domengio
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 205
Iscritto il: gio apr 22, 2010 5:44 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da domengio » ven apr 23, 2010 1:11 pm

ciao a tutti, in effetti stamani sono riuscito a parlare con qualcuno a Chieti e la risposta è con i miei anni di servizio 27,8 e i 5 anni andrei a prendere approssimativamente euro 1400 netti al mese , di meno ma non di più (attenzione c'è anche chi può aggiungere il 10 % di privilegiata e non è il mio caso).
Comunque mi è stato anche detto che dal 1 gennaio c.a. è l'INPDAP che tratta tutto e che quindi, se uno ci riesce, il conteggio potrebbe essere molto.
Saluti a tutti

domengio
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 205
Iscritto il: gio apr 22, 2010 5:44 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da domengio » ven apr 23, 2010 1:26 pm

anticipatamente mi scuso se la questione che pongo è stata già discussa nel forum e io non l'ho trovata.
Vorrei sapere se, in caso la commissione si esprime con parere negativo NON dipendente da causa di servizio e si tratta di riforma parziale, io posso fare ricorso al TAR anche entrando nel merito della idoneità o non idoneità della malattia (non avendo presentato ricorso in seconda all'epoca) o il ricorso può vertere solo sulla dipendenza o non?
Mi spiego meglio, quando mi arriva il decreto vorrei fare ricorso al TAR sia nel merito dell'idoneità al 100 % che sulla dipendenza o non da causa di servizio, posso? qualcuno lo ha già fatto?
Grazie e mi scuso in anticipo, ma per sapere qualcosa veramente bisogna fare salti mortali.

Avatar utente
Roberto Mandarino
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 2073
Iscritto il: gio ott 22, 2009 4:01 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da Roberto Mandarino » ven apr 23, 2010 1:51 pm

Volevo precisare a domengio che l'Equo Indennizzo non viene elargito se non vi è il riconoscimento della dipendenza da c.s. da parte del Comitato.

Mentre essendo stato dichiarato parzialmente idoneo al servizio (cosa che soltanto adesso ha specificato), può provare a presentare domanda per chiedere l'indennità una tantum, relativa al personale parzialmente idoneo, all'ufficio di appartenenza, entro sei mesi dalla data di stesura del processo Verbale di riforma parziale.

Saluti Roberto
2.9.1963. Fa bene e scordati, fa male e pensaci.

domengio
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 205
Iscritto il: gio apr 22, 2010 5:44 pm

Re: RIFORMA O RUOLI CIVILI?

Messaggio da domengio » ven apr 23, 2010 2:07 pm

Grazie Roberto per la nuova risposta, ma essendo profano in materia i termini di sei mesi vanno dalla data di notifica del verbale della CMO o dalla data di notifica del decreto del Ministero Difesa?
Ovvero, il provvedimento di riforma parziale della CMO è avvenuto nel mese di marzo 2006 mentre il decreto di dipendenza o non da causa di servizio mi sta arrivando. Scommetto che sono passati i termini
Nel caso sono ancora in tempo puoi indicarmi qualche riferimento legislativo o atro per tale cosa?
Grazie
P.S. nessuno fino ad ora mi aveva parlato di tale facoltà

Rispondi