Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Feed - POLIZIA DI STATO

Rispondi
skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » dom nov 15, 2020 11:12 am

Di nuovo salve a tutti.
Venerdi scorso 13 novembre, l'Ufficio Sanitario non mi ha dato il giudiziio di idoneitò al rientro da un periodo di circa 2 mesi e mezzo di assenza per aspettativa per patologia SI dipendente da causa di servizio, cronica e ingravescemte più volte certificata da esperti specialisti di chirurgia vertebrale.
Inizialmente il medico sembrava propenso ad autorizzare il rientro in servizio, poi ha notato un lieve tremore delle mani (effetto collaterale del Soldesam, per chi non lo sapesse è un potente antinfiammatorio steroideo, un cortisonico insomma) e, dopo un lungo consulto con altro medico) mi ha chiesto di produrre un certificato medico della ASL dopo visita neurologica in quanto, ipse dixit, il sintomo non è compatibile col possesso dell'arma di ordinanza.
Successivamente, dopo una breve discussione, mi ha fatto notare che ormai da tempo le mie assenze dal servizio sono sempre più frequenti e prolungate contestando il fatto che i certificati prodotti sono stati emessi dal mio medico curante e non da loro.
A suo modo di vedere, nel secondo caso sarebbe stato più rilevante poiché sarebbero intervenuti con anticipo.
Gli ho fatto notare che in passato ho depositato più volte relazioni che certificavano l'aggravamento della patologia al punto che si renderebbe necessario un terzo intervento chirurgico nel tratto lombosacrale, al quale non intendo sottopormi poichè le probabilità di miglioramento sono residuali.
Ho anche fatto rilevare che più volte ho chiesto di essere rivalutato in sede CMO (o come ora si chiama, perdonate il lapsus) e loro stessi hanno sempre rifiutato adducendo il fatto che essendo già stato dichiarato parzialmente idoneo (nel 2009), non era possibile chiedere una revisione per addivenire alla c.d. riforma (nondimeno, mi avevano suggerito di dichiararmi sofferente di sindrome ansioso-depressiva, quindi dichiarare il falso, per ottenere la riforma per interdipendenza (ovviamente ho sempre rifiutato).
A quel punto, il medico, quasi entusiasta (!) mi ha sorprendentemente chiesto se accetterei la riforma (mettendo da parte il discorso visita neurologica), allettandomi con l'idea che con la riforma incasserei subito il TFS (insomma, un modo per spingermi ad accettare.
Ho detto che avrei accettato, a patto che sul verbale non facciano "scherzi", cioè attribuirla a presunte/pretese patologie di tipo neurologico.
Così, mi ha prescritto 19 gg. di riposo medico e il il 2 dicembre p.v, dovrò presentarmi avanti la Commissione previa notifica di convocazione (mi fa strano che non l'abbia già citato nel "certificato" della visita) per definire il tutto con la dispensa dal servizio per inabilità assoluta permanente al servizio (riforma, appunto).
Ora, di questi 19 giorni, dovrò chiederne 12 di aspettativa straordinaria senza assegni poiché nel frattempo sforerò il termine dei 18 mesi.
Mi è sorto il dubbio però che alla fine potrebbero "incastrarmi" e dispensarmi proprio per questo motivo (spero non ci provino).
Fatta questa lunga ma necessaria premessa, sono a chiedere agli esperti in materia:
1) riceverò stipendio e tredicesima se dovessi essere veramente riformato il 3 dicembre ?
2) come dovrò procedere per avere l'assegno pensionistico (e il TFS) prima possibile ? recarmi subito all'INPS o qualche patronato non appena in possesso del verbale ?
3)La quota di "privilegiata" mi verrà calcolata e attribuita automaticamente o dovrò comunque fare domanda ? (tra l'altro non ho mai ricevuto equo indennizzo o una tantum perchè a suo tempo la domanda fu considerata intempestiva).
Gli scatti aggiuntivi per il calcolo dell'assegno pensionistico e il TFS mi verranno anch'essi attribuiti automaticamente o anche per questi dovrò fare domanda ?
La mia situazione attuale è: 58anni di età appena compiuti, 35anni e 4 mesi di servizio compreso 1 anno di corso da Allievo Agente (arruolato nel 1985), 1 anno di naja dal 1981 al 1982 riscattato (si dice così ?) più ulteriori 14 mesi di contributi versati per lavori precedenti l'arruolamento (da ricongiungere (costa parecchio ? e se si, è conveniente ?).
Scusate per la lunghezza del post, ma essendo completamente a digiuno della materia ed avendo ricevuto la proposta di riforma del tutto inattesa, non vorrei compiere errori; in parole povere, voglio avere tutto ciò che mi spetta, non un centesimo in meno. :-D ;-)
Ah, qualifica Ispettore Superiore dal 2013.
Per l'eventuale calcolo compilo il modulo apposito se mi indicate dove scaricarlo.
Grazie di cuore a tutti.
Un saluto



Convenzionistituzioni.it
Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » dom nov 15, 2020 12:21 pm

skorpio62 ha scritto:
dom nov 15, 2020 11:12 am
Di nuovo salve a tutti.

Skorpio62, intanto beccati subito i migliori Auguri per la tua salute :lol:

Ti ho allegato, il modulo da sottoporre ai nostri esperti nella sezione calcoli pensionistici.



Andiamo alle risposte


Venerdi scorso 13 novembre, l'Ufficio Sanitario non mi ha dato il giudiziio di idoneitò al rientro da un periodo di circa 2 mesi e mezzo di assenza per aspettativa per patologia SI dipendente da causa di servizio, cronica e ingravescemte più volte certificata da esperti specialisti di chirurgia vertebrale.
Inizialmente il medico sembrava propenso ad autorizzare il rientro in servizio, poi ha notato un lieve tremore delle mani (effetto collaterale del Soldesam, per chi non lo sapesse è un potente antinfiammatorio steroideo, un cortisonico insomma) e, dopo un lungo consulto con altro medico) mi ha chiesto di produrre un certificato medico della ASL dopo visita neurologica in quanto, ipse dixit, il sintomo non è compatibile col possesso dell'arma di ordinanza.
Successivamente, dopo una breve discussione, mi ha fatto notare che ormai da tempo le mie assenze dal servizio sono sempre più frequenti e prolungate contestando il fatto che i certificati prodotti sono stati emessi dal mio medico curante e non da loro.
A suo modo di vedere, nel secondo caso sarebbe stato più rilevante poiché sarebbero intervenuti con anticipo.
Gli ho fatto notare che in passato ho depositato più volte relazioni che certificavano l'aggravamento della patologia al punto che si renderebbe necessario un terzo intervento chirurgico nel tratto lombosacrale, al quale non intendo sottopormi poichè le probabilità di miglioramento sono residuali.
Ho anche fatto rilevare che più volte ho chiesto di essere rivalutato in sede CMO (o come ora si chiama, perdonate il lapsus) e loro stessi hanno sempre rifiutato adducendo il fatto che essendo già stato dichiarato parzialmente idoneo (nel 2009), non era possibile chiedere una revisione per addivenire alla c.d. riforma (nondimeno, mi avevano suggerito di dichiararmi sofferente di sindrome ansioso-depressiva, quindi dichiarare il falso, per ottenere la riforma per interdipendenza (ovviamente ho sempre rifiutato).
A quel punto, il medico, quasi entusiasta (!) mi ha sorprendentemente chiesto se accetterei la riforma (mettendo da parte il discorso visita neurologica), allettandomi con l'idea che con la riforma incasserei subito il TFS (insomma, un modo per spingermi ad accettare.
Ho detto che avrei accettato, a patto che sul verbale non facciano "scherzi", cioè attribuirla a presunte/pretese patologie di tipo neurologico.
Così, mi ha prescritto 19 gg. di riposo medico e il il 2 dicembre p.v, dovrò presentarmi avanti la Commissione previa notifica di convocazione (mi fa strano che non l'abbia già citato nel "certificato" della visita) per definire il tutto con la dispensa dal servizio per inabilità assoluta permanente al servizio (riforma, appunto).
Ora, di questi 19 giorni, dovrò chiederne 12 di aspettativa straordinaria senza assegni poiché nel frattempo sforerò il termine dei 18 mesi.
Mi è sorto il dubbio però che alla fine potrebbero "incastrarmi" e dispensarmi proprio per questo motivo (spero non ci provino).
Fatta questa lunga ma necessaria premessa, sono a chiedere agli esperti in materia:


1) riceverò stipendio e tredicesima se dovessi essere veramente riformato il 3 dicembre ?

Certo che sì, la domanda va presentata presso un patronato, unitamente al verbale di riforma e se nello stesso verbale risultano già preesistenti cause di servizio riconosciute dal comitato di verifica tab b o A puoi fare contestualmente domanda di ppo (pensione privilegiata ordinaria)


2) come dovrò procedere per avere l'assegno pensionistico (e il TFS) prima possibile ? recarmi subito all'INPS o qualche patronato non appena in possesso del verbale ?

Per la pensione ti ho risposta sopra, per il Tfs è dufficio


3)La quota di "privilegiata" mi verrà calcolata e attribuita automaticamente o dovrò comunque fare domanda ? (tra l'altro non ho mai ricevuto equo indennizzo o una tantum perchè a suo tempo la domanda fu considerata intempestiva)

Otterrai la privilegiata solo qualora sei in possesso di causa di servizio riconosciuta o diversamente se in itinere non appena sarà definita con il parere del comitato di verifica roma


Inoltre la domanda va presentata tassativamente entro due anni dal giorno del congedo/riforma per non perdere gli arretrati che hanno decorrenza dal giorno successivo, diversamente anche dopo ma avrà decorrenza dal mese successivo alla presentazione.


.

Gli scatti aggiuntivi per il calcolo dell'assegno pensionistico e il TFS mi verranno anch'essi attribuiti automaticamente o anche per questi dovrò fare domanda ?

D'ufficio


La mia situazione attuale è: 58anni di età appena compiuti, 35anni e 4 mesi di servizio compreso 1 anno di corso da Allievo Agente (arruolato nel 1985), 1 anno di naja dal 1981 al 1982 riscattato (si dice così ?) più ulteriori 14 mesi di contributi versati per lavori precedenti l'arruolamento (da ricongiungere (costa parecchio ? e se si, è conveniente ?).

Qui, mi fermo, è competenza dei nostri esperti Oreste-Sasabl-Louis




Scusate per la lunghezza del post, ma essendo completamente a digiuno della materia ed avendo ricevuto la proposta di riforma del tutto inattesa, non vorrei compiere errori; in parole povere, voglio avere tutto ciò che mi spetta, non un centesimo in meno. :-D ;-)
Ah, qualifica Ispettore Superiore dal 2013.
Per l'eventuale calcolo compilo il modulo apposito se mi indicate dove scaricarlo.
Grazie di cuore a tutti.
Un saluto
Ciao Alberto
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » dom nov 15, 2020 12:51 pm

Grazie per gli auguri, mi sono molto graditi, grazie anche per la cortese risposta.
Si, la patologia è dipendente da causa di servizio, m'interessava sapere se in caso di riforma mi viene attribuita automaticamente dall'INPS o, appunto se devo fare richiesta (che a quel punto farei contestualmente alla domanda di pensione).
Inoltre, volevo capire come funziona per il ricongiungimento del periodo di lavoro esterno alla Polizia (è oneroso ? costa parecchio ? in tal caso, sarebbe conveniente ?) e se il periodo del corso da Allievo Agente viene calcolato automaticamente come servizio effettivo sia per la pensione che per il TFS o se devo fare una qualche domanda.
Grazie ancora. :D

59Andrea
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 237
Iscritto il: lun feb 04, 2019 11:35 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da 59Andrea » dom nov 15, 2020 1:10 pm

Ciao Skorpio62, non mi ritengo un esperto in materia, tuttavia mi sento di suggerirti cosa farei al tuo posto.
Assodato che con l’aspettativa non si ha la riduzione dello stipendio, continuerei con la convalescenza fino a quando è possibile con l’obiettivo di raggiungere i 60 anni e quindi beneficare del moltiplicatore ai fini pensionistici, sempre che non arrivi prima la riforma della CMO.
La data della riforma non comporta alcun danno pensionistico, anzi più si ritarda e più aumenta il rateo pensionistico.
In relazione al periodo da ricongiungere, per esperienza personale, consiglio di fare la domanda ed attendere la risposta dell’Inps e poi valutare l’eventuale convenienza, previo conteggio pensionistico con e senza ricongiunzione.
Per i conteggi devi compilare un modulo ed aspettare che ti risponda: Louis, Oreste o Sasbl.
Ad ogni modo aspettiamo il parere di altri prima di decidere.

59Andrea
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 237
Iscritto il: lun feb 04, 2019 11:35 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da 59Andrea » dom nov 15, 2020 1:24 pm

Skorpio, scusami ho dimenticato di precisare che la domanda di ricongiunzione, che non costa nulla, va presentata fino a quando sei in servizio.

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » dom nov 15, 2020 1:27 pm

skorpio62 ha scritto:
dom nov 15, 2020 12:51 pm
Grazie per gli auguri, mi sono molto graditi, grazie anche per la cortese risposta.



Si, la patologia è dipendente da causa di servizio,

Scusa se mi ripeto ricordiamoci sempre che la causa di servizio è riconosciuta quando è stata deliberata "Si" dal comitato di verifica, detto questo, era per ricordarlo a me stesso, quando verrai riformato va presentata domanda di pensione e ppo presso patronato

m'interessava sapere se in caso di riforma mi viene attribuita automaticamente dall'INPS ( NO)


appunto se devo fare richiesta(che a quel punto farei contestualmente alla domanda di pensione)
(Si)


Inoltre, volevo capire come funziona per il ricongiungimento del periodo di lavoro esterno alla Polizia (è oneroso ? costa parecchio ? in tal caso, sarebbe conveniente ?)

Personalmente farei subito la domanda visto che sei ancora in servizio e una volta che l'inps ti comunica il dovuto sarai libero di accettare o meno


Per entrambi i quesiti potrai avere una risposta molto esauriente se procedi con la compilazione del modulo anticipando questi 2 quesiti ai nostri esperti nel caso specifico Oreste i Sasabl,

Non temporeggiare oltre nel proporre perché se no ti ritrovi riformato e devi ancora chiedere :lol
:


e se il periodo del corso da Allievo Agente viene calcolato automaticamente come servizio effettivo sia per la pensione che per il TFS o se devo fare una qualche domanda.
Grazie ancora. :D
Ciao Alberto

59Andrea
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 237
Iscritto il: lun feb 04, 2019 11:35 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da 59Andrea » dom nov 15, 2020 1:51 pm

Alberto scusami ma Skorpio ha detto di essare in aspettaiva per causa di servizio riconosciutagli ma non ha ricevuto l'equo indennizzo per domanda intempestiva

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » dom nov 15, 2020 1:58 pm

59Andrea ha scritto:
dom nov 15, 2020 1:51 pm
Alberto scusami ma Skorpio ha detto di essare in aspettaiva per causa di servizio riconosciutagli ma non ha ricevuto l'equo indennizzo per domanda intempestiva
Ho... Ho... Cavoli e broccoletti... mi è sfuggito dove l'ha scritto.. Skorpio urge un tuo intervento

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » dom nov 15, 2020 2:07 pm

Allora, avevo totalmente dimenticato che, riporto testualmente dal mio profilo utente INPS:

Pratica di Ricongiunzione in FPLD da gestioni alternative Presentata il 26/05/2016 in gestione alla sede di: FIRENZE

Dimenticavo di averla inoltrata a suo tempo e sono letteralmente basito di non aver mai ricevuto alcuna comunicazione in merito.
Sono 344 gg di lavoro esterno nel periodo 1977/1984 e il servizio di leva !!! :evil: :evil: :evil:

Caro 59Andrea, purtroppo ho capito che questi non hanno nessuna intenzione di farmi rientrare, la patologia purtroppo è cronicizzata e devo ricorrere a cure palliative per gestire la sintomatologia dolorosa, non riesco più a stare in piedi nè seduto a lungo, se cammino dopo neanche un km mi devo fermare, anche se volessi (ci avevo pensato) seguire il tuo consiglio non potrei.
Sono reduce da due "sedute" (in realtà sono interventi chirurgici a tutti gli effetti) di blocchi antalgici per via peridurale sotto guida Tac (e credo che proprio il referto della visita specialistica e delle "sedute" abbiano messo in guardia il medico e la sua collega.
Grazie per il consiglio. ;-)
Ho compilato il modulo, per inviarlo devo postarlo qui o mandarlo in mp a qualcuno ?
Grazie ancora a tutti, siete davvero gentilissimi.

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » dom nov 15, 2020 2:08 pm

skorpio62 ha scritto:
dom nov 15, 2020 11:12 am
Di nuovo salve a tutti.
Venerdi scorso 13 novembre, l'Ufficio Sanitario non mi ha dato il giudiziio di idoneitò al rientro da un periodo di circa 2 mesi e mezzo di assenza per aspettativa per patologia SI dipendente da causa di servizio, cronica e ingravescemte più volte certificata da esperti specialisti di chirurgia vertebrale.
Inizialmente il medico sembrava propenso ad autorizzare il rientro in servizio, poi ha notato un lieve tremore delle mani (effetto collaterale del Soldesam, per chi non lo sapesse è un potente antinfiammatorio steroideo, un cortisonico insomma) e, dopo un lungo consulto con altro medico) mi ha chiesto di produrre un certificato medico della ASL dopo visita neurologica in quanto, ipse dixit, il sintomo non è compatibile col possesso dell'arma di ordinanza.
Successivamente, dopo una breve discussione, mi ha fatto notare che ormai da tempo le mie assenze dal servizio sono sempre più frequenti e prolungate contestando il fatto che i certificati prodotti sono stati emessi dal mio medico curante e non da loro.
A suo modo di vedere, nel secondo caso sarebbe stato più rilevante poiché sarebbero intervenuti con anticipo.
Gli ho fatto notare che in passato ho depositato più volte relazioni che certificavano l'aggravamento della patologia al punto che si renderebbe necessario un terzo intervento chirurgico nel tratto lombosacrale, al quale non intendo sottopormi poichè le probabilità di miglioramento sono residuali.
Ho anche fatto rilevare che più volte ho chiesto di essere rivalutato in sede CMO (o come ora si chiama, perdonate il lapsus) e loro stessi hanno sempre rifiutato adducendo il fatto che essendo già stato dichiarato parzialmente idoneo (nel 2009), non era possibile chiedere una revisione per addivenire alla c.d. riforma (nondimeno, mi avevano suggerito di dichiararmi sofferente di sindrome ansioso-depressiva, quindi dichiarare il falso, per ottenere la riforma per interdipendenza (ovviamente ho sempre rifiutato).
A quel punto, il medico, quasi entusiasta (!) mi ha sorprendentemente chiesto se accetterei la riforma (mettendo da parte il discorso visita neurologica), allettandomi con l'idea che con la riforma incasserei subito il TFS (insomma, un modo per spingermi ad accettare.
Ho detto che avrei accettato, a patto che sul verbale non facciano "scherzi", cioè attribuirla a presunte/pretese patologie di tipo neurologico.
Così, mi ha prescritto 19 gg. di riposo medico e il il 2 dicembre p.v, dovrò presentarmi avanti la Commissione previa notifica di convocazione (mi fa strano che non l'abbia già citato nel "certificato" della visita) per definire il tutto con la dispensa dal servizio per inabilità assoluta permanente al servizio (riforma, appunto).
Ora, di questi 19 giorni, dovrò chiederne 12 di aspettativa straordinaria senza assegni poiché nel frattempo sforerò il termine dei 18 mesi.
Mi è sorto il dubbio però che alla fine potrebbero "incastrarmi" e dispensarmi proprio per questo motivo (spero non ci provino).
Fatta questa lunga ma necessaria premessa, sono a chiedere agli esperti in materia:
1) riceverò stipendio e tredicesima se dovessi essere veramente riformato il 3 dicembre ?
2) come dovrò procedere per avere l'assegno pensionistico (e il TFS) prima possibile ? recarmi subito all'INPS o qualche patronato non appena in possesso del verbale ?
3)La quota di "privilegiata" mi verrà calcolata e attribuita automaticamente o dovrò comunque fare domanda ? (




TROVATA ( mea culpa) 😜


tra l'altro non ho mai ricevuto equo indennizzo o una tantum perchè a suo tempo la domanda fu considerata intempestiva).


Skorpio, sei in possesso del decreto di riconoscimento da parte del comitato di verifica?
🤔


Gli scatti aggiuntivi per il calcolo dell'assegno pensionistico e il TFS mi verranno anch'essi attribuiti automaticamente o anche per questi dovrò fare domanda ?
La mia situazione attuale è: 58anni di età appena compiuti, 35anni e 4 mesi di servizio compreso 1 anno di corso da Allievo Agente (arruolato nel 1985), 1 anno di naja dal 1981 al 1982 riscattato (si dice così ?) più ulteriori 14 mesi di contributi versati per lavori precedenti l'arruolamento (da ricongiungere (costa parecchio ? e se si, è conveniente ?).
Scusate per la lunghezza del post, ma essendo completamente a digiuno della materia ed avendo ricevuto la proposta di riforma del tutto inattesa, non vorrei compiere errori; in parole povere, voglio avere tutto ciò che mi spetta, non un centesimo in meno. :-D ;-)
Ah, qualifica Ispettore Superiore dal 2013.
Per l'eventuale calcolo compilo il modulo apposito se mi indicate dove scaricarlo.
Grazie di cuore a tutti.
Un saluto

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » dom nov 15, 2020 2:10 pm

zippone alberto ha scritto:
dom nov 15, 2020 1:58 pm
59Andrea ha scritto:
dom nov 15, 2020 1:51 pm
Alberto scusami ma Skorpio ha detto di essare in aspettaiva per causa di servizio riconosciutagli ma non ha ricevuto l'equo indennizzo per domanda intempestiva
Ho... Ho... Cavoli e broccoletti... mi è sfuggito dove l'ha scritto.. Skorpio urge un tuo intervento
Si si, la patologia mi è stata riconosciuta dipendente da causa di servizio nel '92, ma la domanda di equo indennizzo fu giudicata intempestiva da un ufficiale medico dell'Esercito.
Ora sto per sforare i 18mesi consecutivi, tanto che per arrivare al giorno in cui sarò valutato devo chiedere 12 gg di aspettativa speciale senza assegni. :evil:

oreste.vignati
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 2676
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da oreste.vignati » dom nov 15, 2020 2:13 pm

skorpio62 ha scritto:
dom nov 15, 2020 12:51 pm
Grazie per gli auguri, mi sono molto graditi, grazie anche per la cortese risposta.
Si, la patologia è dipendente da causa di servizio, m'interessava sapere se in caso di riforma mi viene attribuita automaticamente dall'INPS o, appunto se devo fare richiesta (che a quel punto farei contestualmente alla domanda di pensione).
Inoltre, volevo capire come funziona per il ricongiungimento del periodo di lavoro esterno alla Polizia (è oneroso ? costa parecchio ? in tal caso, sarebbe conveniente ?) e se il periodo del corso da Allievo Agente viene calcolato automaticamente come servizio effettivo sia per la pensione che per il TFS o se devo fare una qualche domanda.
Grazie ancora. :D
cercherò di darti ulteriori risposte oltre ai mitici alberto e 59andrea
il ricongiungimento del periodo esterno è oneroso, indicativamente circa 6000 euro per ogni anno,
oppure potrai richiedere il cumulo gratuito e questo avverrà a 67 anni ma calcolato con il sistema contributivo,
comunque quando inserirai i dati ricordati di indicare le date del periodo da ricongiungere in modo da poterti dare indicazioni su quanto andrai a percepire cosi da poter decidere al meglio.
il corso è valido ai fini pensionistici, ma perchè sia considerato ai fini tfs devi riscattarlo.
tutte queste cose tranne il cumulo gratuito le devi fare prima di essere riformato, poi deciderai se accettare o meno.
per ora non terminiamo qui ne hai già abbastanza, ti servirà per essere impegnato e spero per darti un pò di sollievo.
per qualsiasi dubbio non esitare a scrivere, qui potrai trovare la soluzione a quasi tutti i quesiti, grazie al contributo di numerosissimi colleghi e pensionati.
ti posso solo fare i migliori auguri per la tua salute e il tuo futuro.
buona domenica

oreste.vignati
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 2676
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da oreste.vignati » dom nov 15, 2020 2:15 pm

skorpio62 ha scritto:
dom nov 15, 2020 2:07 pm
Allora, avevo totalmente dimenticato che, riporto testualmente dal mio profilo utente INPS:

Pratica di Ricongiunzione in FPLD da gestioni alternative Presentata il 26/05/2016 in gestione alla sede di: FIRENZE

Dimenticavo di averla inoltrata a suo tempo e sono letteralmente basito di non aver mai ricevuto alcuna comunicazione in merito.
Sono 344 gg di lavoro esterno nel periodo 1977/1984 e il servizio di leva !!! :evil: :evil: :evil:

Caro 59Andrea, purtroppo ho capito che questi non hanno nessuna intenzione di farmi rientrare, la patologia purtroppo è cronicizzata e devo ricorrere a cure palliative per gestire la sintomatologia dolorosa, non riesco più a stare in piedi nè seduto a lungo, se cammino dopo neanche un km mi devo fermare, anche se volessi (ci avevo pensato) seguire il tuo consiglio non potrei.
Sono reduce da due "sedute" (in realtà sono interventi chirurgici a tutti gli effetti) di blocchi antalgici per via peridurale sotto guida Tac (e credo che proprio il referto della visita specialistica e delle "sedute" abbiano messo in guardia il medico e la sua collega.
Grazie per il consiglio. ;-)
Ho compilato il modulo, per inviarlo devo postarlo qui o mandarlo in mp a qualcuno ?
Grazie ancora a tutti, siete davvero gentilissimi.
dovresti postarlo nella apposita sezione "inps calcoli pensionistici"

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » dom nov 15, 2020 2:16 pm

zippone alberto ha scritto:
dom nov 15, 2020 2:08 pm
Skorpio, sei in possesso del decreto di riconoscimento da parte del comitato di verifica?
🤔
Non saprei nemmeno dove andarlo a cercare, comunque all'epoca non esisteva il comitato di verifica, si andava alla CMO all'ospedale militare.
Ho il verbale con cui vengo dichiarato parzialmente idoneo (nel 2009) ma non c'è neanche scritto a quale tabella e categoria perchè mi fecero un cumulo con altre 2 (cervicale e ginocchio sx causa incidente stradale in servizio).

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » dom nov 15, 2020 2:19 pm

oreste.vignati ha scritto:
dom nov 15, 2020 2:13 pm
cercherò di darti ulteriori risposte oltre ai mitici alberto e 59andrea
il ricongiungimento del periodo esterno è oneroso, indicativamente circa 6000 euro per ogni anno,
oppure potrai richiedere il cumulo gratuito e questo avverrà a 67 anni ma calcolato con il sistema contributivo,
comunque quando inserirai i dati ricordati di indicare le date del periodo da ricongiungere in modo da poterti dare indicazioni su quanto andrai a percepire cosi da poter decidere al meglio.
il corso è valido ai fini pensionistici, ma perchè sia considerato ai fini tfs devi riscattarlo.
tutte queste cose tranne il cumulo gratuito le devi fare prima di essere riformato, poi deciderai se accettare o meno.
per ora non terminiamo qui ne hai già abbastanza, ti servirà per essere impegnato e spero per darti un pò di sollievo.
per qualsiasi dubbio non esitare a scrivere, qui potrai trovare la soluzione a quasi tutti i quesiti, grazie al contributo di numerosissimi colleghi e pensionati.
ti posso solo fare i migliori auguri per la tua salute e il tuo futuro.
buona domenica
'azz ! 6mila euro per ogni anno ? e per avere quanto di più, pochi spiccioli ?
Si, mi devo dar da fare, mi restano pochi giorni da qui al 3 dicembre.
Grazie ragazzi, siete fantastici.
Buona domenica a Voi.

Rispondi