Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Feed - POLIZIA DI STATO

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » lun nov 16, 2020 11:10 pm

Ok Alberto, farò come dici. Già mi immagino le facce in Ufficio che si chiederanno "ma come, non è già dipendente da causa di servizio ? sei matto ?" :D :D :D



Convenzionistituzioni.it
skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » lun nov 16, 2020 11:29 pm

In pratica devo recuperare dall'Ufficio Malattie i 3 verbali, quello (più importante) della patologia riguardante la schiena, quello relativo al mod. C e quello dell'incidente in itinere, giusto ?
E sulla base delle patologie riscontrate, rifare da punto a capo domanda di riconoscimento da causa di servizio e aggravamento dettagliando.
Insomma, tutto ex novo come se niente fosse stato o giù di lì.
Corretto ?
Domanda: se non dovessi fare in tempo, a cosa andrei incontro in Commissione ?

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » lun nov 16, 2020 11:59 pm

skorpio62 ha scritto:
lun nov 16, 2020 11:29 pm
In pratica devo recuperare dall'Ufficio Malattie i 3 verbali, quello (più importante) della patologia riguardante la schiena, quello relativo al mod. C e quello dell'incidente in itinere, giusto ?

Ciò che stupisce, è il fatto che queste patologie tra l'altro già cause di servizio mod. C, oltre che non si trova riscontro nel verbale della CMO ma che non siano state neanche richieste le ascrizione a tabella e contestuale equo indennizzo per quest'ultimo da farsi entro i 6 mesi dal riconoscimento che era diretto ed esclusivo della CMO e non doveva andare al comitato, ora l'equo indennizzo non può essere più richiesto ma l'ascrizione a tabella si, e sarebbe opportuno e doveroso che tali modelli tu ne avessi copia.

E sulla base delle patologie riscontrate, rifare da punto a capo domanda di riconoscimento da causa di servizio e aggravamento dettagliando.
Insomma, tutto ex novo come se niente fosse stato o giù di lì.

No, per tutti i modelli C, ora va richiesta semplicemente l'ascrizione a tabella, poi è evidente che se per taluni ci fosse anche della certificazione recente sarebbe meglio, poiché potrebbe verificarsi un Sl riconosciuta ma non classificata (N. C.) ecco la ragione per cui quando c'è un modello C entro pochi mesi ne va richiesto l'ascrizione a tabella e la concessione di equo indennizzo, proprio perché c'è documentazione medica recente.


Quando, si ricorre successivamente come nel caso specifico è bene per non rischiare una N. C ( non classificata che ci sia qualche referto recente che da parvenza della patologia in atto.

LA cosa positiva del mod. C è che c'è sempre tempo per richiedere l'ascrizione a tabella


Corretto ?
Domanda: se non dovessi fare in tempo, a cosa andrei incontro in Commissione ?
Nulla, ma quel giorno, ponendo alla commissione medica ( in modo un po' non convenzionale) quante più situazioni /patologia di cui sei affetto potrebbe fare la differenza tra ascrizione a tabella dei mod C ed esprimersi con una Tab A importante.

Ecco la necessità di fare la domanda di ascrizione poiché diversamente allo stato attuale esiste solo uno o più mod. C che riconoscono solo la causa di servizio è basta.


Ciao Alberto

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » mar nov 17, 2020 12:34 am

Alberto, la patologia di instabilità vertebrale risale al '92.
Quelle molto più lievi risalgono a molti anni dopo.
Non hanno niente a che fare con l'instabilità vertebrale, non sono minimamente legate.
Infatti, l'idoneità parziale è stata decretata solo ed esclusivamente a seguito dei postumi dell'intervento del 2009 quando mi impiantarono i distanziatori interspinosi.
In quella circostanza, fecero un cumulo di tutte le patologie ma quella determinante e prevalente fu proprio quella relativa alla colonna vertebrale.
Le altre erano un mero contorno.

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » mar nov 17, 2020 12:53 am

skorpio62 ha scritto:
lun nov 16, 2020 11:10 pm
Ok Alberto, farò come dici. Già mi immagino le facce in Ufficio che si chiederanno "ma come, non è già dipendente da causa di servizio ? sei matto ?" :D :D :D
Mi devi perdonare ma sicuramente sto diventando logorroico.

La tematica delle cause di servizio con le varie diversificazione e benefici a volte mette in difficoltà interpretativa anche chi ne ha una discreta conoscenza.

Ciò che è fuorviante nel caso specifico è che si tramanda da verbale a verbale compreso la 2°istanza che è si causa di servizio, qui non è in discussione che è e lo sarà,ma il fatto che non sia stata deliberata ultimamente alcuna valutazione del comitato di verifica e questa è la ragione per cui puoi ottenere anche una 5" cat tab A ma, nell'immediato non ti darà diritto a fare istanza di equo indennizzo o fare la domanda di ppo, poiche bisognerà attendere quel parere a cui, vedrai la CMO dopo tutte le valutazioni tra mod. C e valutazione ti ascriverà mi auguro per te una Tab A giusta che possa ripagarti in parte tutte le sofferenze fisiche e richiederà il parere al comitato di verifica.

Quando giungerà tale parere potrai avanzare la richiesta di ppo.

Fatta questa premessa, spero di non essermi incartato, passiamo ai mod. C che a differenza della patologia in atto che dovrà seguire l'iter sopra descritto, qui ci troviamo anni avanti, nel senso : ho un mod. C, bene, chiedo l'ascrizione a tabella per aggravamento, questa procedura viene gestita in toto dalla CMO che esprime parere e assegna la Tab a o b, senza acquisire alcun parere dal comitato poiché è un atto svincolato, questa procedura ti permette immediatamente di avanzare domanda di ppo

Concludendo

Hai remore nel presentare una a domanda di riconoscimento causa di servizio per la patologia prevalente in atto, bene, lo farai dopo non appena ti verrà consegnato il verbale di riforma dalla cmo

Allora, recupera i mod. C vedi se per qualcuno puoi far valere della documentazione medica recente e fai subito domanda di ascrizione a tabella ai fini di ppo.

Ciao Alberto

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » mar nov 17, 2020 1:51 am

.Grazie Alberto.
No, nessuna remora, farò tutto quello che è nel mio interesse.
Alcuni dei miei dubbi sono dovuti a pareri confusi e contraddittori che (in assoluta buona fede) mi giungono da altre fonti.
Domani o al più tardi dopodomani (purtroppo ho altre incombenze altrettanto urgenti alle quali attendere), mi recherò presso l'Ufficio Malattie e prenderò copia dei verbali e avrò cura di redigere nuova domanda di riconoscimento come da Voi indicato.
Non sei tu logorroico, ma io tardo di comprendonio e disinformato: non sapevo che la causa di servizio per la schiena, quella totalmente invalidante, dovesse essere "validata" ulteriormente.
Mea culpa, mea maxima culpa.
Non ho intenzione di rinunciare neanche a un centesimo di ciò che mi spetta.
Grazie ancora.
Appena avrò acquisito i verbali li sottoporrò alla Vostra attenzione, sì che possiate ulteriormente consigliarmi per il meglio su come redigere la nuova domanda.
Buonanotte

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » mar nov 17, 2020 12:03 pm

skorpio62 ha scritto:
mar nov 17, 2020 1:51 am
.Grazie Alberto.
No, nessuna remora, farò tutto quello che è nel mio interesse.
Alcuni dei miei dubbi sono dovuti a pareri confusi e contraddittori che (in assoluta buona fede) mi giungono da altre fonti.

Ritengo che con il carico di informazioni fornite, anche noi abbiamo contribuito ad alimentare i dubbi.
Purtroppo, capita sempre più spesso che quando vengono posti i quesiti sulle cause di servizio ci si limita a una mera richiesta di circostanza in realtà si dovrebbe fare uno storico dettagliato, proprio in virtù che molte cause di servizio appartengono agli anni 90 quando il riconoscimento è l'equo indennizzo erano distinti tra CMO e il famoso CPPO.


Domani o al più tardi dopodomani (purtroppo ho altre incombenze altrettanto urgenti alle quali attendere),
mi recherò presso l'Ufficio Malattie e prenderò copia dei verbali e avrò cura di redigere nuova domanda di riconoscimento come da Voi indicato.

Facciamo un momento di reset, serve a te per avere un quadro generale della situazione e a me, Andrea e altri colleghi che interverranno per rifare il punto, visto che sei prossimo al confronto in Cmo.


Sto leggendo ciò che è riportato nei dati anamnestici (infermità d.c.s "ernia discale l5-s1 pv 204 ab del 27.5.92 della C. M di 2' istanza" per cui l'infermità riconosciuta allora è tuttora valida solo che è priva della fase di equo indennizzo che come già spiegato era un atto a parte e da fare richiesta entro i 6 mesi.
Ciò non si è verificato per varie ragioni, pazienza, ma però....... ti è stato precluso in seguito ogni beneficio di equo indennizzo successivo, questo in relazione a quella svista iniziale.


Quindi, come più volte ti ho ricordato il riconoscimento e gli aggravamenti ci sono e sono riconosciuti ma privi di quel beneficio economico.

Per cui, tralascia per il momento là presentazione della domanda di questa patologia prevalente, aspetta l'esito finale della visita presso la CMO e quando sarai in possesso del verbale farai una istanza unica di riconoscimento ai fini di ppo.

Questa seguirà l'iter, dal tuo ufficio con una breve istruttoria arriverà al comitato di verifica che esaminerà tutte le patologie indicate fornendo il proprio parere sul riconoscimento delle patologie oppure non dichiarare tali alcune, questa è una valutazione propria ed esclusiva.

Finalmente, quando giungerà l'esito del comitato potrai fare domanda di ppo.

È questo è un primo step.



Ora, passiamo alla vicenda dei mod. C, dovresti recuperare questa documentazione, in modo da verificare la patologia riportata e valutare quale utilizzare in maniera prevalente per l'ascrizione a tabella e sfruttarlo nell'immediato come domanda di ppo, poiché come detto, il modello C è già una causa di servizio riconosciuta non necessita del parere del comitato di verifica, ma di avere una propria ascrizione con tabella con successivo beneficio di una tantum o equo indennizzo, però, richiesta da farsi entro i 6 mesi dal verbale della CMO, tu per ora come beneficio potrai chiedere solo l'ascrizione a tabella per la ppo.



Adesso, passiamo alla fase conclusiva.
Ipotesi
Non presento alcuna istanza
Ho deciso di aspettare la visita e contestuale riforma, bene, procurati copia dei modelli C, più documentazione medica, fine ad evidenziare una sintomatologia ancora in atto o qualunque certificazione medica anche pregressa, evidenziando il tutto alla commissione medica, che nella circostanza di specie potrebbe optare per un cumulo dando luogo ad una Tab a o b, purtroppo, questa operazione o la fai a domanda oppure aggiri l'ostacolo, poiché dei mod. C, non c'è traccia nel verbale che hai postato.


Bene, spero di non aver dimenticato altre indicazioni, per cui rilassati e affronta il tutto con calma, le soluzioni ci sono.

Ciao Alberto





Non sei tu logorroico, ma io tardo di comprendonio e disinformato: non sapevo che la causa di servizio per la schiena, quella totalmente invalidante, dovesse essere "validata" ulteriormente.
Mea culpa, mea maxima culpa.
Non ho intenzione di rinunciare neanche a un centesimo di ciò che mi spetta.
Grazie ancora.
Appena avrò acquisito i verbali li sottoporrò alla Vostra attenzione, sì che possiate ulteriormente consigliarmi per il meglio su come redigere la nuova domanda.
Buonanotte

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » mar nov 17, 2020 3:20 pm

Per info, a voi risulta che la CMO si riunisca nei nostri Uffici Sanitari ? Perchè è lì che mi dovrò presentare il 2 dicembre per questa benedetta riforma.
Ok, Alberto, farò come dici, ho già chiamato l'Ufficio Malattie per reperire quel modello C.
Altra nota, il cumulo fu fatto nel 2009, quindi suppongo sia stato ascritto alla cat. F+ e se ben ricordo cat. 7a.
Anche allora feci richiesta di una tantum e mi fu rigettata ugualmente.
Ora mi dedicherò a contattare l'Inps per la ricongiunzione dei periodi lavorativi extra Polizia e del servizio di leva.
La richiesta di ricongiunzione dei 12 mesi di corso da A.A. ai fini del TFS devo presentarla al mio Ufficio ?
Ulltima cosa (tanto per aggiungere confusione :D ), considerando che a tutti gli effetti non sono in grado di svolgere alcuna attività lavorativa, dovrò farlo rilevare alla Commissione ?

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » mar nov 17, 2020 3:59 pm

skorpio62 ha scritto:
mar nov 17, 2020 3:20 pm
Per info, a voi risulta che la CMO si riunisca nei nostri Uffici Sanitari ? Perchè è lì che mi dovrò presentare il 2 dicembre per questa benedetta riforma.
Ok, Alberto, farò come dici, ho già chiamato l'Ufficio Malattie per reperire quel modello C.
Altra nota, il cumulo fu fatto nel 2009,

quindi suppongo sia stato ascritto alla cat. F+ e se ben ricordo cat. 7a.
Per questo avevo chiesto di postare
il quadro EI/PP Sezione EI e Sezione PP del verbale, vediamo cosa è riportato.



Anche allora feci richiesta di una tantum e mi fu rigettata ugualmente.
Ti ho scritto il motivo, quella mancata richiesto di equo indennizzo del lontano anno 90



Ora mi dedicherò a contattare l'Inps per la ricongiunzione dei periodi lavorativi extra Polizia e del servizio di leva.
La richiesta di ricongiunzione dei 12 mesi di corso da A.A. ai fini del TFS devo presentarla al mio Ufficio ?

Quesito per Oreste e Sasabl


Ulltima cosa (tanto per aggiungere confusione :D ), considerando che a tutti gli effetti non sono in grado di svolgere alcuna attività lavorativa, dovrò farlo rilevare alla Commissione ?
Non aggiungi confusione, la vicenda in esame ha avuto diverse evoluzioni, ma fino ad ora (credo) non c'è verbale che annovera tutti i passaggi nella sezione EI/PP.

Come ricorderai, con Andrea avevamo toccato il discorso della 335,poiché, stante la severità della patologia, la commissione potrebbe(usiamo il condizionale) anche riconoscerti, l'articolo 2, comma 12, legge 8 agosto 1995, n. 335 nel caso in cui la cessazione del servizio sia dovuta a infermità non dipendente da causa di servizio (questa è una ipotesi) nell'assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa, premesso che tu hai già la causa di servizio riconosciuta, ma, ricordati che nel caso di specie è ufficiosa e non ufficiale, sempre per quel benedetto equo indennizzo non richiesto, per cui anche se ti assegnano una tab A importante il tutto dovrà sempre essere valutato dal comitato.

Ora, tra una tab A importante e una ipotetica 335,verrebbe applicata quella più conveniente




Alberto

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » mar nov 17, 2020 4:14 pm

Purtroppo quel verbale devo recuperarlo perchè come hai visto in quello del 2009 che decreta l'idoneità parziale non è riportata neanche la categoria.
Con l'Inps già fatto. Appuntamento telefonico per giovedi.
Per l'ipotetica 335 quindi, se ho ben capito valuteranno d'ufficio.
Ok. Beh, documentazione medica ne ho in abbondanza, idem esami diagnostici dai più recenti a quelli meno (l'ultima rmn l'ho fatta lo scorso luglio e il medico ha acquisito in copia il referto così come quelli degli specialisti che negli anni mi hanno seguito, terapista del dolore compresa).

oreste.vignati
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 2676
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da oreste.vignati » mar nov 17, 2020 9:34 pm

skorpio62 ha scritto:
mar nov 17, 2020 3:20 pm
Per info, a voi risulta che la CMO si riunisca nei nostri Uffici Sanitari ? Perchè è lì che mi dovrò presentare il 2 dicembre per questa benedetta riforma.
Ok, Alberto, farò come dici, ho già chiamato l'Ufficio Malattie per reperire quel modello C.
Altra nota, il cumulo fu fatto nel 2009, quindi suppongo sia stato ascritto alla cat. F+ e se ben ricordo cat. 7a.
Anche allora feci richiesta di una tantum e mi fu rigettata ugualmente.
Ora mi dedicherò a contattare l'Inps per la ricongiunzione dei periodi lavorativi extra Polizia e del servizio di leva.
La richiesta di ricongiunzione dei 12 mesi di corso da A.A. ai fini del TFS devo presentarla al mio Ufficio ?
Ulltima cosa (tanto per aggiungere confusione :D ), considerando che a tutti gli effetti non sono in grado di svolgere alcuna attività lavorativa, dovrò farlo rilevare alla Commissione ?
per quanto riguarda la richiesta di ricongiunzione del periodi lavorativi esterni, va fatta direttamente tramite il portale inps oppure recandoti ad un patronato;
il servizio di leva è già riconosciuto, ai fini pensionistici, semmai lo puoi riscattare ai fini TFS, stessa procedura di sopra;
per il periodo del corso da A.A. (riscatto) in passato si faceva tramite ufficio amministrativo contabile, prova a sentire il tuo, ma credo che dovrai fare la procedura come sopra.
per farlo personalmente devi essere in possesso delle credenziali inps, se non le hai già, prima di averle ti devi dotare delle credenziali SPID.
prendi appuntamento da un patronato e farai tutto da loro.
se non lo avevo già scritto prima, tutte queste cose vanno fatte prima della eventuale riforma.

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » mer nov 18, 2020 10:22 am

Grazie Oreste.
Domani ho appuntamento con l'INPS (causa Covid "ricevono" solo per telefono).
Poi andrò al patronato, non so se l'Inpas va bene, ma spero di si.
Intanto mi è arrivata la convocazione per il 3 p.v.
Domattina prenderò contatto con l'Ufficio Amministrativo Contabile.
Vi aggiornerò.
Ancora grazie.

skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » ven dic 11, 2020 2:21 pm

Salve ragazzi, scusate la prolungata assenza. Vi aggiorno. Due giorni fa visita in CMV. Si sono rimangiati tutto, il nostro medico soprattutto, con metodi assai poco urbani (per usare un eufemismo) mi ha ribadito che lo status di parzialmente idoneo in pratica corrissponde ad essere già riformato e per essere dichiarato non idoneo assoluto dovrei essere nella condizione di non poter svolgere nessuna attività lavorativa.
Vabbé, non vi sto ad annoiare sulla diatriba che ne è sorta e sull'atteggiamento che personalmente ritengo che un medico non debba mai avere nei confronti di un paziente, ma per alcuni evidentemente non siamo tali ma loschi personaggi che vogliono solo fot***e l'Amministrazione e quindi da guardare con sospetto. Per contro, la sorpresa finale: 3 mesi t.n.i. con prescrizione di visita neurologica presso struttura pubblica, causa lieve tremore alle mani (a niente è servito ribaadire che è l'effetto che mi fanno i cortisonici che sono costretto ad assumere per tenere sotto controllo la sintomatologia dolorosa lombosacrale. Morale della favola, mi vedo costretto a chiedere 3 mesi di aspettativa straordinaria a stipendio zero.
Inutile dirvi che sono letteralmente basito, ma anche parecchio inc***at* per come sono stato trattato in presenza di altre numerose persone e per la sufficienza con la quale l'ortopedico mi ha visitato (2 minuti !!!).
Last but not least, gli esami diagnostici non li hanno neanche degnati di uno sguardo.
Un caro saluto a tutti voi.

Avatar utente
nonno Alberto
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 1277
Iscritto il: lun giu 27, 2011 3:20 pm

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da nonno Alberto » ven dic 11, 2020 4:13 pm

skorpio62 ha scritto:
ven dic 11, 2020 2:21 pm
Salve ragazzi, scusate la prolungata assenza. Vi aggiorno. Due giorni fa visita in CMV. Si sono rimangiati tutto, il nostro medico soprattutto, con metodi assai poco urbani (per usare un eufemismo) mi ha ribadito che lo status di parzialmente idoneo in pratica corrissponde ad essere già riformato e per essere dichiarato non idoneo assoluto dovrei essere nella condizione di non poter svolgere nessuna attività lavorativa.
Vabbé, non vi sto ad annoiare sulla diatriba che ne è sorta e sull'atteggiamento che personalmente ritengo che un medico non debba mai avere nei confronti di un paziente, ma per alcuni evidentemente non siamo tali ma loschi personaggi che vogliono solo fot***e l'Amministrazione e quindi da guardare con sospetto. Per contro, la sorpresa finale: 3 mesi t.n.i. con prescrizione di visita neurologica presso struttura pubblica, causa lieve tremore alle mani (a niente è servito ribaadire che è l'effetto che mi fanno i cortisonici che sono costretto ad assumere per tenere sotto controllo la sintomatologia dolorosa lombosacrale. Morale della favola, mi vedo costretto a chiedere 3 mesi di aspettativa straordinaria a stipendio zero.
Inutile dirvi che sono letteralmente basito, ma anche parecchio inc***at* per come sono stato trattato in presenza di altre numerose persone e per la sufficienza con la quale l'ortopedico mi ha visitato (2 minuti !!!).
Last but not least, gli esami diagnostici non li hanno neanche degnati di uno sguardo.
Un caro saluto a tutti voi.

Fai il punto della situazione con il Dott. Pierluigi Fanetti Medico legale, presente nella sezione il medico legale risponde.

Poi, con calma, ma molta calma fatti scivolare il tutto e preparati a cosa vuoi fare o ottenere tra 3 mesi.

Avresti potuto non accettare il giudizio e ricorrere in 2° istanza, giusto per rompere in po' le 🍒 se ho ben capito, ormai punti alla riforma anche in considerazione dello stato di salute.

Questa volta il verbale è completo di tutte le cause di servizio pregresse?

Torno nuovamente sull'argomento aspettativa senza stipendio, c'è qualcosa che non torna, se la malattia per convalescenza è riconosciuta come causa di servizio come hai già affermato, anche se fosse accompagnata da altre ma risulta prevalente, non deve verificarsi alcuna interruzione stipendiale.

Se l'obiettivo è quello di essere riformato tra tre mesi, fai un consulto con un medico legale e fatti assistere.

Ciao Alberto





skorpio62
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar set 23, 2014 8:43 am

Re: Riforma imminente. Procedura per pensione e tfs e calcoli relativi.

Messaggio da skorpio62 » dom dic 13, 2020 4:54 pm

La cosa paradossale è che era stato un medico dell'Ufficio Sanitario a propormi la riforma, poi l'altro giorno tutto è cambiato. Mi dicono che hanno riscontrato questo "tremore volontario" e che va indagato, La riforma per la patologia alla schiena è impossibile in quanto già "riformato" (idoneità parziale) per causa di servizio nel 2009 e che l'unica riforma possibile (escludendo il caso di inabilità totale a qualsiasi attività lavorativa) è possibile solo per patologie non dipendenti da causa di servizio o ulteriori patologie che non sono compatibili con la detenzione dell'arma di ordinanza.
Nel verbale è citato che nel 2009 sono stato dichiarato parzialmente idoneo dalla CMO.
Non c'è riferimento alla SI dipendenza da causa di servizio che ha determinato l'idoneità parziale a suo tempo.
E' specificato che i 3 mesi di di t.n.i. sono esclusivamente all'infermità di cui al punto A, vale a dire il tremore alle mani, niente a che fare con la schiena.
Per quanto concerne l'aspettativa speciale senza stipendio, è dovuta al fatto che proprio in questi giorni ho superato i 18 mesi consecutivi.
Nel frattempo, per mio scrupolo, in attesa della visita neurologica presso la ASL ho già fissato una visita con un neurologo in regime di libera professione.
Grazie Alberto.

Rispondi