Richiesta di chiarimenti su art 54

Feed - POLIZIA DI STATO

Gianfranco64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 48
Iscritto il: mer feb 21, 2018 9:36 am

Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Gianfranco64 » lun dic 02, 2019 5:40 pm

Art. 54, un mistero irrisolto.

Premesso che sono favorevole all’applicazione dell’art. 54, ma ritengo ingiusto che i colleghi si debbano affidare alla lotteria delle sentenze, sperando di incontrare un giudice favorevole
Ritenendo giustissime le sentenze favorevoli all’applicazione dell’art. 54 trovo un’ingiustizia le sentenze sfavorevoli , con danno economico da parte di chi ha trovato giudicanti non favorevoli all’applicazione della norma, creando una discrepanza tra medesimi lavoratori soggetti alle medesime norme ma che usufruiscono di un trattamento di quiescenza diverso ( determinato dai tribunali e non dall’ INPS).
Ad oggi nel forum ho letto di varie sentenze favorevoli, ma non ho mai letto di chi ha vinto il ricorso ed abbia riferito di quanto gli sia variata la quota A (parte retributiva) con l’applicazione dell’art. 54.
Causa la mia incapacità a valutare gli aggiornamenti per l’applicazione dell’ 54 mi sono posto dei quesiti, spero che qualche esperto del forum possa fornire delle risposte, per chierire i miei dubbi ed eventualmente quelli di altri colleghi interessati.
Tra le varie informazioni acquisite, la differenza tra l’applicazione dell’art 44 e quella dell’art 54 consisterebbe nella differenza del coefficiente annuale, ovvero
Art 44- 2,33
Art 54-2,93
Art 44,-- 35% per i primi 15 anni
Art . 54—44% tra i 15 ed i 20 anni poi 1,8 per gli anni successivi, con un massimo dell’80%
Ora a mio modesto parere nel caso di applicazione dell’art .54 non si dovrebbe parlare di coefficiente del 2,93, ma solo di 44%
Ovvero
anni 15 x 2,93 percentuale 43,95
anni 16 x 2,93 percentuale 46,88
anni 17 x 2,93 percentuale 49,81
anni 18 x 2,93 percentuale 52,74
anni 19 x2,93 percentuale 55,67
anni 20 percentuale come da Art 54 44%
pertanto tra i 15 ed i 20 44% per tutti , altrimenti con il coefficiente 2,93 si creerebbero le disparita riportate in tabella, comuque quasi tutte superiori al limite massimo indicato nella norma.
Stante la tabella di cui sopra mi piacerebbe capire le modalita di aggiornamento delle percentuali applicate dall’ INPS a seguito delle sentenze sfavorevoli.
Prego i colleghi del forum di poter chiarire questi miei dubbi, che credo interessino anche agli altri frequentatori.



Gianfranco64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 48
Iscritto il: mer feb 21, 2018 9:36 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Gianfranco64 » lun dic 02, 2019 9:41 pm

Ulteriore quesito.
leggo che l'art 54 va applicato per la parte contributiva ai MILITARI con non meno di 15 e non piu di 20 anni.
quindi con quale normativa ai Militari con 14 anni ed 11 mesi viene applicata l'aliquota dei civili, o meglio in base a quale normativa viene applicata la medesima norma per i civili e militari.
Se non ci fossero ulteriori normative che specifichino il coefficiente , non sarebbe giusto applicare il medesimo coefficiente anche per i 14 13 12 11 10.... per tutta la parte calcolata come retributiva.
Per la polizia, poiche la norma parla anche degli appartenenti al Corpo di Pubblica Sicurezza poi passato Polizia di Stato. Poiche è rimasto ad organizzazione militare, con tutti gli oneri ed onori dei militari, tantè che hanno dovuto istituire il comparto sicurezza. Poichè sono rimasti in corso il sistema retributivo ed il sistema pensionistico al pari dei Militari ( gli impegati civili vanno in pensione dopo i 66), con quale normativa è stato escluso dalla normativa del 1979.
Presumo che se fossero chiariti questi due punti, tutti i militari e Poliziotti arruolati fino al 1995, quindi percettori di una parte retributiva dell'importo pensionistico potrebbero chiedere una rivalutazione del coefficiente di 2,93 per ogni anno di servizio fino al 1995.

Gianfranco64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 48
Iscritto il: mer feb 21, 2018 9:36 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Gianfranco64 » lun dic 02, 2019 9:46 pm

Ulteriore quesito.
leggo che l'art 54 va applicato per la parte contributiva ai MILITARI con non meno di 15 e non piu di 20 anni.
quindi con quale normativa ai Militari con 14 anni ed 11 mesi viene applicata l'aliquota dei civili, o meglio in base a quale normativa viene applicata la medesima norma per i civili e militari.
Se non ci fossero ulteriori normative che specifichino il coefficiente , non sarebbe giusto applicare il medesimo coefficiente anche per i 14 13 12 11 10.... per tutta la parte calcolata come retributiva.
Per la polizia, poiche la norma parla anche degli appartenenti al Corpo di Pubblica Sicurezza poi passato Polizia di Stato. Poiche è rimasto ad organizzazione militare, con tutti gli oneri ed onori dei militari, tantè che hanno dovuto istituire il comparto sicurezza. Poichè sono rimasti in corso il sistema retributivo ed il sistema pensionistico al pari dei Militari ( gli impegati civili vanno in pensione dopo i 66), con quale normativa è stato escluso dalla normativa del 1979.
Presumo che se fossero chiariti questi due punti, tutti i militari e Poliziotti arruolati fino al 1995, quindi percettori di una parte retributiva dell'importo pensionistico potrebbero chiedere una rivalutazione del coefficiente di 2,93 per ogni anno di servizio fino al 1995.

Paper8
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 28
Iscritto il: gio ott 25, 2018 8:17 pm

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Paper8 » mar dic 03, 2019 11:44 am

Sarebbe anche interessante sapere se qualcuno che ha vinto I ricorsi fatti in tal senso abbia avuto aggiornata la pensione dall'INPS non mi risulta che sia mai stato postato niente che possa avvalere le sentenze di vittoria quindi sarebbe cosa molto gradita sapere se si a quanto ammonta la differenza in termini monetari a seconda ovviamente dei casi specifici di grado e di tempo lavorativo.....

Gianfranco64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 48
Iscritto il: mer feb 21, 2018 9:36 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Gianfranco64 » gio dic 05, 2019 1:47 pm

In attesa di risposte ai quesiti precedenti ne propongo altri:
Se l'art. 54 parla di una percentuale del 44% tra i 15 ed 20 anni, perché a chi ne ha 18 dovrebbe essere escluso in quanto retributivo. Per norma di legge la differenza tra retributivo e misto sta nel calcolo sul retributivo o fino al 31.12.2011, mentre il misto fino al 31.12.1995.
Quindi perché uno di anni 17 ed 11 mesi coefficiente del 2,93 ed uno di 18 anni coefficiente di 2,33?
Ulteriore quesito, i colleghi che hanno avuto sentenze sfavorevoli, possono presentare ulteriori ricorsi viste le numerose sentenze favorevoli.
Sono informazioni utili a tutti i colleghi, se qualcuno ha delle risposte è invitato a condividerle.

59Andrea
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 63
Iscritto il: lun feb 04, 2019 11:35 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da 59Andrea » gio dic 05, 2019 11:48 pm

Fino a 15 anni il coefficiente è di 2.33 per anno, per un totale di 35; poi il coefficiente scende a 1,8 fino a 20 anni con un totale di 44: dopo il coefficiente aumenta a 3,60 fino al 31.12.97 e dal 1.1.98 il coefficiente scenda a 2.
In conclusione chi aveva 18 anni al 1995 anche se ha un coefficiente inferiore rispetto a coloro che beneficeranno dell'art 54, di fatto, essendo retributivi aumenteranno nei successivi anni il coefficiente fino al 2011.
Il problema è che applicando il 44% a coloro che hanno anni di servizio tra 15 anni e 1 giorno e 17aa 11mm e 29gg, si creerà una confusione nel riconoscere un aumento pensionistico uguale per tutti senza distinzione dei contributi versati.
Detto ciò, penso che, per equità sociale, sarebbe più giusto aggiungere al coefficiente 35 i coefficienti maturati in relazione agli anni di servizio al 95.

Gianfranco64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 48
Iscritto il: mer feb 21, 2018 9:36 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Gianfranco64 » ven dic 06, 2019 12:46 am

Grazie 59 Andrea della spiegazione dell'attuale norma in vigore.
Rimane comunque il quesito di come dovrebbe attuare i calcoli l'INPS.
Le aspettative dei colleghi sono del calcolo del coefficiente 2,93 per ogni anno di servizio fino al 95. Determinando una percentuale di oltr 59 per chi ha 17 anni. Ciò risulterebbe in contrasto con l'art. 54 nel limite del 44% tra i 15 ed i 20 anni.
Pertanto un retributivo a 17 anni percepirebbe 35+1,80+1,80, ovvero 38,60.
Poiché la norma fa riferimento al 44% a chi ha tra i 15 ed i 20 anni, anche chi ne ha 18 19 0 20 dovrebbe usufruire del medesimo coefficiente del 2,93.. Per questi motivi chiedevo che percentuale avesse applicato l'INPS in ottemperanza alle sentenze favorevoli all'applicazione dell' art 54..
Nonostante i numerosi inviti, sul forum sembra che non ci sia nessuno che abbia usufruito di tale aggiornamento.

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 3862
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da lino » ven dic 06, 2019 3:41 am

Cari colleghi , secondo il.mio parere(molto modesto), voi appartenenti alle forze di polizia ad ordinamento civile , dovete in questo particolare periodo, solo attendere ... che si riesca nel "convincere " l'Inps, con le migliaia di cause sparse x l'italia .
Inutile che un appartenente ad una polizia " civile" , pretenda di vincere su una questione ,attualmente prettamente basata su principi dovuti allo status militare.
Successivamente X principio di eguaglianza nel comparto sicurezza, avrete le eventuali spettanze(almeno credo).
Come del resto abbiamo fatto NOI x decenni con Voi, aspettando gli eventuali aumenti economici o miglioramenti professionali, grazie alle vostre battaglie sindacali, su ogni campo.

Chiaramente poi ognuno può spendere i propri denari in qualsiasi modo e volendo si può ricorrere come hanno fatto molti di Voi , anche se il 99% ha avuto il rigetto del ricorso......e 1% restante credo sia per un mero errore del giudicante.
Inutile poi dibattere sugli arruolamenti antecedenti il giugno 1982, se alcune dichiarazioni fatte , rafforzano proprio lo spirito diverso..
Un caro saluto.

firefox
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 2178
Iscritto il: mar set 07, 2010 12:50 pm

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da firefox » ven dic 06, 2019 8:55 am

Lino, pensa in paradosso....

noi VVF ne abbiamo le maggiorazioni di 1/5 ne abbiamo gli ex 6 scatti, ma ai sensi dell'art. 61 del DPR 1092/73 rientriamo a pieno titolo nel calcolo dell'art. 54 del DPR stesso in quanto comparati ai militari :D

E qualche collega ha già vinto istanze di primo grado...

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 3862
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da lino » ven dic 06, 2019 11:03 am

Lo so, caro Firefox che avete questa sorta di "analogia"con i militari.
Leggevo dello stanziamento di 165 milioni per equipararvi alla polizia di stato, credo manchi poco, almeno me lo auguro di cuore.

Il mio dubbio è che si riversi decine di migliaia di contenziosi con l'inps e il susseguirsi di cause con esito infausto .
Questo produrrà da parte dei giudici , una sorta di copia e incolla !!!
Con esiti negativi , per tutti.
Credo sia meglio procedere con chi ha buone possibilità di vittoria e poi seguirà l'iter sopra menzionato..
Addirittura Vi sono persone con il sistema retributivo che fanno lo stesso ricorso!!!
Meglio informarsi prima, o sbaglio?.

Poi io ero un piccolo operatore di polizia ,può essere che i miei dubbi siano suffragati dal nulla cosmico, e ciò sia tutto infondato, ma le mie sensazioni dicono altro...

Inoltre l'Inps, ha un grosso problema con il nostro comparto., "Siamo GIOVANI " vista la media della nostra età anagrafica !!!
I ricorsi li facciamo e nonostante i tempi biblici aspettiamo e molte volte Vinciamo.
In 10 anni di pensione mi hanno dovuto modificare già 3 volte la PAL.
Con l'art.54 se riesco (non sono più un ragazzo) spero di raggiungere la 4 modifica !!!
Non tanto per la pecunia, (anche se non fanno mai male), ma per tutte le ingiustizie subite, una sorta di rivincita di chi mi.lascio' per 11 mesi malato e senza stipendio e/o pensione , con dei figli all'epoca adolescenti.
Nessuno si interessò di nulla....fu una vera battaglia per la sopravvivenza.
Un abbraccio a tutti i colleghi.

Gianfranco64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 48
Iscritto il: mer feb 21, 2018 9:36 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Gianfranco64 » dom dic 08, 2019 3:40 pm

Al fine di chiarire i miei dubbi sull’art . 54, nelle ricerche di documentazione mi sono imbattuto in questo documento dell’ Inps – gestione dipendenti pubblici.


Nel primo fotogramma viene specificato che vengono applicati l’art 44 per i civili ed art 54 per i militari.
Pertanto la stessa Inps dichiara di applicare l’art. 54 ai militari.
Risulterebbe che non ci siano non ci siano dubbi sul fatto che ai militari debba essere applicato l’art. 54, pertanto le sentenze di non accoglimento dei ricorsi sarebbero sbagliate.
Il problema principale credo che sia il nocciolo della questione , ovvero come effettuare i calcoli.
Effettivamente in tutte le sentenze favorevoli si riscontra il riconoscimento dell’applicazione dell’ art 54 per i militari, anziché l’art 44. Ma di fatto in nessuna viene indicato il tipo di calcolo da effettuare nell’applicare l’art 54. Pertanto sarebbe auspicabile nei prossimi ricorsi dibattere sul coefficiente e non sul carattere generico dell’art. 54, in quanto già riconosciuto dall’ INPS, ma calcolato con i coefficienti indicati nella tabella del secondo fotogramma.
Se qualche collega avesse riferimenti di sentenze che specifichino il coefficiente da applicare farebbe cosa gradita a tutti gli interessati se le pubblicasse.
per le foto vedasi l'allegato.
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 3862
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da lino » mar dic 10, 2019 3:18 pm

Le sentenze non sono sbagliate , nel nostro ordinamento funziona così.
Sarebbe stato completamente diverso , se avessimo avuto una legislazione del tipo anglosassone!!!!
Li la storia sarebbe andata in altro modo, bastava solo un giudizio e la decisione sarebbe stata quella .....
Ma lasciamo eventuale parola , agli esimi giuristi..

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1409
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da naturopata » mar dic 10, 2019 6:03 pm

Vedendo il prospetto allegato, l'INPS afferma che applica l'art.54 ai militari (in realtà anche alla ps e altri a ordinamento civile),ma come? Applica il 35 a 15 anni +1,8% (ripreso dall'art.44) per ogni ulteriore anno sino al 20 e quindi arrivi al 44% (avrebbe potuto fare il 2,2 per ogni anno fino al 20 cosa più corretta derivata dall'art.54 e non 44 così da non creare l'incredibile casino sull'art.54), non parte, come qualcuno sostiene direttamente con il 44% sin dal 15 utile. Ma in questo modo dove sarebbe il vantaggio tra militari (ma anche le polizia a ordinamento civile) rispetto ai dipendenti civili veri e propri? Sono proprio gli anni utili, ovvero mentre i veri civili maturano il 35% a 15 anni effettivi, i militari e forze di polizia li maturano già a 12 effettivi e quindi rispetto al civile con 15 quasi effettivi avranno circa 18 utili e quindi 35+1,8+1,8+1,7 circa e si arriva a 40,3%.

Gianfranco64
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 48
Iscritto il: mer feb 21, 2018 9:36 am

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da Gianfranco64 » mar dic 10, 2019 7:35 pm

Dopo aver analizzato tutto quanto letto sull’articolo 54, comunico le mie impressioni.
Spero che chi in disaccordo non la prenda come una guerra all’articolo 54, in quanto sono solo mie analisi che condivido con gli altri utenti del forum.
In prima analisi la dicitura “ tra i 15 ed i 20 anni spetta il 44% appare chiaro che uno di 16-17-18-19-20 non possa avere più del 44% in quanto non parla di minimo a 15 anni ma indica un unico limite per i 6 anni pari al 44%.
Resta il problema di come effettuare il calcolo in relazione ai destinatari dell’art 54.
Effettivamente il cambio del tipo di calcolo per la pensione da retributivo a misto ha determinato un cambio radicale del coefficiente retributivo.
Pertanto mentre per i misti si interrompe al 31.12.1995, per i retributivi ha continuato fino al 31.12.2011.
Nei calcoli successivi al 01.01.1996 i misti sono rientrati in un diverso accumulo di parte della pensione determinato dal montante retributivo.
Leggo numerose ipotesi di calcolo, ma di fatto nessuna al momento risulta formalizzata o approvata da qualcuno preposto alla decisione.
Comunque ho notato che nel caso si dovesse utilizzare uno dei due coeffienti ipotizzati , ovvero 2,2 o 2,93, le prospettive sono particolari .
Prendendo ad esempio i limiti descritti nel forum, ovvero anni 15 ed anni 17,11 risulterebbe quanto segue:
anni 15 limite retributivo 44% quota A 12*2,93 =35,16 differenza 8,84
anni 17 e mesi 11 limite retributivo 44% quota 14,11*2,93= 41,34 differenza 2,66
nell’intermezzo lascio a voi i calcoli. Ma pare evidente che a parità di retribuzione percepirebbe una maggiore Pal chi ha meno anni di servizio.
Naturalmente con un coefficiente di 2,93 tutti usufruirebbero di un beneficio economico, ma la Pal a parità di retribuzione risulterebbe molto piu alta per uno con 15 anni rispetto ad uno con 17 anni ed 11 mesi.
Per quanto attiene il coefficiente 2,20 ritengo che si faccia un errore a valutarlo come coefficiente annuale e permanere con l’indice della parte retributiva al 44%, anche in questo caso avverrebbe una gradualità inversa ovvero maggiormente premiante per uno con 15 anni rispetto ad una con 17.
In pratica qualsiasi formulazione dell’applicazione dell’art.54 prevedendo un limite di percentuale unica per i sei anni, dai 15 ai 20 determinerà una disparità di trattamento tra i colleghi, favorendo quelli con meno anni di servizio di servizio.
Comunque anticipo quelli che penseranno che mi sto sbagliando, in quanto io stesso spero di sbagliarmi, l’unico sereno invito è quello di valutare ogni informazione utile alla causa .
Le decisioni le lasciamo agli organi competenti , anche se al momento sono in contrasto tra di loro , figuriamoci noi che riserviamo al buon esito le migliori aspettative.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1409
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Richiesta di chiarimenti su art 54

Messaggio da naturopata » mer dic 11, 2019 12:34 pm

Invece non hai sbagliato proprio niente. Chi ha 15 utili precisi al 1995, non è che avrà solo un aumento maggiore del malcapitato che ha 17 anni, 11 mesi e 29 giorni al 1995 che non rientra nel retributivo "puro", ma avrà una pensione maggiore sia che se ne vada prima del collega più anziane proprio per la differenza, ma prenderà molto di più a parità di anzianità effettiva/utile. Poi se ci vogliamo raccontare le barzellette va bene, ma voglio vedere quelli prossimi ai 18 come saranno contenti di prendere qualche decina di euro di aumento contro qualche centinaio dei 15 utili che li bruceranno in quanto a PAL a parità di anzianità complessiva.

Rispondi