RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Feed - POLIZIA DI STATO

Rispondi
lunarossa
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 75
Iscritto il: gio lug 12, 2018 8:19 pm

RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da lunarossa » gio set 10, 2020 12:36 pm

Quesito: sono un sost.coom coord della ps ed ho chiesto ed ottenuto il riconoscimento di causa di servizio dal Comitato per la verifica delle cause di servizio di Roma in seguito ad infermità ascritta alla Tabella A categoria 7°.

La domanda di riconoscimento di causa di servizio, equo indennizzo ed ogni altro beneficio economico, però è stata definita intempestiva ai fini della liquidazione dell’ equo indennizzo perchè presentata decorsi 6 mesi dall’evento.

La maggiorazione stipendiale dell’1,25% per invalidità ascritta nelle ultime 2 categorie di tabella A, può e deve essere corrisposta, oppure il termine di intempestività dei sei mesi vale anche in questo caso?
il mio uffcio contabile dice che non mi spetta perchè l'art. 2, comma 1 della legge 461 che dice questo:

1. Il dipendente che abbia subìto lesioni o contratto infermità o subìto aggravamenti di infermità o lesioni preesistenti, ovvero l'avente diritto in caso di morte del dipendente, per fare accertare l'eventuale dipendenza da causa di servizio, presenta domanda scritta all'ufficio o comando presso il quale presta servizio, indicando specificamente la natura dell'infermità o lesione, i fatti di servizio che vi hanno concorso e, ove possibile, le conseguenze sull'integrità fisica, psichica o sensoriale e sull'idoneità al servizio, allegando ogni documento utile.
Fatto salvo il trattamento pensionistico di privilegio, la domanda, ai fini della concessione dei benefìci previsti da disposizioni vigenti, deve essere presentata dal dipendente entro sei mesi dalla data in cui si è verificato l'evento dannoso o da quella in cui ha avuto conoscenza dell'infermità o della lesione o dell'aggravamento.

l'ufficio contabile afferma che non può concere la RIA mensile perchè il 1 comma dell'art 2 della 461 quando parla di BENEFICI PREVISTI DA DISPOSIZIONI VIGENTI...ricomprende anche la RIA mensile dell'1,25%.

su internet ho trovato che invece spetta la RIA anche quando la domanda viene presentata dopo i sei mesi dall accertamento della patolodia per la quale si richiede la causa e il riconoscimento come dipendende da servizio.
Per i più esperti vi risulta?



Convenzionistituzioni.it
naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1589
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da naturopata » gio set 10, 2020 1:28 pm

Di spettare spetta, ma ciò non toglie che possono dirti di no e devi partire con i ricorsi, dall'esito comunque mai certo.

lunarossa
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 75
Iscritto il: gio lug 12, 2018 8:19 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da lunarossa » gio set 10, 2020 2:44 pm

per neuropatia. Se hai riferimenti normativi dove si evince che spetta anche se ho presentato domanda di causa di serzio ed equo indennizzo oltre i 6 mesi previsti dopo la data dell'accertamento medico da dove si evinceva la malattia che avevo.
L'ufficio contabile per il solo fatt che il DPR 461/2001 al comma 1 dice che.....Fatto salvo il trattamento pensionistico di privilegio, la domanda, ai fini della concessione dei benefìci previsti da disposizioni vigenti,..........non specifica quali siano questi benefici. Per l'ufficio da dove io dipendo sostiene che la RIA rientra in quelli.
A me la cosa non è tanto chiara e per questo se qualcuno ha dei riferimenti di legge dove si evince che la RIA viene concessa ache per domanda presentata oltre il termine dei 6 mesi, li posti in modo tale che presento una istanza dettagliata.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1589
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da naturopata » gio set 10, 2020 3:13 pm

lunarossa ha scritto:
gio set 10, 2020 2:44 pm
per neuropatia. Se hai riferimenti normativi dove si evince che spetta anche se ho presentato domanda di causa di serzio ed equo indennizzo oltre i 6 mesi previsti dopo la data dell'accertamento medico da dove si evinceva la malattia che avevo.
L'ufficio contabile per il solo fatt che il DPR 461/2001 al comma 1 dice che.....Fatto salvo il trattamento pensionistico di privilegio, la domanda, ai fini della concessione dei benefìci previsti da disposizioni vigenti,..........non specifica quali siano questi benefici. Per l'ufficio da dove io dipendo sostiene che la RIA rientra in quelli.
A me la cosa non è tanto chiara e per questo se qualcuno ha dei riferimenti di legge dove si evince che la RIA viene concessa ache per domanda presentata oltre il termine dei 6 mesi, li posti in modo tale che presento una istanza dettagliata.


BENEFICI ECONOMICI PREVISTI DALLA LEGGE N. 539 DEL 15 LUGLIO 1950


E' stato definito l’orientamento del Consiglio di Stato, in base al quale il beneficio riveste carattere perenne erga omnes, anche sul trattamento di quiescenza, e che l’unico requisito richiesto risiede nel riconoscimento della dipendenza dell’infermità da causa di servizio contratta durante il servizio (e non chiesta dopo il congedo), con attribuzione di categoria tabellare, in virtù della quale scatta l’onere dell’Amministrazione di erogare d’ufficio il beneficio de quo. Sentenza Consiglio di Stato, Sez. III, n.4630/2017
.

lunarossa
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 75
Iscritto il: gio lug 12, 2018 8:19 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da lunarossa » gio set 10, 2020 4:08 pm

grazie Neuropatia. ho trovato anche io qualcosa sul sito ANFP dove si fa riferimento proprio a questo.

BENEFICI ECONOMICI PREVISTI DALLA LEGGE N. 539 DEL 15 LUGLIO 1950
Come noto, la normativa in questione prevede l’erogazione di un beneficio economico che si configura in un incremento stipendiale vitalizio dell’1,25% o del 2,50% in relazione al grado tabellare di invalidità conseguente ad una infermità riconosciuta dipendente da causa di servizio.
E’ parimenti noto come il Servizio T.E.P. della Direzione Centrale del Personale del Dipartimento di P.S., applichi tale normativa erogando il beneficio in via perenne, anche nella fase di quiescenza, per il personale non dirigente, mentre per la dirigenza solo per un periodo di tempo determinato, ovvero uno o due anni, a seconda della predetta percentuale di incremento.
Tale evidente sperequazione di trattamento, fondata su di un’anomala interpretazione della norma in malam partem per la dirigenza, ha finalmente trovato soluzione. Infatti, il Consiglio di Stato, con recenti pareri, ha accolto alcuni Ricorsi Straordinari al Presidente della Repubblica, inoltrati da Dirigenti della Polizia di Stato che si erano visti negare il diritto a fruire del beneficio in via continuativa e senza alcun arretrato.
In buona sostanza, è stato definito l’orientamento del Consiglio di Stato, in base al quale il beneficio riveste carattere perenne erga omnes, anche sul trattamento di quiescenza, e che l’unico requisito richiesto risiede nel riconoscimento della dipendenza dell’infermità da causa di servizio, con attribuzione di categoria tabellare, in virtù della quale scatta l’onere dell’Amministrazione di erogare d’ufficio il beneficio de quo.
Pertanto l’Amministrazione, che ai sensi dell’art.69 della recente legge n. 69 del 15 giugno 2009, è tenuta a dare applicazione ai pareri espressi dal predetto alto Consesso in quanto aventi forza vincolante, ha provveduto a sanare le situazioni lamentate dai ricorrenti.
Tutto ciò premesso, Le chiediamo che vengano richiamati gli uffici competenti affinché, attesi i principi ribaditi dal Consiglio di Stato:

– non costringano altri dirigenti ad adire le vie legali per avere il riconoscimento del diritto continuativo in esame, da fruire anche in fase di quiescenza;
– eroghino il beneficio d’ufficio, senza attendere – come invece accade ora – l’inoltro della domanda degli interessati, confidando nella generalizzata disconoscenza della normativa in esame;
– procedano a sanare, sempre secondo i corretti e giusti i principi enunciati dal Consiglio di Stato, quelle situazioni pendenti per le quali è stata richiesta ad alcuni dirigenti, la restituzione di somme erogate per anni in via continuativa ex legge 539, per asserita svista degli uffici competenti;
– eroghino gli arretrati agli aventi diritto.
Sig. Capo della Polizia, riteniamo che Lei abbia a cuore la tutela dei Suoi Dirigenti che, in questo caso, per troppo tempo sono stati danneggiati con un conferimento temporaneo di un beneficio economico che ha, invece, un carattere duraturo e permanente, in relazione al fine indennitario perseguito dal legislatore.
Peraltro, reputiamo che un pronto allineamento da parte degli Uffici competenti alla corretta attribuzione dei benefici economici per infermità riconosciute dipendenti da causa di servizio, nei confronti della dirigenza, costituisca non solo un obbligo sostanziale in “autotutela” derivante dai suddetti pareri vincolanti, ma si traduca anche in termini di positiva funzionalità dell’Amministrazione.

Quindi secondo me spetta. Cmq pesnterò richiesta formale tramite ufficio allegando questa sentenza e l'articolo pubblicato sul sito ANFP e vediamo cosa rispondono.
Cmq avendomi notificato la causa di servizo il 28 agosto 2020 sono ancora nei termini per un eventuale ricorso.
Grazie europatia

stomale
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 170
Iscritto il: gio set 16, 2010 3:44 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da stomale » sab set 12, 2020 1:52 pm

Sono nella tua medesima situazione. App.Sc.Q.S. dei CC, niente equo indennizzo niente scatto stipendiale a causa dell'intempestività. Anche secondo me non è giusto.

lunarossa
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 75
Iscritto il: gio lug 12, 2018 8:19 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da lunarossa » dom set 13, 2020 2:10 pm

per Neuropatia; puoi mandarmi via email la sentenza del consiglio di stao? non la trovo su internet. Così la allego integralmente alla richiesta. Grazie

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1589
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da naturopata » dom set 13, 2020 2:52 pm

Allego sentenza.
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.

Avatar utente
AngeloBarese
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 182
Iscritto il: gio ott 02, 2014 5:21 pm

Re: RIA mensile DELL 1,25% per intespestivita della domanda di causa di servizio.

Messaggio da AngeloBarese » gio set 24, 2020 9:42 pm

Feci fare la domanda ad un collega che non sapeva cosa fosse nonostante gli era stata riconosciuta la categoria 7 Tab. A. Prese gli arretrati dalla data di riconoscimento.
Altri a seguire poi hanno preso solo gli arretrati degli ultimi 5 anni. Ora non so se li danno dalla data della domanda ma e molto facile. Comunque spettano sempre.

Attenzione però...
Se fai dal domanda oggi anno 2020 e prendi 100 euro di stipendio prendi 1,25% equivale ad euro 1,25 al mese, se cambia il tuo stipendio per aumento ad esempio 200 euro nel 2021 prendi sempre euro 1,25 perché la domanda era del 2020 e si congela il riconoscimento.
Se invece un'altro collega fa la domanda nel 2021 con stipendio di 200 euro prenderà ogni mese euro 2,50.
Infatti io prendo 5 euro al mese perché ho fatto la richiesta 25 anni fa... Un pari coso se la fa oggi prende più del doppio.

Rispondi