Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Feed - CARABINIERI

Fenice91
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 5
Iscritto il: mar apr 07, 2020 4:34 am

Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da Fenice91 » mar apr 07, 2020 5:09 am

Salve. Sono la moglie di un carabiniere semplice che è stata tradita dopo pochi mesi di matrimonio con una collega (maresciallo) della stessa caserma in cui prestava servizio. Dico prestava perché già in precedenza alla relazione venutasi a creare con la collega amante, lui era stato assegnato al battaglione della regione e per questi motivi da ben 5 mesi non si trovano più nella stessa caserma nella quale per 3 mesi però sono stati amanti e continuano ad esserlo.
Sono venuta a sapere della relazione da sola e ovviamente mio marito all'inizio negava. Poi ha ammesso tutto pregandomi di non denunciare la cosa al comando stazione carabinieri in cui prestava servizio e in cui l' ATTUALE amante ancora lavora. Dico attuale perché non ci sono atti di separazione, siamo ancora sposati e nonostante lo avessi perdonato, lui ha continuato a mantenere rapporti extraconiugali con la collega nella nostra abitazione (in affitto). A tal proposito vorrei sapere se SOLO LEI sia punibile in qualche modo, magari con un trasferimento in un'altra regione, visto che lui è sposato e lei ovviamente più volte anche da me è stata ammonita a non intromettersi nel nostro matrimonio. Vi prego fatemi sapere perché sono disperata che questa donna sta distruggendo la mia vita facendosi forte del fatto che non vado a denunciare in caserma il tradimento (anche se il comandante e i colleghi ne sono a conoscenza da mesi della situazione) perché ne conseguirebbe un provvedimento anche per mio marito del quale purtroppo sono ancora innamorata. Attendo vostre notizie. Grazie in anticipo.



Convenzionistituzioni.it
Avatar utente
iosonoquì
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 968
Iscritto il: ven giu 19, 2009 7:16 pm

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da iosonoquì » mar apr 07, 2020 11:14 am

Se veritiero quanto da Lei riportato, divisa o meno, si costruisca una nuova vita. Il matrimonio è fatto di reciproco rispetto. Se manca quello inutile trascinarselo. Buona vita.

Angelo1
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 252
Iscritto il: lun gen 29, 2018 11:01 am

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da Angelo1 » mar apr 07, 2020 11:19 am

Dopo aver visto per tanti anni pratiche di questo tipo posso tranquillamente affermare che l'Arma si autotutela trasferendo ad altra lontana sede tutti gli interessati trincerandosi semplicemente dietro "l'opportunità".
Anche se immagino non sarà semplice, sono anch'io dell'avviso che sarebbe molto meglio pensare di cambiare vita mettendo a tutta questa storia una bella pietra sopra.
Un saluto.

costauno
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 273
Iscritto il: gio giu 22, 2017 12:18 pm

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da costauno » mar apr 07, 2020 11:38 am

Fenice 91
credo che la questione sia abbastanza spinosa per cui è difficile esprimere giudizi o valutazioni sulla condotta dei due militari. Comunque nel caso in cui i fatti venissero portati a conoscenza della scala gerarchica, i due potrebbero essere oggetto di procedimento disciplinare che una volta definito inciderebbe limitatamente sul loro comportamento, considerando i fatti che hai narrato.Quello che invece andrebbe chiarito una volta per tutte,(e lo dico da padre di una giovane tua coetanea, moglie di un un Militare dell'Arma), sono i vostri rapporti coniugali. Per la tua giovane età (classe '91?) e la sudditanza psicologica che dimostri verso tuo marito che dici ancora di amare, sarebbe auspicabile affidarsi ad un terzo soggetto (mediatore familiare, psicologa o autorevole persona di fiducia) che ti aiuti a discernere, analizzando la vostra dinamica familiare, se tentare un effettivo ravvicinamento, ricorrere al Giudice Civile o continuare a soffrire inutilmente. A te la scelta.
Ti auguro ogni bene. Saluti

Fenice91
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 5
Iscritto il: mar apr 07, 2020 4:34 am

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da Fenice91 » mar apr 07, 2020 4:21 pm

Vi ringrazio per le risposte finora date. Mi preme rispondere a chi mi ha detto "se veritiero quello che ha scritto" che purtroppo non è un film ma la mia triste realtà. Non so come fare a rispondere singolarmente ad ognuno di voi, se qualcuno mi può spiegare gliene sarei grata.
Vi ho chiesto se fosse possibile il trasferimento solo della collega perché si io sono ancora innamorata di mio marito e lui allo stesso tempo mi tiene " legata" a lui mostrandomi di avere grande confusione mentale e nei sentimenti e dicendo di non sentirsi pronto ad una separazione e questo ovviamente mi blocca. Ed anche perche la collega amante continua a farsi forte che io non vada a denunciare l'accaduto in caserma perché cosi facendo anche lui subirebbe un procedimento penale. Diciamo che nessuno dei due ha completato i 4 anni di ferma volontaria, anzi sono agli inizi.
Faccio delle domanda mirate alle quali spero che qualcuno mi sappia rispondere:
1) Visto che lui ha già subito un trasferimento in una caserma limitrofa, ma solo perché prima di tutta questa vicenda era stato affidato al battaglione, è possibile che il trasferimento riguardi solo lei e che venga mandata in altra regione?
2) Oltre al trasferimento, visto che entrambi non hanno completato i 4 anni, che altri provvedimenti potrebbero essere presi?
Domando perché per quanto dall'esterno nessuno possa capire e neanche chiedo di farlo, io da persona innamorata sto cercando di tutelare il mio matrimonio e mio marito, non vorrei arrecare danni alla sua carriera. Ma dato che la signorina in questione si fa forte di questa cosa, vorrei capire se in qualche modo potrei "farle paura" e farla smettere di non lasciare in pace mio marito (che è ingiustificabile più di lei) intaccando la sua carriera di giovane maresciallo.
Per quanto riguarda il supporto psicologico che mi è stato consigliato, è stata la prima cosa che ho fatto per cercare di potere affrontare questa situazione. Grazie a tutti.

Avatar utente
iosonoquì
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 968
Iscritto il: ven giu 19, 2009 7:16 pm

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da iosonoquì » mar apr 07, 2020 4:29 pm

Confermo quanto scritto in precedenza. Non cerchi conforto o soluzioni a senso unico. Dubito che colleghi di suo marito, ancorché in quiescenza, provvisti di sale in zucca, si espongano e le mettano su un piatto d'argento una possibile soluzione che va ricercata esclusivamente in ambito familiare.
Cordialità.

Fenice91
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 5
Iscritto il: mar apr 07, 2020 4:34 am

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da Fenice91 » mar apr 07, 2020 5:04 pm

A prescindere da tutto, non può passare inosservato il suo comportamento poco ligio al dovere. Quindi io una rivincita personale nei suoi confronti vorrei prendermela perché è stata irrispettosa. Quello che ha indubbiamente sbagliato è stato in primis mio marito. Ma lei non deve passarla liscia, a maggior ragione che non si è tirata indietro in questa situazione nonostante i miei inviti a restare fuori dal mio matrimonio, tra l'altro molto recente.

GiulioTR
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 693
Iscritto il: mar ott 31, 2017 5:41 pm

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da GiulioTR » mar apr 07, 2020 5:27 pm

Mi permetto di dirLe che a mio parere la prima persona che doveva fare un passo indietro era suo marito visto che Lei lo aveva anche perdonato.
Il resto mi sembra più che altro una forma di rivincita.
Chiedere un trasferimento della signora credo che comporti in automatico un trasferimento anche di suo marito.
Veda Lei ma non penso sia la strada giusta.

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4229
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da lino » mar apr 07, 2020 11:56 pm

Concordo in toto quello riferito da Giuliotr.
È se poi non hanno ancora. Compiuti i 4 anni di servizio essendo in f.v. ambedue rischiano parecchio.
Non mi pronuncio sulla scala gerarchica che avrebbe dovuto essere più incisiva in ogni modo.
Poiché fare il Carabiniere non consiste solo nell' indossare una divisa per tot. Ore giornaliere , ma una vera e propria vocazione ..dai modi di fare , alla correttezza nel quotidiano , sia fuori che dentro le pareti domestiche.
Se il.marito voleva avere una nuova relazione bastava separarsi (oggi con 20 euro e sz. avv.si può fare).
Fare presente al superiore diretto dei militari che vi era in corso una relazione e poi fare come volevano!!!
Signora cerchi di rifarsi una vita, capisco il suo scoramento, ma non ne vale la pena.
Glielo dico per esperienza personale.

Fenice91
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 5
Iscritto il: mar apr 07, 2020 4:34 am

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da Fenice91 » mer apr 08, 2020 12:43 am

Grazie per le risposte. Ma la domanda è: rischiano anche se adesso si trovano in caserme differenti? E oltre ad un trasferimento di entrambi, cosa potrebbe succedere? Lui ad oggi è ancora sposato con me, lo ripeto e non ha intenzione di seperarsi. Io giustamente cerco di salvaguardare il mio matrimonio e vorrei che lei fosse il più lontano possibile da noi. Vi ringrazio i vostri consigli personali, ma a livello pratico qualcuno mi sa dare informazioni più dettagliate? Grazie ancora. Un saluto

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4229
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da lino » mer apr 08, 2020 11:49 am

Fenice91 ho cancellato il post infelice,scritto dal forumista ....dietro sua segnalazione.

Una maresciallo è stata congedata per gli stessi motivi.
NELL'ARMA per quanto mi riguarda sono cose inaccettabili.

Credo debba risolvere il suo problema personale con suo marito e non con altri...
Le auguro il meglio.

Avatar utente
frapisa
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 72
Iscritto il: ven mag 18, 2018 3:07 pm

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da frapisa » mer apr 08, 2020 3:34 pm

Salve a tutti e scusatemi, devo per forza intervenire per porre un quesito:

La signora "fenice91" vuole la testa della marescialla, accontentiamola, che serva da lezione per la prossima volta.
Bene, la marescialla ruba mariti è stata eliminata.
Mi viene un dubbio, poichè suo marito, essendo persona forte di carattere, con forte responsabilità non indifferente e pentito di quel rapporto avuto, penso per colpa della donna, ma, attenzione al ma: e se in un altro futuro prossimo suo marito debole e innamorato delle femmine, troverà sulla strada un'altra marescialla o carabiniera, lei tenterà di salvare il salvabile e facciamo fuori tutte le donne che vanno dietro a questo povero marito debole? Ha cosa è servito avere la tanto voluta testa della marescialla ruba mariti, poverini tanto ingenui, ma l'importante è pentirsi. Anche con costoro vorrà la rivincita?
A me sembra tanto di un racconto Kafcano.
Signora le informazioni le cerchi da suo marito.
Scusatemi per la franchezza.
Vi saluto tutti

anco2010
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 307
Iscritto il: mar ott 22, 2019 1:36 pm

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da anco2010 » mer apr 08, 2020 3:55 pm

Signora buonasera le pongo una domande.

Se suo marito era un impiegato di una società ed aveva una relazione con una collega di lavoro cosa avrebbe fatto o meglio come si sarebbe comportata

Avatar utente
iosonoquì
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 968
Iscritto il: ven giu 19, 2009 7:16 pm

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da iosonoquì » mer apr 08, 2020 4:13 pm

Leggete i miei due interventi precedenti.
Finiamola quì.
Abbiamo sale in zucca. Tutti.

Fenice91
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 5
Iscritto il: mar apr 07, 2020 4:34 am

Re: Relazione tra carabiniere sposato e collega di caserma

Messaggio da Fenice91 » mer apr 08, 2020 5:59 pm

Salve a tutti. Rispondo alla domanda "importantissima" che mi è stata fatta e vi chiedo di essere delicati ed evitare di fare commenti inopportuni come magari da qualcuno ho visto finora che è anche stato segnalato.
Se mio marito fosse stato impiegato sarei sicuramente SENZA TIMORE andata a dirne 4 alla sua amante senza essere intimorita dal fatto che porti una divisa addosso. Però da impiegata non ha l' OBBLIGO DI NON AVERE RAPPORTI CON IL SUO COLLEGA TRA L'ALTRO SPOSATO. È sicuramente un obbligo morale ma non come in questo caso che è proprio proibito stare con colleghi della stessa caserma, sposati o non. Quindi se si sceglie di fare questo mestiere, si deve essere i primi a rispettare le regole. Penso anche, come qualcuno ha ribadito nei commenti sopra, che la divisa debba essere un esempio per gli altri, non uno strumento di potere come in questo caso. Per questo ribadisco che se avesse svolto qualsiasi altro tipo di mansione, non mi sarei fatta così tanti problemi nell'andare al posto di lavoro e svergognarla.
In tal caso mi arrabbio doppiamante, in primis per la mancanza di rispetto avuta da mio marito e da lei che sapeva fosse sposato e secondariamente perché facendosi forte della sua divisa, mi "intimorisce" diciamo cosi, che il provvedimento spetterebbe anche a mio marito (che se fosse solo un trasferimento non mi peserebbe, anzi sarebbe forse il mio refrigerio mentale) forzandomi a non andare a denunciare il fatto, anche perché mi viene detto con la faccia di bronzo che se io le movessi accuse lei potrebbe essendo un pubblico ufficiale trovare il modo di girarsela a favore e sottolineo, se finora in questi mesi sono stata zitta e buona per bene, non intendo più farmi prendere per fessa e penso alla mia pace visto che non ci pensa nessuno.
Dico, non mi sembra il caso di essere così dettagliata ma se proprio volete pure le virgole di una situazione così delicata vi accontento.
Sembra un racconto kafkano mi è stato scritto..io auguro a chi magari giudica, di non trovarsi mai al mio posto.
Quindi se potete rispondere ai miei quesiti che ripropongo ve ne sono grata, altri commenti inutili direi che si possono anche risparmiare.
1) è possibile che venga trasferita solo lei e magari in altra regione visto che lui è stato assegnato al battaglione e quindi ha già cambiato caserma rispetto a quella in cui prestava servizio prima con la collega?
2) visto che non hanno terminato i 4 anni di ferma volontaria che altro provvedimento importante potrebbe essere preso?
E ci tengo a precisare che io non voglio la testa della marescialla, se lo avessi voluto lo avrei fatto all'inizio della vicenda. Io cerco solo di recuperare la pace di casa che ho perso. E visto che a quanto dice mio marito lui non può senza giustificato motivo richiedere trasferimenti, vorrei risposte se possibile, alle domande rivolte.

Rispondi