Fai una donazione al tuo Forum €5,00 €10,00 €20,00 €50,00

Link sponsorizzati

Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

Sezione dedicata alla libera circolazione di idee ed esperienze tra i diversi Corpi armati (e non) dello Stato.

Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

Messaggioda panorama » ven dic 01, 2017 12:02 pm

vedi/leggi e scarica allegati in PDF
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.
panorama
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 10616
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Link sponsorizzati
BANNER

Re: Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

Messaggioda panorama » sab dic 02, 2017 12:13 am

per notizia,

Del Sette querela un maresciallo dei carabinieri per diffamazione

ecco il link

http://www.lettera43.it/it/articoli/cro ... ne/216178/
panorama
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 10616
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

Messaggioda panorama » mar feb 13, 2018 11:34 pm

panorama
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 10616
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

Messaggioda panorama » mar feb 13, 2018 11:37 pm

quanto sopra, pubblicato nel Corriere delle Alpi il 19 gennaio 2018
panorama
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 10616
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

Messaggioda panorama » lun mag 14, 2018 1:48 pm

http://gds.it/2018/05/14/corruzione-arr ... te_850641/


CRONACA

POLIZIA

Corruzione, Montante ai domiciliari: coinvolti ufficiali di carabinieri, finanza e polizia

di Silvia Iacono — 14 Maggio 2018


La polizia di Caltanissetta ha arrestato Antonello Montante, l'imprenditore nisseno è l'ex presidente di Confindustria Sicilia, attualmente presidente della Camera di Commercio di Caltanissetta e numero uno di Retimpresa Servizi srl di Confindustria Nazionale.

Nell'ambito dell'inchiesta ''Double face'', oltre a Montante, sono indagati e agli arresti domiciliari anche il colonnello dei carabinieri Giuseppe D'Agata, ex capocentro della Dia di Palermo tornato all'Arma dopo un periodo nei servizi segreti, Diego Di Simone, ex sostituto commissario della squadra mobile di Palermo, Marco De Angelis, sostituto commissario prima alla questura di Palermo poi alla prefettura di Milano, Ettore Orfanello, ex comandante del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza a Palermo, il re dei supermercati Massimo Romano che gestisce la catena "Mizzica" - Carrefour Sicilia, con oltre 80 punti vendita nella regione. Il sesto provvedimento cautelare riguarda Giuseppe Graceffa, vice sovrintendente della polizia in servizio a Palermo, sospeso dal servizio per un anno.

Le accuse sono di aver messo su un sistema di corruzione contro la pubblica amministrazione e accesso abusivo a sistema informatico.

Le indagini della squadra mobile e della procura di Caltanissetta accusano Antonello Montante di aver creato una rete illegale per spiare l’inchiesta che era scattata nei suoi confronti tre anni fa, dopo le dichiarazioni di alcuni pentiti di mafia. Secondo gli inquirenti, gli altri indagati facevano parte di una 'rete di informatori' dell'ex presidente di Confindustria Sicilia, al quale avrebbero passato anche dati riservati a cui potevano avere accesso.

L'inchiesta è coordinata dal procuratore Amedeo Bertone, dall'aggiunto Gabriele Paci e dai sostituti Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso.

Già due anni fa Montante aveva ricevuto un avviso di garanzia per concorso esterno in associazione mafiosa, venivano ipotizzati legami d’affari e rapporti di amicizia con Vincenzo Arnone, boss di Serradifalco, figlio di Paolino Arnone, storico padrino della provincia di Caltanissetta storico padrino, morto suicida nel carcere di Caltanissetta nel 1992. L’ex delegato nazionale per la legalità di Confindustria fu indagato per mafia dalla procura di Caltanissetta.

Montante fu accusato da tre pentiti di frequentazioni pericolose con ambienti mafiosi. Tra i collaboratori di giustizia che resero dichiarazioni su Montante c’è Salvatore Dario Di Francesco. Una indagine parallela alla procura di Caltanissetta fu aperta anche dalla Procura di Catania sulla base di un esposto.

Il pentito Di Francesco parlò di appalti pilotati tra il 1999 e il 2004 nell'area di sviluppo industriale di Caltanissetta, dove prestava servizio. In quel periodo a capo della Confindustria nissena c'era Pietro Di Vincenzo, poi arrestato per mafia, contro cui si scagliò il gruppo di giovani industriali, tra cui proprio Montante. La procura di Caltanissetta dispose una serie di perquisizioni nell'abitazione e negli uffici dell'imprenditore. I pm nisseni aprirono un fascicolo su Montante ipotizzando nei suoi confronti, il reato di concorso in associazione mafiosa. Allora gli fu notificato un avviso di garanzia.

Antonello Montante è stato un simbolo dell’antimafia in Sicilia. Proprio lui fu uno degli artefici del codice etico di Confindustria, redatto proprio a Caltanissetta che prevede l'espulsione dall'associazione degli imprenditori che non denunciano le richieste di pizzo.

Montante fu in prima linea nelle campagne contro le illegalità e fu lui a proporre il rating antimafia per premiare le imprese sane.
panorama
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 10616
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

Messaggioda panorama » sab lug 07, 2018 9:34 am

rinviato a giudizio A. C., capitano dei carabinieri.
-------------------------------------------------------------------------

tribunale

Roma, sesso con minorenni: carabiniere rinviato a giudizio

In cambio gli adolescenti ricevevano 50 euro e la promessa di un iPhone. Al militare, sotto procedimento disciplinare, è contestato anche di essersi fatto mandare video o immagini pornografici, ma in questo caso senza denaro

di Giulio De Santis

Sesso con due minorenni in cambio di 50 euro e della promessa di un iPhone. Con queste accuse è stato rinviato a giudizio A. C., capitano dei carabinieri. Al militare è anche contestato di essersi fatto mandare video o immagini pornografici anche se in questo caso senza dare denaro.

C. è sotto procedimento disciplinare in attesa dell’esito del dibattimento. Le accuse avanzate dal pm Vittorio Pilla contro l’imputato risalgono al 2013, quando il carabiniere inizia a collegarsi in rete per trovare minorenni da adescare. Talvolta le sue prede le cerca anche in discoteca. I giovani, tutti di età superiore ai 16 anni ma non ancora maggiorenni, accettano le offerte del militare, almeno secondo quanto ricostruito alla procura. In un’occasione gli montano una clip hard, un’altra volta gli viene spedita un’immagine hot. L’imputato però vuole incontrare i ragazzi. Sarebbero due gli episodi in cui il militare ha avuto relazioni intime con gli adolescenti. A uno ha pure ceduto cocaina, sempre secondo l’accusa. Il processo inizierà il 12 dicembre.


6 luglio 2018 | 07:44

ecco il link

https://roma.corriere.it/notizie/cronac ... a48c.shtml
panorama
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 10616
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Articoli in rassegna stampa e/o altre notizie

 


Torna a PUNTO DI INCONTRO






Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

CSS Valido!

Aggiorna le mie impostazioni privacy