Procedimento penale in corso e conseguenze

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Rispondi
fra68
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 6
Iscritto il: ven lug 15, 2011 2:15 am

Procedimento penale in corso e conseguenze

Messaggio da fra68 » lun lug 18, 2011 1:04 am

Buona sera,
La ringrazio per aver creato questo forum è l'aiuto che da' con le sue risposte!
Quale 1°m.llo di Marina con 24 anni di servizio effettivo ed attualmente imbarcato mi permetto di raccontare un pò, speriamo comprensibilmente, della mia vicenda:
A seguito di fatti avvenuti in dicembre 2007 (mi venivano venduti dei grattini per il parcheggio contraffatti per un tot. di euro 4,00), ricevo notifica della procura della repubblica di taranto in data 07.02.2008 di convalida di sequestro in cui mi viene contestato il reato di cui all'art 640 c.p. e di essere indagato (di questa notifica in data 14.02.2008, ne informo con lettera e con copia allegata della notif. l' AGDO del precedente comando di appartenenza ).
Nel febbraio 2009 mi viene notificato l'avviso della conclusione delle indagini preliminari in cui mi vengono contestati i seguenti reati :
a) artt 477-482 e 61 n.2 c.p.(falso materiale in atto pubblico commesso da privato) perchè al fine di commettere il reato di cui al capo che segue, falsificava n. 5 tagliandi prepagati per parcheggio del valore di euro 0,80 cad applicando pellicola trasparente scannerizzata a colori);
b) art. 640 cpv n.1 c.p. perchè esponendo i tagliandi prepagati si procurava l'ingiusto profitto ai danni del comune.
Nel giugno 2009 ricevo la notifica di richiesta di rinvio a giudizio sempre per gli articoli di cui al punto a) e b).
Nel frattempo nel novembre 2009 imbarco, e avviso l'ufficiale addetto AGDO della mia situazione e che avevo informato il precedente comando solo della prima notifica del 07.02.2008, l'ufficale non ritiene di dovergli mettere niente per iscritto ma bastava che lo avessi avvisato a voce.
Nel febbraio 2010 il GUP all'udienza in camera di consiglio mi assolve per il reato di cui al punto b) mentre mi ha rinviato a giudizio per il reato di cui al punto a).
fino ad ora ci sono state solo due udienze da quando è iniziato il processo.
Siccome sono in procinto di sbarcare ed essendo cambiato sulla nave l'ufficiale AGDO, ho chiesto se il vecchio ufficiale gli avesse comunicato o scritto qualcosa in merito alla mia situazione o fosse arrivata copia della mia sola comunicazione fatta al precedente Comando, mi ha risposto di non avere nulla in merito a tutta la situazione.
Ho capito finalmente che anche questo a poca esperienza e mi ha detto di non preoccuparmi ma non mi fido più delle rassicurazioni altrui.
Premettendo che i colleghi della AGDO del precedente comando mi avevano detto che non c'era bisogno di avvisare ogni volta il comando in quanto la procura della R. informava sempre la Procura Militare, Chiedo, a lei avvocato o a chiunque mi sappia rispondere,cosa devo fare all'attualità dei fatti? in che cosa incorro?sospensione preventiva? c'è molta possibilità che io venga posto in congedo per il reato di falso di cui sopra qualora venga condannato?
tutto questo mi ha rovinato i giorni invadendo la mia mente sempre con lo stesso macinante pensiero di come può andare a finire e di dover essere congedato .
Ringrazio anticipatamente e mi scuso per il papello.



Convenzionistituzioni.it
Avatar utente
Avv. Giorgio Carta
Professionista
Professionista
Messaggi: 1869
Iscritto il: ven apr 03, 2009 9:14 am

Re: Procedimento penale in corso e conseguenze

Messaggio da Avv. Giorgio Carta » dom lug 24, 2011 7:41 pm

confermo il consiglio che già le hanno dato i colleghi:lei ha già assolto ogni obbligo di informazione della scala gerarchica e non è più tenuto ad informare i nuovi superiori se non delle novità.
In ogni caso, attesa la particolare tenuità del reato contestato, ritengo alquanto improbabile (per quanto sia discrezionale) la sua sospensione dal servizio.
Saluti,

Avv. Giorgio Carta

Rispondi