Poteri coercitivi di ufficiali e agenti P.G. a competenza li

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Rispondi
sheoll
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 5
Iscritto il: mar mar 15, 2016 7:31 pm

Poteri coercitivi di ufficiali e agenti P.G. a competenza li

Messaggio da sheoll » mar mar 15, 2016 7:51 pm

Salve. Chi scrive è un vigile del fuoco. Sebbene si rivesta da decenni la funzione di agenti di p.g. solo in questi ultimi anni vi è stata una presa di coscienza da parte dei nostri dirigenti con una graduale creazione di uffici interni e contestuale opera di formazione del personale che a tutt'oggi è ancora agli inizi.
Una delle problematiche più urgenti al momento è quella di capire quale sia la nostra autorità in ambito di identificazione di persone colte in flagranza, flagranza indiretta o anche solo presenti nei paraggi dell'evento incidentale e quantomeno sospettate di essere coinvolte in qualche misura nell'evento stesso.
Qualora si rifiutino di fornire le generalità o esibire il documento di identità è possibile trattenerle coercitivamente fino all'arrivo di una pattuglia delle forze dell'ordine? E quali sono i passaggi corretti da compiere per non incorrere in eventuali illeciti o abusi?
Grazie



Rispondi