Pensione per inabilità al servizio di polizia

Consulenza legale su contensioni pensionistici - Corte dei Conti
Feed - L'Avv. Massimo Vitelli risponde

Moderatore: Avv. Massimo Vitelli

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte all'Avv. Vitelli verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con l'avvocato ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.
Rispondi
Fox520
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 1
Iscritto il: dom set 23, 2018 9:55 pm

Pensione per inabilità al servizio di polizia

Messaggio da Fox520 » dom set 23, 2018 10:16 pm

Buonasera, nel 2006 il C.M.O. mi riteneva inabile al servizio di Polizia ma abile al servizi tecnici e civili. Nello stenno anno venivo posto in quiescienza x inabilità al servizio di Polizia e da allora mi viene corrisposta una pensione.
Nel 2010 dopo una consultazione al Patronato venivo assunto come dipendente in una ditta.
Da quella data nel 730 viene fatto il cumulo dei redditi e pago i relativi contributi previdenziali.
Da qualche mese a seguito della mia richiesta se al momento che interrompo l'attuale posizione lavorativa riceverò un integrazione dell'attuale pensione mi e stato detto che in realtà non avrei mai potuto sffettuare una nuova lavorativa e adesso dovrei comunicare la cosa all'inps (ex INDAP) e restituire tutte le mensilità percepite.
E verò? ha ragione il Patronato che nel 2010 ha detto che potevo fare attività lavorativa o quello che mi è stato detto adesso?



Avatar utente
Avv. Massimo Vitelli
Professionista
Professionista
Messaggi: 498
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Pensione per inabilità al servizio di polizia

Messaggio da Avv. Massimo Vitelli » lun set 24, 2018 4:20 pm

Fox520 ha scritto:Buonasera, nel 2006 il C.M.O. mi riteneva inabile al servizio di Polizia ma abile al servizi tecnici e civili. Nello stenno anno venivo posto in quiescienza x inabilità al servizio di Polizia e da allora mi viene corrisposta una pensione.
Nel 2010 dopo una consultazione al Patronato venivo assunto come dipendente in una ditta.
Da quella data nel 730 viene fatto il cumulo dei redditi e pago i relativi contributi previdenziali.
Da qualche mese a seguito della mia richiesta se al momento che interrompo l'attuale posizione lavorativa riceverò un integrazione dell'attuale pensione mi e stato detto che in realtà non avrei mai potuto sffettuare una nuova lavorativa e adesso dovrei comunicare la cosa all'inps (ex INDAP) e restituire tutte le mensilità percepite.
E verò? ha ragione il Patronato che nel 2010 ha detto che potevo fare attività lavorativa o quello che mi è stato detto adesso?
""""""

Buonasera.
La sua vicenda appare delicata e complessa, necessitando di accurata istruzione previo esame di tutta la documentazione del caso.
Come può immaginare, ciò va ben oltre lo spirito pro bono della presente rubrica.
Le consiglio allora di rivolgersi ad un legale del luogo.
Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it

Rispondi