Pagina 1 di 1

Passaggio ruolo civile

Inviato: ven mag 18, 2018 2:47 pm
da Lorelein81
Buongiorno dottoressa. Sono un militare della M.M. 12 anni di servizio, 12 anni di imbarco. Ho subito l anno scorso un intervento al polso rimanendo x 7mesi non idoneo al servizio. Quest anno nuovamente in convalescenza per depressione e stato ansioso, dovuti sia al lungo periodo continuo d imbarco, sia alla situzione familiare non tranquilla in quanto ho il coniuge ank egli militare in altra sede e x le leggi di forza armata nn è possibile usufruire del ricongiungimento. Ho fatto gia qst anno 3 mesi di convalescenza,certificati dal un psicologo dell asl.Sto effettuando anke una cura. I miei comandi da anni sono a conoscenza di qst mia situazione ma nn si sono interessati. Giorni fa sono andata all ospedale militare e la psicologa mi ha dato altri 3 mesi di convalescenza,ha voluto darmi tempo prima di decidere se passare al ruolo civile. Io passerei volentieri, mi sentirei piu sollevata a livello lavorativo. Volevo sapere se con qsta patologia posso fare domanda di causa di servizio x evitare la riduzione stipendiale. E se qsta patologia può comportare problematiche a livello civile tipo ritiro della patente o altro di cui non sono a conoscenza. Grazie x l attenzione.

Re: Passaggio ruolo civile

Inviato: lun mag 21, 2018 12:15 am
da Alessandra DAlessio
La sua non è una patologia grave ed escludo che le concedano una causa di servizio.
Per quanto concerne i ruoli civili bisogna capire l'evoluzione delle sue problematiche psicologiche poiche' l'ansia e la depressione possono essere curate.
Qualora diventassero croniche, e la criticità le venisse riscontrata in commissione, la destinerebbero ai ruoli civili. Ma ci vorrà sicuramente del tempo e questo comporterà una perdita a livello economico.
Le consiglio di iniziare una psicoterapia.

Re: Passaggio ruolo civile

Inviato: mar nov 20, 2018 6:42 pm
da mikamp47
MI PERMETTO UMILMENTE DI DISSENTIRE IN PARTE DALLA RISPOSTA INDICATA :
NON è LA MINOR O MAGGIOR GRAVITà DELLA PATOLOGIA A DETERMINARE LA SI O NO DIPENDENZA DA CAUSA DI SERVIZIO, MA LA SUA EVENTUALE RELAZIONE CON LA TIPOLOGIA DI SERVIZIO SVOLTO.
DETTO QUESTO,
CON GLI ATTUALI ORIENTAMENTI ROMANI, è MOLTO PROBABILE CHE CI SIA UNA RISPOSTA NEGATIVA,
MA OCCORREREBBE ALMENO VEDERE QUALE SIA LA PATOLOGIA LAMENTATA DAL PAZIENTE E QUALE ATTIVITà VENE SVOLTA IN CONCRETO DAL PAZIENTE.

Re: Passaggio ruolo civile

Inviato: lun nov 26, 2018 5:17 pm
da Alessandra DAlessio
Ha perfettamente ragione quando parla della correlazione con il servizio svolto infatti dal testo che lei ha scritto in testa non si evince correlazione con il servizio e dunque ho escluso un esito positivo di una causa. Ovviamente il suo caso andrebbe valutato nelle sedi opportune anche con un avvocato a fronte di un parere esperto di uno psicologo.
Dimostrare un nesso causale (correlazione) è una cosa molto difficile.
Se ha bisogno ancora non esiti...