News Varie

Sezione dedicata alla libera circolazione di idee ed esperienze tra i diversi Corpi armati (e non) dello Stato.
Feed - PUNTO DI INCONTRO

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar dic 21, 2010 7:41 pm

RISPARMIO. Crack Parmalat, Tribunale di Roma condanna banca al risarcimento
21/12/2010
Continuano i risarcimenti per i risparmiatori vittime del crack Parmalat. Questa volta è toccato a due associati Confconsumatori del Lazio. Anche il Tribunale di Roma, come era già stato sancito da diversi altri giudici, ha condannato la banca al risarcimento, avendo riscontrato l'inadempienza dell'istituto per non avere assolto agli obblighi informativi previsti dal Regolamento Consob e dal Testo Unico Finanziario (T.U.F.). Tali obblighi prescrivono alla banca di accertarsi della pericolosità del titolo, di comunicarla al cliente e di assumere informazioni relativamente all'esperienza del cliente in materia di investimenti finanziari. La banca in questione è stata condannata anche per aver venduto i titoli in conflitto di interessi: gli investitori avevano comprato obbligazioni "Parmalat Fin", più in particolare bond emessi dalla Parmalat Corporation BV, il 15 marzo 2002.

Il Tribunale di Roma ha condannato la banca anche nella fase successiva alla stipulazione del contratto, considerando tali doveri derivanti da norme inderogabili, cioè in grado di generare obblighi risarcitori per inadempimento contrattuale e produrre la risoluzione del contratto di intermediazione finanziaria.

La sentenza introduce e conferma un principio importante: anche nel caso di sufficiente esperienza maturata dall'investitore, la banca non è esonerata dall'adempimento degli obblighi di verificare l'adeguatezza dell'investimento in quanto la banca non è mero e passivo esecutore degli ordini di acquisto del cliente ma ha il preciso obbligo di informarlo delle caratteristiche specifiche dell'operazione, comunicandogli e spiegandogli, tra l'altro, il grado di affidabilità del titolo secondo le agenzie di rating.

"Come risulta dalla sentenza del Tribunale di Roma - dichiara l' avv. Barbara D'Agostino, che ha tutelato in giudizio gli investitori - è impensabile che un intermediario finanziario non si preoccupi di valutare e comunicare la rischiosità dell'investimento; è necessario infatti - continua l'avv. D'Agostino - che agli investitori vengano fornite precise informazioni. Non solo: è importante la trasparenza degli istituti bancari che hanno l'obbligo di rendere edotti gli investitori del conflitto di interessi". "La sentenza è importante - conclude l'avv. D'Agostino - perché dimostra che è ormai univoco l'orientamento giurisprudenziale in materia di bond Parmalat, grazie a numerose sentenze di condanna degli istituti di credito che hanno, oltretutto, venduto ai risparmiatori quei titoli in pieno conflitto di interessi, essendo creditori delle società del gruppo Parmalat".



Convenzionistituzioni.it
panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar dic 21, 2010 7:42 pm

TRASPORTI. Da oggi nuove corse Arenaways Torino-Milano
21/12/2010
Oggi partono nuove corse di Arenaways, la compagnia alessandrina che dal 15 novembre 2010 fa concorrenza a Trenitalia sulla tratta Torino-Milano. Da oggi ci sono 8 nuove corse tra le due città, con tempi di percorrenza ridotti: da Torino Porta Susa a Milano Porta Garibaldi (e viceversa) il treno impiegherà 1 ora e 44 minuti, al costo invariato di 17 euro. L'acquisto può essere effettuato online, all'indirizzo http://www.arenaways.com" onclick="window.open(this.href);return false;, oppure a bordo senza sovrapprezzo. I treni Arenaways - ricorda la società in una nota - in conseguenza alle limitazioni imposte dall'Ursf del ministero dei Trasporti che sono ancora oggetto di ricorso, non effettueranno fermate intermedie.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mer dic 22, 2010 6:27 pm

AMBIENTE. Milleproroghe, sacchetti di plastica: Ministero conferma messa al bando dal 1° gennaio
22/12/2010
Allarme rientrato sulla proroga della messa al bando dei sacchetti di plastica. Come informa il Ministero dell'Ambiente, il Consiglio dei Ministri ha confermato lo stop all'utilizzo dei sacchetti di plastica dal 1° gennaio 2011, senza proroghe. Nella bozza del Milleproroghe era infatti contenuta la proposta di far slittare di un anno il divieto di commercializzazione dei sacchetti di plastica, decisione che aveva suscitato l'opposizione delle associazioni dei consumatori e dello stesso Ministero dell'Ambiente. Ora dal ministro Stefania Prestigiacomo arrivano rassicurazioni: la scadenza del 1° gennaio 2011 verrà rispettata.

"E' una grande innovazione, quella introdotta dal governo - ha commentato il ministro Stefania Prestigiacomo, che si è opposta all'introduzione dell'ennesima proroga - che segna un passo in avanti di fondamentale importanza nella lotta all'inquinamento, rendendoci tutti più responsabili in tema di riuso e di riciclo. Perché il provvedimento possa però produrre risultati concreti, è necessario il coinvolgimento pieno degli operatori commerciali, della piccola e della grande distribuzione, perché sperimentino su larga scala sistemi di trasporto alternativi ai sacchetti di plastica, e dei cittadini".

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mer dic 22, 2010 6:33 pm

UTENZE DOMESTICHE. Toscana, illegittimo l'aumento del deposito cauzionale Publiacqua
22/12/2010
L'ATO 3 Medio Valdarno dà ragione alla lotta di Confconsumatori contro l'aumento deposito cauzionale imposto da Publiacqua (la società che eroga il servizio idrico a 370.000 utenze, corrispondenti a circa 1.277.000 abitanti delle Provincie di Firenze, Prato, Pistoia e parte di Arezzo)
. Quanto asserito fin dall'inizio da Confconsumatori ha trovato, infatti, finalmente conferma nella decisione presa dall'ATO3 Medio Valdarno che, lo scorso venerdì 17 dicembre, ha dichiarato che l'aumento del deposito cauzionale deve essere applicato solo ai nuovi contratti e non ai contratti già in essere.

"Una decisione che ricalca perfettamente quanto da noi fin dall'inizio sostenuto - affermano i presidenti provinciali di Prato, Marco Migliorati, e di Pistoia Stefano Ragionieri - e che ci dà pienamente ragione sul profilo tecnico-giuridico della questione. Dunque, a dispetto delle accuse ed intimidazioni di Publiacqua contro di noi, è emerso che, invece, avevamo ed abbiano ragione noi quando sosteniamo che la misura del deposito è una norma contrattuale e non può essere modificata unilateralmente dal gestore, pena la vessatorietà e dunque illegittimità della norma".

Inoltre, l'ATO3 ha confermato anche che Publiacqua deve "restituire con la prima bolletta le somme indebitamente prelevate agli utenti che hanno un contratto stipulato da tempo", esattamente ciò che Confconsumatori ha chiesto ed intimato fin dall'inizio a Publiacqua.
"La recente posizione dell'ATO è però un ordine del giorno che Publiacqua dovrà recepire nelle prossime settimane - affermano i presidenti Migliorati e Ragionieri - sarebbe paradossale che il gestore si schierasse contro i Sindaci del Comuni che fanno parte della stessa Publiacqua. Ma dopo le minacce che abbiamo subito, non ci stupiremmo di niente. Per questo continuiamo a consigliare ancora che tutti i cittadini che hanno ricevuto le bollette non paghino l'importo del nuovo deposito cauzionale oppure se hanno pagato richiedano il rimborso, utilizzando in entrambi i casi il modello di lettera predisposta dai nostri legali".

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » gio dic 23, 2010 10:43 pm

FISCO. Iva su cellulari e microprocessori, dal 1° aprile 2011 nuove regole per il reverse charge
23/12/2010
Dal 1°aprile 2011 nuove regole per le cessioni di telefoni cellulari e microprocessori con l'applicazione del meccanismo del reverse charge, meccanismo di inversione contabile che comporta che l'acquirente, se soggetto passivo d'imposta nel territorio dello Stato, è obbligato all'assolvimento dell'Iva al posto del cedente.

Dal 1° aprile gli obblighi fiscali si spostano in capo al cessionario. Per semplificare la riscossione dell'Iva e contrastare meglio le frodi e l'evasione fiscale, infatti, l'Italia è stata autorizzata dal Consiglio dell'Unione europea a rendere debitore dell'Iva direttamente l'acquirente per le cessioni di telefoni cellulari e microprocessori.

Con una circolare, pubblicata oggi, l'Agenzia delle Entrate fornisce tutti i chiarimenti in merito all'applicazione dell'art.1, comma 44 della Legge Finanziaria 2007, anche alla luce della Decisione del Consiglio che restringe il campo d'applicazione della norma per quanto riguarda i pc e i loro componenti e accessori. In particolare, la circolare chiarisce che l'applicazione del meccanismo del reverse charge per i cessionari residenti in Italia si applica per quanto riguarda i personal computer soltanto ai componenti che costituiscono dispositivi a circuito integrato come i microprocessori e le unità centrali di elaborazione prima della loro istallazione in prodotti destinati al consumatore finale. L'Agenzia precisa che il reverse charge si applica per le sole cessioni di beni effettuate nella fase distributiva e quindi non si applica alla fase del commercio al dettaglio. Sono inoltre escluse le cessioni dei beni effettuate da contribuenti minimi.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » gio dic 23, 2010 10:45 pm

ENERGIA. Gas, domani torna a funzionare il TransitGas
23/12/2010
Una buona notizia per i consumatori: l'inverno non è più a rischio. Domani 24 dicembre, infatti, torna in funzione il gasdotto svizzero TransitGas. Il gasdotto è rimasto interrotto dallo scorso 23 luglio a causa di una frana, provocando l'interruzione delle forniture facendo venire meno le necessarie condizioni di sicurezza per l'erogazione del servizio. Il TransitGas assicura all'Italia l'importazione di circa 8 miliardi di metri cubi l'anno (pari a circa il 10% del consumo annuo nazionale), grazie a una capacità giornaliera massima di 60 milioni di metri cubi.

Da domani il TransitGas riparte garantendo ai consumatori, soprattutto a quelli residenti nel Nord Italia, la continuità e la certezza degli approvvigionamenti.

Per il Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani "la ripresa del servizio da parte di TransitGas prima delle festività natalizie è davvero una buona notizia. Poter contare sulla funzionalità di questo gasdotto - ha spiegato il Ministro - ha una duplice valenza: assicurare in inverno un'offerta adeguata alla domanda di imprese e cittadini e consentire la diversificazione della provenienza del gas. Voglio ringraziare tutti coloro che si sono attivati per consentire una prima soluzione del problema" ha concluso Romani. Il Mise continuerà a seguire con la dovuta attenzione i prossimi passi per la realizzazione di una bretella di Transitgas, che consentirà il funzionamento del gasdotto su un più ampio orizzonte temporale.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » gio dic 23, 2010 10:46 pm

SALUTE. Protesi mammarie, via libera al ddl dalla Commissione Affari sociali della Camera
23/12/2010
Approvato ieri dalla Commissione Affari Sociali della Camera il disegno di legge sulle protesi mammarie. Il ddl, che prevede l'istituzione del registro nazionale e dei registri regionali degli impianti protesici mammari, obblighi informativi alle pazienti, e il divieto di intervento di plastica mammaria ai minori, deve essere ora approvato dal Senato.

"Questo - ha dichiarato il Sottosegretario alla Salute, Francesca Martini - è un provvedimento che dà regole che garantiscono più sicurezza a chi si sottopone a questo tipo di interventi e agli operatori del settore. Ricordo che la chirurgia estetica negli ultimi anni ha registrato un vero e proprio "boom". Abbiamo voluto così tutelare soprattutto le minorenni che si avvicinano alla chirurgia estetica in un'età in cui il fisico non ha ancora completato lo sviluppo. Il registro delle protesi - ha concluso Martini - consentirà la piena tracciabilità dei materiali utilizzati e del follow-up delle pazienti."

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » ven dic 24, 2010 12:17 pm

ETICHETTATURA. Pesce, MDC: etichetta corretta, spesa più sicura
21/12/2010
Festività di Natale, cenoni a base di pesce: dal Movimento Difesa del Cittadino arrivano alcuni consigli utili per riconoscere fresco, congelato e surgelato e difendersi attraverso le etichette. Perchè le frodi sono sempre dietro l'angolo.

Festività a base di pesce: se si segue la tradizione, i prodotti ittici sono la regola, protagonisti delle tavole imbandite delle feste alla vigilia di Natale e la sera di Capodanno. Per questo è importante avere adeguate informazioni per evitare il più possibile i rischi di frodi alimentari, che in periodo di forte consumo tendono ad aumentare in maniera esponenziale. Si vuole comprare, ad esempio, pesce fresco? Questo "deve avere un odore marino e gradevole, un aspetto brillante e il corpo rigido e arcuato. L'elemento distintivo di un'ottima scelta riguarda l'occhio che deve essere in fuori cornea trasparente pupilla nera e non infossato nell'orbita cornea lattiginosa pupilla grigia". Sono i consigli che arrivano dal Dipartimento Sicurezza Alimentare del Movimento Difesa del Cittadino.

MDC ha infatti realizzato poche settimane fa un rapporto sull'etichettatura dei prodotti ittici nei mercati rionali: il risultato è che solo un terzo del campione rispettava in pieno la legge. "L'esame dei dati relativi ai contenuti delle etichette - ricorda l'associazione - evidenzia come sia il prezzo l'informazione più presente (80%) un po' in tutte le regioni. Difficile invece la situazione per due indicazioni essenziali per la trasparenza dell'informazione al consumatore: solo 4 banchi su 10 indicano la provenienza del prodotto e il metodo di produzione. Mentre solo il 60% la denominazione commerciale della specie".

Come deve essere dunque l'etichetta? Indicazioni obbligatorie per il pesce fresco sono prezzo, denominazione commerciale della specie, metodo di produzione (pescato o allevato) e zona di cattura (per il pescato e il Paese di provenienza per l'allevato). Per il pesce congelato coperto da glassatura, la percentuale della stessa deve essere indicata perché considerata tara.

L'etichetta del pesce surgelato deve invece contenere le seguenti indicazioni: "la denominazione di vendita o la denominazione commerciale della specie completata dal termine "surgelato"; il metodo di produzione (pescato o allevato), la zona di cattura per il pescato ed il Paese di provenienza per l'allevato; l'elenco degli ingredienti e cioè delle specie in caso di miscuglio (per es. preparato per risotto alla pescatora); la quantità netta o, nel caso di prodotti preconfezionati in quantità unitarie costanti, la quantità nominale; il termine minimo di conservazione (TMC) completato dall'indicazione del periodo in cui il prodotto può essere conservato presso il consumatore; il TMC si indica "da consumarsi preferibilmente entro"; il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede del fabbricante o del confezionatore o di un venditore stabilito nella Comunità economica europea; la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento; una dicitura che consenta di identificare il lotto di appartenenza del prodotto; le modalità di conservazione del prodotto dopo l'acquisto, completata dall'indicazione della temperatura di conservazione e della attrezzatura richiesta; l'avvertenza che il prodotto una volta scongelato non deve essere ricongelato e le istruzioni per l'uso".

Per saperne di più, guarda il video Pesce fresco a Natale? Guardalo negli occhi! Il servizio di Cittadini in TV al link http://www.mdc.it/it/canali/comunicazio ... atale.html" onclick="window.open(this.href);return false;

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » dom gen 02, 2011 1:36 pm

Ambiente, Stop vendita buste plastica, scorte da esaurire gratis
di Apcom
Roma, 1 gen. (TMNews) - Addio alle buste di plastica nei negozi, anche se l'eliminazione sarà graduale. Da oggi non è più possibile vendere sacchetti "da asporto merci" non biodegradabili, ma resta consentito lo smaltimento delle scorte, purchè sia fatto a favore dei consumatori e soltanto a titolo gratuito. Una novità importante che porterà benefici all'ambiente e - secondo le associazioni dei consumatori - anche possibili risparmi per i clienti (se i supermercati non aumenteranno i prezzi per compensare i mancati introiti).
In Italia - spiega Legambiente - si consumano circa 20 miliardi di buste all'anno, un record in Europa. Sostituendo con 10 sporte riutilizzabili i 300 sacchetti di plastica che ogni italiano consuma all'anno, "si risparmierebbero più di 180mila tonnellate di petrolio e altrettante di emissioni di Co2, ma soprattutto non si disperderebbe plastica indistruttibile nei campi, lungo le rive dei fiumi e nei mari".
Per i clienti dei supermarket - sottolinea poi l'Adoc - l'addio alla plastica potrebbe comportare un beneficio annuale di 15-30 euro per famiglia. Ma per risparmiare bisogna comprare un sacchetto di carta o di tela da portarsi dietro quando si va a fare la spesa. Per compensare i mancati introiti derivanti dalla vendita dei sacchetti - avverte però l'associazione dei consumatori - la grande distribuzione potrebbe ritoccare i prezzi, con rincari su tutti i prodotti dell'1-2%.
01 gennaio 2011

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » lun gen 03, 2011 11:59 pm

FISCO. Agenzia Entrate: vincite online su modello Unico tra redditi diversi
03/01/2011
Le vincite sul web (attraverso scommesse o altri passatempi) sono redditi diversi, quindi vengono tassati per intero, e vanno riportati nel modello Unico e soggetti agli obblighi di monitoraggio. In particolare, quest'ultimo adempimento, che comporta la segnalazione delle vincite nel modulo RW, scatta nel caso in cui il contribuente-scommettitore, per accedere al gioco online, si appoggi a un conto corrente estero infruttifero la cui consistenza superi i 10mila euro alla fine del periodo d'imposta, e se, nello stesso arco di tempo, i movimenti registrati oltrepassino questa stessa soglia.

Lo chiarisce l'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 141/E diffusa oggi, che si sofferma sulle corrette modalità di tassazione delle vincite online. Questi redditi, dunque, sono tassati per l'intero ammontare percepito nel periodo d'imposta, senza alcuna deduzione, non tenendo conto neanche delle spese sostenute per la loro produzione, a partire dalla quota di partecipazione al gioco. Inoltre, se le somme incassate non sono erogate da un sostituto d'imposta che applica la ritenuta alla fonte, è compito del vincitore indicarle nella dichiarazione dei redditi e, più precisamente, nel rigo RL15 del quadro RL di Unico.

Sul fronte del monitoraggio fiscale, l'Agenzia spiega che, se il contribuente si appoggia a un conto corrente estero infruttifero per accedere al gioco online, questo costituisce un'attività finanziaria soggetta al monitoraggio da segnalare nel modulo RW, potendo generare redditi di fonte estera imponibili in Italia. Questo però a 2 condizioni: che il conto abbia una consistenza di oltre 10mila euro alla fine del periodo d'imposta e che i movimenti effettuati nello stesso arco di tempo superino questa stessa soglia. Nel dettaglio, il giocatore dovrà compilare la sezione II del modulo RW, riportando il saldo del conto estero al 31 dicembre e barrando la colonna 4 per evidenziare che non ricava interessi. Ancora, sempre nell'RW va riempita la sezione III per indicare sia i versamenti fatti dal nostro Paese sul conto estero, sia i trasferimenti su un conto italiano intestato al contribuente. Al contrario, sfuggono agli obblighi di monitoraggio i pagamenti fatti per acquistare beni o per affrontare spese correnti sfruttando le disponibilità finanziarie all'estero.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar gen 04, 2011 12:00 am

PUBBLICITA' INGANNEVOLE. Antitrust multa Poste Italiane per promozione "Raccomandata 1"
03/01/2011
L'Antitrust ha sanzionato per 200 mila euro Poste Italiane per pratica commerciale scorretta relativamente alla promozione del servizio "Raccomandata 1". I messaggi pubblicitari con i quali è stato promosso il servizio, spiega l'Autorità nell'odierno bollettino, "riportano alcune indicazioni riferite alla particolare celerità di recapito della corrispondenza, affermando che il servizio garantisce la consegna in un giorno lavorativo". Il claim è deciso: "Raccomandata 1 viene consegnata al destinatario entro un giorno lavorativo successivo a quello della spedizione". Sul sito internet, attraverso un link ipertestuale è possibile prendere visioni delle condizioni di servizio, in cui si prevede il diritto al rimborso solo in caso di ritardo nel primo tentativo di recapito compreso fra il 3° e il 15° giorno lavorativo successivo alla spedizione.

Per l'Antitrust i profili di scorrettezza del messaggio riguardano "le caratteristiche del servizio offerto, quali la tempestività del recapito della corrispondenza inoltrata tramite il servizio 'Raccomandata 1' e le condizioni di fruibilità del rimborso in caso di ritardo nella consegna". In particolare, data la perentorietà della promessa di consegna entro un giorno lavorativo successivo a quello di spedizione, "il destinatario del messaggio - scrive l'Antitrust - può ragionevolmente ritenere che, a fronte di un significativo costo del servizio, pari in media a 6 euro, la corrispondenza inoltrata con tale modalità sia in ogni caso consegnata al destinatario entro un giorno lavorativo (più quello di spedizione)". In realtà non è sempre così e, spiega l'Antitrust, "il livello dei ritardi nella consegna riscontrati nel periodi di riferimento risulta significativo".

Inoltre, aggiunge l'Autorità, "dati dati rilevati si desume che, in pratica, la certezza del recapito a mezzo del servizio di spedizione in questione si realizza soltanto in concomitanza con il secondo giorno lavorativo successivo a quello di spedizione. Pertanto, devono ritenersi ingannevoli i messaggi promozionali che per la loro assolutezza inducono nei destinatari il falso convincimento che la corrispondenza spedita con tali modalità sia sempre recapitata al destinatario nei tempi pubblicizzati". La sanzione decisa dall'Antitrust è di 200 mila euro.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar gen 04, 2011 12:04 am

E-GOV. Dal 1° gennaio lo sportello Inps è online
03/01/2011
Dal 1° gennaio 2011 alcune domande di prestazione/servizio vanno presentate all'Inps soltanto online, cosicché non ci si dovrà più recare presso la sede dell'Istituto. Per i soggetti che non dispongano delle necessarie capacità o possibilità di interazione con l'Inps per via telematica, sarà potenziata la funzione del Contact Center 803164, abilitato non soltanto a fornire le informazioni necessarie ma anche ad acquisire, previa identificazione dell'utente, le relative domande di prestazione e di servizio. La presentazione delle domande avverrà esclusivamente attraverso uno dei seguenti canali: web, utilizzabile direttamente dal cittadino tramite PIN mediante il portale internet dell'Istituto (http://www.inps.it" onclick="window.open(this.href);return false;); Contact center integrato, raggiungibile chiamando il numero gratuito 803164; Patronati e intermediari dell'Istituto, che metteranno a disposizione dei cittadini i necessari servizi telematici.

Con 3 apposite circolari è stata resa pienamente operativa la presentazione delle domande di indennità di mobilità ordinaria, di disoccupazione ordinaria e l'accentramento della posizione contributiva delle aziende. Il processo di digitalizzazione delle varie domande di prestazione avverrà comunque con gradualità. È previsto, infatti, un periodo transitorio di 3 mesi durante il quale saranno garantite le consuete modalità di presentazione. Al termine del periodo transitorio i tre canali sopracitati diventeranno esclusivi ai fini della presentazione delle domande.

"Si tratta di un ulteriore passo verso l'obiettivo di vicinanza dell'Inps nei confronti dei suoi utenti e in generale verso tutti i cittadini italiani - spiega il presidente dell'Istituto, Antonio Mastrapasqua - aumentano i servizi erogati dall'Inps, aumenta la possibilità di ottimizzare il proprio tempo e di poter operare via Web direttamente da casa o dalla propria azienda. In molti casi le prestazioni dell'Inps sono servizi di assoluta necessità e di altissimo interesse: la possibilità di poterne disporre senza doversi scomodare per recarsi allo sportello delle nostre sedi è un grande passo in avanti per l'utenza. L'obiettivo è quello di rendere disponibili in rete il 100% dei servizi Inps e quindi di rendere esclusivamente telematica la possibilità di presentare domande e istanze all'Istituto".

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar gen 04, 2011 12:08 am

AMBIENTE. Sacchetti di plastica al bando, Porta la Sporta: andare oltre l'usa e getta
03/01/2011
Anno nuovo, addio ai sacchetti di plastica. Per legge infatti dal 1° gennaio è vietato commercializzare i sacchetti di plastica usa e getta, mentre rimarrà consentito - ha spiegato il Ministero dello Sviluppo Economico - lo smaltimento delle scorte in giacenza negli esercizi artigianali e commerciali alla data del 31 dicembre 2010, purché la cessione sia operata in favore dei consumatori ed esclusivamente a titolo gratuito.

Una buona notizia per l'ambiente, dunque, rilanciata dai promotori della campagna"Porta la sporta" che puntano ad "andare oltre" l'usa e getta e a promuovere forme alternative di consumo consapevole. In particolare, commentano i promotori, "con il primo gennaio 2011 è entrato in vigore il divieto di commercializzare i sacchetti di plastica e viene data agli esercizi commerciali la possibilità di esaurire le scorte a titolo gratuito per il cliente. Per il resto - aggiungono - si brancola ancora nel buio considerata la mancata emanazione di decreti attuativi o di circolari informative che definiscano l'applicazione di eventuali sanzioni, i comparti del commercio che verranno interessati dal provvedimento, quali tipologie di sacchetto sono bandite e, se per sacchetti biodegradabili si intendano esclusivamente quelli che rispondono ai requisiti di biodegradabilità e compostabilità definiti dalla norma UNI EN 13432".

I promotori della campagna individuano anche un secondo aspetto critico: " È prevedibile, oltre che augurabile, che i consumatori passino gradualmente all'utilizzo della borsa riutilizzabile nei supermercati dopo aver realizzato che il sacchetto biodegradabile costa almeno il doppio ed è più fragile di quello di plastica. Meno automatico invece si rivelerà il passaggio proprio in quei luoghi dove vengono smerciate grandi quantità di sacchetti: nei negozi e nei mercati rionali. Tanti esercenti in mancanza di iniziative comuni e condivise si limiteranno a inserire nei costi di esercizio, e quindi nei prezzi, i maggiori costi che l'approvvigionamento dei sacchetti biodegradabili comporta. Sopravviverà così al divieto, nell'immaginario dei consumatori, l'illusione di avere il sacchetto gratis: proprio il malinteso che ha alimentato nei decenni la crescita smodata del consumo di sacchetti".

Da qui l'impegno di Porta la Sporta, che ha sollecitato le sedi locali delle associazioni del commercio ad aderire alla campagna. La seconda edizione della Settimana Nazionale Porta la Sporta, promossa dall'Associazione dei Comuni Virtuosi, WWF, Italia Nostra, Touring Club Italiano e con l'adesione del Coordinamento Agende 21 e di Rifiuti 21 Network, verrà lanciata proprio questo mese e si svolgerà ad aprile.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar gen 04, 2011 12:09 am

ENERGIA. Autorità: da questo mese prezzi biorari e bollette semplificate
03/01/2011
Da questo mese di gennaio oltre 20 milioni di famiglie riceveranno la bolletta con i nuovi prezzi biorari dell'elettricità e bollette semplificate per elettricità, gas e dual fuel. Le famiglie avranno dunque la bolletta calcolata con i nuovi prezzi biorari, meno convenienti nei giorni lavorativi dalle 8 alle 19 e più convenienti in tutte le altre ore e in tutti i fine settimana e festivi. Entro la fine del 2011, il nuovo sistema sarà applicato a tutti i consumatori che hanno un contratto di fornitura alle condizioni stabilite dall'Autorità per l'energia e dotati di un contatore elettronico intelligente, che può leggere i consumi nei diversi momenti.

È quanto annunciato nei giorni scorsi dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas, che ha sottolineato anche l'arrivo di una seconda novità: bollette semplificate per le forniture di elettricità o gas o per quelle congiunte di gas ed elettricità (contratti dual fuel). In particolare, le nuove bollette saranno corredate da spiegazioni e saranno più facilmente confrontabili fra loro in modo da garantire una maggior trasparenza, con informazioni aggiuntive per agevolare i clienti nel rapporto con i fornitori (ad esempio, su come inoltrare un reclamo e sulle procedure da seguire per il mancato o tardivo pagamento della bolletta) e informazioni sul tipo di produzione elettrica utilizzata (ad esempio, da rinnovabili, a carbone, a olio combustibile o a gas).

Per quanto riguarda la tariffa bioraria, questa prevede che il costo dell'elettricità avrà prezzi più convenienti nei momenti in cui la richiesta di energia è minore, dalle 19 alle 8 dei giorni feriali, tutti i sabati, domeniche e altri festivi (in bolletta sono le fasce orarie "F23"), quando converrà concentrare almeno due terzi dei propri consumi, utilizzando elettrodomestici come lavatrice, lavapiatti, scaldabagno, forno elettrico, ferro da stiro. Elettricità meno conveniente invece dalle 8 alle 19 dei giorni lavorativi (fascia oraria "F1"). A oggi la differenza di prezzo fra ore più o meno convenienti è del 10% circa perché l'Autorità ha previsto un periodo transitorio. Da gennaio 2012, invece, saranno applicati prezzi biorari che rispecchieranno integralmente il diverso costo dell'elettricità all'ingrosso e dunque le differenze di prezzo saranno più accentuate.

Per questo è importante saper valutare le opportunità di risparmio, che saranno tanto maggiori quanto più i consumi verranno spostati nelle fasce orarie più convenienti. Per aiutare i consumatori nella ripartizione dei consumi e capire come usare al meglio l'elettricità nei momenti più convenienti, l'Autorità ha messo a disposizione sul proprio sito il PesaConsumi, un simulatore che aiuta a valutare i propri consumi in varie ipotesi di utilizzo degli elettrodomestici.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 13020
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar gen 04, 2011 12:10 am

MUTUI. Ance: mutui italiani più cari d'Europa
03/01/2011
Allarme mutui: quelli italiani sono i più cari d'Europa. Lo denuncia l'Ance, Associazione nazionale costruttori edili, secondo cui questa situazione costituisce un ostacolo alla ripresa del mercato immobiliare. L'Ance ha preso come base di riferimento i tassi sui mutui alle famiglie della Banca Centrale Europea: per un mutuo di 150.000 euro (durata di 25 anni) sottoscritto a settembre, in Italia si pagano 9.000 euro in più rispetto agli altri paesi dell'area euro. Per un mutuo sottoscritto ad agosto la cifra sale a 17mila euro. L'Ance nel rapporto "Il credito nel settore delle costruzioni in Italia" spiega che questo comportamento delle banche italiane è poco giustificato perché "la rischiosità delle famiglie italiane è rimasta molto bassa dall'inizio della crisi a oggi, al contrario di quanto accaduto in molti Paesi europei, caratterizzati da un forte indebitamento individuale".

L'Ance punta il dito contro il differenziale dei tassi di interesse tra l'Italia e il resto dell'area euro: mentre in Eurolandia a settembre i tassi medi sui mutui erano al 3,74%, in Italia la media era al 4,1%, con una differenza dello 0,36%. C'è una "resistenza a scendere dei tassi rispetto all'Irs 10 anni (il tasso base di indicizzazione). E gli italiani non solo pagano rate più salate, ma spesso sono "costretti" ad assumersi rischi poiché i tassi maggiormente richiesti dalle famiglie sono il fisso e il variabile con cap". La metà dei mutui erogati dalle banche è a tasso variabile. E dato che "le aspettative sui tassi sono al rialzo, da tempo si esprimono dubbi su questo comportamento che mina la solidità del mercato".

Rispondi