News Varie

Sezione dedicata alla libera circolazione di idee ed esperienze tra i diversi Corpi armati (e non) dello Stato.
Feed - PUNTO DI INCONTRO

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » gio lug 08, 2010 9:51 pm

SICUREZZA ALIMENTARE. Mozzarelle blu prodotte in Italia, Altroconsumo denuncia: "Tutto tace"
08/07/2010 -
Nei giorni scorsi un caseificio italiano ha interrotto la produzione e ritirato tutte le mozzarelle dagli scaffali dopo la segnalazione di un caso di mozzarella blu. Ma sui casi italiani pur segnalati al sistema rapido di allerta europeo (c'è anche un diverso episodio relativo a una ricotta segnalata il 2 luglio) "tutto tace". È la denuncia di Altroconsumo, che chiede informazioni per i consumatori italiani.
"Ritiro dal mercato per le mozzarelle di colore blu e distruzione della ricotta con bacillo cereus - afferma l'associazione - Sono le misure imposte dal sistema rapido d'allerta europeo su due prodotti di origine italiana entrambi distribuiti in Italia, ma anche, per la mozzarelle blu, in Francia e Germania, e per la ricotta nel Regno Unito. La data di campionamento della ricotta potenzialmente patogena è dello scorso 2 luglio. In Italia tutto tace. Il ministero era stato più loquace due settimane fa nel caso delle mozzarelle blu prodotte in Germania. Quando nomi e cognomi dei formaggi ritirati sono stati fatti. Sui prodotti italiani, mutismo assoluto".
Altroconsumo chiede alle autorità e al ministero della Salute di "fornire informazioni immediate e tempestive, fornendo fin da oggi la lista dei prodotti interessati: sono sulla tavola di chi li ha già acquistati e possono ancora arrivarci, perché i consumatori sono ignari dell'allarme lanciato in Europa".



panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 6:41 pm

PUBBLICITA' INGANNEVOLE. Divano al 50%? Non quello reclamizzato. Antitrust multa Chateau D'Ax
13/07/2010 -
Era un'occasione il divano pubblicizzato come in vendita con uno sconto del 50%. Peccato che il divano riprodotto nel messaggio non fosse ricompreso nei saldi. Per questo l'Autorità Antitrust ha deciso di sanzionare la società Chateau D'Ax S.p.A, attiva nella produzione e nel commercio di divani e prodotti di arredamento, con una multa di 80 mila euro.
Il procedimento riguarda la campagna pubblicitaria diffusa nel 2008 per promuovere la vendita di divani. Il messaggio a stampa era di questo tenore: "Nei negozi Chateau D'Ax ci sono i saldi. Tante proposte scontate fino al 50% e in più si può scegliere di acquistare tutto dilazionato in 24 rate senza acconto e senza interessi. Le cose preziose non sono le più costose". In pagina veniva riportata una foto di un divano che, tuttavia, risultava escluso dalla promozione, come appreso successivamente dal consumatore che ha denunciato la pratica. Nella parte superiore dell'immagine compariva il claim "Saldi - 50% in 24 rate". In caratteri poco evidenti a fondo pagina veniva riportato l'avvertimento "I saldi estivi non sono applicati su tutti i prodotti esposti".
Rileva l'Antitrust nell'odierno bollettino: "Il messaggio contestato deve ritenersi ingannevole nella misura in cui, tramite il rilievo grafico e il tenore dei claim concernenti lo sconto, richiama l'attenzione dei consumatori sulla promozione di una serie di prodotti di arredo, tra cui il divano raffigurato nell'inserzione pubblicitaria stessa, a prezzi scontati del 50%. Infatti, in assenza di specificazioni fornite con evidenza adeguata in rapporto a quella utilizzata per il claim principale, il consumatore medio è ragionevolmente indotto a ritenere che l'arredo riprodotto nel messaggio - e con particolare rilievo rispetto al mobilio circostante - sia anch'esso incluso nella promozione".
"Deve inoltre ritenersi insufficiente, al fine di contestare l'ingannevolezza della comunicazione pubblicitaria, l'indicazione riportata nel messaggio e richiamata con un asterisco "I saldi estivi non sono applicati su tutti i prodotti esposti" - continua l'Antitrust - In primo luogo, come già osservato, tale avvertenza era riportata a fondo pagina con caratteri molto ridotti, comunque di dimensioni ben inferiori a quelle utilizzate per le altre indicazioni. In secondo luogo, l'espressione nulla dice circa l'esclusione dalla promozione dello specifico modello raffigurato, limitandosi piuttosto ad avvertire che lo sconto non si applica a tutti i prodotti "esposti"; termine evidentemente interpretabile come riferito ai prodotti disponibili nei punti vendita del professionista".

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 6:49 pm

TRASPORTO AEREO. In caso di disservizi...il vademecum di Confconsumatori
14/07/2010 -
Paura dei disservizi del trasporto aereo, prima della partenza estiva? Ecco un vademecum stilato dal coordinamento "Confconsumatori - Dalla Parte del Consumatore". Per prima cosa è bene sapere che nei casi di cancellazione del volo, negato imbarco o ritardo prolungato, si deve chiedere espressamente, già in aeroporto, i motivi del disservizio ed insistere in caso di risposte generiche o evasive.
Non bisogna dimenticare di ritirare la "Guida pratica sui diritti del passeggero" predisposta dall'ENAC presso gli uffici informazioni dell'aeroporto e verificare che l'assistenza fornita e la soluzione al problema corrispondano a quanto previsto dalla guida In caso negativo - continua il vademecum - reclamare e contestare la mancata osservanza, rivendicare il diritto di essere aggiornati ogni trenta minuti sull'evolversi del caso, chiedere e conservare tutta la documentazione utile a dimostrare il disservizio e farsi rilasciare le ricevute di tutte le spese sostenute a causa del disservizio e conservarle, al fine di chiedere successivi rimborsi.
E' bene, inoltre, conservare tutti i documenti del viaggio: copia descrizione del volo, ricevuta della carta di imbarco (il talloncino che restituisce la hostess al momento dell'imbarco), tagliandi identificativi dei bagagli, ecc.; annotare i nominativi di altri passeggeri con i relativi recapiti al fine di rintracciarli qualora dovesse occorrere la loro testimonianza in una fase successiva di contenzioso. Appena rientrati, spedire una raccomandata a.r. con la quale si espongono i fatti e si chiede il risarcimento dei danni subiti.
"Dopo aver predisposto e diramato il vademecum relativo alle ipotesi di vacanze rovinate abbiamo ritenuto opportuno far conoscere ai cittadini alcune regole per autotularsi nelle ipotesi di disservizi aerei" - afferma l'avv. Emilio Graziuso - responsabile del coordinamento "Confconsumatori - Dalla Parte del Consumatore" - In questo delicato settore, durante tutto l'anno, pervengono al nostro coordinamento continue segnalazioni da parte di passeggeri dei vari vettori aerei. In molti casi, i danni patiti dai viaggiatori trovano ristoro attraverso accordi transattivi, in altri, purtroppo, si è costretti a procedere giudizialmente per ottenere il risarcimento dovuto". Per ulteriori informazioni coordinamento "Confconsumatori - Dalla Parte del Consumatore" tel 347 - 0628721

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 6:52 pm

TURISMO. Accesso alle spiagge, Adiconsum Lazio: denunciate i titolari che non lo permettono
14/07/2010 -
Denunciate i titolari degli stabilimenti balneari che non danno libero accesso alla spiagge. E' quanto consiglia Adiconsum Lazio che ha chiesto agli Enti Locali delle zone balneari di svolgere la loro azione di controllo e di repressione di comportamenti illeciti, inviando i vigili urbani lungo le riviere della loro città. "E' arrivata l'estate e come ogni anno arrivano ai nostri sportelli segnalazioni dei consumatori sull'opposizione degli stabilimenti balneari all'accesso alla spiaggia. Opposizione, ricordiamo, illegale. I gestori sono concessionari di un bene pubblico, peraltro a bassissimo costo. Tutto questo anche grazie all'indifferenza di alcuni Enti locali che non fanno la loro parte per il rispetto degli obblighi di legge" spiega Fabrizio Premuti, Adiconsum Lazio

Adiconsum Lazio propone un vademecum a tutela dei bagnanti, nel quale si ricorda che:

1. L'accesso alla spiaggia è libero e gratuito. È fatto obbligo agli stabilimenti di consentire ii transito alla battigia. L'impedimento o la richiesta di un pagamento rappresentano una violazione della legge e vanno denunciati alle Autorità.
2. La battigia, cioè la striscia di sabbia di 5 metri dove arriva l'onda, è a disposizione di tutti. Si tratta, infatti, di un'area esclusa dalla concessione, sulla quale il concessionario non può vantare alcun diritto nè tantomeno intimare alcunchè ai bagnanti. Tutti vi possono transitare, ma non vi possono essere collocati oggetti ingombranti quali ombrelloni o sdraio, poiché deve essere garantito il passaggio.
3. La pulizia delle spiagge libere è a carico del Comune.
4. È stabilito, per legge, un equilibrio tra spiagge in concessione e spiagge libere. Queste ultime devono essere intercalate tra uno stabilimento e l'altro e non collocate nelle aree più lontane e disagiate. Segnalare il non rispetto del suddetto equilibrio ai sindaci e alle Regioni.
5. I prezzi sono liberi e dovrebbero essere rapportati alla qualità dei servizi. Purtroppo questo troppo spesso non accade. L'unica possibilità per contrastare i prezzi elevati è decidere di non usufruire dello stabilimento.
6. In caso di violazioni gravi, quali la cementificazione della spiaggia o il non rispetto di obblighi derivanti dalla concessione, è prevista anche la revoca di quest'ultima. Il non rinnovo della concessione può essere attuato anche nei casi in cui la continuità ininterrotta degli stabilimenti in concessione comprima in modo intollerabile il libero accesso alla spiaggia e al mare.
7. In caso di violazione dei diritti dei bagnanti rivolgersi alla Polizia Municipale, ai Carabinieri, alla Capitaneria di porto e alle sedi di Adiconsum Lazio riportate sul sito http://www.adiconsumlazio.it" onclick="window.open(this.href);return false;

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 7:03 pm

TLC. Digitale terrestre, Agcom stabilisce ordine canali sul telecomando
15/07/2010 -
L'Agcom formalizza la numerazione dei canali del digitale terrestre sul telecomando. Come informa una nota, il Consiglio dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni presieduto da Corrado Calabrò ha formalizzato oggi la decisione assunta nella riunione dell'8 luglio sul piano di numerazione automatica dei canali (LCN) della televisione digitale terrestre.
Quali dunque le decisioni scaturite? Il piano, che ha valenza su tutto il territorio nazionale, e comporta l'individuazione di un range di numerazione per categoria di programmi (canali generalisti nazionali, canali locali, canali a diffusione nazionale suddivisi per generi di programmazione) ha assegnato:
• ai canali generalisti nazionali: i numeri da 1 a 9 e a partire dal numero 20 del primo arco di numerazione;
• alle emittenti locali: i numeri da 10 a 19 e da 71 alla fine del primo arco di numerazione;
• alle emittenti locali sono stati inoltre assegnati: i medesimi blocchi attribuiti con riferimento al primo arco di numerazione anche per il secondo e terzo arco di numerazione, nonché tutto il settimo arco di numerazione (700-800);
• ai canali digitali terrestri a diffusione nazionale in chiaro sono attribuiti i numeri fino a 70 del primo arco di numerazione, suddivisi nei seguenti generi di programmazione: semigeneralisti, bambini e ragazzi, informazione, cultura, sport, musica, televendite;
• ai servizi di media audiovisivi a pagamento sono riservati il quarto e quinto arco di numerazione.
L'Agcom sottolinea che, per verificare le preferenze degli spettatori, è stato effettuato un sondaggio "che ha evidenziato, nella sintonizzazione dei canali del sistema digitale, la prevalenza nelle prime posizioni del telecomando (numeri da 1 a 9) delle emittenti televisive nazionali ex analogiche. Ciò conferma la correttezza dell'ipotesi posta in consultazione, in merito alla quale si sono dichiarate favorevoli le principali associazioni delle emittenti. Dal sondaggio è emerso che oltre il 70% degli utenti ha un decoder o un televisore integrato e che una percentuale significativa (57%) ha ordinato i programmi secondo le proprie preferenze".
L'Autorità ha inoltre stabilito che le posizioni 0, 100, 200, 300, 400, 500, 600, 700, 800, 900 sono riservate ai servizi di interesse generale come le guide ai programmi, i canali mosaico e tutti gli aiuti alla navigazione e alla libera scelta dei programmi.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 7:06 pm

TUTELA CONSUMATORI. Iphone 4, Adoc: pronti alla class action
15/07/2010 -
"Gli Iphone 4 che sbarcheranno in Italia a fine luglio dovranno essere correttamente funzionanti o avvieremo una class action contro la società produttrice". Così l'Adoc avverte la Apple che sta pensando ad una maxi operazione di richiamo per risolvere i problemi di ricezione del suo ultimo "gioiello" già in vendita negli USA.
"Gli attuali problemi di ricezione che manifesta l'Iphone 4 negli Usa non dovranno essere presenti nei modelli in vendita in Italia - dichiara Carlo Pileri, Presidente dell'Adoc - altrimenti valuteremo le condizioni legali per avviare una class action contro la Apple, in base alla nuova legge entrata in vigore lo scorso 1 gennaio. Il nuovo dispositivo della società di Cupertino dovrebbe sbarcare in Italia alla fine di luglio, ci auguriamo che non presenti per allora alcuna problematica, in particolare quella denunciata da molti consumatori statunitensi relativa alla ricezione con il nuovo sistema adottato. I consumatori italiani non pagheranno fior di quattrini per un prodotto non perfettamente funzionante."

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 7:11 pm

ASSICURAZIONI. Nuovo regolamento dell'Isvap

15/07/2010 -
Entra oggi in vigore il nuovo regolamento dell'Isvap che introduce alcune novità interessanti per la tutela dei consumatori. Altroconsumo le sintetizza così.
È entrato in vigore oggi, 15 luglio, il nuovo regolamento emanato dall'Isvap, l'istituto che svolge funzioni di controllo nel settore delle assicurazioni, sulla vendita a distanza dei prodotti assicurativi. "Un buon regolamento, che ha introdotto alcuni articoli particolarmente interessanti per la tutela dei consumatori" sostiene Altroconsumo che sintetizza le principali novità:
Un freno alle discriminazioni territoriali
Per evitare che qualche compagnia non reputati vantaggioso far sottoscrivere polizze a utenti residenti in zone ritenute più "a rischio" di altre (come ad esempio a Napoli), l'Isvap è voluto intervenire almeno sulla vendita delle polizze a distanza. L'art. 5 in particolare vieta l'uso di filtri telefonici basati sul prefisso telefonico del chiamante o i comportamenti che bloccano le procedure su internet se vengono inseriti particolari informazioni (come ad esempio il luogo di residenza).
Anche se il principio imposto da questo articolo è importante, a nostro avviso purtroppo non risolverà il problema: le assicurazioni resteranno comunque non intenzionate a vendere polizze a questo tipo di utente o comunque offriranno premi molto più cari con l'intento di scoraggiarne l'acquisto.
Polizza automatica addio
L'art. 6 stabilisce il divieto per le compagnie di fornire contratti assicurativi in assenza del preventivo consenso esplicito da parte del contraente; è il caso ad esempio delle polizze automaticamente incluse in prodotti venduti su internet o in generiche telefonate promozionali. Per fare un esempio concreto le compagnie aeree non potranno più inserire in automatico (durante l'acquisto online di un biglietto) anche l'acquisto di una copertura assicurativa; dovranno invece offrirla in maniera separata in modo che non si creino più situazioni in cui il consumatore compra inconsapevolmente un'assicurazione per il solo fatto di non averla "deselezionata" mentre procedeva all'acquisto del biglietto aereo.
Call center più "responsabilizzati"
L'art. 7 regola nello specifico l'utilizzo dei call center: anche se questi sono esterni all'azienda, le compagnie assicurative devono assumersi la piena responsabilità del loro operato anche mediante l'individuazione di un dipendente interno che sia responsabile del controllo e del coordinamento dell'attività del call center. L'utente, se lo richiede, potrà essere messo in comunicazione con questo responsabile. Inoltre gli addetti del call center devono essere in possesso di adeguate competenze professionali, seguire corsi di aggiornamento annuali e fornire informazioni uniformi tra loro e conformi alle condizioni contrattuali.
Carta o formato elettronico: sceglie l'utente
Secondo l'art. 10 sarà il consumatore a scegliere se ricevere su carta o in formato elettronico la documentazione pre contrattuale, il contratto da firmare e tutte le comunicazioni successive; scelta comunque revocabile in ogni momento, previa comunicazione alla compagnia assicurativa. Solo per le rc auto, l'invio del certificato di assicurazione, del contrassegno e della carta verde deve essere fatto in versione cartacea entro 5 giorni dal pagamento del premio. Nel frattempo l'assicurato può circolare con la quietanza di pagamento del premio, con la dichiarazione rilasciata dall'impresa attestante il pagamento o con la ricevuta del bollettino di conto corrente postale.
Vale anche la firma digitale
L'art. 11 prevede la possibilità da parte del consumatore di firmare il contratto tramite il dispositivo per la firma digitale.
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 7:18 pm

GIUSTIZIA. Arriva il portale europeo della giustizia elettronica
16/07/2010 -

Da oggi l'accesso alla giustizia transnazionale sarà più semplice e veloce. L'Unione Europea ha infatti lanciato il portale europeo della giustizia elettronica, uno sportello unico online, in 22 lingue diverse, per accedere alla giustizia in tutta l'UE. Con oltre 12.000 pagine di contenuti, la prima versione fornisce informazioni e link sulle leggi e sulle prassi di tutti gli Stati membri (ad esempio, informazioni sul patrocinio a spese dello Stato, sulla formazione giudiziaria e sulla videoconferenza, e link a banche dati giuridiche e a registri fallimentari e immobiliari online).
Gli oltre 10 milioni di cittadini coinvolti ogni anno in procedimenti giudiziari transnazionali avranno tutte le informazioni sul funzionamento dei sistemi giuridici dei 27 Stati membri; dalle questioni di vita quotidiana, come divorzio, decesso, liti o trasloco, alla possibilità di trovare un avvocato quando si è all'estero, dalla mediazione alle regole sul diritto nazionale.
Inoltre il portale sarà uno strumento utile per avvocati, notai e magistrati, che possono accedere a banche dati giuridiche, contattare colleghi tramite le reti giudiziarie o trovare informazioni sulla formazione giudiziaria o sulle videoconferenze transnazionali; e le imprese troveranno link ai registri fallimentari e immobiliari e informazioni sulla legge applicabile ai procedimenti transfrontalieri.
"Grazie al portale, la giustizia è a portata di mouse. Quello di oggi è un grande passo che permetterà di avvicinare i cittadini europei alla giustizia e di diffondere una maggiore conoscenza reciproca dei sistemi giuridici dei singoli Stati - ha affermato la vicepresidente Viviane Reding, commissaria responsabile del portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza - La conoscenza genera fiducia e la fiducia infonde a sua volta la certezza che i nostri diritti saranno tutelati ovunque in Europa. Il portale è un vero e proprio sportello unico online rivolto ai cittadini, alle imprese e al mondo giuridico e contribuirà in ultima istanza a modernizzare e a semplificare la comunicazione e la consulenza su questioni giuridiche. I cittadini troveranno, nella propria lingua, risposte immediate ai propri quesiti. Sappiamo tutti quanto ciò sia fondamentale, perché una giustizia lenta è una giustizia negata".

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 7:24 pm

GIUSTIZIA. Verso la soppressione dei Difensori civici comunali
16/07/2010 -
Tempi duri per la difesa civica comunale. Con la Finanziaria 2010 il Governo ha, infatti, deciso la loro soppressione al termine della naturale scadenza: "per motivi puramente economici, essa prescrive ai Comuni di procedere alla soppressione della figura del Difensore civico, con la possibilità di trasferire le funzioni al Difensore civico provinciale". "Ciò farà sorgere problemi di natura logistica e politica" ha spiegato l'avvocato Samuele Animali, Coordinamento Nazionale dei Difensori Civici. "Cosa accadrà se la scelta di un Comune di avvalersi di un Difensore civico sarà ostacolata da una Provincia?" ha aggiunto l'Avvocato sottolineando che le Province non sono obbligate a costituire la figura del Difensore civico provinciale.
Ad oggi sono già scaduti i mandati di diversi Difensori civici: "A Milano, ad esempio, il Difensore civico è stato istituito 6 anni fa : i primi 2 anni sono stati dedicati alla creazione di un ufficio, alla formazione del personale. Poi si è arrivati alla soppressione perdendo un know how importantissimo" ha affermato l'avvocato Animali che ha ricordato, infine, la risoluzione del Coordinamento nazionale dei difensori civici nella quale si auspica "che venga avviata una riflessione a tutti i livelli istituzionali sulla necessità di assicurare il diritto dei cittadini di rivolgersi al difensore civico; che la soppressione della difesa civica comunale venga nuovamente valutata nell'ambito della discussione sul nuovo Codice delle autonomie; che le Regioni, le Province, i Comuni ed i loro organismi rappresentativi assumano ogni più opportuna iniziativa al riguardo; che, in vigenza dell'attuale normativa, i medesimi Enti si impegnino per arrivare alla nomina del Difensore civico nelle Province che ne sono sprovviste, per agevolare la stipula di convenzioni tra Enti, per assicurare l'esercizio delle funzioni ad ogni livello anche attraverso uffici distaccati locali; che, nelle more dell'attivazione dei Difensori civici territoriali, possa essere garantita la continuità nell'esercizio delle funzioni di difesa civica comunale attraverso opportune proroghe e disposizioni transitorie".

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » sab lug 17, 2010 7:28 pm

SALUTE. Occhiali 3D, Codacons: cinema dovranno attivare circolare del Ministero
16/07/2010 -
L'esplosione del "caso" degli occhiali in 3D era scaturito dall'arrivo nella sale cinematografiche dei film in tecnologia tridimensionale. Fanno male agli occhi? Questo l'interrogativo che nei mesi scorsi ha portato all'intervento dei Nas, alle denunce del Codacons, al parere del Consiglio Superiore di Sanità. Arriva ora un punto fermo: le sale cinematografiche dovranno sconsigliare l'uso degli occhiali in 3D ai minori di sei anni, dotarsi di occhiali monouso e informare gli spettatori sui rischi legati alla visione con gli occhiali per il tridimensionale.
È quanto annunciato dal Codacons: "La Terza Sezione Quater del Tar del Lazio - informa - ha dato ragione all'associazione e ha ordinato agli esercenti cinematografici di dare esecuzione immediata alla circolare del Ministero della Salute, redatta sulla base del famoso parere fornito dal Consiglio Superiore di Sanità proprio su richiesta del Codacons. Con l'ordinanza depositata (Presidente Mario Di Giuseppe, Relatore Carlo Taglienti) il Tribunale Amministrativo ha rigettato le richieste degli esercenti cinematografici, ordinando di dare esecuzione alla circolare ministeriale che impone alle sale di sconsigliare ai minori di anni 6 la visione in 3D, dotarsi esclusivamente di occhiali monouso e informare gli spettatori circa i rischi legati alla visione dei film con occhiali 3D". Il prossimo 2 settembre, invece, il Tar si pronuncerà sulla richiesta dell'associazione di estendere le cautele fino ai 14 anni e di stabilire quale sia la durata massima della visione in 3D oltre la quale è necessario un intervallo.
Il Codacons annuncia che farà un monitoraggio in tutta Italia "per verificare quei cinema che non rispettano le disposizioni del Ministero della Salute e che quindi saranno oggetto di denuncia per inosservanza delle leggi - ha detto il presidente Carlo Rienzi - Intanto stiamo predisponendo un esposto all'Ordine dei Medici contro la Soi (Società Oftalmologica Italiana) la quale, nonostante il parere del CSS, continua a sostenere l'assenza di rischi legati alla visione di film con occhiali 3D".

Qui sotto il precedente commento del 17/03/2010

SALUTE. Occhiali 3D, la circolare del Ministero
17/03/2010 -
Per la visione di spettacoli cinematografici stereoscopici deve essere garantita agli spettatori l'informazione che l'utilizzo di occhiali 3D è controindicato per i bambini al di sotto dei sei anni d'età e che l'utilizzo dei medesimi occhiali negli adulti va limitato nel tempo, per una durata complessiva non superiore a quella di un singolo spettacolo, compreso l'intervallo. E' quanto ha specificato il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, nella circolare emanata oggi alla luce delle considerazioni espresse dal Consiglio Superiore di Sanità.
La Circolare - inviata agli esercenti della sale cinematografiche, ai Dipartimenti di prevenzione delle Asl ed al Comando dei Carabinieri per la tutela della Salute (NAS) - riferisce, inoltre, che il Consiglio Superiore di Sanità, in considerazione del rischio di un aumento di trasmissione di infezioni batteriche e virali derivanti da un'utilizzazione inadeguata di occhiali 3D multiuso, ha espresso il parere che agli spettatori debba essere garantita la fornitura di occhiali monouso.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » lun lug 19, 2010 9:23 pm

MINORI. MDC Lombardia: distributori automatici di Milano danno alcolici anche a under 16
19/07/2010 -
"Inserire la tessera sanitaria o il codice fiscale per i prodotti alcolici", si legge nei distributori automatici di Milano. Peccato che diverse macchinette continuino a fornire alcolici accessibili anche ai minori, perché non scatta di fatto l'inserimento di alcun codice o tessera, come documenta il Movimento Difesa del Cittadino Lombardia in un video pubblicato sul blog dell'associazione Help Junior (http://mdcjunior.wordpress.com" onclick="window.open(this.href);return false;) realizzato proprio da un genitore preoccupato, a dimostrazione di come sia facile il prelievo di alcolici a qualsiasi ora e a qualsiasi età.
"I distributori di bevande e cibo automatici aperti 24 ore su 24? Una comodità, senza dubbio, per i cittadini che si trovano a Milano, d'estate. Ma nel caso forniscano birra e alcolici, rimangano non accessibili ai minori di 16 anni". Questo l'invito della responsabile Lucia Moreschi.
L'associazione ricorda l'ordinanza di un anno fa del sindaco Letizia Moratti che "vieta la somministrazione, la detenzione, il consumo e la cessione anche a titolo gratuito, di bevande alcoliche di qualunque gradazione ai minori di 16 anni", con il divieto esteso anche ai distributori automatici che non siano dotati di sistema di lettura automatica di documenti con i dati anagrafici dell'utilizzatore. Però non è sempre così, denuncia l'associazione: "Dai nostri controlli, infatti, su 6 diversi free shop aperti nelle varie zone della città - denuncia Moreschi - ben 4, a tutt'oggi, non sono ancora dotati di sistema di lettura automatica del codice fiscale o della tessera sanitaria o, addirittura, in alcuni casi dove esso è presente, non è stato attivato".
"La richiesta di mettere sotto controllo i distributori automatici di bibite per evitare la somministrazione di alcolici agli under 16, non è una novità - continua la responsabile a capo del Dipartimento Junior di MDC - ma ci sembra giusto rinnovare alle Autorità preposte una maggiore vigilanza".

^^^^^^^^^^^^^^^

Anche con il Codice Fiscale dei genitori o fratelli i minorenni riescono a prelevare le sigarette. Bisogna inventare qualche altro metodo.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » lun lug 19, 2010 9:26 pm

GIUSTIZIA. Disparità Iva, Sunia avvia class action contro Agenzia Entrate
19/07/2010 -
Disparità di trattamento nel pagamento dell'Iva sul gas naturale fra famiglie servite da impianti centralizzati e famiglie che usano impianti autonomi: è quanto denuncia il Sunia (Sindacato unitario nazionale inquilini e assegnatari) che ha avviato una class action contro l'Agenzia delle Entrate "per abbattere l'Iva del 20% che penalizza le famiglie servite da impianti centralizzati per la produzione di acqua calda".
Spiega il Sindacato in una nota: "Dal 2008 i condomini e gli edifici abitativi serviti da caldaie centralizzate per la produzione di acqua calda pagano l'Iva al 20% sul gas naturale mentre chi utilizza lo stesso gas in impianti autonomi paga l'Iva ridotta al 10%. Il motivo? Il limite di consumo considerato per essere ammessi ad una aliquota piuttosto che all'altra viene valutato non in rapporto al consumo medio familiare dell'utente finale, ma all'impianto. Questo anomalo trattamento dei consumi implica che il prezzo finale del gas naturale pagato dal consumatore italiano confrontato con gli analoghi prezzi nei principali paesi europei, risulti nettamente superiore in quanto la componente fiscale italiana è tra le più alte".
In Italia, questi i dati resi noti dal Sindacato, su 935mila condomini circa 420mila risultano dotati di un impianto di riscaldamento centralizzato; di questi 100mila utilizzano il gas naturale per la produzione di acqua calda per usi domestici. Più di 1 milione di famiglie paga da 80 a 140 euro all'anno in più di Iva. "Il Sunia, avvalendosi del nuovo strumento costituito dalla azione collettiva verso la pubblica amministrazione previsto dal Decreto legislativo 198/2009, ha diffidato l'Agenzia delle Entrate perché, a tutela delle famiglie di utenti e consumatori finali del gas naturale, il limite di consumo sia riferito al singolo utente e non all'impianto. Ora l'Agenzia delle Entrate ha 90 giorni per correggere il proprio orientamento".

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » lun lug 19, 2010 11:15 pm

PRIVACY. Garante: più tutele per profilazione clienti a fini di marketing
19/07/2010 -
I gestori telefonici dovranno seguire le prescrizioni del Garante privacy e dovranno utilizzare dati "aggregati" dai quali non si possa risalire direttamente all'identità dell'utente. I sistemi informatici dedicati alla profilazione dovranno inoltre essere separati da quelli usati per fatturazione e marketing. Sono alcune delle indicazioni del Garante per la protezione dei dati personali che si muove verso maggiori tutele per i clienti delle compagnie telefoniche profilati a fini di marketing.
Come informa l'odierna newsletter dell'Autorità, "con sette provvedimenti rivolti ad altrettanti gestori telefonici l'Autorità ha definito criteri e garanzie per poter utilizzare dati "aggregati". L'analisi dei gusti e dei comportamenti della clientela, una delle principali attività utilizzata per definire decisioni e strategie aziendali, può essere realizzata sia con dati personali, per i quali risulti il consenso del cliente, sia con informazioni "aggregate", raggruppate cioè per categorie omogenee a seconda dei livelli di spesa, di traffico, età, professione, fasce orarie utilizzate, telefonate nazionali o internazionali".
In questo caso, per trattare i dati, bisogna chiedere una verifica preliminare da parte del Garante: tutto questo perché "i dati "aggregati" - per quanto non consentano di risalire immediatamente a persone identificabili - non si possono definire, di per sé, dati anonimi - spiega il Garante - Essi derivano infatti da informazioni individuali presenti in forma completa e dettagliata nei vari sistemi operativi aziendali e il loro uso può presentare rischi per la privacy". Ad alcune società, inoltre, l'Autorità ha chiesto di rafforzare i livelli di protezione per l'accesso ai dati, introducendo procedure di autenticazione individuali e profili differenziati rispetto a quelli richiesti per l'accesso agli altri sistemi aziendali. I dati usati per la profilazione non potranno essere conservati oltre il periodo stabilito dal Garante, in genere 12 mesi o per un periodo più lungo in ragione di documentate esigenze tecnico-gestionali. Trascorso tale termine i dati dovranno essere cancellati o trasformati in forma anonima.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » lun lug 19, 2010 11:17 pm

TRASPORTI. Bagaglio Facile, il nuovo servizio Trenitalia-TNT Express
19/07/2010 -
Dal 15 luglio si può viaggiare sui treni AV lasciando ad altri il compito di trasportare le valigie. Bagaglio Facile, il nuovo servizio di Trenitalia e TNT Express Italy offre, infatti, a tutti i clienti Frecciarossa e Frecciargento la possibilità di spedire door to door il proprio bagaglio a prezzi speciali in tutte le città servite dalle Frecce AV di FS.
Le tariffe partono da 20 euro per il primo bagaglio e da 15 per il secondo, dal lunedì al venerdì. Il servizio è attivo anche il sabato mattina a Torino, Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Salerno,Venezia e Bari.
I clienti Frecciarossa e Frecciargento già in possesso del biglietto di viaggio, possono utilizzare Bagaglio Facile dalle 8.30 alle 18.30 dal lunedì al venerdì, prenotando il servizio al numero verde gratuito 800.923.924 almeno 24 ore prima della partenza. Un operatore TNT arriverà a casa del cliente per ritirare il bagaglio che verrà riconsegnato all'indirizzo indicato entro 24 ore, massimo 48. L'elenco delle città in cui è attivo il servizio è disponibile sia sul sito http://www.ferroviedellostato.it" onclick="window.open(this.href);return false;, sezione Trenitalia, sia su http://www.tnt.it" onclick="window.open(this.href);return false;.
I bagagli sono assicurati senza costi aggiuntivi per un valore fino a 500 euro. Nel caso di ritardi o disservizi nella consegna, TNT assegnerà al cliente un bonus pari al valore della spedizione, utilizzabile per la successiva consegna.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11813
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: NEWS varie del giorno.

Messaggio da panorama » mar lug 20, 2010 2:28 pm

Dal sito: comunicatostampa.blogspot.com

MARTEDÌ 13 LUGLIO 2010
MASSIMA ATTENZIONE: AVVELENAMENTI DA PIANTA ORNAMENTALE CASALINGA TOSSICA LA CYCAS REVOLUTA
MASSIMA ATTENZIONE: AVVELENAMENTI DA PIANTA ORNAMENTALE CASALINGA TOSSICA LA CYCAS REVOLUTA

Chiliamacisegua riceve e divulga
Chiliamacisegua
http://www.chiliamacisegua.org" onclick="window.open(this.href);return false;


MASSIMA ATTENZIONE: AVVELENAMENTI DA PIANTA ORNAMENTALE CASALINGA TOSSICA LA CYCAS REVOLUTA

In home page del portale Fnovi (http://www.fnovi.it" onclick="window.open(this.href);return false;) c'è la notizia sulla pianta tossica. I sintomi iniziali sono troppo generici e pochi sanno che tutte le parti della pianta sono tossiche.

COMUNICAZIONI: Avvelenamenti da ingestione di Cycas revoluta
13.07.2010
Una segnalazione dal Centro antiveleni dell'Ospedale Niguarda
Avvelenamenti da ingestione di Cycas revoluta
"A partire dal 19 giugno 2009, a differenza di quanto osservato negli anni trascorsi, si sono registrate 9 richieste di consulenza tossicologica relative ad esposizione a Cycas revoluta; di queste, 7 riguardavano esposizioni animali, per un totale di 10 cani dei quali, ad oggi, 3 sono morti. Le esposizioni a cycas sono iniziate, secondo il nostro archivio, nel 2007, anno in cui si sono verificati i primi 5 casi certi, sempre in cani, con esito quasi sempre infausto: 3 dei cani sono morti, uno è sopravvissuto mentre del quinto, che aveva sicuramente riportato un danno epatico, non si hanno informazioni certe. La Cycas revoluta Thunb., nota anche con il nome di Sago Palm, al pari di altre palme appartenenti alla famiglia Cycadaceae è potenzialmente mortale per gli animali da compagnia. Queste piante ornamentali, molto diffuse, contengono composti tossici (la B-metil-L-alanina (BMAA), il glicoside cicasina, ed una terza tossina con elevato peso molecolare non ancora identificata) che possono causare vomito e diarrea, depressione del SNC, convulsioni ed insufficienza epatica. Il principale responsabile della sindrome gastrointestinale e del danno epatico conseguenti all'ingestione di cycas è il metilazossimetanolo (MAM), l'aglicone della cicasina; questa molecola ed i suoi derivati sembrano esercitare anche un'azione cangerogena, mutagenica e teratogena.
A causare i sintomi neurologici potrebbero invece essere il BMAA, un amminoacido non proteico agonista dei recettori del glutammato, e la tossina non identificata che, nel bovino, sembra provocare la paralisi degli arti posteriori. Tutte le parti della pianta sono velenose, ma i semi o "noci" contengono la maggiore concentrazione di tossine: l'ingestione di anche uno o due soli semi può produrre gravi problemi, per cui è indicato intervenire tempestivamente in caso di ingestione da parte degli animali domestici. Come premesso, dal 2007 ad oggi dall'analisi della Casistica del Centro Antiveleni di Milano sono emersi 16 casi di intossicazione da cycas (semi o gambo) nel cane, 6 dei quali con esito infausto. Stando a quanto osservato e ai casi riportati in letteratura, i primi sintomi insorgono normalmente poche ore dopo l'ingestione, con numerosi episodi di vomito e diarrea, grave congestione delle mucose, sete intensa e abbondante salivazione; a questi seguono, dopo qualche giorno, i primi segni dell'insufficienza epatica la quale può anche portare alla morte del soggetto.
In alcuni casi si osservano anche manifestazioni secondarie all'insufficienza epatica, dalle coagulopatie, all'encefalopatia epatica, all'insufficienza renale. Non è ancora stato chiarito se la grave depressione del SNC, che talvolta si verifica, sia un effetto diretto delle due neurotossine della cycas o se sia anch'essa conseguenza del danno epatico. Gli esami ematochimici hanno rilevato alterazioni nella bilirubinemia, elevate concentrazioni sieriche di transaminasi, lieve linfocitopenia, trombocitopenia e leucocitosi. Vivaisti, architetti del verde e talvolta gli stessi veterinari sono purtroppo quasi sempre all'oscuro della elevata tossicità di questa specie. Si segnala come la mortalità riferibile a questa specie sia per i cani estremamente elevata, specialmente in considerazione del fatto che non sono disponibili terapie antidotiche (attualmente le terapie disponibili sono unicamente la precocità dell'intervento di decontaminazione ed il supporto delle funzioni vitali). Inoltre, poiché l'insufficienza epatica inizia a manifestarsi solo alcuni giorni dopo l'ingestione, è fondamentale monitorare costantemente i livelli dei marcatori di funzionalità epatica ed i segni precoci di eventuali effetti secondari legati all'insufficienza epatica, predisponendo una valida terapia di supporto. Soprattutto, è indispensabile rendere nota la tossicità delle diverse parti della pianta, in modo da evitare qualsiasi contatto con gli animali.
autore: Ufficio stampa Fnovi

Rispondi