Pagina 1 di 1

Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: mer feb 24, 2016 9:43 pm
da maunap
Buonasera, cosa ne pensate di questa variante, penalizzante per i militari che transitano ai ruoli civili.
http://www.difesa.it/SGD-DNA/Staff/DG/P ... zioni.aspx" onclick="window.open(this.href);return false;

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: mer feb 24, 2016 10:47 pm
da STANCHISSIMO
Molto penalizzante dover fare obbligatoriamente 3 anni invece del precedente 1 anno nella prima destinazione.

Inviato dal mio GT-N7100 utilizzando Tapatalk

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 8:52 am
da gianfranco zoppi
ma e' regolare? una volta che hai sottoscritto il contratto sei soggetto alle regole del contratto collettivo nazionale.bisogna vedere bene cosa prevede il contratto nazionale. non penso che ci possano essere discriminazioni tra lavoratori

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 9:44 am
da gianfranco zoppi
insomma...mi sembra strano che con una circolare si possa scavalcare il contenuto del contratto nazionale!!!!!! chi vuole presentare domanda di trasferimento forse è il caso che la faccia lo stesso citando le norme del contratto nazionale. poi si vedrà cosa rispondono e con quale motivazione la respingono. un ultima considerazione: se ci sono tante domande di trasferimento forse la colpa è di chi assegna le sedi di servizio senza tenere conto delle aspirazioni del personale. se si fosse fatto compilare un semplice questionario, dalla inizio, si sarebbe risparmiato tanto lavoro x tutti. E tutti sarebbero stati più contenti!!!!!! ciao

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 11:40 am
da lino
Cercano ogni modo per bloccare la fuga dei "giovani" militari.

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 12:22 pm
da taokit
ma quindi scusate è una proposta o è in vigore?

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 3:05 pm
da aspide_
purtroppo questi signori non si rendono conto che se un ex militare passa all'impego civile non lo fa come accadeva anni fa a domanda, ma perche ha una patologia che non gli permette di continuare a fare il lavoro da militare e' non e colpa sua ma deve essere tutelato, cosa che prima accadeva vedasi l'impiego entro i 30km dalla residenza limite che da qualche anno e stato tolto grazie al governo brunetta,e una schifezza da militari non eravamo nessuno e abbiamo dato anima e corpo alla forza armata di appartenenza adesso siamo buttati all'impiego civile non tutelati come scarpe vecchie e una porcheriaaaa scusate lo sfogo ma io sono di quelli che sono entrato 17 anni fa in marina perche' ci credevo e invece ora sono profondamente deluso da tutto compreso i superiori che ti trattano come se sei un ex di leva e quando gli conviene a loro sei un vsp.

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 3:32 pm
da taokit
Secondo me questa modifica potrebbe nascondere qualcosa, visto che dice che le domande di transito sono cresciute a livello esponenziale credo che in privato o con altra circolare diranno alle cmo di limitare al massimo i transiti o tra un po toglieranno il fatto della destinazione in regione.....

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 4:16 pm
da gianfranco zoppi
comunque la circolare e già efficace dalla data in cui è stata firmata, quindi da qualche giorno

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 9:43 pm
da danny84
Ragazzi,hanno provato a limitare i transiti già nel 2011..ma con la clausola" salvo particolari situazioni meritevoli di elevata tutela sociale" ,quindi ampiamente opinabile, chi si deve avvicinare si avvicina in barba alla circolare..capite a mme..poi ci hanno provato le cmo facendo decadere la gente ma chiunque con un buon avvocato la vince..per la mia esperienza se lo stato ci può fregare ci frega..

Inviato dal mio SM-A500FU utilizzando Tapatalk

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 9:48 pm
da danny84
Potrei scrivervi nomi e cognomi di colleghi che facevano servizio in friuli da militari e hanno avuto l'assegnazione in provincia di salerno,già con la nuova normativa(2011)..poi ogni caso è a se,io ho un'invalidità grave nonchè percentualmente rilevante,difatti mi hanno assegnato a 30 km da casa poco più di un anno fa quando sono transitato..io non ho avuto scelta,ed ero disperato..forse ne avranno tenuto conto

Inviato dal mio SM-A500FU utilizzando Tapatalk

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 10:36 pm
da aspide_
ripeto a me anche taranto mi sta bene anche se sono 70 km da casa mia mi va bene ma fuori regione no veramente a vivere sotto i ponti andrei cmq speriamo che nn cambiano il modo di assegnare la sede e la lasciano al massimo nella regione dell'ultimo comando com e' oggi.

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1

Inviato: gio feb 25, 2016 11:37 pm
da STANCHISSIMO
Da come ho letto io si parla solo di allungare a 3 anni gli attuali 1 e non parla di assegnazione vicino all'ultima sede di servizio.

Inviato dal mio GT-N7100 utilizzando Tapatalk

Re: Modifiche alla circolare n. 43267/B1.

Inviato: sab feb 27, 2016 9:07 pm
da Halibut
Condivido in buona parte il pensiero di aspide che giustamente fa notare come le cose stanno peggiorando anche per i transitati al servizio civile. Io nella mia vita e nel mio servizio militare sono sempre stato abituato ad abituarmi a quello che la situazione offriva senza polemizzare e adattandosi alla situazione di volta in volta; insomma di accogliere quello che ci veniva dato come un qualcosa di positivo come vedere il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto. D'altronde ai militari è richiesto proprio questo ossia il servizio prima di ogni cosa, l amore per la bandiera che appagava tutto anche eventuali situazioni disagevoli questa è la differenza tra un militare ed un civile o almeno dovrebbe essere. Purtroppo Aspide col passare degli anni ho capito che non siamo tutti uguali anche nell ambito della nostra organizzazione stellata. C'è chi pensa solo ad arrivare alla fine del mese a racimolare quanti piu straordinari o missioni in patria o all estero possibili a farsi riconoscere cause di servizio inesistenti. Tutto questo con lil silenzio e l inerzia assoluta dei nostri vertici dei comandanti dei generali. È loro che dovrebbero vigilare su tutte quest cose affinchè regni la cosa più importante nel nostro ambiente ossia l Equitá. E a loro va ricondotta tutta la responsabilitá di questo sfacelo in atto. Tutti trattati con lo stesso metro di giudizio a tutti lo stesso carico di lavoro e le stesse responsabilitá . Ma questa mi sono reso conto è un utopia bella e buona e non esiste da nessuna parte.Prima esisteva molto di più , ma ora in questa societá allo sbando di valori ed ideali il cancro ha attaccato pure le nostre caserme. Lassismo, sciatteria, informalitá non professionalitá burocratizzazione di tutto, lentezze, ma soprattutto rifiuto delle responsabilitá. In tutto questo a perderci è stato il militare onesto, colui che non sa cosa vuol dire furbizia e lecchinaggio. È questo militare che facendosi male sul serio non vedrá riconosciuta la causa di servizio per colpa delle migliaia che l hannoo presa a scrocco prima di lui. È arrivato troppo tardi quando la torta è finita e non c e piu trippa per gatti. E questo momento lo stiamo vedendo ora con provvedimenti di volta in volta restrittivi e limitanti che colpiscono le persone oneste che per loro sfortuna hanno avuto un incidente vero o vorrebbero finalmente essere trasferiti vicino a casa.
Aspide sono d accordo che te sul discorso che i militari non lo chiedono di passare ai civili. Solo i pusillanimi e i vigliacchi lo farebbero se veramente non avessero una cosa grave che li costringesse a fare questa scelta. Per colpa di questi ultimi che hanno munto la vacca ora gente come mem che non vorrebbe mai e poi mai transitare nei ruoli civili sará costretto a lottare per rimanere vicino a casa sua senza dover strqvolgere la sua vita giá stravolta da un evento assolutamente tragico e devastante. In ogni caso vedo il passaggio ai civili come una fortuna una vera tutela per il militare: siamo fortunati ad avere questi istituti che ci tutelano comunque vada. Ciò non toglie che purtroppo essendo stati utilizzati da disonesti ed approfittatori hanno perso molto della loro valenza originaria e non possono essere in grado di ottenere una copertura a 360 gradi.