Militare in servizio affetto ADHD

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Rispondi
Julian92
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 1
Iscritto il: ven dic 28, 2018 8:18 pm

Militare in servizio affetto ADHD

Messaggio da Julian92 » ven dic 28, 2018 8:23 pm

Salve buonasera! Volevo chiederle gentilmente se un VFP4 con ADHD o ADD ( senza iperattività) può lavorare nell' esercito e una volta arruolato se rischia di essere congedato in seguito ad una successiva diagnosi di questo deficit. Inoltre volevo chiederle se poteva essere impiegato in altro modo. Per evitare un eventuale congedo converrebbe aspettare il passaggio in servizio permanente per far presente questo problema?



Avatar utente
Avv. Giorgio Carta
Professionista
Professionista
Messaggi: 1812
Iscritto il: ven apr 03, 2009 9:14 am

Re: Militare in servizio affetto ADHD

Messaggio da Avv. Giorgio Carta » ven dic 28, 2018 8:43 pm

Non conosco la patologia che la affligge e spero che non sia grave. La risposta al suo quesito può trovarla mostrando al medico che la ha in cura la vigente Direttiva tecnica per l'applicazione dell'elenco delle imperfezioni e delle infermita' che sono causa di non idoneita' al servizio militare
di cui all'articolo 582 del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90, recante "Testo unico delle disposizioni regolamentari in materia di ordinamento militare, a norma dell'articolo 14 della legge 28 novembre 2005, n.246" (la trova in rete facilmente).
in sostanza, il suo medico deve verificare che patologia rientri o sia equivalente alle "imperfezioni" elencate nella direttiva ministriale. Le CMO, infatti, devono attenersi a tale elenco.
in bocca al lupo,
Avv. Giorgio Carta

Rispondi