MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

Feed - La Dott.ssa Lucia Astore risponde

Avatar utente
pokemon
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 30
Iscritto il: dom ago 28, 2016 11:18 pm

MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

Messaggio da pokemon » gio lug 11, 2019 8:42 pm

Gentilissima dottoressa desiderei porle il seguente quesito:
premesso che la richiesta di riconoscimento della causa di servizio non viene prodotta solo ed esclusivamente per ottenere l'E.I., ma possono come è noto possono derivare altri benefici quali quella della pensione privilegiata, migliore percentuale di invalidità ai fini delle vittime del dovere, esenzione tiket e quant'altro. Può una Commissione medica di verifica come in questo caso, a richiesta di aggravamento di una infermità già riconosciuta ed indennizzata omettere un giudizio di astensione con la seguente motivazione?: "non si procede al giudizio di aggravamento delle infermità di cui al punto 1, come previsto dall'art.14 comma 4 del DPR 461/01 in quanto dall'esame delgli atti l'infermità in trattazione risulta già aggravata ai fini di equo indennizzo come da decreto____.
Ovviamente invito anche gli esperti del forum ad esprimere il loro parere.
grazie



peppuzzo
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 86
Iscritto il: gio mar 16, 2017 3:23 pm

Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

Messaggio da peppuzzo » ven lug 12, 2019 5:42 pm

    A mio modesto parere, pare che per l'infermità, di cui se ne chiede la revisione dell'equo indennizzo per infermità aggravata, ne fosse stato già chiesto l'aggravamento ai fini dell'equo indennizzo, ma non è chiaro se questo fosse stato già fatto, come peraltro indicato nel regolamento da te citato.
    Ai fini dell' Unicità dell' accertamento, il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio dell'infermità o lesione, costituente appunto "accertamento definitivo" anche nell'ipotesi di successiva richiesta di equo indennizzo e di trattamento pensionistico di privilegio.
    Per cui sarebbe opportuno che la pronuncia sulla dipendenza sia espressamente messa anche ai fini e quale presupposto del diritto a pensione privilegiata, oltre a quella della concessione dell'equo indennizzo, così come espressamente deciso dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione anche in favore del personale in servizio, con Ordinanza n. 4325 del 24 febbraio 2014.

    Detto questo, sarebbe il caso che la postilla in rosso, fosse d'ora in poi inserita nelle future istanze di aggravamento e/o riconoscimento, nonché di classificazione di infermità già riconosciuta da modello "C" e per interdipendenza da infermità gia riconosciuta SI dipendente.

    Avatar utente
    pokemon
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 30
    Iscritto il: dom ago 28, 2016 11:18 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da pokemon » ven lug 12, 2019 6:17 pm

    salve peppuzzo, esattamente come dici tu.
    io infatti per il futuro indicherò nell'istanza per il riconoscimento o aggravamento anche la pensione privilegiata, sopratutto ai fini di un futuro ricorso alla corte dei conti.
    io penso che nel mio caso, seppure l'infermità gia fosse aggravata, ed oggettivamente non avevo i requisiti per la revisione dell'EI, hanno comunque esercitato un abuso, in quanto dovevano comunque esprimere un giudizio, perchè tale giudizio poteva essere causa di altri benefici.
    bastava che non mi concedevano l'aggravamento. Però poi io potevo ricorrere, ma in questo modo non si può neanche esercitare il diritto a ricorrere.
    andiamo sempre peggio e se le invantano di tutti i colori.
    comunque grazie per il tuo parere.

    peppuzzo
    Appassionato
    Appassionato
    Messaggi: 86
    Iscritto il: gio mar 16, 2017 3:23 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da peppuzzo » dom lug 14, 2019 12:47 pm

    Comunque per essere chiari, la revisione della patologia ai fini dell'aggravamento, nonché della concessione dell'equo indennizzo, può essere fatta una sola volta dalla concessione del primo Equo indennizzo.

    Avatar utente
    pokemon
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 30
    Iscritto il: dom ago 28, 2016 11:18 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da pokemon » dom lug 14, 2019 2:35 pm

    su questo non ci piove!

    furore5
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 289
    Iscritto il: mer giu 06, 2018 6:57 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da furore5 » dom lug 14, 2019 6:35 pm

    peppuzzo ha scritto:
    dom lug 14, 2019 12:47 pm
    Comunque per essere chiari, la revisione della patologia ai fini dell'aggravamento, nonché della concessione dell'equo indennizzo, può essere fatta una sola volta dalla concessione del primo Equo indennizzo.

    leggete:
    Entro quali termini e quante volte può essere richiesto l'aggravamento di un'infermità?
    La domanda di riliquidazione dell'equo indennizzo per aggravamento di infermità può essere presentata entro e non oltre 5 anni dalla data di notifica del provvedimento di prima liquidazione, anche più di una volta, ma il beneficio della maggiorazione dell'equo indennizzo per accertato aggravamento può essere concesso una sola volta per la stessa infermità.

    Avatar utente
    pokemon
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 30
    Iscritto il: dom ago 28, 2016 11:18 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da pokemon » dom lug 14, 2019 7:18 pm

    si certo furore furore, il questito non era sull'EI, ma su altri benefici legati all'aggravamento della causa di servizio.
    mi spiego meglio, anche se io non ho diritto all'equo indennizzo perchè gia concesso, mi è precluso di fare l'aggravamento della causa di servizio?
    se la patologia è già riconosciuta ha un forte aggravamento che mi consentirebbe di prendere una pensione privilegiata di prima categoria (ad esempio) che sarebbe più favorevole di qualsiasialtra pensione di cui potrei godere, perche mi sarebbe precluso? e tra l'altro dove sarebbe previsto?
    cmq grazie per il tuo parere.

    furore5
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 289
    Iscritto il: mer giu 06, 2018 6:57 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da furore5 » dom lug 14, 2019 8:57 pm

    Sul sito del Ministero della Difesa

    peppuzzo
    Appassionato
    Appassionato
    Messaggi: 86
    Iscritto il: gio mar 16, 2017 3:23 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da peppuzzo » lun lug 15, 2019 7:21 pm

    pokemon ha scritto:
    dom lug 14, 2019 7:18 pm
    si certo furore furore, il questito non era sull'EI, ma su altri benefici legati all'aggravamento della causa di servizio.
    mi spiego meglio, anche se io non ho diritto all'equo indennizzo perchè gia concesso, mi è precluso di fare l'aggravamento della causa di servizio?
    se la patologia è già riconosciuta ha un forte aggravamento che mi consentirebbe di prendere una pensione privilegiata di prima categoria (ad esempio) che sarebbe più favorevole di qualsiasialtra pensione di cui potrei godere, perche mi sarebbe precluso? e tra l'altro dove sarebbe previsto?
    cmq grazie per il tuo parere.
    Non è precluso l'aggravamento ai fini della pensione privilegiata che, a differenza dell'equo indennizzo, può essere sempre richiesto.

    Avatar utente
    pokemon
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 30
    Iscritto il: dom ago 28, 2016 11:18 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da pokemon » lun lug 15, 2019 7:32 pm

    bene! e allora perché la Commissione Medica nel mio caso non ha espresso il giudizio di aggravamento?

    peppuzzo
    Appassionato
    Appassionato
    Messaggi: 86
    Iscritto il: gio mar 16, 2017 3:23 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da peppuzzo » mar lug 16, 2019 7:13 pm

    "Forse" perché la patologia non era così aggravata in modo tale da variare la precedente situazione tabellare.
    Detto questo, la valutazione Medico Legale, come atto prettamente endoprocedimentale, è impugnabile solo con l'emanazione di un provvedimento definitivo dell'amministrazione (Decreto), cioè quando diventa esoprocedimentale, a meno che non si realizzi una lesione immediata e assuma rilevanza esterna (T.A.R. Campania - Salerno - Sentenza n° 2206 del 22 ottobre 2015).
    È possibile impugnare gli atti endoprocedimentali solo quando si realizza l’arresto procedimentale, ovvero quando ci si trova di fronte a fattispecie preclusive dell’aspirazione dell’istante o comunque preclusive di uno sviluppo per l’istante differente da quello immaginato e meno favorevole e credo che una di queste sia proprio la tua fattispecie.
    La mia opinione, opinabile, potrà essere solamente suffragata da un parere legale, cosa che io non sono.
    Sarebbe bello sapere gli sviluppi della situazione!!!
    Ciao.

    Avatar utente
    pokemon
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 30
    Iscritto il: dom ago 28, 2016 11:18 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da pokemon » mar lug 16, 2019 7:26 pm

    grazie peppuzzo, infatti quello che io volevo sapere se era prassi che qualcun altro ha già ricevuto, perchè altrimenti sarei un caso isolato.
    era più semplice se non concedevano l'aggravamento, certo, ma probabilmente c'erano le condizioni per averlo, e cosi facendo mi precluderebbero anche a ricorrere in quanto manca l'oggetto del ricorso, tra l'altro la Commissione Medica si esprime su una questione che sarebbe di competenza dell'Amministrazione e che come hai detto giustamente tu anticiperebbe inevitabilmente già in fase endoprocedimentale il provvedimento della stessa.
    il mio avvocato dice che giustamente non si può fare e che non solo non è previsto dal dpr 461/01, ma è adirittura contrario, aspetto anche un parere di un medico legale.
    poi vedremo anche la morivazione dell'Amministrazione nel decreto che emetterà.

    peppuzzo
    Appassionato
    Appassionato
    Messaggi: 86
    Iscritto il: gio mar 16, 2017 3:23 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da peppuzzo » mar lug 16, 2019 7:42 pm

    Certo.
    Lesione cervicale e lombo sacrale riconosciuta Si dipendente per causa di servizio (N.C). Dopo 22 anni presento istanza di aggravamento e la C.M.O. mi dice che le patologie sono Si aggravate ma non da variare la situazione tabellare (resto in N.C.). L'atto sarebbe rimasto tale in quanto non ci sarebbe stato mai un provvedimento finale dell'amministrazione in assenza di un aggravamento. Presento nuovo riconoscimento delle citate patologie (ti sembrerà strano), la C.M.O. mi assegna una 7^ categoria per cumulo e riconosciute con successivo Decreto dell'amministrazione.
    Questo è un mondo strano!!!

    Avatar utente
    pokemon
    Sostenitore
    Sostenitore
    Messaggi: 30
    Iscritto il: dom ago 28, 2016 11:18 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da pokemon » mar lug 16, 2019 8:57 pm

    e certo che è strano, questi le leggi le applicano solo se devono negare, e non le applicano per negare.
    io adesso faccio per provocazione la stessa domanda di aggravamento solo ai fini della la pensione privilegiata, pur essendo ancora in servizio, voglio vedere cosa si inventano.
    e valuterò anche una denuncia per abuso d'ufficio.
    vediamo il mondo fin quanto è strano....

    peppuzzo
    Appassionato
    Appassionato
    Messaggi: 86
    Iscritto il: gio mar 16, 2017 3:23 pm

    Re: MANCATO GIUDIZIO DI AGGRAVAMENTO CMO

    Messaggio da peppuzzo » mer lug 17, 2019 6:31 pm

    Questa è la postilla da aggiungere nelle istanze di classificazione, riconoscimento, aggravamento e/o interdipendenza:
    Letto l’ Art. 12 del DPR 461 del 2001:
    Unicita' di accertamento
    "Il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio dell'infermità o lesione costituisce accertamento definitivo anche nell'ipotesi di successiva richiesta di equo indennizzo e di trattamento pensionistico di privilegio.
    Per cui, per quanto di eventuale competenza e conoscenza, se ne chiede che la pronuncia sulla classificazione, (riconoscimento, aggravamento e/o interdipendenza dipende da cosa si chiede) sia espressamente messa anche ai fini e quale presupposto del diritto a pensione privilegiata, oltre a quella della concessione dell'equo indennizzo, così come espressamente deciso dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione in favore del personale in servizio, con Ordinanza n. 4325 del 24 febbraio 2014".

    SALUTI!!!

    Rispondi