mancata ricompensa morale

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Rispondi
alfa
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 14
Iscritto il: gio mag 28, 2009 9:34 pm

mancata ricompensa morale

Messaggio da alfa » gio giu 04, 2009 12:02 am

Egregio avvocato, le pongo il seguente quesito:
da settembre 2007 a settembre 2008 ho espletato delle indagini di p.g. (presso la sala intercettazioni della Procura) che hanno portato ad un risultato operativo a livello nazionale. Dal 01.11.2008 sono stato trasferito in un'altra sezione e sono venuto a conoscenza che ai miei colleghi della p.g. è stata avanzata proposta di encomio solenne, ma lo scrivente non è stato inserito in elenco, in quanto mi hanno riferito che non compaio negli atti dell'indagine. Mi domando, tutto il periodo che ho trascorso presso la sala intercettazioni della Procura e tutte le trascrizioni delle telefonate ascoltate sottoscritte da me non sono atti che attestano la mia partecipazione all'indagine? Cosa posso fare nel caso in cui ai miei colleghi gli venga concesso l'encomio solenne?



Convenzionistituzioni.it
Avatar utente
Avv. Giorgio Carta
Professionista
Professionista
Messaggi: 1855
Iscritto il: ven apr 03, 2009 9:14 am

Re: mancata ricompensa morale

Messaggio da Avv. Giorgio Carta » gio giu 04, 2009 3:08 pm

a parte segnalare alla scala gerarchica la "svista", Lei non può fare niente, tanto meno agire in giudizio per l'ottenimento dell'encomio dei superiori.
La scelta di conferire tali ricompense morali, infatti, è discrezionalissima e non è consentito al Giudice amministrativo di sostituirsi nell'esercizio della relativa potestà (ammesso e non concesso che Lei trovi un Giudice amministrativo disposto ad andare contro le scelte della sua amministrazione, ma questo è un altro discorso!).

Saluti,

Avv. Giorgio Carta

Rispondi