Ipertensione Arteriosa

Feed - CARABINIERI

Domenico61
Altruista
Altruista
Messaggi: 185
Iscritto il: lun set 26, 2011 4:37 pm

Ipertensione Arteriosa

Messaggio da Domenico61 » gio feb 23, 2012 12:50 pm

Salve a tutti chiedo scusa se mi trovo nel forum dell'avvocato , sono un collega (Arma Carabinieri) volevo porvi una domanda che sicuramente molti di voi ci sono già passati e sicuramente ne sapete più di me .
Volevo chiedervi se uno soffre di Ipertensione Arteriosa e possibile farla riconoscere come causa di servizio??
e cosa vuol dire ""Ipertensione Arteriosa Essenziale (primaria) "" e "" Ipertensione Arteriosa secondaria"" quale di queste due potrebbe essere riconosciuta come causa di servizio?? grazie a tutti per una vostra risposta.



Avatar utente
Henry6.3
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 456
Iscritto il: sab giu 26, 2010 11:25 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da Henry6.3 » gio feb 23, 2012 3:32 pm

Ciao, cominciamo dalla differenza in parole povere se, hai un alzamento di pressione e dopo gli accertamenti di rito scoprono magari che hai un danno renale, la tua sarà certificata come ipertensione secondaria, in quanto la patologia dell'ipertensione è stata provocata da una patologia diversa, nell'esempio di origine renale.

L'ipertensione primaria o essenziale che vuol dire la medesima cosa, tipologia più diffusa invece non è conseguenza di altri fattori patologici, ma diciamo fine a se stessa cioè non provocata da altro, semmai, sarà la stessa che provocherà patologie, ad esempio danni al cuore o alla vista ecc. di varia gravità se non ben compensata e curata nel tempo.

In merito al riconoscimento prima era quasi automatico il riconoscimento di tale patologia, per intenderci quando riconoscevano la rinite o gastrite. Oggi siamo passati all'opposto , in tempi di crisi ho conosciuto sia per esperienza diretat che da altri, più domande respinte che quelle accettate con tale malattia.

Ovviamente c'è sempre l'eccezione che conferma la regola.

Marco64
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 222
Iscritto il: gio feb 02, 2012 12:29 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da Marco64 » gio feb 23, 2012 5:11 pm

Ciao collega, volevo confermarti che l'ipertensione come tante altre patologie tempi addietro veniva regolarmente riconosciuta Si dipendente da causa di servizio, mentre adesso se non sei sulla sedia a rotelli non riconoscono niente. Ciononostante alcuni giorni fa ho presentato ugualmente la domanda per il riconoscimento di tale patalogie. Spero che nei prossimi mesi, la CMO di Padova, mi chiami e semmai riuscissi ad intraprendere la strada della convalescenza per poi sperare, aggiungendo altre patologie ovviamente, in futuro ad una riforma.
Marco64

vecchio leone
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 20
Iscritto il: mer mag 18, 2011 11:14 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da vecchio leone » gio feb 23, 2012 9:39 pm

Per l'ipetensione la CMO di Firenze mi aveva attribuito l'8^ ctg A.

Invece Roma :twisted: :twisted: non mi ha riconosciuto la malattia motivando che presumibilmente ci poteva essere una familiarità o una causa di origine genetica???????

Che dire con una motivazione così vaga avrei dovuto fare ricorso ma non ne ho più la voglia! Per qualsiasi cosa dobbiamo fare ricorso: Indennità di Comando; Pensioni.....
Alle prossime elezioni mi candido nella rappresentanza..... :evil: :evil:

Buona serata a tutti

pietro1963

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da pietro1963 » ven feb 24, 2012 10:24 am

Ciao da esperienza personale ho capito che l'ipertensione viene riconosciuta solo se c'è una complicanza (danno d'organo).

vilos
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 94
Iscritto il: mer ott 24, 2007 7:02 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da vilos » ven feb 24, 2012 1:24 pm

Esperienza personale:riconosciuta si dipendente da causa di servizio con tab.B dalla CMO, non riconosciuta dal famoso comitato per le ppo. Dopo aver ingerito pillole per 10 anni, da circa uno non ne prendo più. La pressione si è stabilizata intorno a valori ottimali 120 max 70/75 min. Il mio medico di famiglia ci è rimasto di stucco ma alla fine ha rilevato che la pensione, ormai da quasi 5 anni, è la migliore medicina.

lory61
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1259
Iscritto il: gio dic 08, 2011 8:10 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da lory61 » ven feb 24, 2012 3:01 pm

vilos ha scritto:Esperienza personale:riconosciuta si dipendente da causa di servizio con tab.B dalla CMO, non riconosciuta dal famoso comitato per le ppo. Dopo aver ingerito pillole per 10 anni, da circa uno non ne prendo più. La pressione si è stabilizata intorno a valori ottimali 120 max 70/75 min. Il mio medico di famiglia ci è rimasto di stucco ma alla fine ha rilevato che la pensione, ormai da quasi 5 anni, è la migliore medicina.
Post interessante. Questa è una testimonianza molto singolare, da studiare in medicina. Ciò premesso, caro VILOS, goditi la pensione ordinaria e quella privilegiata se la tengano pure!!!!!!!!
Saluti

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 3721
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da lino » ven feb 24, 2012 6:11 pm

vilos ha scritto:Esperienza personale:riconosciuta si dipendente da causa di servizio con tab.B dalla CMO, non riconosciuta dal famoso comitato per le ppo. Dopo aver ingerito pillole per 10 anni, da circa uno non ne prendo più. La pressione si è stabilizata intorno a valori ottimali 120 max 70/75 min. Il mio medico di famiglia ci è rimasto di stucco ma alla fine ha rilevato che la pensione, ormai da quasi 5 anni, è la migliore medicina.
Molto interessante il tuo post caro Vilos in effetti anche a me sta succedendo la stessa cosa il cardiologo dice che si trattava di ipertensione da stress ma lui e' scettico ne farmi abbandonare la cura farmacologica dopo tanti anni (piu' di 10) .
Penso anch'io che la pensione e tranquillita' in genere siano la migliore medicina.

vilos
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 94
Iscritto il: mer ott 24, 2007 7:02 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da vilos » ven feb 24, 2012 9:27 pm

lory61 ha scritto:
vilos ha scritto:Esperienza personale:riconosciuta si dipendente da causa di servizio con tab.B dalla CMO, non riconosciuta dal famoso comitato per le ppo. Dopo aver ingerito pillole per 10 anni, da circa uno non ne prendo più. La pressione si è stabilizata intorno a valori ottimali 120 max 70/75 min. Il mio medico di famiglia ci è rimasto di stucco ma alla fine ha rilevato che la pensione, ormai da quasi 5 anni, è la migliore medicina.
Post interessante. Questa è una testimonianza molto singolare, da studiare in medicina. Ciò premesso, caro VILOS, goditi la pensione ordinaria e quella privilegiata se la tengano pure!!!!!!!!
Saluti
No problem lory61.Sono stracontento che la pressione sia tornata normale. La PPO l'ho presa lo stesso con le altre 9 patologie riconosciutemi. Dopo 4 anni e mezzo dalla domanda ho ricevuto arretrati e il 10mo sulla pensione, peccato che siano stati tassati al 38%netto.

lory61
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1259
Iscritto il: gio dic 08, 2011 8:10 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da lory61 » ven feb 24, 2012 10:28 pm

vilos ha scritto:
lory61 ha scritto:
vilos ha scritto:Esperienza personale:riconosciuta si dipendente da causa di servizio con tab.B dalla CMO, non riconosciuta dal famoso comitato per le ppo. Dopo aver ingerito pillole per 10 anni, da circa uno non ne prendo più. La pressione si è stabilizata intorno a valori ottimali 120 max 70/75 min. Il mio medico di famiglia ci è rimasto di stucco ma alla fine ha rilevato che la pensione, ormai da quasi 5 anni, è la migliore medicina.
Post interessante. Questa è una testimonianza molto singolare, da studiare in medicina. Ciò premesso, caro VILOS, goditi la pensione ordinaria e quella privilegiata se la tengano pure!!!!!!!!
Saluti
No problem lory61.Sono stracontento che la pressione sia tornata normale. La PPO l'ho presa lo stesso con le altre 9 patologie riconosciutemi. Dopo 4 anni e mezzo dalla domanda ho ricevuto arretrati e il 10mo sulla pensione, peccato che siano stati tassati al 38%netto.


Ehhhhh, allora sei a cavallo. Speriamo che le altre patologie non ti creino problemi!!!! Per quanto riguarda la tassazione purtroppo, lo stato se la deve beccare, sennò non ci pagano le pensioni, non trovi???? :) :) :)
Ti saluto cordialmente

Avatar utente
Henry6.3
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 456
Iscritto il: sab giu 26, 2010 11:25 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da Henry6.3 » ven feb 24, 2012 11:26 pm

Il caso della ipertensione che al congedo dopo alcuni mesi o anni rientra nei parametri normali non è affatto singolo e molto comune, se ad esempio tale infermità riscontrata è stata accompagnata da patologiadepressiva o ansiogena.

vilos
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 94
Iscritto il: mer ott 24, 2007 7:02 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da vilos » sab feb 25, 2012 12:58 am

lino ha scritto:
vilos ha scritto:Esperienza personale:riconosciuta si dipendente da causa di servizio con tab.B dalla CMO, non riconosciuta dal famoso comitato per le ppo. Dopo aver ingerito pillole per 10 anni, da circa uno non ne prendo più. La pressione si è stabilizata intorno a valori ottimali 120 max 70/75 min. Il mio medico di famiglia ci è rimasto di stucco ma alla fine ha rilevato che la pensione, ormai da quasi 5 anni, è la migliore medicina.
Molto interessante il tuo post caro Vilos in effetti anche a me sta succedendo la stessa cosa il cardiologo dice che si trattava di ipertensione da stress ma lui e' scettico ne farmi abbandonare la cura farmacologica dopo tanti anni (piu' di 10) .
Penso anch'io che la pensione e tranquillita' in genere siano la migliore medicina.
Per esperienza diretta ti dico che i primi due tre giorni stavo un pò strano nel senso che a volte avvertivo giramenti di testa ma poi è passato tutto e si è tornato nella norma. Dirò di più, dopo circa tre mesi che avevo smesso l'assunzione di farmaci si sono evidenziati alcuni piccoli ponfi sul viso. Dopo visite dermatologiche ed analisi varie si è giunti alla conclusione che il corpo, come fa un pò la lumca, stava rigettando il farmaco accumulatosi nel decennio. Tempo un mesetto ed anche questo episodio è svanito.Ora Ok.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11805
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da panorama » lun mag 21, 2018 11:17 am

Il ricorrente - tuttora in attività di servizio - ha impugnato il decreto ministeriale n. 50711/N dell'11/10/2011 chiedendone l'annullamento "nella sola parte in cui non riconosce la dipendenza della causa di servizio per l'infermità rubricata al n. 5" (IPERTENSIONE ARTERIOSA IN TRATTAMENTO).


Il Sig. G. C. ha presentato ricorso straordinario al Presidente della Repubblica in data 17/02/2012, respinto con D.P.R. del 30/01/2013 sulla base del parere del Consiglio di Stato n. 3980121 del 20/09/2012.

Invece la Corte dei Conti Veneto lo Accoglie con la sentenza di pochi giorni fa.
-----------------------------------------------------------------------------------------

Posto alcuni brani che potrebbero interessare.


Ricorso contro
il Ministero dell'Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza Direzione Centrale per le risorse Umane - Servizio Trattamento di Pensione e Previdenza,


Con sentenza n. 59 del 2017 questa Sezione ha dichiarato la giurisdizione della Corte dei conti sul ricorso in epigrafe, il difetto di legittimazione passiva del Ministero dell’Economia e delle Finanze e ha disposto per l’istruttoria della causa con separata ordinanza.

Con ordinanza n. 56 e n. 128 del 2017, questa Sezione, ha disposto accertamenti istruttori affidandoli all’U.M.L. del Ministero della salute.

In data 8-02-2018 l’U.M.L. ha depositato la perizia.

Con memoria del 30-04-2018, la difesa del ricorrente, sulla base delle argomentazioni e delle conclusioni espresse nella perizia, ha insistito per l’accoglimento del ricorso.


L’U.M.L., in riscontro alla ordinanza con cui questa Corte ha disposto accertamenti istruttori medico-legali, ha reso il parere depositato il 8-02-2018, formulando le seguenti considerazioni:

“…PARERE MEDICO-LEGALE

Lo scrivente Ufficio, dopo attento esame della documentazione trasmessa, tenuto conto delle risultanze della visita effettuata, sentito il dr. C.. che non si oppone al parere dello scrivente, in risposta al quesito posto esprime le seguenti considerazioni.

Risulta dagli atti che il Dott. G. C. presta servizio nella Polizia OMISSIS dal 1982. OMISSIS .......... Nel 2008 ha saputo di essere iperteso, con valori della diastolica piuttosto elevati (110/120 mm HG).


Riguardo l'infermità cardiaca oggetto del ricorso, ricordiamo brevemente che l'ipertensione essenziale o primaria, quale quella da cui è affetto il ricorrente, non è scatenata da fattori secondari (come patologie a carico di alcuni organi), ma è dovuta a cause non ancora identificate.

- ) - Il termine essenziale
è stato coniato dai primi studiosi della patologia i quali cominciarono ad evidenziare come, con l'aumentare dell'età, l'ipertensione si riscontrasse in numero sempre maggiore di individui. Pensarono perciò che l'ipertensione fosse una condizione necessaria, quindi essenziale, e la definirono appunto ipertensione essenziale.
Le cause dell'ipertensione essenziale non sono ancora state accertate, e perciò non è ancora possibile capire il fattore scatenante la patologia.

- ) - È però risultato sempre più chiaro che esistono dei fattori che favoriscono l'insorgenza e lo sviluppo dell'ipertensione primaria.
Sicuramente uno di questi è la componente genetica: essa consiste in un disturbo poligenico coinvolgente geni che codificano per il sistema RAA (renna-angiotensina). Infatti sono stati individuati polimorfismi dell'angiotensina e dell'enzima di conversione dell'angiotensina che spiegherebbero la diversa sensibilità all' introito di NaCl. Inoltre, le mutazioni del gene alfa-adducin, sono associate ad aumento del riassorbimento di sodio a livello dei tubuli renali.

Dal punto di vista ambientale è stato visto come individui che vivevano in zone povere, dove la dieta era rappresentata da ciò che la natura offriva, in cui gli abitanti non mostravano ipertensione, una volta emigrati nei Paesi industrializzati, manifestavano ipertensione arteriosa.

Questo sottolinea l'assoluta importanza di una dieta corretta dal giusto introito di NaCl.

Il fabbisogno di un uomo adulto deve essere di 400mg/die di NaCl.

Nei Paesi industrializzati questo valore arriva ad essere talvolta 50 volte maggiore.

L'ipertensione risulta essere familiare e ricorre più frequentemente all'interno di alcune famiglie.

L'età ed uno stile di vita sedentario favoriscono l'insorgenza dell'ipertensione e questi fattori, unitamente ad una dieta ipercalorica e con un alto contenuto di sodio contribuiscono all'instaurarsi dell'ipertensione. Anche la componente razziale sembra rappresentare un fattore importante nell'ipertensione:
popolazioni nere con stili di vita occidentali presentano una maggior incidenza di ipertensione rispetto alle popolazioni caucasiche o dell'estremo oriente che vivono nelle stesse condizioni.
In ogni singolo individuo il livello di pressione arteriosa dipende dall'interazione tra fattori genetici, ereditari e lo stile di vita applicato.
- ) - Come già osservato, l'ipertensione essenziale ha un'importante componente ereditaria, sulla quale insistono le componenti legate allo stile di vita e l'alimentazione seguita.

Lunghe ricerche condotte su gemelli omozigoti cresciuti insieme o separatamente, su bambini adottati e non adottati hanno permesso di quantificare la percentuale relativa alla familiarità e allo stile di vita.

Generalmente, è stato scoperto che la metà di tutti i casi di ipertensione è imputabile allo stile di vita.

Tra questi è possibile ricordare la vita sedentaria, dieta ipercalorica, alto contenuto di sodio e calcio, obesità e particolari condizioni di stress psico-fisico.
- ) - In quanto a quest'ultimo fattore va osservato che nel determinismo di episodi di rialzi pressori, lo stress deve essere intenso, assorbente sotto il profilo psichico e fisico, aspetto non riconducibile nell'ambito di qualsivoglia attività lavorativa e tale da poter assurgere a vero e proprio fattore usurante per il muscolo cardiaco e la funzione circolatoria.

Nel caso in esame, l'attività svolta di ispettore capo della Polizia ....., tenuto conto della tipologia di lavoro, gravoso e sicuramente imperniato di notevole stress psico-fisico per le caratteristiche insite in esso, può aver favorito concausalmente l'insorgenza più rapida dell'ipertensione arteriosa di grado moderato-severo, per le motivazioni sopraesposte.

Per quanto concerne la classifica si ritiene equa l'ascrizione all'8^ ctg. Tab. A, legge vigente, considerato il quadro clinico strumentale desumibile dagli atti e tenuto conto delle risultanze della visita effettuata.”.

La Corte dei Conti precisa:

Il parere reso dal qualificato organo tecnico, in sede di supplemento istruttorio, basato sull’analisi dei riscontri documentali e sulla coerenza logico-scientifica delle argomentazioni e delle conclusioni, spiega in modo chiaro ed esaustivo perché il ricorso deve essere parzialmente accolto con riguardo al riconoscimento della causa di servizio, mentre deve essere parzialmente dichiarato inammissibile con riferimento alla richiesta di annullamento dei provvedimenti amministrativi impugnati, in quanto essi sono oggetto di cognizione di questo Giudice solo in via incidentale ai fini dell’accertamento del diritto al beneficio di natura pensionistica richiesto dalla parte ricorrente, essendo riservata la cognizione di legittimità in via principale al Giudice amministrativo.

e DICHIARA quanto segue

Considerata la integrale soccombenza, si deve disporre la condanna della parte soccombente a rimborsare le spese di lite.

La materia è ora disciplinata dal D.M. Giustizia 10 marzo 2014, n. 55, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 2 aprile 2014, che ai sensi dell’art. 29 entra in vigore dal giorno successivo alla sua pubblicazione e ai sensi del precedente art. 28 si applica a tutte le liquidazioni eseguite dopo la entrata in vigore, in particolare dall’art. 4 del decreto che prevede i parametri generali per la determinazione dei compensi in sede giudiziale.

Pertanto, considerato il valore della causa, la soccombenza egli altri parametri sopra indicati, si deve condannare il Ministero dell’Interno a rimborsare alla parte ricorrente le spese di lite nella misura complessiva indicata nel dispositivo.

La parte ricorrente ha chiesto anche la condanna ai sensi dell’art. 96 del c.p.c., ma questo Giudice non ravvisa mala fede o colpa grave nel comportamento della parte soccombente che ha resistito in giudizio, il giudice, su istanza dell'altra parte, la condanna, oltre che alle spese, al risarcimento dei danni, che liquida, anche di ufficio, nella sentenza.

panorama
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 11805
Iscritto il: mer feb 24, 2010 4:23 pm

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da panorama » ven giu 29, 2018 10:42 pm

Sezione VENETO Esito SENTENZA Materia PENSIONI
Anno 2018 Numero 74 Pubblicazione 10/05/2018
-------------------------------------------------------------------

juriromeo
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 383
Iscritto il: ven nov 11, 2011 10:00 am

Re: Ipertensione Arteriosa

Messaggio da juriromeo » mer lug 04, 2018 6:29 pm

Ciao a tutti, io sono stato riformato per cardiopatia ipertensiva con danno d'organo unitamente ad altre patologie, mi era stata riconosciuta mi sembra nel 2003, feci l'aggravamento di tutte le patologie e nel 2012, dopo 688 gg. di convalescenza mi hanno riformato con una 5 cat., ma erano altri tempi, un salutone, Nino.

Rispondi