funzionamento appello

Consulenza legale su contensioni pensionistici - Corte dei Conti
Feed - L'Avv. Massimo Vitelli risponde

Moderatore: Avv. Massimo Vitelli

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte all'Avv. Vitelli verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con l'avvocato ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.
Rispondi
dib0231
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 124
Iscritto il: ven gen 25, 2013 5:40 pm

funzionamento appello

Messaggio da dib0231 » lun giu 04, 2018 4:21 pm

Buonasera avvocato, sperando di fare cosa gradita a molti iscritti al sito, le volevo esternare alcuni dubbi di molti colleghi dei quali mi sono fatto portatore, in merito al funzionamento delle sezioni di appello della corte dei conti in Roma. E nello specifico:

a) In seduta di appello come si deve procedere per chiedere che si riuniscano le tre sezioni d’appello per emette un giudizio unico che obblighi l’Inps a procedere con i pagamenti dovuti?

b) Si può promuovere una unica seduta, delle tre sezioni riunite, per più appellanti sullo stesso argomento al fine di risparmiare tempo e denaro?

c) Nel caso del riesame di una sentenza di una delle sedi regionali, le sezioni riunite possono autonomamente procedere al riesame dell’intero contendere. Ossia possono riesaminare anche le altre parti del ricorso per le quali non è stato richiesto appello ed emettere un giudizio definitivo per la materia?

d) Si ha l’obbligo di presentarsi con un avvocato ovvero la sua assenza può essere ininfluente nel giudizio delle sezioni riunite?

e) Dopo l’emissione di una sentenza favorevole quanto tempo viene concesso all’Inps per adeguarsi al giudicato e quali penali a suo carico esistono in caso di inadempienza?

f) La sentenza delle tre sezioni riunite vale solo per l’appello oggetto di discussione oppure “è legge” per tutti i casi analoghi e l’Inps deve procedere con i pagamenti del dovuto a tutti ricorrenti e non? Ovvero ognuno deve fare appello per il proprio caso anche se analogo ad altri precedenti, pena il non percepimento del diritto in contenzioso? Mi spiego meglio, nel caso in cui un appellante (in sede di sezioni riunite) vince tutte e due o anche uno solo dei quesiti in trattazione (art. 3 comma 7 e/o art. 54) tutti gli altri ricorrenti che in primo grado hanno perso il ricorso per uno o due degli articoli in contendere vedranno esteso anche a loro i benefici della sentenza d’appello?



Avatar utente
Avv. Massimo Vitelli
Professionista
Professionista
Messaggi: 514
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: funzionamento appello

Messaggio da Avv. Massimo Vitelli » gio giu 07, 2018 11:12 am

dib0231 ha scritto:Buonasera avvocato, sperando di fare cosa gradita a molti iscritti al sito, le volevo esternare alcuni dubbi di molti colleghi dei quali mi sono fatto portatore, in merito al funzionamento delle sezioni di appello della corte dei conti in Roma. E nello specifico:

a) In seduta di appello come si deve procedere per chiedere che si riuniscano le tre sezioni d’appello per emette un giudizio unico che obblighi l’Inps a procedere con i pagamenti dovuti?

b) Si può promuovere una unica seduta, delle tre sezioni riunite, per più appellanti sullo stesso argomento al fine di risparmiare tempo e denaro?

c) Nel caso del riesame di una sentenza di una delle sedi regionali, le sezioni riunite possono autonomamente procedere al riesame dell’intero contendere. Ossia possono riesaminare anche le altre parti del ricorso per le quali non è stato richiesto appello ed emettere un giudizio definitivo per la materia?

d) Si ha l’obbligo di presentarsi con un avvocato ovvero la sua assenza può essere ininfluente nel giudizio delle sezioni riunite?

e) Dopo l’emissione di una sentenza favorevole quanto tempo viene concesso all’Inps per adeguarsi al giudicato e quali penali a suo carico esistono in caso di inadempienza?

f) La sentenza delle tre sezioni riunite vale solo per l’appello oggetto di discussione oppure “è legge” per tutti i casi analoghi e l’Inps deve procedere con i pagamenti del dovuto a tutti ricorrenti e non? Ovvero ognuno deve fare appello per il proprio caso anche se analogo ad altri precedenti, pena il non percepimento del diritto in contenzioso? Mi spiego meglio, nel caso in cui un appellante (in sede di sezioni riunite) vince tutte e due o anche uno solo dei quesiti in trattazione (art. 3 comma 7 e/o art. 54) tutti gli altri ricorrenti che in primo grado hanno perso il ricorso per uno o due degli articoli in contendere vedranno esteso anche a loro i benefici della sentenza d’appello?
**********
Salve.
Occorre un libro per rispondere adeguatamente, meglio una telefonata. Comunque proviamo.
Le Sezioni riunite non prevedono la RIUNIONE delle 3 sezioni di appello, ma costituiscono un giudice autonomo che si convoca, di volta in volta, dietro richiesta della singola sezione d'appello a cui è stata assegnata l'impugnazione.
Quindi, non è detto che sulla questione si pronuncino le sezioni riunite: ciò avviene di solito quando le singole sezioni di appello emettono sentenze contrastanti tra loro.
Quando si viene chiamati in giudizio, non esiste mai l'obbligo di costituirsi, per cui si può benissimo non partecipare al processo: Sulle conseguenze di tale scelta, del tutto soggettive, non posso esprimere pareri, se non da chiaroveggente.
Il giudice di appello si pronuncia solo sui capi della sentenza di primo grado realmente impugnati, mentre quelli non gravati passano in giudicato., anche se successivamente l'orientamento della Corte dovesse cambiare.
Le penali per l'INPS consistono nella liquidazione degli interessi legali.
Cordialità
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it

Rispondi