familiari vittime del dovere e bandi di concorso

L'Avvocato Marco Antonio Vallini risponde
Feed - LEXETICA PENSIONI - IL LEGALE RISPONDE

Moderatori: Admin, Avv. Marco Antonio Vallini

Rispondi
Avatar utente
Zenmonk
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 2340
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

familiari vittime del dovere e bandi di concorso

Messaggio da Zenmonk » gio nov 19, 2020 6:53 pm

Gentile Avvocato, mi permetto di chiedere il Suo parere in materia di domande di concorso presentate in via telematica; in particolare non è dato sapere come riempire i moduli con le voci a tendina che NON prevedono precedenza NE' preferenza per i familiari delle vittime del dovere ex art. 564, benché esse rientrino fra le categorie protette previste dall’art. 18 della legge n. 68/99.
Da internet leggo che, relativamente alla precedenza per le assunzione di queste particolari categorie, con una modifica contenuta nell’art. 5, comma 7 del Decreto Legge n. 102/2010, convertito con modificazioni dalla legge n. 126/2010, è stata introdotta una novità per quanto riguarda il collocamento obbligatorio ai sensi della Legge n. 68/99: alle categorie appartenenti alla Legge n. 407/98 ed equiparati (Legge 266/05 e legge 244/2007), in sostanza ai familiari vittime della Criminalità Organizzata e Comune, del Terrorismo e orfani o, in alternativa, il coniuge superstite di coloro che siano morti per fatto di lavoro, ovvero siano deceduti a causa dell’aggravarsi delle mutilazioni o infermità che hanno dato luogo a trattamento di rendita da infortunio sul lavoro, non si applica la quota di riserva già prevista dall’art. 18 comma 2 della Legge n. 68/99, intendendo con ciò che per queste categorie si debba applicare la quota del 7% prevista per le persone con disabilità.
In seguito, questa norma viene corretta con l’interpretazione autentica fornita dalla legge n. 25 del 11 marzo 2011 con cui si ribadisce che la quota del 7% è ad esclusivo beneficio delle persone con disabilità e che le categorie qui menzionate devono rientrare nella quota stabilita dall’art. 18 della legge n. 68/99.
Appare pertanto che la precedenza si attua solo all’interno delle categorie protette previste dall’art. 18 della legge n. 68/99 e non anche rispetto alle persone con disabilità.
Vi ringrazio pertanto sin d’ora per una cortese indicazione su quale delle sottostanti voci a tendina previste dai concorsi spuntare nel caso di specie onde integrare correttamente le riserve di legge:
• gli insigniti di medaglia al valor militare;
• i mutilati ed invalidi di guerra ex combattenti;
• i mutilati ed invalidi per fatto di guerra;
• i mutilati ed invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
• gli orfani di guerra;
• gli orfani dei caduti per fatto di guerra;
• gli orfani dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;
• i feriti in combattimento;
• gli insigniti di croce di guerra o di altra attestazione speciale di merito di guerra, nonché i capi di famiglia numerosa;
• i figli dei mutilati e degli invalidi di guerra ex combattenti;
• i figli dei mutilati e degli invalidi per fatto di guerra;
• i figli dei mutilati e degli invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
• i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti di guerra;
• i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per fatto di guerra;
• i genitori vedovi non risposati, i coniugi non risposati e le sorelle ed i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico o privato;
• gli invalidi e i mutilati civili, ecc.
Ringrazio per la cortese attenzione ed auguro buon lavoro.



Rispondi