Falsa partita iva e mamma invalida

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Rispondi
Riccardo1981
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 1
Iscritto il: gio mag 17, 2018 3:20 pm

Falsa partita iva e mamma invalida

Messaggio da Riccardo1981 » gio mag 17, 2018 3:37 pm

Buongiorno Avv Carta,
Le scrivo perché ho trovato il suo indirizzo all’interno di un forum e vorrei dei consigli non sono in una bella situazione, lavoravo in una agenzia di comunicazione da circa Aprile 2012 andando in ufficio a Milano dove avevo la mia postazione e svolgevo la mia attività dalle 9.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì e compresi i sabati e le domeniche perché ovviamente i lavori che organizzavo si svolgevano nel weekend e venivo pagato con ritenuta d’acconto, sono stato obbligato per poter lavorare ad aprire una partita iva normale e così ho dovuto fare nel gennaio 2013 anche per percepire compensi irrisori del 2012. Nel corso di questi anni ho anche anticipato svariate somme di denaro che non ho ancora riavuto perché il datore di lavoro voleva farmele inserire insieme al compensoin fattura ( es compenso 2000 e spese 400, mi diceva di emettere una fattura di 2400€).Nel 2014 arrivano i primi problemi non viene effettuata la dichiarazione dei redditi, così trasferisco tutti i documenti a Milano e mi affido ad un revisore fiscale consigliato dal datore di lavoro, nel 2014 viene fatta la dichiarazione dei redditi. Arrivati nel 2016 mi muore il papà a febbraio e devo curare mia mamma invalida grave, ma nel contempo continuo a lavorare fino alla fine dell’anno. Preso da tutti questi problemi non faccio la dichiarazione dei redditi per l’anno 2015 ma continuo a pagare inps di quello che riesco, nel 2017 svolgo un paio di lavori sempre per questa agenzia e non viene fatta la dichiarazione dei redditi del 2016 ma non emetto fatture e nel gennaio /febbraio2018 svolgo un ultimo lavoro. A Marzo 2018 mi arriva un controllo della guardia di finanza e sono passati più di 30 gg e sto attendendo esito. Io ho sempre lavorato per un unico committente il quale voleva (dato che ha dovuto inviare anch’esso documenti relativi la mia posizione alla guardia di finanza) farmi firmare un foglio post datato dove io ero libero di andare in un ufficio quando volevo, inoltre sosteneva che io il mio lavoro lo potevo svolgere tranquillamente da casa mia peccato che in questi anni mi sono sempre recato in ufficio con orari fissi e stavo anche oltre l’orario senza vacanze e ci sono tanto di prove e testimonivoleva inoltre che io andassi con lui dal revisore fiscale per vedere quali documenti avrei dovuto consegnare, io mi sono rifiutato.
Sono certo che sì é verificato il reato di falsa partita iva perché io da quando sono stato obbligato ad aprirla, questo é stato l'unico mio Committente, tranne che nel2015 che sono sempre stato obbligato a fare 3 fatture verso un altro cliente perché mi ha coinvolto in un progetto dove l’agenzia non poteva partecipare e così mi hanno fatto partecipare a questa gara coinvolgendomi in altri casini. Di cui ho prova che ero estraneo ai fatti ma sono stato obbligato a rimandare documenti da me firmati però i primi passi sono stati fatti a mia insaputa per cui potrei denunciare per truffa.
Ora attendo esito della guardia di finanza e poi voglio fare esposto all’ispettorato del lavoro per iniziare e pi si vedrà.
Qualche avvocato mi sa consigliare perché sono veramente preoccupato inoltre non intendo pagare qualsiasi multa verrà rilevata dato che in questo casino sono stato messo da questa persona.
ps ho ancora partita iva aperta e devo recupera parecchi soldi anticipati di cui ho traccia nel conto corrente, nel frattempo oltre a mail ho prodotto anche prove registrate.

Vivo in casa con mia mamma invalida grave che ha 74 anni ed é rimasta vedova da due anni e da lì é iniziato il mio calvario.
Pesava circa 24 kg e aveva ulcere su entrambi i piedi ( ci sono voluti circa 2 anni per curarle, venivano infermieri della Asl 3 volte la settimana per fare le medicazioni) soffre di neuropatia mista agli arti inferiori e questo non le permette di deambulare e reggersi sulle gambe, dovremmo iniziare della fisioterapia mirata e la fisioterapista sostiene che sarà lunga ma me la rimetterà in piedi.. e io ci credo molto. Sempre in questi due anni é stata operata due volte alle vie biliari, la prima volta é stato inserito uno stent per far defluire la bile che riaffiorava (era diventata tutta gialla .. sembrava un personaggio dei simpson), la seconda volta é stato rimosso lo stent e due calcoli belli grossi. Passato questo periodo mentre stava evaquando ha avuto un prolasso che é stato ridotto e reinserito in casa dal sottoscritto. Poi portata ad una visita di controllo il professore mi ha fatto i complimenti e non so ancora bene con quale coraggio ho fatto questa operazione evitandole un intervento anche perché il professore mi ha spiegato che se avessi chiamato l’ambulanzae fatta portare al pronto soccorso non avremmo ottenuto lo stesso risultato.
L’ultima operazione che abbiamo fatto éstata la pulizia della carotide dato che ha arterie occluse oltre l’80% , l’interve é andato bene e a fine luglio abbiamo il controllo.
mi dedico completamente a lei che vive in un letto con le sponde ( comprato da me, come la sedia comoda, la Asl mi ha passato solo una carrozzina da esterno rigenerata che non é neanche della sua misura), utilizza presidi ( Pannoloni, che mi passa la Asl ma sono scadenti )
la lavo la pulisco perché é presente ma da sola non fa niente. Poi la metto sulla carrozzina e mangia al tavolo. Onestamente non so più cosa fare e sono molto preoccupato pensando al futuro.. perché ho 37 anni facevo il libero professionista e sono rimasto senza lavoro, vivo in casa con lei, la casa é in affitto e l’unica entrata é la sua pensione, io un domani sono in mezzo a una strada e non so come potrei fare, c’é qualcuno nella mia stessa situazione o che ci é già passato che mi può dare qualche consiglio?? Ho diritto a degli aiuti da parte dello stato? È veramente una situazione pesante e difficile da digerire. Vivendo con mia mamma ed essendo il suo cargiver un domani avrò diritto alla reversibilità della sua pensione
Grazie e spero che mi sappia consigliare sulla strada da intraprendere
Riccardo



Rispondi