Equo indennizzo.

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Avatar utente
christian71
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 3222
Iscritto il: sab ago 24, 2013 9:23 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da christian71 » lun ott 20, 2014 6:28 am

skorpios ha scritto:...cioè?...
Cioè, nel mio caso, contrariamente a quanto sostiene Rambo, la CMO nel 1998, quindi prima dell'enteata in vigore del DPR 461/01, non ha espresso una "PROPOSTA" da valutare, ma proprio un "GIUDIZIO" finale sulla mia richiesta di riconoscimento di causa di servizio e l'ha, per l'appunto, "GIUDICATA" come "SI dipendente" da causa di servizio.
In altre parole la sola CMO mi ha riconosciuto la dipendenza da causa di servizio senza richiedere il PARERE o GIUDIZIO o DECISIONE del Comitato delle Pensioni Privileggiate Ordinarie...
Ovviamente solo quest'ultimo organo (il CPPO) avrebbe potuto riconoscermi la concessione dell'equo indennizzo, che è altra cosa, non è la causa di servizio, ma proprio perchè la CMO ha giudicato le mie patologie "SI dipendenti" ma "non ascrivibili a categoria" non è stato chiesto il parere del Comitato sulla concessione dell'equo indennizzo (non della dipendenza da causa di servizio) in quanto spettante solo se fosse stata ascritta almeno ad una "Tabella B"...
Questo è quanto accaduto a me...
Spero di essere stato più chiaro....

Saluti
Christian



Convenzionistituzioni.it
Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 8:47 am

christian71 ha scritto:
skorpios ha scritto:...cioè?...
Cioè, nel mio caso, contrariamente a quanto sostiene Rambo, la CMO nel 1998, quindi prima dell'enteata in vigore del DPR 461/01, non ha espresso una "PROPOSTA" da valutare, ma proprio un "GIUDIZIO" finale sulla mia richiesta di riconoscimento di causa di servizio e l'ha, per l'appunto, "GIUDICATA" come "SI dipendente" da causa di servizio.
In altre parole la sola CMO mi ha riconosciuto la dipendenza da causa di servizio senza richiedere il PARERE o GIUDIZIO o DECISIONE del Comitato delle Pensioni Privileggiate Ordinarie...
Ovviamente solo quest'ultimo organo (il CPPO) avrebbe potuto riconoscermi la concessione dell'equo indennizzo, che è altra cosa, non è la causa di servizio, ma proprio perchè la CMO ha giudicato le mie patologie "SI dipendenti" ma "non ascrivibili a categoria" non è stato chiesto il parere del Comitato sulla concessione dell'equo indennizzo (non della dipendenza da causa di servizio) in quanto spettante solo se fosse stata ascritta almeno ad una "Tabella B"...
Questo è quanto accaduto a me...
Spero di essere stato più chiaro....

Saluti
Christian[/quot

Caro cristian anziche' mettere in dubbio quello che scrivo faresti meglio a cercare in questo forum le risposte che hanno dato i professionisti a domande simili alla tua.
Quello e' "il giudizio" espesso dalla cmo ma rimane solo un parere.E anche l'equo indennizzo ormai dagli anni 70 viene corrisposto soltanto se la patologia viene riconosciuta dipendente da c.s. dal comitato.
La cmo ha un giudizio quasi sovrano soltanto in caso di infortunio accaduto in servizio per causa violenta.
Sono tutte cose dettagliatamente riportate centinaia di volte, basta cercare e neanche troppo.

Ciao Rambo
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

italiauno61
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 329
Iscritto il: gio mar 07, 2013 3:39 pm

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da italiauno61 » lun ott 20, 2014 9:08 am

christian71 ha scritto:
skorpios ha scritto:...cioè?...
Cioè, nel mio caso, contrariamente a quanto sostiene Rambo, la CMO nel 1998, quindi prima dell'enteata in vigore del DPR 461/01, non ha espresso una "PROPOSTA" da valutare, ma proprio un "GIUDIZIO" finale sulla mia richiesta di riconoscimento di causa di servizio e l'ha, per l'appunto, "GIUDICATA" come "SI dipendente" da causa di servizio.
In altre parole la sola CMO mi ha riconosciuto la dipendenza da causa di servizio senza richiedere il PARERE o GIUDIZIO o DECISIONE del Comitato delle Pensioni Privileggiate Ordinarie...
Ovviamente solo quest'ultimo organo (il CPPO) avrebbe potuto riconoscermi la concessione dell'equo indennizzo, che è altra cosa, non è la causa di servizio, ma proprio perchè la CMO ha giudicato le mie patologie "SI dipendenti" ma "non ascrivibili a categoria" non è stato chiesto il parere del Comitato sulla concessione dell'equo indennizzo (non della dipendenza da causa di servizio) in quanto spettante solo se fosse stata ascritta almeno ad una "Tabella B"...
Questo è quanto accaduto a me...
Spero di essere stato più chiaro....

Saluti
Christian
Probabilmente continua a sfuggirmi qualcosa...nel mio caso la CMO di Roma nel 1998 ha espresso il "GIUDIZIO" sulla mia richiesta di causa di servizio e non un "PARERE", che poi può essere considerato un sinonimo del termine "GIUDIZIO"....
Mi ero ripromesso di non intervenire più sul forum dedicato all'Avvocato Carta perchè, come giustamente fa notare @RAMBO, abbiamo a disposizione altri luoghi sul sito per discutere senza intasare questo, ma giusto per fare un po' di chiarezza:
1. il DPR 1092/1973, che regolava i procedimenti di concessione della pensione privilegiata
prevedeva l'acquisizione del parere del Comitato sulla dipendenza da causa di servizio;
2. Il parere del Comitato per le P.P.O. per l'equo indennizzo ai dipendenti pubblici, era già previsto dall'art. 54/55 del D.P.R. 686/1957 (1957 !!!);
3. l'art. 5 bis convertito nella L. 20.11.1987 n.472, prevedeva la definitività dei giudizi della C.M.O. fatto salvo il parere del C.P.P.O. in sede di liquidazione della ppo e dell'equo indennizzo;
Cosa stava a significare? Che i giudizi delle CC.MM.OO. erano da considerarsi definitivi, ovvero non modificabili dal CPPO, per quanto atteneve le materie delle aspettative, spese di cura e funerarie, ma non nell'ambito della concessione dei benefici della ppo e dell'ei. Giudizio della CMO? E' corretto definirlo così. Il parere contrario dell'allora CPPO, infatti, non modificava nello stato di servizio il favorevole giudizio sulla dipendenza da causa di servizio. Tale palese difformità ha naturalmente generato il proliferarsi di contenzioso che l'entrata in vigore del DPR 461/2001 e il COM del 2010 (per i militari) ha cercato di uniformare.

Avatar utente
christian71
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 3222
Iscritto il: sab ago 24, 2013 9:23 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da christian71 » lun ott 20, 2014 10:27 am

RAMBO ha scritto: Caro cristian anziche' mettere in dubbio quello che scrivo faresti meglio a cercare in questo forum le risposte che hanno dato i professionisti a domande simili alla tua.
Quello e' "il giudizio" espesso dalla cmo ma rimane solo un parere.E anche l'equo indennizzo ormai dagli anni 70 viene corrisposto soltanto se la patologia viene riconosciuta dipendente da c.s. dal comitato.
La cmo a un giudizio quasi sovrano soltanto in caso di infortunio accaduto in servizio per causa violenta.
Sono tutte cose dettagliatamente riportate centinaia di volte, basta cercare e neanche troppo.

Ciao Rambo
Buongiorno Rambo, io mi sono limitato a "documentare" con "dati di fatto" e tanto di stralcio del mio personale verbale della CMO redatto nel 1998 che ha riconosciuto la dipendenza da causa di servizio...

Comunque non mi sono scoraggiato ed ho seguito il tuo consiglio, quindi ho perso un ora per cercare pareri in merito tra le 1375 risposte date dall'Avv.Carta. L'unica risposta che ha dato sull'argomento è riportata nel link qui sotto:

http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... tml#p85571" onclick="window.open(this.href);return false;

Poi sono andato anche a controllare i chiari riferimenti normativi indicati dall'amico "italiauno", che ringrazio, ed ho potuto constatarne la veridicità...

Saluti
Christian

Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 11:39 am

Caro cristian, non ho alcuna voglia di polemizzare con te. Hai trovato una sola breve risposta che non e' dettagliata ed in qualche modo sembra darti ragione.
Ma nel forum negli anni sono state scritte centinaia di risposte in merito a questo argomento centinaia sono solo quelle dell'altro moderatore.
Ciao Rambo
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 1:58 pm

http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... ia'#p12469" onclick="window.open(this.href);return false;

Ti invio un link con una delle numerose risposte che si trovano in questo forum in merito all'argomento che ti interessa.

CIAO RAMBO
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 2:12 pm

http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... ia'#p20577" onclick="window.open(this.href);return false;


Sto cercando al tuo posto...
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 2:21 pm

http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... %20C#p5201" onclick="window.open(this.href);return false;

Ho perso soltanto un pochino di tempo nel cercare.

Ciao Rambo
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

Avatar utente
christian71
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 3222
Iscritto il: sab ago 24, 2013 9:23 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da christian71 » lun ott 20, 2014 3:10 pm

RAMBO ha scritto:http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... ia'#p12469

Ti invio un link con una delle numerose risposte che si trovano in questo forum in merito all'argomento che ti interessa.

CIAO RAMBO
Salve Rambo, seguendo il tuo consiglio avevo cercato tra i post dei professionisti quindi non avevo prestato troppa attenzione ai commenti degli utenti ne dei moderatori di cui non conosco la professione esercitata fuori dal forum e che per quanto possano essere preparati, non me ne vogliano, ma essere professionisti della materia è ben altra cosa...

Comunque in questo argomento Roberto Mandarino dice quello che diciamo noi, cioè che dall'enteata in vigore del DPR 461/01 il CVCS è l'organo preposto a decidere se una patologia è dipendente da causa di servizio...e non dice che aveva questo potere anche prima...

Avatar utente
christian71
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 3222
Iscritto il: sab ago 24, 2013 9:23 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da christian71 » lun ott 20, 2014 3:18 pm

RAMBO ha scritto:http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... ia'#p20577


Sto cercando al tuo posto...
Quì fa un breve riferimento all'art.177 del D.P.R. 1092/1973, ma non cita l'art. 5 bis convertito nella L. 20.11.1987 n.472 indicato da "italiauno"...io sono andato personalmente a verificarne il contenuto e ritengo che non possa essere ignorato...A Roberto Mandarino, che stimo e rispetto, penso che possa anche essere sfuggito un aggiornamento di una normativa in continua evoluzione...e rimarrà comunque una persona competente in materia nonchè degna di assoluto rispetto...

Avatar utente
christian71
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 3222
Iscritto il: sab ago 24, 2013 9:23 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da christian71 » lun ott 20, 2014 3:23 pm

RAMBO ha scritto:http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... %20C#p5201

Ho perso soltanto un pochino di tempo nel cercare.

Ciao Rambo
Anche qui Roberto Mandarino, fa riferimento solo al DPR 461/01 che noi ben conosciamo, ma nessun riferimento viene fatto al riconoscimento della dipendenza da causa di servizio prima dell'entrata in vigore del predetto DPR...

Avatar utente
christian71
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 3222
Iscritto il: sab ago 24, 2013 9:23 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da christian71 » lun ott 20, 2014 3:40 pm

RAMBO ha scritto:Caro cristian, non ho alcuna voglia di polemizzare con te. Hai trovato una sola breve risposta che non e' dettagliata ed in qualche modo sembra darti ragione.
Ma nel forum negli anni sono state scritte centinaia di risposte in merito a questo argomento centinaia sono solo quelle dell'altro moderatore.
Ciao Rambo
Neanche io ho mai avuto tempo ne voglia di polemizzare con nessuno non solo con te, però, e non è una polemica ma un invito, che puoi tranquillamente non accettare, io per rispetto nei professionisti veri di questo forum come lo è l'Avv. CARTA, non continuerei a ritenere errate alcune sue risposte, potrebbe sembrare una mancanza dispetto nella sua persona, per la professione che esercita con impegno e sacrificio da tanti anni e, economicamente parlando, potrebbe anche avere un effetto dannoso nel suo lavoro perchè non gli fai proprio una buona pubblicità...

Saluti
Christian

Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 4:47 pm

Continui a cercare di mettermi in cattiva luce con lo staff. Ma non ti rendi conto che non ho scritto nulla di strano.Ho soltanto replicato alle tue risposte errate con risposte esatte.
Ti ho scritto che tra le migliaia di risposte dello staff ne hai estrapolato solo una molto sintetica che non dava un quadro completo. Non ho mai messo in dubbio l'alta professionalita' dell'autorevole avvocato Carta che molto generosamente e democraticamente ci ospita e ci consente di replicare.
Tutti possiamo far crescere la professionalita' di questi forum soltanto rispondendo quando abbiamo le risposte e tacendo quando non conosciamo la materia. Quando gli utenti rispondevano nello spazio dell'avvocato soltanto con perizia, anche le redazioni giornalistiche giornalmente venivano ad informarsi qui da noi. Altro che danno economico.Il danno lo fanno gli utenti che come te scrivono tutto ed il contrario di tutto in questo spazio riservato.
Con questo chiudo la discussione sperando di averti insegnato qualcosa.
Ciao Rambo
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 6:15 pm

Solo adesso si visualizzano le tue risposte e da queste desumo che non hai letto attentamente l'intero contenuto dei link che ti ho inviato. Con questo chiudo il discorso non replicando oltre.
Buona serata Rambo
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 673
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: R: Equo indennizzo.

Messaggio da RAMBO » lun ott 20, 2014 7:29 pm

christian71 ha scritto:
RAMBO ha scritto:http://forum.grnet.it/l-avvocato-rispon ... ia'#p20577


Sto cercando al tuo posto...
Quì fa un breve riferimento all'art.177 del D.P.R. 1092/1973, ma non cita l'art. 5 bis convertito nella L. 20.11.1987 n.472 indicato da "italiauno"...io sono andato personalmente a verificarne il contenuto e ritengo che non possa essere ignorato...A Roberto Mandarino, che stimo e rispetto, penso che possa anche essere sfuggito un aggiornamento di una normativa in continua evoluzione...e rimarrà comunque una persona competente in materia nonchè degna di assoluto rispetto...
Per pura curiosita' sono andato a leggermi l'articolo 5 bis della legge 20.11.87 n.472.

Nel concreto dice esattamente quanto ho scritto finora e cioe' che il parere della cmo e' definitivo salvo approvazione del comitato delle pensioni privilegiate.


Ciao Rambo
" Chi ti ha insegnato che nulla si può cambiare, voleva solo un altro schiavo "

Rispondi