Elementi del reato

Feed - Attività di Polizia Giudiziaria

Rispondi
papalima
Altruista
Altruista
Messaggi: 144
Iscritto il: mar lug 05, 2011 10:00 pm

Elementi del reato

Messaggio da papalima » lun giu 24, 2013 11:19 pm

Salve amici...
è indubbio che l'elemento più importante per poter dire che c'è stato un delitto è "Il nesso di causalità"...
ma quanti di noi si son trovati in difficoltà...me compreso si intende....chiamati in qualche intervento...dalla stazione alle radiomobili e da tutti gli altri reparti...nel momento di compilare un verbale di arresto..? sappiamo benissimo che la preparazione durante i corsi e con la semplice infarinatura non ci da e non si è sufficientemente preparati ad affrontare l'impatto iniziale del servizio...
Visto che le forze di polizia si adeguano ai tempi, spero che i corsi di formazione del personale siano portati allo stesso livello di formazione degli ispettori iniziando gia dal semplice agente o carabiniere...
papalima



SerGian
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 27
Iscritto il: mer set 25, 2013 5:52 am

Re: Elementi del reato

Messaggio da SerGian » mer set 25, 2013 10:27 pm

L'esperienza aiuta, ma anche un attenta interpretazione:
ELEMENTI DEL REATO Nella struttura del reato si distinguono due specie di elementi: essenziali (indispensabili per l’esistenza del reato) e accidentali (la cui presenza non influisce sulla esistenza del reato ma solo sull’entità della pena. Sono le cd. circostanze attenuanti e aggravanti).
Tra gli elementi essenziali troviamo: elemento oggettivo (fatto materiale) e elemento soggettivo (dolo e/o colpa).
Il primo è costituito dalla condotta umana, dall’evento naturalistico e dal rapporto di causalità che lega la condotta all’evento mentre il secondo è costituito dall’atteggiamento psicologico del soggetto agente richiesto dall’Ordinamento per la commissione di un reato (dolo, colpa e preterintenzione).
Per condotta umana si intende l’azione o omissione posta in essere dal soggetto agente. Per azione si intende qualsiasi movimento dell’uomo che determini la modifica della realtà esterna mentre per omissione il non porre in essere una determinata azione che per legge si aveva l’obbligo di compiere.
Per la sussistenza del reato occorre inoltre la sussistenza del nesso psichico intercorrente tra il soggetto attivo e l’evento lesivo. Il verificarsi di un singolo atto deve quindi necessariamente imputarsi alla volontà del soggetto agente.
L’elemento soggettivo (richiamato anche dall’art. 27 della Costituzione) può assumere la forma del dolo o della colpa ed è considerato criterio principale per la commisurazione della pena.
Il primo comma dell’art. 42 c.p. “Responsabilità per dolo o per colpa o per delitto preterintenzionale. Responsabilità obiettiva” stabilisce che “nessuno può essere punito per una azione od omissione preveduta dalla legge come reato, se non l’ha commessa con coscienza e volontà” (nesso psichico).
Ecco in dettaglio i tre elementi del reato: Il dolo - La colpa - La preterintenzione

Rispondi