Ecco il primo taglio sulle future pensioni

Feed - POLIZIA DI STATO

VincentVega
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 66
Iscritto il: mer lug 10, 2019 7:31 am

Re: Ecco il primo taglio sulle future pensioni

Messaggio da VincentVega » mer lug 29, 2020 6:58 am

Scusate se intervengo ma ritengo che il principio da combattere e' questa correlazione all'andamento del PIL.
A parte il fatto che in materia pensionistica ritengo che debba essere il Parlamento a fare la legge pensionistica e tale debba rimanere, fino ad una nuova legge che la riformi.
Qui invece hanno inserito un meccanismo che, sulla base dei dati, fa una modifica dei parametri di calcolo, che equivale ad una vera e propria riforma delle pensioni ogni due anni....ed anche quest'aspetto secondo me e' incostituzionale, perche' la pensione a questo punto la decide chi fa' le statistiche, non il Parlamento.
Ulteriore aspetto riguarda i contributi pensionistici.
I contributi sono un risparmio obbligato ai lavoratori, (risparmio tutelato dalla Costituzione), dove lo Stato diventa debitore e curatore di questi risparmi.
La clausola di rivalutazione basata sul PIL e' incostituzionale, perche' in un rapporto debitore/creditore, e' illegittima una clausola diversa da quella prevista dal codice civile in materia di obbligazioni.
Se ho un credito ho diritto al tasso d'interesse minimo stabilito dalla legge.
Puo' essere superiore ma mai inferiore al tasso minimo stabilito dalla legge.
Ogni clausola vessatoria e' nulla.
Ogni clausola "aleatoria" e' nulla...nella rivalutazione del credito non posso inserire un parametro "astratto" imprevedibile.
Se la legge mi obbliga ad affidarti i miei risparmi (contributi pensionistici) questi devono essere rivalutati come minimo al tasso minimo di legge, poi per la parte eccedente fai come ti pare...



Rispondi