DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Feed - GUARDIA DI FINANZA

GiovanniK
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 56
Iscritto il: dom lug 16, 2017 8:07 pm

DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da GiovanniK » ven set 21, 2018 10:14 am

Salve, se possibile gradirei avere un parere dal gentile collega Gino59.
Premetto che tre giorni fa la CMO, dopo quasi un anno di aspettativa, mi ha giudicato: “””È Permanentemente Non Idoneo al Servizio Militare incondizionato e d’Istituto in modo assoluto e da collocare in congedo assoluto. È Si ulteriormente reimpiegabile nelle corrispondenti aree funzionali del personale civile del Ministero dell’Economia e delle Finanze ai sensi della legge 266/99 in compiti che non lo espongono a stress psicofisici ed emotivi protratti”””. Ed io, avendo maturato allo stato 35 anni di servizio effettivo, ho ovviamente rifiutato il transito nei ruoli civili.
Ora, dovendo avanzare tramite patronato domanda di pensione per inabilità, ho il dubbio su quale delle seguenti casistiche rientro:
a) Inabilità Assoluta e Permanente alla Mansione;
b) Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro;
c) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.
Nella speranza di avere presto una risposta, porgo un caro saluto a Gino59 e a tutti gli altri colleghi del Forum.



gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10640
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da gino59 » ven set 21, 2018 12:52 pm

GiovanniK ha scritto:Salve, se possibile gradirei avere un parere dal gentile collega Gino59.
Premetto che tre giorni fa la CMO, dopo quasi un anno di aspettativa, mi ha giudicato: “””È Permanentemente Non Idoneo al Servizio Militare incondizionato e d’Istituto in modo assoluto e da collocare in congedo assoluto. È Si ulteriormente reimpiegabile nelle corrispondenti aree funzionali del personale civile del Ministero dell’Economia e delle Finanze ai sensi della legge 266/99 in compiti che non lo espongono a stress psicofisici ed emotivi protratti”””. Ed io, avendo maturato allo stato 35 anni di servizio effettivo, ho ovviamente rifiutato il transito nei ruoli civili.
Ora, dovendo avanzare tramite patronato domanda di pensione per inabilità, ho il dubbio su quale delle seguenti casistiche rientro:
a) Inabilità Assoluta e Permanente alla Mansione;
b) Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro;
c) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.
Nella speranza di avere presto una risposta, porgo un caro saluto a Gino59 e a tutti gli altri colleghi del Forum.
=========================Grazie del pensiero===============================
a) Inabilità Assoluta e Permanente alla Mansione;
b) Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro;

N.B. I requisiti e l'ammontare di €€€€€€€€€...sono praticamente uguali, e quindi con il proficuo lavoro, dato che hai rinunciato al ruolo civile, non puoi più lavorare in enti pubblici, di conseguenza presenterai questa istanza.-

Ciò posto, dato che la dicitura è, esattamente uguale a quella mia...a suo tempo (non ho presentato nessuna istanza), ma l'inps sul solo prospetto TFS, scriveva Art.2 c.12 l. 335/95, ma allora erano completamente incompetenti...!!! Questo per dirti....che confusione che facevano.- Auguri

GiovanniK
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 56
Iscritto il: dom lug 16, 2017 8:07 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da GiovanniK » ven set 21, 2018 12:56 pm

Grazie mille ☺️

GiovanniK
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 56
Iscritto il: dom lug 16, 2017 8:07 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da GiovanniK » ven set 21, 2018 2:13 pm

Caro Gino59, quindi mi confermi che la voce più corretta per il mio caso è “Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro”? Ma, solo per curiosità, vorrei sapere se detta scelta impedisce di lavorare solo in enti pubblici oppure di svolgere qualsiasi lavoro dipendente o autonomo.

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10640
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da gino59 » ven set 21, 2018 7:58 pm

GiovanniK ha scritto:Caro Gino59, quindi mi confermi che la voce più corretta per il mio caso è “Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro”? Ma, solo per curiosità, vorrei sapere se detta scelta impedisce di lavorare solo in enti pubblici oppure di svolgere qualsiasi lavoro dipendente o autonomo.
==================Solo Enti pubblici==============

Miglioverde
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 89
Iscritto il: dom nov 10, 2013 1:36 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da Miglioverde » ven set 28, 2018 12:26 pm

Salve a tutti,

quindi questo cosa significa, che tutti i riformati (anche quelli senza causa di servizio) possono fare domanda di pensione di inabilità?

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10640
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da gino59 » ven set 28, 2018 12:50 pm

Miglioverde ha scritto:Salve a tutti,

quindi questo cosa significa, che tutti i riformati (anche quelli senza causa di servizio) possono fare domanda di pensione di inabilità?
============================Ma riformati.....per te cosa significa....???=================

Miglioverde
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 89
Iscritto il: dom nov 10, 2013 1:36 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da Miglioverde » ven set 28, 2018 1:52 pm

Riformato = Esonerato dal servizio per inabilità fisica

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10640
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da gino59 » ven set 28, 2018 9:10 pm

Miglioverde ha scritto:Riformato = Esonerato dal servizio per inabilità fisica
==================E quindi....??? presentare istanza per inabilità===================

peppe911
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 26
Iscritto il: dom nov 20, 2016 12:38 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da peppe911 » sab set 29, 2018 12:50 pm

GiovanniK ha scritto:Salve, se possibile gradirei avere un parere dal gentile collega Gino59.
Premetto che tre giorni fa la CMO, dopo quasi un anno di aspettativa, mi ha giudicato: “””È Permanentemente Non Idoneo al Servizio Militare incondizionato e d’Istituto in modo assoluto e da collocare in congedo assoluto. È Si ulteriormente reimpiegabile nelle corrispondenti aree funzionali del personale civile del Ministero dell’Economia e delle Finanze ai sensi della legge 266/99 in compiti che non lo espongono a stress psicofisici ed emotivi protratti”””. Ed io, avendo maturato allo stato 35 anni di servizio effettivo, ho ovviamente rifiutato il transito nei ruoli civili.
Ora, dovendo avanzare tramite patronato domanda di pensione per inabilità, ho il dubbio su quale delle seguenti casistiche rientro:
a) Inabilità Assoluta e Permanente alla Mansione;
b) Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro;
c) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.
Nella speranza di avere presto una risposta, porgo un caro saluto a Gino59 e a tutti gli altri colleghi del Forum.
Buongiorno, io sono stato riformato dalla C.M.O. con la dicitura C) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.

Questo cosa cambia per il discorso pensionistico?
A me hanno fatto fare la richiesta di "Pensione Diretta di Inabilità/ Infermità"
qualcuno può aiutarmi a capire se ho impostato bene l'istanza? ho visto che quelli del patronato erano un pò scarsi in materia...

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10640
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da gino59 » sab set 29, 2018 6:57 pm

peppe911 ha scritto:
GiovanniK ha scritto:Salve, se possibile gradirei avere un parere dal gentile collega Gino59.
Premetto che tre giorni fa la CMO, dopo quasi un anno di aspettativa, mi ha giudicato: “””È Permanentemente Non Idoneo al Servizio Militare incondizionato e d’Istituto in modo assoluto e da collocare in congedo assoluto. È Si ulteriormente reimpiegabile nelle corrispondenti aree funzionali del personale civile del Ministero dell’Economia e delle Finanze ai sensi della legge 266/99 in compiti che non lo espongono a stress psicofisici ed emotivi protratti”””. Ed io, avendo maturato allo stato 35 anni di servizio effettivo, ho ovviamente rifiutato il transito nei ruoli civili.
Ora, dovendo avanzare tramite patronato domanda di pensione per inabilità, ho il dubbio su quale delle seguenti casistiche rientro:
a) Inabilità Assoluta e Permanente alla Mansione;
b) Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro;
c) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.
Nella speranza di avere presto una risposta, porgo un caro saluto a Gino59 e a tutti gli altri colleghi del Forum.
Buongiorno, io sono stato riformato dalla C.M.O. con la dicitura C) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.

Questo cosa cambia per il discorso pensionistico?
A me hanno fatto fare la richiesta di "Pensione Diretta di Inabilità/ Infermità"
qualcuno può aiutarmi a capire se ho impostato bene l'istanza? ho visto che quelli del patronato erano un pò scarsi in materia...
=============================================
Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa....ok

E per quanto riguarda la possibilità di transito ai ruoli civili, cosa c'è scritto....???

peppe911
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 26
Iscritto il: dom nov 20, 2016 12:38 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da peppe911 » dom set 30, 2018 7:29 am

gino59 ha scritto:
peppe911 ha scritto:
GiovanniK ha scritto:Salve, se possibile gradirei avere un parere dal gentile collega Gino59.
Premetto che tre giorni fa la CMO, dopo quasi un anno di aspettativa, mi ha giudicato: “””È Permanentemente Non Idoneo al Servizio Militare incondizionato e d’Istituto in modo assoluto e da collocare in congedo assoluto. È Si ulteriormente reimpiegabile nelle corrispondenti aree funzionali del personale civile del Ministero dell’Economia e delle Finanze ai sensi della legge 266/99 in compiti che non lo espongono a stress psicofisici ed emotivi protratti”””. Ed io, avendo maturato allo stato 35 anni di servizio effettivo, ho ovviamente rifiutato il transito nei ruoli civili.
Ora, dovendo avanzare tramite patronato domanda di pensione per inabilità, ho il dubbio su quale delle seguenti casistiche rientro:
a) Inabilità Assoluta e Permanente alla Mansione;
b) Inabilità Assoluta e Permanente a Proficuo Lavoro;
c) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.
Nella speranza di avere presto una risposta, porgo un caro saluto a Gino59 e a tutti gli altri colleghi del Forum.
Buongiorno, io sono stato riformato dalla C.M.O. con la dicitura C) Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa.

Questo cosa cambia per il discorso pensionistico?
A me hanno fatto fare la richiesta di "Pensione Diretta di Inabilità/ Infermità"
qualcuno può aiutarmi a capire se ho impostato bene l'istanza? ho visto che quelli del patronato erano un pò scarsi in materia...
=============================================
Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa....ok

E per quanto riguarda la possibilità di transito ai ruoli civili, cosa c'è scritto....???

Buongiorno Gino59, grazie per la celere risposta, questa è la dicitura completa che è stata scritta sul mio verbale.

NON idoneo permanentemente al SERVIZIO DI ISTITUTO nella POL.PEN. in modo assoluto e da collocare in congedo assoluto NO idoneo ad essere impiegato nelle corrispondente aree funzionali del personale civile dell'Amministrazione Penitenziaria o altre Amministrazioni Civili dello Stato.

Mi chiedo se avendo chiesto solamente la domanda di Pensione di inabilità? ho diritto ad altri benefici
Grazie

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10640
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da gino59 » dom set 30, 2018 8:56 pm

NO idoneo ad essere impiegato nelle corrispondente aree funzionali del personale civile dell'Amministrazione Penitenziaria o altre Amministrazioni Civili dello Stato.


Dato che la dicitura completa è questa, di conseguenza potresti/dovresti presentare istanza di inabilità
ai sensi dell'Art.2 comma 12 legge 335/95.- Buona fortuna

sifanno
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 35
Iscritto il: dom set 26, 2010 6:34 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da sifanno » lun ott 01, 2018 8:09 am

Secondo me non puoi inoltrare domanda di pensione per inabilità (art.2 c.12 legge 335/95) per ottenere questa pensione devi avere la dichiarazione di: Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa. Tu hai avuto l'inabilità alla mansione. quindi hai fatto bene a non accettare il passaggio. Ora devi pare domanda di pensione perché non più inidoneo allo svolgimento della mansione, quindi la pensione ti sarà calcolata in riferimento alla contribuzione/servizio che hai.

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10640
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: DOMANDA PENSIONE DI INABILITÀ- Dubbio casistica

Messaggio da gino59 » lun ott 01, 2018 9:12 pm

sifanno ha scritto:Secondo me non puoi inoltrare domanda di pensione per inabilità (art.2 c.12 legge 335/95) per ottenere questa pensione devi avere la dichiarazione di: Inabilità Assoluta e Permanente a Qualsiasi Attività lavorativa. Tu hai avuto l'inabilità alla mansione. quindi hai fatto bene a non accettare il passaggio. Ora devi pare domanda di pensione perché non più inidoneo allo svolgimento della mansione, quindi la pensione ti sarà calcolata in riferimento alla contribuzione/servizio che hai.
===Non è che non ha accettato, ma non gli è stata data questa possibilità, conseguente il suo stato di salute.
NO idoneo ad essere impiegato nelle corrispondente aree funzionali del personale civile dell'Amministrazione Penitenziaria o altre Amministrazioni Civili dello Stato.

Rispondi