DINIEGO EQUO INDENNIZZO

L'Avv. Giovanni Giorgetti risponde
Feed - LEXETICA - IL LEGALE RISPONDE

Moderatori: Admin, Avv. Giovanni Giorgetti

Rispondi
mariori
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 1
Iscritto il: mer nov 18, 2020 1:47 pm

DINIEGO EQUO INDENNIZZO

Messaggio da mariori » mer nov 18, 2020 2:19 pm

Buongiorno, sono il Brigadiere in pensione Mario Ricciardi, in data 12/12/2013 l’istante presentava domanda per il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio con contestuale richiesta di concessione di equo indennizzo, in virtù della malattia sofferente da “ATTROSI LOMBARE CON DISCOPATIA L4-S1 AD INCIDENZA FUNZIONALE”. Tale malattia diagnosticata dallo specialista Dr. C. Sacco in data 04/12/2013 a seguito di precedenti accertamenti di esami diagnostici RM eseguiti in data 18/12/2012.
In data 27/06/2018, Codesto Comando Generale per il tramite Comando Stazione Carabinieri di Collemarino Ancona, notificava l’esito del Decreto 4566/18 Posizione n. 71145/C datato Roma 16/06/2018, con il quale decretava ai sensi del DPR n 461/2001 e D.Lgvo n 66/2010 nei confronti dello scrivente Brigadiere Mario Ricciardi l’infermità “ ATTROSI LOMBARE CON DISCOPATIA L4-S1 AD INCIDENZA FUNZIONALE” si dipendente da causa di servizio”, respinta la domanda di equo indennizzo in quanto la domanda era sta prodotta intempestivamente rispetto al termine semestrale di decadenza previsto dall’art. 2 DPR 461/2001.

FATTI- in punto di fatto va evidenziato che il Brigadiere in congedo Mario Ricciardi, a seguito di disturbi lombari e sacrali, dapprima si faceva visitare dal medico curante, dove gli venivano prescritte esami diagnosti RM e visita specialistica ortopedica a seguito dei risultati degli esami diagnostici RM. Nei giorni successivi per il tramite servizio CUP prenotava le due prestazioni, di cui il primo esame prenotato ed eseguito in data 18/12/2012, “RM COLONNA LOMBOSACRALE SENZA MDC, esame questo eseguito per controllo in sospetta ernia discale. Mentre la visita specialistica ortopedica gli veniva prenotata ed eseguita in data 04/12/2013, sempre per il tramite CUP nello steso giorno cui veniva prenotato anche l’esame RM, dalla cui visita specialistica gli veniva diagnosticato “attrosi lombare con discopatia L4-S1 ad incidenza funzionale”.

A seguito degli esami specialistici, si recava nuovamente dal medico curante per la lettura e l’interpretazione degli esami eseguiti, il quale medico a seguito della valutazione degli esami diagnostici e visita specialistica lo sottoponeva ad una ulteriore serie di cure farmacologici e di esercizi fisioterapie per tentare di lenire i fastidi che avevano dato luogo all'avvio dell'indagine al fine di comprendere la natura esatta della patologia lombo sacrale, laddove dall’anamnesi, risultava che il paziente non ne avesse mai sofferto prima.

Pertanto solo dopo 8 giorni esattamente il 12/12/2013 dall’ultimo referto lo scrivente ha avuto conoscenza e contezza dal proprio medico di fiducia della malattia sofferta, ipotizzando anche la dipendenza da causa di servizio per le riscontrate patologie in sospetta ernia discale della quale è stata fatta istanza in pari data (12/12/2013) per il riconoscimento della causa di servizio e contestuale istanza di equo indennizzo. Lo stesso allegava alla detta istanza il Rapporto Informativo in rapporto di concausa al servizio prestato nel corso degli anni in servizio. Nel medesimo rapportino veniva anche allegati i due esami specialistici nella quale precisava le date effettive delle prestazioni (esame RM 18/12/20102 e visita ortopedica specialistica 04/12/2013).

Il Comitato di Verifica con parere n. 185462018 con adunanza n. 1252 del 08/06/2018 decretava che l’infermità “attrosi lombare con discopatia l4-s1 ad incidenza funzionale” può riconoscersi dipendente da causa di servizio, in quanto dall’esame della documentazione OMISSIS…….

La Direzione di Amministrazione del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, con decreto n. 4556/18 Posizione 71145/C datato Roma 16/06/2018, nelle proprie considerazioni asserisce che: “ la CMO, con verbale citato (verbale non in mio possesso) ha indicato come risalente al 18/12/2012 la data di conoscibilità dell’infermità “attrosi lombare con discopatia l4-s1 ad incidenza funzionale” , da parte dell’0interessato e che per le infermità la cui domanda di riconoscimento della dipendenza da causa di servizio sia stata prodotta intempestivamente rispetto al termine semestrale di decadenza previsto dall’art. 2 commi 1 e 7, comma 4 del DPR 461/2001. Con la quale Decreta l’infermità “attrosi lombare con discopatia l4-s1 ad incidenza funzionale” è dipendente da causa di servizio.
La domanda di equo indennizzo è, altresì respinta per i motivi indicati in premessa. (intempestiva entro i sei mesi dalla data della conoscibilità).

per questi motivi in data 16/10/2020, presentava una istanza di diffida e riesame al Comando generale dell'Arma cui si ALLEGA.

Da detta istanza ha avuto ulteriore diniego come da risposta in ALLEGATO

In merito chiede un suo parere se la questione è ancora impugnabile oppure desistere al tutto.
Grazie
Cordiali saluti
Mario Ricciardi
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.



Convenzionistituzioni.it
Avatar utente
Avv. Giovanni Giorgetti
Professionista
Professionista
Messaggi: 30
Iscritto il: mar set 29, 2020 4:33 pm

Re: DINIEGO EQUO INDENNIZZO

Messaggio da Avv. Giovanni Giorgetti » sab nov 21, 2020 3:48 pm

Buonasera,
Mi chiedo perché perseverare a chiedere il riesame dell’EI (che peraltro vista l’età le verrebbe decurtato del 25%), invece di richiedere la PPO, stante il riconoscimento della cds da parte del CVCS?
Cordiali saluti,
Avv. Giovanni Giorgetti
Studi LexEtica
Avv. Giovanni Giorgetti
Piazza S. Marco 7
50121 Firenze
Tel. 379/1616164

Via G. Pico della Mirandola 9
50132 Firenze
Tel 055/217989

email: avvocato@lexetica.it

Rispondi