Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Feed - La Dott.ssa Alessandra D'Alessio risponde

Moderatore: Alessandra DAlessio

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte alla Dott.ssa D'Alessio verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con la psicologa ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.
Rispondi
Daniele.71
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 33
Iscritto il: ven dic 23, 2016 5:40 pm

Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Messaggio da Daniele.71 » dom dic 25, 2016 11:04 pm

Innanzitutto buona sera e Buon Natale, sono un Assistente Capo della Polizia di Stato con 24 anni di polizia, di cui 15 svolti nella stradale e gli ultimi anni nella polizia ferroviaria, ma negli ultimi 6 anni mi è stata riscontrata la seguente infermità, "così sostengono": (Disturbo disforico, grado moderato, in soggetto con tratti di rigidità personologica e note ansioso-disforiche di grado modesto ed elementi di "sensitività" ambientale). Sinceramente essendo sempre stato sottoposto per motivazioni mai chiaramente precisate, ma solo come controllo straordinario per l'idoneità al servizio, non ho mai avuto fatti concreti su cui riscontrarmi sulla reale buona fede ad essere sottoposto a detti controlli e tenendomeli tutt'ora nascosti di certo non mi aiutano a capire ed eventualmente accettare il problema!
Pertanto chiedo a lei, quantomeno di sapere, con parole chiare e concise in cosa consiste questa infermità, che a quanto pare sia una cosa che dopo circa 6 anni che mi sia stata riscontrata, continuando comunque a svolgere le mie regolari mansioni con la totale idoneità al servizio e le garantisco che non mi sento assolutamente stressato, depresso o quant'altro, adesso vogliono farla gravare così tanto da farmi passare nei ruoli civili con anche l'aggravamento di non essere impiegato in ruoli ad elevato carico di responsabilità decisionale e/o stress psichico!
Poi se può gradirei qualsiasi suo commento o consiglio al riguardo, stia pure tranquilla che non mi offenderò o tantomeno non la riempirò d'insulti!!!
Distinti saluti.



Avatar utente
Alessandra DAlessio
Professionista
Professionista
Messaggi: 150
Iscritto il: lun nov 07, 2016 4:26 pm

Re: Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Messaggio da Alessandra DAlessio » mer dic 28, 2016 10:36 pm

Buonasera,
Cercherò di essere esaustiva nonostante ci siano pochi elementi per esserlo .
In primis da quello che riferisce non si evince se si parla di un procedimento disciplinare o di una prassi medico legale. Sappia che nei procedimenti medico legali avete diritto ad essere accompagnati da uno psicologo di fiducia. Ciò premesso lei ha in entrambi i casi diritto ad avere in copia la sua documentazione, forse non ce l ha perché non è ancora disponibile o forse, ed e' comprensibile, non riesce ad interprretarla. Suppongo le abbiano somministrato dei test ed abbia sostenuto dei colloqui con un collega. Richieda una copia di tutto e se vuole me la porti in visione.
La documentazione andrebbe visionato tutta, non posso per motivi etico/professionali esprimermi con questi pochi dati.

La ringrazio per la fiducia accordatami e mi faccia sapere.
Dott.ssa Alessandra D'Alessio
Psicologa Clinica e del Lavoro
Psicologa Forense

Psicoterapeuta
Via R. Montecuccoli n.15 Roma
Tel 3429204614
Www.studio-atena.it
email: info@studio-atena.it

Daniele.71
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 33
Iscritto il: ven dic 23, 2016 5:40 pm

Re: Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Messaggio da Daniele.71 » gio dic 29, 2016 1:18 pm

Buon giorno dottoressa, si infatti come pensava ho sostenuto dei test e un breve colloquio con la Commissione medica, cioè rispondere alla solita e ridicola domanda: "perché sei venuto?" Come se lo avessi chiesto io! Come se lo sapessi! E il bello è che non lo dicono neppure chiedendolo e sembrano infastidirsi se gli si presentano le domande di Acquisizione atti, a loro come a quelli del mio ufficio d'appartenenza!
Non è una visita per sanzioni disciplinari, ma semplice accertamento straordinario della mia idoneità al servizio, (almeno così dicono, ma come le dicevo sembrano molto infastiditi alle molteplici richieste che ho sempre fatto per acquisizione atti ed addirittura agli stessi chiesto di variare dei particolari riportati in alcune documentazioni che non rispecchiano il reale accadimento di fatti accaduti in passato, uno in particolare, riguardante un infortunio che loro sostengono sia derivante a seguito di un'incidente stradale!).
Il fatto di andare lì con un medico di fiducia lo ritengo alquanto inutile e dispendioso, forse è proprio quello che vogliono, ma avere bisogno di un medico di fiducia significa riconoscere una certa assenza di vera obiettività nei loro giudizi, del resto sono medici anche loro, forse non altrettanto qualificati come quelli esterni, ma credo che una certa professionalità la debbano avere anche loro, poi per arrivare a proporre la totale e permanente inidoneità ai servizi di polizia con addirittura delle riduzioni nelle mansioni anche nei ruoli civili ci debbano essere delle sintomatologie così gravi ed evidenti che persino uno senza alcuna conoscenza in campo medico noterebbe!
Come ho sempre sostenuto, in Polizia solo i delinquenti abituali non sono degni di esserci, per gli altri c'è sempre un impiego che gli si possa assegnare, per assurdo potrebbe esserci anche uno con la sedia a rotelle, basterebbe impiegarlo al centralino e rispondere al telefono!
Chi non è in stato di adeguata calma basterebbe collocarlo in malattia per svariati mesi, magari per più volte o spostarlo in altri uffici o anche di sede, tipo da una sede di montagna ad una di mare, da nord a sud e viceversa!
Ma forse dette strutture anziché essere usate per quello che "dovrebbe essere il loro vero scopo", cioè di accertare l'idoneità o meno di una persona e come dico io cercare anche di arrivare alla causa di un eventuale disagio e mutamento di personalità di un soggetto, visto che tutti si è entrati superando delle apposite visite psicofisiche d'idoneità al servizio, invece tutto si limita al controllo del soggetto in questione, così giustificando eventuali autori, vera causa del malessere! Pare che servano solo ad eliminare soggetti che non accettano le regole non scritte di certi ambienti o forse addirittura di tutte le amministrazioni ad ordinamento militare, visto che si viene valutati da un comando interforze, regole come il nonnismo e stupidate anticivili e antidemocratiche di questo genere che in queste amministrazioni non dovrebbero assolutamente esistere perché altrimenti come si fa ad operare nel mondo esterno nell'accertamento di responsabilità e portare pace e concordia tra cittadini in stato d'agitazione o rivolta?
Per il sottoscritto è tutto davvero un controsenso e come dice il grande detto: "Il pesce puzza sempre dalla testa!"
Comunque accetto la sua disponibilità a seguire la mia pratica e non appena riceverò la documentazione del caso, come da subito richiesta, ma non ancora ricevuta, vedrò di contattarla, visto anche che seppure non sono di Roma, per motivazioni personali spesso ci vengo!
Distinti saluti e nuovamente grazie.

Daniele.71
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 33
Iscritto il: ven dic 23, 2016 5:40 pm

Re: Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Messaggio da Daniele.71 » sab gen 07, 2017 4:27 pm

Dopo tanto di Richiesta Atti presentata, finalmente eccoli arrivati; ma come si poteva immaginare, non c'è niente di adeguatamente sensato che potesse giustificare l'estremo giudizio dato e forse si potrebbero configurare solo abusi d'ufficio, falsità in atto e tanta incompetenza professionale, se non complicità di massa, dunque complotto o il così detto "Mobbing"; tutti l'uno in rispetto dell'altro, in base alle varie scalette di grado e responsabilità!
Come si dice: "I grandi non si scornano tra di loro!".
Fin quando è il singolo individuo, forse si può sperare in un cambiamento in meglio, ma quando si ha a che fare con il "SISTEMA!" ogni tentativo diventa inutile, sarebbe come essere un "Don Chisciotte e i Mulini a vento!".
Per la serie:"così fan tutti!"

Avatar utente
Alessandra DAlessio
Professionista
Professionista
Messaggi: 150
Iscritto il: lun nov 07, 2016 4:26 pm

Re: Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Messaggio da Alessandra DAlessio » dom gen 08, 2017 12:02 am

Se ha acquisito la documentazione non dovrà fare altro che sottoporla ad uno psicologo esperto in materia.
Qualora si evidenziassero delle incongruenze ci sono varie strade da percorrere ma non prima di aver valutato attentamente tutta la documentazione.
Dott.ssa Alessandra D'Alessio
Psicologa Clinica e del Lavoro
Psicologa Forense

Psicoterapeuta
Via R. Montecuccoli n.15 Roma
Tel 3429204614
Www.studio-atena.it
email: info@studio-atena.it

Daniele.71
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 33
Iscritto il: ven dic 23, 2016 5:40 pm

Re: Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Messaggio da Daniele.71 » dom gen 08, 2017 1:13 pm

Ok, mi sembra più che giusto, ma credo mi convenga prima aspettare l'esito della Visita in seconda Istanza che ormai dovrebbe essere molto vicina, in quanto da subito richiesta con Ricorso all'esito del primo giudizio avuto, o ritiene sia opportuno andarci già con un'altra valutazione fatta da psicologo esterno all'amministrazione d'appartenenza?
Distinti saluti.

Avatar utente
Alessandra DAlessio
Professionista
Professionista
Messaggi: 150
Iscritto il: lun nov 07, 2016 4:26 pm

Re: Delucidazioni su patologia riscontrata da CMO

Messaggio da Alessandra DAlessio » dom gen 08, 2017 11:38 pm

Tutto da valutare ad ogni modo non dimentichi che può farsi accompagnare da uno psicologo di sua fiducia .
Dott.ssa Alessandra D'Alessio
Psicologa Clinica e del Lavoro
Psicologa Forense

Psicoterapeuta
Via R. Montecuccoli n.15 Roma
Tel 3429204614
Www.studio-atena.it
email: info@studio-atena.it

Rispondi