Pagina 1 di 1

Conti Correnti, 5 agosto online il ComparaConti.it

Inviato: ven lug 31, 2015 7:19 pm
da panorama
Conti Correnti, dal 5 agosto sarà online il nuovo sito ComparaConti.it
------------------------------------------------------------------------------------------

Dal 5 agosto sarà più facile per il consumatore confrontare le condizioni economiche e i servizi offerti dai conti correnti: sarà online il nuovo sito ComparaConti.it, promosso dall’Associazione Bancaria Italiana e gestito dall’Osservatorio indipendente, di cui fanno parte le Associazioni dei consumatori, istituito con il Protocollo d’Intesa siglato un anno fa, il 15 luglio 2014.

Il nuovo sito ospiterà i motori “Conti correnti a confronto”, “Tempi medi di chiusura dei conti correnti” e “Tempi medi di risposta sul credito”, le cui caratteristiche di funzionamento sono invariate rispetto alla precedente versione, ed è arricchito da alcune sezioni descrittive dedicate ai motori online e all’Osservatorio indipendente.

In continuità con il passato, il motore di confronto dei conti correnti rende disponibili gratuitamente informazioni complete, aggiornate e comparabili sui conti correnti offerti dalle banche ai consumatori. Il confronto avviene tramite una “scheda standard” che contiene le principali condizioni economiche ed i contenuti di servizio, incluso l’Indicatore Sintetico di Costo (ISC).

Le 48 banche presenti nel nuovo sito, che rappresentano in termini di sportelli circa il 63% del totale del settore, pubblicano i conti correnti a pacchetto, i c/c ordinari e i Conti di Base offerti ai consumatori, con informazioni aggiornate in base ai Fogli Informativi dei prodotti.

La messa online del nuovo sito rappresenta un passaggio importante, che ribadisce la preziosa ed efficace collaborazione tra mondo bancario italiano e le Associazioni dei consumatori – tesa a favorire il miglioramento del rapporto tra banche e clienti – grazie alla proficua esperienza già maturata in questi anni.

Re: Conti Correnti, 5 agosto online il ComparaConti.it

Inviato: sab ago 01, 2015 10:55 am
da rintintin
Un piccolo passo avanti. Resta però il dato del 63% che ritengo debba ampliarsi e non di poco per un quadro sempre più completo del settore.