Congedo per giudizio di permanente inidoneità al servizio militare incondizionato

Consulenza legale su contensioni pensionistici - Corte dei Conti
Feed - L'Avv. Massimo Vitelli risponde

Moderatore: Avv. Massimo Vitelli

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte all'Avv. Vitelli verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con l'avvocato ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.
Rispondi
Jimmy_Angel
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 3
Iscritto il: ven giu 07, 2019 11:47 am

Congedo per giudizio di permanente inidoneità al servizio militare incondizionato

Messaggio da Jimmy_Angel » ven giu 07, 2019 12:01 pm

Buongiorno,

in data 13/02/2019 sono stato giudicato "permanentemente non idoneo in modo assoluto al servizio militare incondizionato nell'Esercito Italiano e da collocare in congedo assoluto" dalla CMO, con diagnosi "persistente e documentato disturbo depressivo endoreattivo in trattamento psicofarmacologico".

Non mi è stata riconosciuta la causa di servizio.

A febbraio e marzo ho ancora ricevuto lo stipendio che non mi spettava più, e l'ho riconsegnato immediatamente.

Adesso, ad aprile e maggio, sto ricevendo dal CUSE un assegno per "indennità congedo per infermità".

Il mio vecchio ente di appartenenza mi sta dicendo che devo riconsegnare anche questi soldi. Altre persone invece mi stanno dicendo che mi spetta di diritto.

Considerando che devo ancora fare domanda per farmi riconoscere la causa di servizio e richiedere la pensione privilegiata ordinaria, come dovrei muovermi?

Devo riconsegnare questi soldi oppure attendo l'esito della mia domanda per la ppo e la causa di servizio?

Grazie mille in anticipo per la pazienza e la disponibilità.



Avatar utente
Avv. Massimo Vitelli
Professionista
Professionista
Messaggi: 513
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Congedo per giudizio di permanente inidoneità al servizio militare incondizionato

Messaggio da Avv. Massimo Vitelli » ven giu 07, 2019 12:34 pm

Buongiorno.
In sintesi, al personale riformato per infermitá continua a spettare sostanzialmente per altri tre mesi dal congedo la normale retribuzione di servizio.
Quindi, a mio avviso, la "retribuzione" (e non pensione, ovviamente non cumulabile) percepita fino a maggio non va di certo restituita.

Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it

Rispondi