CONGEDO ORDINARIO MATURATO E NON FRUITO PRIMA DI TRANSITARE

L'Avv. Giovanni Giorgetti risponde
Feed - LEXETICA - IL LEGALE RISPONDE

Moderatori: Admin, Avv. Giovanni Giorgetti

Rispondi
andrea1982
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 41
Iscritto il: dom set 11, 2016 12:49 am

CONGEDO ORDINARIO MATURATO E NON FRUITO PRIMA DI TRANSITARE

Messaggio da andrea1982 » ven dic 04, 2020 1:16 pm

Illustre Avvocato,
da circa quattro anni sono transito al ruolo civile e senza alcun provvedimento ammnistrativo, attraverso una sterile corrispondenza, la mia ex amministrazione mi ha imposto la fruizione del congedo ordinario maturato e non fruito nel Corpo di polizia quando vi appartenevo anni 2013-2014-2015, per tale ragione
Lamento :
- di avermi imposto la fruizione del suddetto congedo ordinario dopo quattro, cinque e sei dall’anno di maturazione, a mio modesto parere, non potevano derogare oltre i precisi limiti temporali stabiliti dal comma 1, art. 11, D.P.R. 11 settembre 2007. Nr. 171 che è 18 mesi dall’anno di maturazione.
- che non c’è nessuna normativa che gli consentiva di disporre sul proprio congedo ordinario superiore alle quattro settimane?
- di non aver coinvolto nel potere decisione la mia Amministrazione, secondo il comma 4, art. 11, D.P.R. 11 settembre 2007. Nr. 171. Ad onor del vero, la mia ex amministrazione sostiene che pur anche la mia nuova amministrazione abbia agito in ottemperanza ad un loro diposizione, tacitamente ha espresso parere positivo all’imposizione.
Quello che cortesemente Le chiedo
Alla luce di ciò, in assenza di un specifico provvedimento, dal punto di vista prettamente amministrativo, il fatto che abbia fruito delle ferie pregresse specifico senza il mio consenso e parere della mia nuova amministrazione ( interpellata dal sottoscritto, ha rifiutato di esprimersi in merito dichiarandosi incompetente), mi inibisce di avanzare alcuna richiesta “ ESEMPIO: fare dichiarare illegittimo il provvedimento ……
Grazie .



Rispondi