Fai una donazione al tuo Forum €5,00 €10,00 €20,00 €50,00

Link sponsorizzati
BANNER

LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

Messaggioda picopino » mar lug 26, 2011 10:48 pm

Presso il Comitato di Verifica avevo pendente il riconoscimento di tre cause di servizio per due delle quali la CMO ai fini di PPO mi aveva attribuito una indennità una tantum per complessivi anni cinque mentre per la terza se riconosciuta mi aveva riconosciuto una sesta cat tab A con assegno rinnovabile per quattro anni dopo che la stessa CMO per altre patologie già riconosciute dipendenti da c.s. mi aveva attribuito sempre ai fini di PPO una cat 8^ tab A a vita. Il comitato di verifica mi ha riconosciuto perchè più conveniente per le casse dello Stato, dipendente l'infermità che quasi mai riconosce (sfera emotiva) dico quasi perchè nel mio caso non è stato così, che dava luogo alla PPO di sesta cat per 4 anni che se non avesse riconosciuto avrebbe dato luogo da subito alla PPO a vita di 8^ cat e naturalmente non ha riconosciuto dipendenti le altre due per le quali avrebbe dovuto pagare cinque annualità una tantum . La filosofia del Comitato di Verifica assolutamente non riconoscere per non pagare o se proprio debbo pagare fare in modo di pagare il minimo così fra quattro anni quando la pensione privilegiata sarà un antico e desueto privilegio non dovrà pagare più nulla.
picopino
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 56
Iscritto il: mer giu 01, 2011 3:07 pm

Link sponsorizzati
BANNER

Re: LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

Messaggioda gino59 » mar lug 26, 2011 11:29 pm

picopino ha scritto:Presso il Comitato di Verifica avevo pendente il riconoscimento di tre cause di servizio per due delle quali la CMO ai fini di PPO mi aveva attribuito una indennità una tantum per complessivi anni cinque mentre per la terza se riconosciuta mi aveva riconosciuto una sesta cat tab A con assegno rinnovabile per quattro anni dopo che la stessa CMO per altre patologie già riconosciute dipendenti da c.s. mi aveva attribuito sempre ai fini di PPO una cat 8^ tab A a vita. Il comitato di verifica mi ha riconosciuto perchè più conveniente per le casse dello Stato, dipendente l'infermità che quasi mai riconosce (sfera emotiva) dico quasi perchè nel mio caso non è stato così, che dava luogo alla PPO di sesta cat per 4 anni che se non avesse riconosciuto avrebbe dato luogo da subito alla PPO a vita di 8^ cat e naturalmente non ha riconosciuto dipendenti le altre due per le quali avrebbe dovuto pagare cinque annualità una tantum . La filosofia del Comitato di Verifica assolutamente non riconoscere per non pagare o se proprio debbo pagare fare in modo di pagare il minimo così fra quattro anni quando la pensione privilegiata sarà un antico e desueto privilegio non dovrà pagare più nulla.



......IDEM :!: :!: :!: ANCHE PER ME' :cry: :mrgreen: :arrow: Ma ho 2 :wink: ricorsi.-saluti
gino59
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 10213
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

Messaggioda RAMBO » dom lug 31, 2011 2:49 pm

picopino ha scritto:Presso il Comitato di Verifica avevo pendente il riconoscimento di tre cause di servizio per due delle quali la CMO ai fini di PPO mi aveva attribuito una indennità una tantum per complessivi anni cinque mentre per la terza se riconosciuta mi aveva riconosciuto una sesta cat tab A con assegno rinnovabile per quattro anni dopo che la stessa CMO per altre patologie già riconosciute dipendenti da c.s. mi aveva attribuito sempre ai fini di PPO una cat 8^ tab A a vita. Il comitato di verifica mi ha riconosciuto perchè più conveniente per le casse dello Stato, dipendente l'infermità che quasi mai riconosce (sfera emotiva) dico quasi perchè nel mio caso non è stato così, che dava luogo alla PPO di sesta cat per 4 anni che se non avesse riconosciuto avrebbe dato luogo da subito alla PPO a vita di 8^ cat e naturalmente non ha riconosciuto dipendenti le altre due per le quali avrebbe dovuto pagare cinque annualità una tantum . La filosofia del Comitato di Verifica assolutamente non riconoscere per non pagare o se proprio debbo pagare fare in modo di pagare il minimo così fra quattro anni quando la pensione privilegiata sarà un antico e desueto privilegio non dovrà pagare più nulla.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Caro collega hai scritto una sfilza di cose errate:

a) se (come sembra dalla ricostruzione che hai fatto) oltre alle tre patologie citate ne esiste un'altra ascritta dalla cmo ad 8^ categoria "a vita" e riconosciuta dipendente da causa di servizio dal Comitato, il Ministero della Difesa ti rilascerà automaticamente l'autorizzazione a percepire immediatamente l'acconto del decimo.
Per accellerare l'iter burocratico puoi anche rinunciare alle altre patologie chiedendo al Ministero Difesa che ti venga applicata la P.P.O. solo per tale 8^ categoria, cosa che ti sconsiglio assolutamente per i motivi di cui al punto b);

b) le poche patologie mentali che vengono riconosciute dipendenti da causa di servizio solitamente con il passare del tempo producono dei benefici economici (aggravamenti, assegno di incollocabilità, assegni accessori di superinvalidità) ben superiori a quelli previsti dall'aumento del decimo della pensione normale.

E' chiaro quindi che il parere del Comitato di Verifica viene rilasciato sulla base di studi e motivazioni diverse da quelle che hai ingenuamente rappresentato.
Ho notato che in questo forum sono stati sviscerati esaustivamente tutti questi meccanismi con le relative norme di riferimento, quindi volendo potrai trovarvi ulteriori spiegazioni.

ps: in un altro post hai anche riferito ad un collega che la domanda per ottenere i benefici di cui agli artt.117 e 120 deve essere presentata in costanza di servizio, come potrai verificare leggendo in questo forum anche questa affermazione è assolutamente errata.

Ciao Rambo
Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
 
Messaggi: 615
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

Messaggioda maxb54 » lun ago 01, 2011 4:53 pm

Concordo con rambo per la precisa analisi, anche se picopino ha detto una cosa giusta. Il C.V., dipendente dal Ministero del Tesoro, ha disposizioni di rifiutare il più possibile per limitare le spese. La segnalazione mi è stata data da un carissimo amico all'interno del Ministero. Purtroppo in periodo di magra, si risparmia dove si può...... cioé sempre da noi!!!!!!
Se volete posso darvi anche la composizione del C.V., per lo meno quello che ha discusso la mia causa.
maxb54
Attività iniziale
Attività iniziale
 
Messaggi: 24
Iscritto il: dom lug 17, 2011 10:00 pm

Re: LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

Messaggioda picopino » sab ago 06, 2011 11:12 pm

Il militare che abbia contratto infermità o riportato lesioni, dipendenti da fatti di servizio e ascrivibili alla tabella B annessa alla legge 18 marzo 1968, n. 313 (46/a), ha diritto, all'atto della cessazione dal servizio e purché non gli spetti la pensione normale, a un'indennità per una volta tanto in misura pari a una o più annualità della pensione di ottava categoria, con un massimo di cinque annualità, secondo la gravità della menomazione fisica (46/c).
È consentito il cumulo dell'indennità per una volta tanto con la pensione o l'assegno rinnovabile per infermità ascrivibile alla tabella A annessa alla legge 18 marzo 1968, n. 313 (46/a). Le due attribuzioni si effettuano distintamente, ma l'ammontare dei due trattamenti non potrà in alcun caso superare la misura del trattamento complessivo che sarebbe spettato all'invalido qualora le infermità classificate alla tabella B fossero state ascritte all'ottava categoria della tabella A.
picopino
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 56
Iscritto il: mer giu 01, 2011 3:07 pm

Re: LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

Messaggioda RAMBO » lun ago 08, 2011 5:06 pm

Ecco come vengono applicate queste regole dall'inpdap.

Ciao Rambo
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
RAMBO
Consigliere
Consigliere
 
Messaggi: 615
Iscritto il: mer giu 29, 2011 11:54 am

Re: LA FILOSOFIA DEL COMITATO DI VERIFICA

 


Torna a CARABINIERI






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

CSS Valido!