Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Feed - POLIZIA PENITENZIARIA

francois
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 95
Iscritto il: mer nov 23, 2016 9:21 pm

Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da francois » mer ott 10, 2018 6:09 pm

Buon pomeriggio, vi comunico che la La Corte dei Conti della Calabria con sentenza n.210/2018 datata 21.09.2018, ha accolto, in primo grado, il ricorso di un ex colonnello della Guardia di Finanza che chiedeva il ricalcolo della pensione tenendo conto degli scatti stipendiali maturati durante il blocco negli anni 2011-2015.
Buona lettura!
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.



Convenzionistituzioni.it
roberto_67
Appassionato
Appassionato
Messaggi: 66
Iscritto il: mer mag 14, 2014 8:42 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da roberto_67 » mer ott 10, 2018 7:48 pm

francois ha scritto:Buon pomeriggio, vi comunico che la La Corte dei Conti della Calabria con sentenza n.210/2018 datata 21.09.2018, ha accolto, in primo grado, il ricorso di un ex colonnello della Guardia di Finanza che chiedeva il ricalcolo della pensione tenendo conto degli scatti stipendiali maturati durante il blocco negli anni 2011-2015.
Buona lettura!
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

R E P U BB L I C A I T A L I A N A

LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER LA CALABRIA

Il giudice unico delle pensioni

Primo referendario Andrea Luberti

Ha pronunciato la seguente

SENTENZA n.210/2018

Sul ricorso in materia di pensioni militari numero 21691 del registro di segreteria, proposto da:

V. S., nato a omissis in data Omissis, residente a omissis alla via omissis.

Parte ricorrente, rappresentata e difesa dagli avvocati Andrea Saccucci e Marco Magnano (indirizzi di posta elettronica certificata andreasaccucci@pec.it e matteomagnano@pec.it), con studio in Roma, alla via Lisbona, 9; ivi elettivamente domiciliata in forza di procura speciale.

Contro:

Ministero dell’economia e delle finanze, in persona del Ministro pro tempore,

rappresentato e difeso ex lege dall’Avvocatura distrettuale dello Stato di Catanzaro, con sede alla via Gioacchino da Fiore, 34;

Comando generale della Guardia di finanza, in persona del Comandante generale pro tempore, costituito direttamente.

Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS), in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Roma, alla via Ciro il Grande, 21.

Ente rappresentato e difeso dagli avvocati Maria Teresa Pugliano, Giacinto Greco e Francesco Muscari Tomaioli; domiciliato presso la sede dell’Avvocatura dell’INPS in Catanzaro, alla Via Francesco Acri, 81;

Parti resistenti

Per: Accertamento e declaratoria del diritto del ricorrente alla rideterminazione della base pensionabile e alla conseguente riliquidazione della pensione, a far data dalla cessazione del servizio, tenendo in considerazione gli incrementi stipendiali automatici (non percepiti a norma dell’articolo 21, comma 9, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito dalla legge 30 luglio 2010, n. 122) che gli sarebbero spettati in relazione alle classi e agli scatti che sarebbero maturati nel periodo dal 1 gennaio 2011 al 31 dicembre 2015. Condanna dell’amministrazione convenuta a corrispondere al ricorrente, per effetto della suddetta rideterminazione della base pensionabile, i ratei pensionistici arretrati, oltre alla maggior somma tra interessi legali e rivalutazione monetaria a far data dalla maturazione di ciascun rateo, secondo le modalità stabilite dalla Corte dei conti, sezioni riunite, sentenza 18 ottobre 2002, n. 10.

In via subordinata, eccezione di incostituzionalità della normativa che, per il personale di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, cessato dal servizio dal 1 gennaio 2011 al 31 dicembre 2017, non prevedono la valorizzazione in quiescenza, a far data dalla cessazione del servizio, degli emolumenti pensionabili derivanti dalle progressioni stipendiali automatiche che sarebbero spettate in relazione alle classi e agli scatti che sarebbero maturati dal 1 gennaio 2011 al 31 dicembre 2015.

Visto l’articolo 167 del decreto legislativo 26 agosto 2016, n. 174;

Visti gli atti e i documenti di causa;

Udita alla pubblica udienza del 5 settembre 2018 la parte ricorrente e quella resistente, nelle persone, rispettivamente, dell’avvocato Stefania Valia, su delega dei difensori, e dell’avvocato Giacinto Greco per l’INPS.

RITENUTO IN FATTO

Con il ricorso in epigrafe il ricorrente ha contestato la liquidazione del proprio trattamento previdenziale. Nel ricorso è esposto che tale determinazione sarebbe stata operata dall’ente convenuto non tenendo conto delle voci retributive decurtate per effetto dell’art. 9, commi 1 e 21 del d.l. 78/2010, dovute in ragione dell’anzianità di servizio maturata e della qualifica giuridicamente conseguite.

Il ricorrente, già appartenente al Corpo della Guardia di finanza, lamenta in sostanza che a causa di detto “blocco retributivo”, disposto per gli anni 2011, 2012 e 2013 (successivamente esteso al 2014 e prorogato anche sino al 31 dicembre 2015), il trattamento pensionistico gli sia stato calcolato sulla base delle voci stipendiali percepite nel 2010, quindi, su una base economica inferiore all’anzianità giuridicamente rivestita al momento del collocamento in congedo.

Il ricorrente, a sostegno della propria pretesa, dopo aver richiamato la disciplina normativa, rileva che più volte la Corte costituzionale è stata interpellata sulla legittimità costituzionale della c.d. “cristallizzazione “ degli incrementi economici; e che ha sempre ritenuto giustificato e legittimo l’intervento normativo a causa della notoria esigenza di contenimento della

spesa pubblica, sottolineando però sempre la necessità che tale sacrificio imposto abbia un carattere eccezionale e temporalmente limitato.

Tutto ciò premesso il ricorrente conclude chiedendo previa, ove necessaria, dichiarazione di rilevanza e non manifesta infondatezza dell’eccezione d’illegittimità costituzionale delle norme indicate, l’accoglimento del ricorso nel senso dell’accertamento del proprio diritto alla riliquidazione, oltre a interessi e a rivalutazione.

L’INPS si è costituito con note di memoria del 24 luglio 2018, chiedendo la declaratoria di incompetenza in considerazione del dato che allo stesso INPS consta la residenza della parte ricorrente nel territorio della Regione Campania.

Nel merito, l’INPS ha chiesto il rigetto del ricorso o, in subordine, di limitare la pronuncia alla disposizione, nei confronti della Guardia di finanza, di ricostruzione della carriera, in ogni caso escludendo gli oneri accessori.

Nel corso dell’udienza del 5 settembre 2018 le parti hanno insistito nelle rispettive richieste; in particolare, il difensore della parte ricorrente ha depositato un certificato di residenza storico del medesimo, al fine di dimostrare la competenza territoriale della Sezione giurisdizionale regionale per la Calabria.

Anche la Guardia di finanza si è costituita, con note del 2 agosto 2018.

CONSIDERATO IN DIRITTO

Preliminarmente, deve essere rigettata la richiesta di declaratoria di incompetenza proposta dall’INPS, che ha peraltro contestato la validità probatoria della certificazione anagrafica storica.

Sul punto, occorre rilevare che l’INPS non ha prodotto certificazione idonea a superare quanto allegato, nel corso dell’udienza, dalla parte ricorrente, con conseguente inottemperanza all’onere probatorio di cui all’articolo 2697 del codice civile, non risultando sul punto sufficiente l’attribuzione della relativa posizione previdenziale ad altra sede.

Nel merito, le questioni sottese alla risoluzione della controversia sono state risolte dalla Sezione, con giurisprudenza ormai consolidata da cui non si avverte ragione di discostarsi (sentenze 31 gennaio 2018, n. 13; e 18 aprile 2018, n. 48); nonché da diverse pronunce di ulteriori sezioni giurisdizionali regionali (Corte dei conti, sezione giurisdizionale regionale per il Lazio, sentenza 9 ottobre 2017, n. 278).

In tali sedi è stato evidenziato come, al fine di scongiurare l’ipotesi di contrasto della normativa invocata con i principi posti dalla Corte costituzionale, sia necessaria un’attività ermeneutica che valorizzi il dato testuale della norma, in modo da contenere il sacrificio delle categorie interessate da tale misura.

La disposizione contenuta nel comma 21 della norma più volte riferita dispone infatti che “I meccanismi di adeguamento retributivo per il personale non contrattualizzato di cui all’art. 3 del d.lgs 165/2001 cosi' come previsti dall’art., 24 della l. 448/98, non si applicano per gli anni 2011, 2012 e 2013 ancorchè a titolo di acconto, e non danno comunque luogo a successivi recuperi. Per le categorie di personale di cui all’art. 3 del d.lgs 165/2001 e successive modificazioni, che fruiscono di un meccanismo di progressione automatica degli stipendi, gli anni 2011, 2012 e 2013 non sono utili ai fini della maturazione delle classi e degli scatti di stipendio previsti dai rispettivi ordinamenti. Per il personale dell’art. 3 del d.lgs 165/2001 e successive modificazioni le progressioni di carriera comunque denominate eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici. Per il personale contrattualizzato le progressioni di carriera comunque denominate ed i passaggi tra le aree eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013 hanno effetto, per i predetti anni, ai fini esclusivamente giuridici.”

Il tenore della norma è inequivocabile nel limitare temporalmente la restrizione menzionata, con conseguente necessità di interpretarla nella più tenue veste di una sospensione temporanea delle progressioni di carriera, senza effetti economici sul trattamento previdenziale.

Tale interpretazione si pone in perfetta sintonia con la sentenza della Corte costituzionale 17 dicembre 2013, n. 310, ove interventi di tale tipologia sono stati ritenuti ammissibili nei limiti del carattere “eccezionale, transeunte, non arbitrario, consentaneo allo scopo prefissato, nonché temporalmente limitato, dei sacrifici richiesti, e nella sussistenza di esigenze di contenimento della spesa pubblica, le condizioni per escludere la irragionevolezza delle misure in questione”.

Da tali considerazioni discende la necessità di considerare irrilevante la cristallizzazione esposta ai fini previdenziali, determinandosi, in caso contrario, una protrazione ad infinitum del blocco retributivo in contrasto con le sopra esposte considerazioni.L’interpretazione prospettata consente, invece, di disattendere la prospettata questione di illegittimità costituzionale.

P.Q.M.

Il giudice unico delle pensioni presso la Sezione giurisdizionale per la Regione Calabria, lo accoglie e, per l’effetto:

Accerta il diritto della parte ricorrente, ai fini della determinazione della base contributiva e di calcolo della pensione, agli emolumenti pensionabili derivanti dalla progressione di carriera avvenuta durante la cristallizzazione delle retribuzioni, nel periodo dal 1 gennaio 2011 al 31 dicembre 2015.

Condanna l’INPS al pagamento delle somme dovute a titolo di arretrati per i maggiori ratei.

Tale importo dovrà, inoltre, essere incrementato della maggior somma tra la rivalutazione monetaria su base annua secondo indici gli ISTAT e gli interessi legali dalla data del fatto sino a quella della pubblicazione della presente sentenza, e ancora degli interessi legali da quest'ultima data sino all’effettivo

soddisfacimento del credito.

Le spese sono compensate, in considerazione della soccombenza reciproca sulle questioni in punto di diritto.

Manda alla Segreteria per gli adempimenti di competenza.

Così deciso in Catanzaro nella camera di consiglio del 5 settembre 2018.

IL GIUDICE

f.to Andrea Luberti

Depositata in Segreteria il 20/09/2018

Il responsabile della Segreteria pensioni

f.to Dott.ssa Francesca Deni

Avatar utente
angri62
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 5597
Iscritto il: lun apr 23, 2012 9:28 am

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da angri62 » gio ott 11, 2018 3:41 pm

===già pronto per il ricorso, domattina il deposito.
cdc Piemonte.

migi61
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 254
Iscritto il: lun giu 16, 2014 9:12 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da migi61 » lun ott 22, 2018 12:08 am

angri62 ha scritto:===già pronto per il ricorso, domattina il deposito.
cdc Piemonte.
Ciao Angri62.non ho capito la risposta! Chi è pronto per il ricorso alla c.d.c. del Piemonte? Ciao.

massive
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 337
Iscritto il: lun nov 10, 2014 8:26 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da massive » ven ott 26, 2018 12:01 pm

Buongiorno a tutti, volevo chiedere a coloro i quali sono stati sottratti i benefici della rivalutazione dei nuovi contratti a causa del blocco dal 2011 al 2015 di valutare un ricorso congiunto con tutti gli aventi diritto iscritti al forum.
Cosa ne pensate per una eventuale adesione collettiva?

Kapitano
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 2
Iscritto il: lun apr 08, 2013 8:13 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da Kapitano » mar dic 04, 2018 12:44 am

Disponibile al ricorso congiunto, attendo notizie

Avatar utente
angri62
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 5597
Iscritto il: lun apr 23, 2012 9:28 am

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da angri62 » mar dic 04, 2018 4:25 pm

massive ha scritto:
ven ott 26, 2018 12:01 pm
Buongiorno a tutti, volevo chiedere a coloro i quali sono stati sottratti i benefici della rivalutazione dei nuovi contratti a causa del blocco dal 2011 al 2015 di valutare un ricorso congiunto con tutti gli aventi diritto iscritti al forum.
Cosa ne pensate per una eventuale adesione collettiva?
===il 20 dicembre ho la sentenza per l'assegno di funzione.
farò sapere.

berry60
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 34
Iscritto il: mer giu 12, 2013 8:16 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da berry60 » mar dic 04, 2018 7:54 pm

Kapitano ha scritto:
mar dic 04, 2018 12:44 am
Disponibile al ricorso congiunto, attendo notizie
Disponibile

massive
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 337
Iscritto il: lun nov 10, 2014 8:26 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da massive » mar dic 04, 2018 8:41 pm

Dai amici Fatevi avanti! Cosi faremo un azione congiunta.
Ricordate L unione fa la forza.

Avatar utente
frapisa
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 78
Iscritto il: ven mag 18, 2018 3:07 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da frapisa » mer dic 05, 2018 5:18 pm

Salve a tutti.
Sono a vostra disposizione per ricorso collettivo, ma non volendo intrufolarmi nella parrocchie altrui, magari potete spostare lo stesso oggetto nella pagina dei cc.
Grazie a tutti

Pietrobon giuseppina
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 7
Iscritto il: ven gen 08, 2016 2:49 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da Pietrobon giuseppina » lun dic 10, 2018 2:34 pm

disponibile per qualsiasi ricorso !!!!!!!
si sono assolutamente dimenticati tutti di noi, cerchiamo di non dimenticarci noi !

io ho fatto ricorso con altri 8, rappresentati e difesi dall’Avvocato Giovanna Passiatore e dall’Avvocato Patrizia Pino del Foro di Roma, elettivamente domiciliati presso il loro studio sito in Roma, in Via Filippo Corridoni nr. 15
ricorso alla
CORTE DEI CONTI
SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO
PENSIONI CIVILI
contro
'INPS Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale - ex Gestione Inpdap,
in persona del legale rappresentante pro tempore, con sede in Via Ciro Il Grande nr. 21 –
00144 Roma - il 1 6 febbraio 2017
C'è stata un'udienza lo scorso 28 maggio dove è stato rinviato a data da destinarsi in attesa di pronuncia della Corte Costituzionale.

Non possiamo stare con le mani in mano.
dobbiamo fare ricorso in gruppo !!!!!
io ci sono per qualsiasi azione!

Sovrintendente di pol pen Pietrobon Giuseppina

massive
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 337
Iscritto il: lun nov 10, 2014 8:26 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da massive » lun dic 10, 2018 3:57 pm

Pietrobon Giuseppina, scusami il ricorso di cui parli di cosa tratta? Non ho capito!
Grazie

mimmone
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 15
Iscritto il: gio mag 17, 2018 11:09 am

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da mimmone » lun dic 10, 2018 6:13 pm

Salve Volevo sapere se rientro nel Roxie's.ricalcolo sono stato riformato 7/7/2015 ,se conviene?grazie

Pietrobon giuseppina
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 7
Iscritto il: ven gen 08, 2016 2:49 pm

Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da Pietrobon giuseppina » gio dic 13, 2018 10:59 pm

scusatemi ma non ho capito come rispondere ai commenti che trovo nel sito.

vorrei capire chi ha fatto ricorso e con quali risultati.

io con un avvocato di Roma ho presentato ricorso alla corte dei Conti ... a maggio di quest'anno cè stata l'udienza che ha rimandato a data da destinarsi......

ora il mio avvocato sta preparando un ricorso alla corte di Strasburgo, il costo è molto contenuto.
se vi interessa contattate direttamente l'avvocato di cui vi do gli estremi.
Non è mia intenzione fare pubblicità per nessuno ma mi farebbe piacere sapere se qualcuno sta facendo qualcosa e a che punto sono i ricorsi presentati.,

il tempo passa e non vorrei cadessimo tutti nell'oblio .

qui sotto gli estremi di quello che sto facendo io

Sovrintendente di polizia penitenziaria
Pietrobon Giuseppina



Avv. Giovanna Passiatore – Avv. Patrizia Pino
Via Filippo Corridoni, 15
00195 Roma
Tel. 06.37518561 Fax 06.37355387
studiolegalepassiatorepino@gmail.com

RICORSO ALLA CORTE EUROPEA DI STRASBURGO – ASSEGNO FUNZIONE
Al fine di domandare il riconoscimento, con decorrenza 1° gennaio 2015, dei riflessi pensionistici per tutti gli appartenenti al personale militare e della Polizia di Stato collocato in quiescenza e/o in ausiliaria dal 1° gennaio 2011 al 31 dicembre 2014, periodo in cui ha trovato applicazione il blocco del cosiddetto “tetto salariale” e degli altri automatismi di progressione stipendiale ed alle promozioni conseguiti nel predetto arco temporale, ai sensi dell’articolo 9, commi 1 e 21, del decreto legge 31 maggio 2010, nr. 78, successivamente convertito nella legge 30 luglio 2010 nr. 122.

naturopata
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1690
Iscritto il: ven mag 19, 2017 3:24 pm

Re: Blocco adeguamenti pensionisti 2011 -2015

Messaggio da naturopata » ven dic 14, 2018 10:15 am

Io attenderei e non regalerei soldi agli avvocati, tranne se non sappiate far da soli un ricorso alla Corte dei Conti.

LA CORTE COSTITUZIONALE
dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 9, comma 21, terzo periodo,
del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 (Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di
competitività economica), convertito, con modificazioni, in legge 30 luglio 2010, n. 122, e dell’art. 16,
comma 1, lettera b), del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione
finanziaria), convertito, con modificazioni, in legge 15 luglio 2011, n. 111, come integrato dall’art. 1,
comma 1, lettera a), primo periodo, del d.P.R. 4 settembre 2013, n. 122 (Regolamento in materia di
proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti, a norma
dell’art. 16, commi 1, 2 e 3, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla
legge 15 luglio 2011, n. 111), sollevate, in riferimento all’art. 3 della Costituzione, dalla Corte dei conti,
sezione giurisdizionale per la Liguria, con l’ordinanza indicata in epigrafe.
Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, l’11 ottobre 2018.
Solo i moderatori e gli Utenti del gruppo Sostenitori possono visualizzare i file allegati.

Rispondi