autorizzazione lavoro inps riformati

Feed - ESERCITO

Rispondi
spikebn
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 169
Iscritto il: sab mar 31, 2012 5:42 pm

autorizzazione lavoro inps riformati

Messaggio da spikebn » ven gen 10, 2020 3:37 pm

buongiorno a tutti,
io avrei bisogno di un precedente di autorizzazione da parte dell'inps(di qualsiasi sede) che autorizzi una persona riformata e che percepisce una pensione di inabilita; la dicitura del mio verbale di riforma era "non idoneo permanentemente al servizio d'istituto della GDF in modo assoluto e da collocare in congedo assoluto. Si reimpiegabile nelle corrispondenti aree funzionali del personale civile del ministero delle finanze. Controindicato l'impiego in incarichi particolarmente stressanti".
nella determina della pensione la dicitura è diventata " Inv.ass. e perm.qualsiasi Profic.lavoro/inf.stato";
Avrei bisogno di dimostrare al funzionario che altri colleghi sono stati autorizzati da altre sedi inps a lavorare tranquillamente visto che se avessi voluto avrei potuto fare il transito nei ruoli civili e quindi lavorare.
grazie a chi potra aiutarmi,e,cortesemente,evitate di fare paternali e domande tipo "ma perche non sei transitato nei ruoli civili"?
buona giornata a tutti



NavySeals
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 25
Iscritto il: sab set 07, 2019 10:16 am

Re: autorizzazione lavoro inps riformati

Messaggio da NavySeals » mer gen 15, 2020 11:58 am

Ciao, evidentemente alla tua INPS si stanno confondendo con altra fattispecie, quella di inabilità assoluta a qualsiasi attività lavorativa. Nel tuo caso, puoi tanquillamente lavorare e sarai soggetto alle decurtazioni pensionistiche del caso (50% se dipendente, 30% se autonomo, con la franchigia del minimo). Ti riporto le normative utili:

Quanto segue vale per i trattamenti pensionistici privilegiati, indistintamente per tutti i dipendenti della pubblica amministrazione, nonché quelli derivanti da dispensa dal servizio per inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro o quella relativa alle mansioni (articolo 13, legge 8 agosto 1991, n. 274 ovvero articolo 27, legge 29 aprile 1976, n. 177 per i dipendenti civili dello Stato).

Il trattamento pensionistico di inabilità (avente decorrenza dal 1° gennaio 2001) è regolato, ai fini del regime di cumulo, dall'articolo 72, comma 2, legge finanziaria 2001, 23 dicembre 2000, n. 388 che a decorrere dall'entrata in vigore della stessa, prevede che le quote di pensioni dirette di anzianità, di invalidità e degli assegni diretti di invalidità a carico dell'Assicurazione Generale Obbligatoria e delle forme sostitutive, esclusive ed esonerative della medesima, eccedenti l'ammontare del trattamento minimo del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, sono cumulabili con i redditi da lavoro autonomo nella misura del 70% e sono cumulabili nella misura del 50% con i redditi da lavoro dipendente. Nel caso di reddito da lavoro autonomo le relative trattenute non possono, in ogni caso, superare il valore pari al 30% dei predetti redditi.

In sede di compilazione online dell'istanza di pensione, il richiedente sottoscrive l'avvertenza che in caso di attività lavorativa autonoma/dipendente dopo la cessazione dal servizio, deve darne tempestiva comunicazione (articolo 34, legge 177/1976).

KURO OBI
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 200
Iscritto il: mar ago 15, 2017 9:59 am

Re: autorizzazione lavoro inps riformati

Messaggio da KURO OBI » ven gen 17, 2020 8:06 am

Interessante, seguo

Rispondi