ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Feed - CARABINIERI

Mamete
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 114
Iscritto il: dom gen 19, 2014 12:31 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da Mamete » sab gen 28, 2017 7:52 pm

Azz[emoji15]!!! Giusta interpretazione ! Giustizia per tutto il Comparto! E sopratutto che non si arrampichino sugli specchi ... con questa storiella di limitazione dei casi !! Assurdo !


Alessandro



Convenzionistituzioni.it
oreste.vignati
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 2485
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da oreste.vignati » sab gen 28, 2017 9:01 pm

vedado ha scritto:ERRATA APPLICAZIONE COEFFICIENTI PENSIONISTICI: LA CONSAP SCRIVE A MINNITI.

Signor Ministro

qualche giorno prima di Natale 2016 la sede provinciale dell’Inps di Arezzo, a seguito di un ricorso amministrativo per errata applicazione dei coefficienti pensionistici, presentato da un maresciallo dei carabinieri in congedo, riconosceva la piena fondatezza delle ragioni esposte, e accoglieva il ricorso in questione applicando pertanto al ricorrente l’aliquota più favorevole del 44%, alla sua base pensionabile così come previsto del resto dall’art. 54 (personale militare) del D.P.R. 1092/73.

In pratica la base pensionabile veniva calcolata con una aliquota del 35,60% art. 44 prevista per il personale civile, invece di essere calcolata sul 44% art. 54 prevista per il personale militare, dei quali, chi alla data del 31.12.1995 aveva compiuto tra i quindici e i venti anni (anni 1981-1982-1983 anche oltre, bisogna vedere le eventuali maggiorazioni ) di servizio contributivo, la base della sua pensione andava calcolata con l’aliquota al 44%.

E’ del tutto evidente che nessuna distinzione/discriminazione, può e deve essere operata all'interno del comparto sicurezza/difesa, ovvero, tra il trattamento pensionistico delle forze di polizia a status militare e quelle a status civile.

Non certamente per convincimento personale, ma alla luce della stessa legge di riforma L. 121/81, là dove indicava che ogni norma che contenesse la denominazione di Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza (vedi per esempio art.54 D.P.R. 1942/73) doveva essere sostituito con Polizia di Stato.

Interpretazione confermata dalla legge del 20 Novembre 1987, n.472 art.6 comma 5: al personale della Polizia di Stato, nonché a quello del Corpo Forestale dello Stato, in possesso delle qualifiche di P.G. e di P.S. ai soli fini dell’acquisizione del diritto al trattamento di pensione normale, si applica l’art. 52 (personale militare) del testo unico approvato con D.P.R. 29 Dicembre 1973, n. 1092.

Ad ulteriore sostegno di quanto affermato, qualora ce ne fosse bisogno si cita l’art.61 del D.P.R. 1092/73: “al personale dei VV.FF. e al Corpo Forestale (personale non militare) dello Stato si applicano le disposizioni stabilite per quanto riguarda il trattamento di quiescenza per le categorie militari”.

Lo stesso Consiglio di Stato – 1 sez. – nell’adunanza del Marzo 1983 aveva già deliberato che: “nessuna incidenza avrebbe avuto la smilitarizzazione della Polizia di Stato sul trattamento di quiescenza, che rimane quella più favorevole prevista per i militari.”

La volontà del legislatore appare chiara e certa nell’evitare gratuiti conflitti e sovrapposizioni di sorta, in un comparto (sicurezza/difesa) delicatissimo per sua stessa natura.

Duole purtroppo rilevare, che a tutt'oggi numerose sedi territoriali dell’Inps continuano ad applicare in modo errato le modalità di calcolo sui coefficienti pensionistici previsti per il personale militare.

Determinando in questo modo un rilevante danno economico sulla rata mensile dell'assegno pensionistico.

Pertanto La preghiamo di un autorevole e decisivo intervento affinché la Direzione Generale dell’Inps emani una circolare presso tutti i presidi provinciali, per sgombrare il campo da residui dubbi interpretativi, oltre che da forzature e interpretazioni arbitrarie, al fine di adeguare e applicare in modo corretto i coefficienti inerenti il trattamento pensionistico di ogni singolo dipendente del comparto sicurezza/difesa.
va benisssimo che adesso dopo il ma.llo berti, l'iniziativa del siap, altri sindacati portano avanti la questione che riguarda tantissimi colleghi, almeno però bisognerebbe scrivere anche dati corretti vedi 15 20 anni evidenziato in rosso.
forse si comincia ad avere la consapevolezza di normative fatte 20 anni fa, con il silenzio di tutti, che adesso iniziano a avere gli effetti nefasti su migliaia di colleghi che nulla hanno di diverso da chi è riuscito ad andare in pensione qualche mese prima. ed ancora al nostro comparto non è stata applicata la cosiddetta Monti-Fornero. Dovremo vigilare costantemente.

ciro49
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da ciro49 » sab gen 28, 2017 9:28 pm

oreste.vignati ha scritto:
vedado ha scritto:ERRATA APPLICAZIONE COEFFICIENTI PENSIONISTICI: LA CONSAP SCRIVE A MINNITI.

Signor Ministro

qualche giorno prima di Natale 2016 la sede provinciale dell’Inps di Arezzo, a seguito di un ricorso amministrativo per errata applicazione dei coefficienti pensionistici, presentato da un maresciallo dei carabinieri in congedo, riconosceva la piena fondatezza delle ragioni esposte, e accoglieva il ricorso in questione applicando pertanto al ricorrente l’aliquota più favorevole del 44%, alla sua base pensionabile così come previsto del resto dall’art. 54 (personale militare) del D.P.R. 1092/73.

In pratica la base pensionabile veniva calcolata con una aliquota del 35,60% art. 44 prevista per il personale civile, invece di essere calcolata sul 44% art. 54 prevista per il personale militare, dei quali, chi alla data del 31.12.1995 aveva compiuto tra i quindici e i venti anni (anni 1981-1982-1983 anche oltre, bisogna vedere le eventuali maggiorazioni ) di servizio contributivo, la base della sua pensione andava calcolata con l’aliquota al 44%.

E’ del tutto evidente che nessuna distinzione/discriminazione, può e deve essere operata all'interno del comparto sicurezza/difesa, ovvero, tra il trattamento pensionistico delle forze di polizia a status militare e quelle a status civile.

Non certamente per convincimento personale, ma alla luce della stessa legge di riforma L. 121/81, là dove indicava che ogni norma che contenesse la denominazione di Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza (vedi per esempio art.54 D.P.R. 1942/73) doveva essere sostituito con Polizia di Stato.

Interpretazione confermata dalla legge del 20 Novembre 1987, n.472 art.6 comma 5: al personale della Polizia di Stato, nonché a quello del Corpo Forestale dello Stato, in possesso delle qualifiche di P.G. e di P.S. ai soli fini dell’acquisizione del diritto al trattamento di pensione normale, si applica l’art. 52 (personale militare) del testo unico approvato con D.P.R. 29 Dicembre 1973, n. 1092.

Ad ulteriore sostegno di quanto affermato, qualora ce ne fosse bisogno si cita l’art.61 del D.P.R. 1092/73: “al personale dei VV.FF. e al Corpo Forestale (personale non militare) dello Stato si applicano le disposizioni stabilite per quanto riguarda il trattamento di quiescenza per le categorie militari”.

Lo stesso Consiglio di Stato – 1 sez. – nell’adunanza del Marzo 1983 aveva già deliberato che: “nessuna incidenza avrebbe avuto la smilitarizzazione della Polizia di Stato sul trattamento di quiescenza, che rimane quella più favorevole prevista per i militari.”

La volontà del legislatore appare chiara e certa nell’evitare gratuiti conflitti e sovrapposizioni di sorta, in un comparto (sicurezza/difesa) delicatissimo per sua stessa natura.

Duole purtroppo rilevare, che a tutt'oggi numerose sedi territoriali dell’Inps continuano ad applicare in modo errato le modalità di calcolo sui coefficienti pensionistici previsti per il personale militare.

Determinando in questo modo un rilevante danno economico sulla rata mensile dell'assegno pensionistico.

Pertanto La preghiamo di un autorevole e decisivo intervento affinché la Direzione Generale dell’Inps emani una circolare presso tutti i presidi provinciali, per sgombrare il campo da residui dubbi interpretativi, oltre che da forzature e interpretazioni arbitrarie, al fine di adeguare e applicare in modo corretto i coefficienti inerenti il trattamento pensionistico di ogni singolo dipendente del comparto sicurezza/difesa.
va benisssimo che adesso dopo il ma.llo berti, l'iniziativa del siap, altri sindacati portano avanti la questione che riguarda tantissimi colleghi, almeno però bisognerebbe scrivere anche dati corretti vedi 15 20 anni evidenziato in rosso.
forse si comincia ad avere la consapevolezza di normative fatte 20 anni fa, con il silenzio di tutti, che adesso iniziano a avere gli effetti nefasti su migliaia di colleghi che nulla hanno di diverso da chi è riuscito ad andare in pensione qualche mese prima. ed ancora al nostro comparto non è stata applicata la cosiddetta Monti-Fornero. Dovremo vigilare costantemente.

Ancora con questa storia del 44% ,non compete nulla a nessuno.potete fare quanti ricorsi che volete,e solo una perdita di tempo-e magari anche di danaro-

Mamete
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 114
Iscritto il: dom gen 19, 2014 12:31 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da Mamete » sab gen 28, 2017 9:33 pm

ciro49 ha scritto:
oreste.vignati ha scritto:
vedado ha scritto:ERRATA APPLICAZIONE COEFFICIENTI PENSIONISTICI: LA CONSAP SCRIVE A MINNITI.

Signor Ministro

qualche giorno prima di Natale 2016 la sede provinciale dell’Inps di Arezzo, a seguito di un ricorso amministrativo per errata applicazione dei coefficienti pensionistici, presentato da un maresciallo dei carabinieri in congedo, riconosceva la piena fondatezza delle ragioni esposte, e accoglieva il ricorso in questione applicando pertanto al ricorrente l’aliquota più favorevole del 44%, alla sua base pensionabile così come previsto del resto dall’art. 54 (personale militare) del D.P.R. 1092/73.

In pratica la base pensionabile veniva calcolata con una aliquota del 35,60% art. 44 prevista per il personale civile, invece di essere calcolata sul 44% art. 54 prevista per il personale militare, dei quali, chi alla data del 31.12.1995 aveva compiuto tra i quindici e i venti anni (anni 1981-1982-1983 anche oltre, bisogna vedere le eventuali maggiorazioni ) di servizio contributivo, la base della sua pensione andava calcolata con l’aliquota al 44%.

E’ del tutto evidente che nessuna distinzione/discriminazione, può e deve essere operata all'interno del comparto sicurezza/difesa, ovvero, tra il trattamento pensionistico delle forze di polizia a status militare e quelle a status civile.

Non certamente per convincimento personale, ma alla luce della stessa legge di riforma L. 121/81, là dove indicava che ogni norma che contenesse la denominazione di Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza (vedi per esempio art.54 D.P.R. 1942/73) doveva essere sostituito con Polizia di Stato.

Interpretazione confermata dalla legge del 20 Novembre 1987, n.472 art.6 comma 5: al personale della Polizia di Stato, nonché a quello del Corpo Forestale dello Stato, in possesso delle qualifiche di P.G. e di P.S. ai soli fini dell’acquisizione del diritto al trattamento di pensione normale, si applica l’art. 52 (personale militare) del testo unico approvato con D.P.R. 29 Dicembre 1973, n. 1092.

Ad ulteriore sostegno di quanto affermato, qualora ce ne fosse bisogno si cita l’art.61 del D.P.R. 1092/73: “al personale dei VV.FF. e al Corpo Forestale (personale non militare) dello Stato si applicano le disposizioni stabilite per quanto riguarda il trattamento di quiescenza per le categorie militari”.

Lo stesso Consiglio di Stato – 1 sez. – nell’adunanza del Marzo 1983 aveva già deliberato che: “nessuna incidenza avrebbe avuto la smilitarizzazione della Polizia di Stato sul trattamento di quiescenza, che rimane quella più favorevole prevista per i militari.”

La volontà del legislatore appare chiara e certa nell’evitare gratuiti conflitti e sovrapposizioni di sorta, in un comparto (sicurezza/difesa) delicatissimo per sua stessa natura.

Duole purtroppo rilevare, che a tutt'oggi numerose sedi territoriali dell’Inps continuano ad applicare in modo errato le modalità di calcolo sui coefficienti pensionistici previsti per il personale militare.

Determinando in questo modo un rilevante danno economico sulla rata mensile dell'assegno pensionistico.

Pertanto La preghiamo di un autorevole e decisivo intervento affinché la Direzione Generale dell’Inps emani una circolare presso tutti i presidi provinciali, per sgombrare il campo da residui dubbi interpretativi, oltre che da forzature e interpretazioni arbitrarie, al fine di adeguare e applicare in modo corretto i coefficienti inerenti il trattamento pensionistico di ogni singolo dipendente del comparto sicurezza/difesa.
va benisssimo che adesso dopo il ma.llo berti, l'iniziativa del siap, altri sindacati portano avanti la questione che riguarda tantissimi colleghi, almeno però bisognerebbe scrivere anche dati corretti vedi 15 20 anni evidenziato in rosso.
forse si comincia ad avere la consapevolezza di normative fatte 20 anni fa, con il silenzio di tutti, che adesso iniziano a avere gli effetti nefasti su migliaia di colleghi che nulla hanno di diverso da chi è riuscito ad andare in pensione qualche mese prima. ed ancora al nostro comparto non è stata applicata la cosiddetta Monti-Fornero. Dovremo vigilare costantemente.

Ancora con questa storia del 44% ,non compete nulla a nessuno.potete fare quanti ricorsi che volete,e solo una perdita di tempo-e magari anche di danaro-
Perché? Qui non si tratta di fare ricorsi, si tratta di applicare la legge ! Punto:)


Alessandro

Enrico Paradiso
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 58
Iscritto il: mar mar 17, 2015 8:09 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da Enrico Paradiso » sab gen 28, 2017 9:53 pm

Giusto, si tratta di applicare la legge quindi compatti senza abbassare la guardia. Non è una rivoluzione ma solo la salvaguardia dei nostri diritti. Complimenti a tutti e grazie per i consigli che date.
Enrico Paradiso

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4165
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da lino » dom gen 29, 2017 11:29 am

Cerchiamo di essere coesi perché per noi misti non vi saranno altre possibilità, lasciamo da parte i tuttologi, che tutto sanno e nulla dicono!!

Penso, per dire la mia senza presunzione alcuna, di attendere i vari organi che si sono messi in moto cocer;cna ecc.

Nel frattempo se ci organizziamo tra noi magari riunendo ci x le regioni di appartenenza avremo dei sicuri benefici.
Poi chi vuole agire (e spendere ) da solo,faccia pure .
Un saluto a tutti.
Lino.

Avatar utente
salvo24
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 359
Iscritto il: dom gen 27, 2013 12:26 am

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da salvo24 » dom gen 29, 2017 12:09 pm

lino ha scritto:Cerchiamo di essere coesi perché per noi misti non vi saranno altre possibilità, lasciamo da parte i tuttologi, che tutto sanno e nulla dicono!!

Penso, per dire la mia senza presunzione alcuna, di attendere i vari organi che si sono messi in moto cocer;cna ecc.

Nel frattempo se ci organizziamo tra noi magari riunendo ci x le regioni di appartenenza avremo dei sicuri benefici.
Poi chi vuole agire (e spendere ) da solo,faccia pure .
Un saluto a tutti.
Lino.
Bravo Lino....Condivido in pieno la tua tesi.

Inviato dal mio G7-L01

guidoreni
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 217
Iscritto il: sab set 05, 2015 7:16 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da guidoreni » dom gen 29, 2017 12:27 pm

Pure un ciuco capirebbe che la data del 31.12.95 è il nucleo centrale del problema. È su questo dato che l'inps tenta di costruire la negazione di un diritto . Fermarsi nella pura e semplice contemplazione del D.P.R. 1092/73 art. 54 "la pensione spettante al militare che abbia compiuto almeno qundici anni e bla,bla...............bla,bla,bla" , non legandola ad un elemento temporale 31.12.1995 fissato dalla legge Dini, vuol dire non aver capito l'essenza della controversia.

antoniope
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 1168
Iscritto il: lun ott 29, 2012 1:13 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da antoniope » dom gen 29, 2017 12:38 pm

Se prendete un PA04, l'INPS calcola i coefficienti dell'aliquota della base pensionabile al 31/12/92 e 31/12/97. Dove sta scritto 31/12/95??

lando63
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 53
Iscritto il: dom mag 17, 2015 9:22 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da lando63 » dom gen 29, 2017 1:42 pm

guidoreni ha scritto:Pure un ciuco capirebbe che la data del 31.12.95 è il nucleo centrale del problema. È su questo dato che l'inps tenta di costruire la negazione di un diritto . Fermarsi nella pura e semplice contemplazione del D.P.R. 1092/73 art. 54 "la pensione spettante al militare che abbia compiuto almeno qundici anni e bla,bla...............bla,bla,bla" , non legandola ad un elemento temporale 31.12.1995 fissato dalla legge Dini, vuol dire non aver capito l'essenza della controversia.
Salve a tutti e buona domenica. Se posso dire la mia, essendo io pure parte in causa... io ritengo che già l'art. 54 è legato alla scadenza temporale del 31.12.1995, semplicemente perchè, per noi misti, lo è l'art. 44 del medesimo D.P.R. da cui deriva la quota "B", coefficente che va modificato nel modo corretto. Senza tuttavia voler cantare vittoria prima del tempo, io, che già da circa tre settimane ho inviato richiesta di riesame in tal senso all'Inps e al CNA, sarei disponibile collettivamente, magari organizzati per regione di appartenenza, ad avanzare ricorso alla Corte dei Conti, qualora nei giusti tempi chi di competenza non dovesse riconoscere i nostri diritti.

lando63
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 53
Iscritto il: dom mag 17, 2015 9:22 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da lando63 » dom gen 29, 2017 1:47 pm

lando63 ha scritto:
guidoreni ha scritto:Pure un ciuco capirebbe che la data del 31.12.95 è il nucleo centrale del problema. È su questo dato che l'inps tenta di costruire la negazione di un diritto . Fermarsi nella pura e semplice contemplazione del D.P.R. 1092/73 art. 54 "la pensione spettante al militare che abbia compiuto almeno qundici anni e bla,bla...............bla,bla,bla" , non legandola ad un elemento temporale 31.12.1995 fissato dalla legge Dini, vuol dire non aver capito l'essenza della controversia.
Salve a tutti e buona domenica. Se posso dire la mia, essendo io pure parte in causa... io ritengo che già l'art. 54 è legato alla scadenza temporale del 31.12.1995, semplicemente perchè, per noi misti, lo è l'art. 44 del medesimo D.P.R. da cui deriva la quota "B", coefficente che va modificato nel modo corretto. Senza tuttavia voler cantare vittoria prima del tempo, io, che già da circa tre settimane ho inviato richiesta di riesame in tal senso all'Inps e al CNA, sarei disponibile collettivamente, magari organizzati per regione di appartenenza, ad avanzare ricorso alla Corte dei Conti, qualora nei giusti tempi chi di competenza non dovesse riconoscere i nostri diritti.
Scusate coefficente "A"

antony1964
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 29
Iscritto il: gio nov 24, 2016 8:14 am

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da antony1964 » dom gen 29, 2017 3:12 pm

lando63 ha scritto:
guidoreni ha scritto:Pure un ciuco capirebbe che la data del 31.12.95 è il nucleo centrale del problema. È su questo dato che l'inps tenta di costruire la negazione di un diritto . Fermarsi nella pura e semplice contemplazione del D.P.R. 1092/73 art. 54 "la pensione spettante al militare che abbia compiuto almeno qundici anni e bla,bla...............bla,bla,bla" , non legandola ad un elemento temporale 31.12.1995 fissato dalla legge Dini, vuol dire non aver capito l'essenza della controversia.
Salve a tutti e buona domenica. Se posso dire la mia, essendo io pure parte in causa... io ritengo che già l'art. 54 è legato alla scadenza temporale del 31.12.1995, semplicemente perchè, per noi misti, lo è l'art. 44 del medesimo D.P.R. da cui deriva la quota "B", coefficente che va modificato nel modo corretto. Senza tuttavia voler cantare vittoria prima del tempo, io, che già da circa tre settimane ho inviato richiesta di riesame in tal senso all'Inps e al CNA, sarei disponibile collettivamente, magari organizzati per regione di appartenenza, ad avanzare ricorso alla Corte dei Conti, qualora nei giusti tempi chi di competenza non dovesse riconoscere i nostri diritti.
In tal caso sarei disponibile anch'io a ricorrere collettivamente alla corte dei conti, nel caso in cui l'inps risponda negativamente.
Restiamo uniti

Klaine1964
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 142
Iscritto il: lun gen 21, 2013 11:48 am

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da Klaine1964 » dom gen 29, 2017 6:20 pm

antony1964 ha scritto:
lando63 ha scritto:
guidoreni ha scritto:Pure un ciuco capirebbe che la data del 31.12.95 è il nucleo centrale del problema. È su questo dato che l'inps tenta di costruire la negazione di un diritto . Fermarsi nella pura e semplice contemplazione del D.P.R. 1092/73 art. 54 "la pensione spettante al militare che abbia compiuto almeno qundici anni e bla,bla...............bla,bla,bla" , non legandola ad un elemento temporale 31.12.1995 fissato dalla legge Dini, vuol dire non aver capito l'essenza della controversia.
Salve a tutti e buona domenica. Se posso dire la mia, essendo io pure parte in causa... io ritengo che già l'art. 54 è legato alla scadenza temporale del 31.12.1995, semplicemente perchè, per noi misti, lo è l'art. 44 del medesimo D.P.R. da cui deriva la quota "B", coefficente che va modificato nel modo corretto. Senza tuttavia voler cantare vittoria prima del tempo, io, che già da circa tre settimane ho inviato richiesta di riesame in tal senso all'Inps e al CNA, sarei disponibile collettivamente, magari organizzati per regione di appartenenza, ad avanzare ricorso alla Corte dei Conti, qualora nei giusti tempi chi di competenza non dovesse riconoscere i nostri diritti.

In tal caso sarei disponibile anch'io a ricorrere collettivamente alla corte dei conti, nel caso in cui l'inps risponda negativamente.
Restiamo uniti
Anche io sono disponibile a ricorrere collettivamente

Monki65
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 42
Iscritto il: dom gen 01, 2017 11:56 am

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da Monki65 » dom gen 29, 2017 7:18 pm

Ad Imperia per ora siamo in 4 (CC) é stata fatta una richiesta tramite Patronato e siamo in attesa di risposta ma se non rispondono e/o negativamente: CORTE DEI CONTI !!!

lino
Veterano del Forum
Veterano del Forum
Messaggi: 4165
Iscritto il: dom mar 07, 2010 12:25 am

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da lino » dom gen 29, 2017 7:50 pm

Monki65 ha scritto:Ad Imperia per ora siamo in 4 (CC) é stata fatta una richiesta tramite Patronato e siamo in attesa di risposta ma se non rispondono e/o negativamente: CORTE DEI CONTI !!!
OK monki ,per la Liguria siete ad oggi già 7 o 8.... aspettiamo le risposte degli altri colleghi intanto se ognuno mette la regione di provenienza , possiamo poi scambiarci tel o mail, meglio in pm.

Rispondi