ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Feed - CARABINIERI

Avatar utente
giovanni53
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 536
Iscritto il: gio apr 07, 2016 4:33 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da giovanni53 » lun gen 23, 2017 3:10 am

emamuele1965 ha scritto:Giova, bel ragionamento. Pero', qualche messaggio fa, avevo già detto che se al.31/12/1992 avessi avuto 15 anni di contributi non sarei tra quelli interessati a fare istanza in quanto al 31/12/1995 avrei avuto 18 anni di contributi. Questo mi crea gia' un dubbio. Ora,per il periodo 1 gennaio 1993 31 dicembre 1995 si è stabilito per legge che la base stipendiale su cui calcolare la pensione non è quella relativa all ultima retribuzione ma alla media degli ultimi dieci anni e contestualmente si è stabilito che dal 1 gennaio 1996 si passa con il sistema contributivo, ma non cambia, appunto, l art. 54 del lontamissimo dpr del 1973. Ma non dice neanche che al 1992 si tronca l anzianità contributica per riprenderne un altra. Poi, lo 0.392, potrebbe essere ricavato come segue: art. 44 del dpr 1092 che prevede la base pensionabile del 35% previsto per i civili; a questo è stato aggiunto 1.80 per ogni anno che nel mio caso fa 3.60; poi sono stati aggiunti i quattro mesi al 0,015 per mese che fa 0.060 e la somme totale fa 0.392, cosi come previsto per i civili dal famigerato decreto. È quel 0.32 e rotti indicati nella quota B che non capisco perche' viene moltiplicato per la base pensionabile della quota A. Se siamo d'accordo che le leggi del 94 e del 95 non hanno modificato né l'articolo 54 nè anno interrrotto l anzianità contributiva al 92 e hanno modificato solo il sistema di calcolo della base stipendiale potremmo dire che ad entrambe le quote dovrebbe essere applicato l art. 54 con le differenti basi stipendiali e dal 1 gennaio 1996 in poi calcolarla con il sistema contributivo.
In ultimo la circolare che hai postato è pericolosissima perche' potrebbe svegliare il cane che dorme
Se ha dormito finora sarà narcotizzato eheheh
Comunque ti seguo con molta difficoltà, sarà l'età.
Dunque, prima di tutte le riforme si andava in pensione con una cifra data dal prodotto dell'ultima retribuzione in servizio, maggiorata, coi benefici, con di tutto e di più moltiplicata x l'aliquota di rendimento raggiunta che è una percentuale relativa agli anni di servizio utile totalizzati.
E' stata poi introdotta la pensione in quote, dove per chi NON è retributivo, la pensione è data dalla somma di queste 3 moltiplicazioni...
1^ moltipl. Quota A : ultima retribuzione x aliquota rendim. raggiunta al 31/12/92 (coeff. B)
2^ moltipl. Quota B : media ultime 10 retrib x (aliq rendim. raggiunta al 31/12/95 (coeff A) - coeff B)
3^ moltipl, Quota C : Montante contributivo dal 1996 x coeff età anagrafica al congedo

Quindi arruolato nel 1981, al 1992 hai raggiunto il 32% di anzianità (2.33/anno x 13A 9M cioè 0.32 coeff B.
che viene usato per calcolare la tua quota A, moltiplicandolo x ultima retribuzione.
Poi non c'è nessuna interruzione o troncatura, la tua anzianità continua a crescere anno per anno fino ad arrivare al 31/12/95 dove sarà di 17A 4M e quindi avrai raggiunto, come giustamente hai calcolato con l'art. 44 dei civili, tu stesso il 39,20% cioè 0.392 coeff A. Questo coeff A viene usato per il calcolo della quota B ma non intero, diminuito del coeff B come sai, in pratica si sottrae l'anzianità già calcolata nella quota A e si determina il coeff C = A - B. cioè 0.392 - 0.32 = 0.072 che sono i 3A 7M maturati dal 1992 al 1995.

Con l'eventuale favorevole applicazione dell 'art. 54 per i militari il coeff A 0.392 diverrebbe 0.440.
Quindi la quota A , coeff B, non varia.
Mentre la quota B , coeff C dato da A - B, crescendo A al 0.440 sarebbe 0.440 - 0.32 = 0.120 , aumenta.
Notte**



Convenzionistituzioni.it
guidoreni
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 217
Iscritto il: sab set 05, 2015 7:16 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da guidoreni » lun gen 23, 2017 9:40 am

Salve a tutti,vorrei sapere cortesemente dagli esperti del forum se uno che si è arruolato il 9 Luglio 1995 e ha ricongiunto anni 1, mesi 3,giorni 18, se rientra nel ricalcolo e se no ,per quanti mesi resta fuori il presunto nuovo conteggio.

Dufour
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 2
Iscritto il: lun mag 30, 2011 10:02 am

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da Dufour » lun gen 23, 2017 10:00 am

Buongiorno, volevo chiedervi se è vero che dopo tre anni i conteggi INPS non sono più impugnabili causa prescrizione? Io che rientro,nel caso in esame, sono in pensione da dicembre 2011 secondo voi cosa posso fare?
Grazie

oreste.vignati
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 2488
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da oreste.vignati » lun gen 23, 2017 11:32 am

penso che per ora ti conviene attedere e vedere che cosa farà l'Inps, eventualmente hai sempre la possibilità di ricorrere alla corte dei conti, per la pensione non vi è prescrizione

ilario61
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 24
Iscritto il: lun ott 15, 2012 4:41 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da ilario61 » lun gen 23, 2017 12:49 pm

Buongiorno a tutti.
Cari colleghi in pensione, faccio presente che il sottoscritto è ancora in servizio pur essendo 1982.

Per tutti quelli che che sono in pensione e che avevano i requisiti per l'applicazione dell'art. 54, suggerirei di rendere pubblica la situazione con l'intervento delle Jene oppure di striscia la notizia.
Basta andare su facebook, inviare il messaggio e spiegare la situazione che vi ha penalizzato.
Facendo in questo modo, contestualmente al servizio che andrà in onda verrà interpellato sicuramente qualche responsabile dell'INPS dove, dovrà rispondere pubblicamente per chiarire la situazione altrimenti, non ne uscirete piu'.
E' un mio pensiero banale che puo' servire a tuti voi.

Saluti

ciro49
Riferimento
Riferimento
Messaggi: 352
Iscritto il: lun lug 25, 2016 12:31 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da ciro49 » lun gen 23, 2017 12:56 pm

ilario61 ha scritto:Buongiorno a tutti.
Cari colleghi in pensione, faccio presente che il sottoscritto è ancora in servizio pur essendo 1982.

Per tutti quelli che che sono in pensione e che avevano i requisiti per l'applicazione dell'art. 54, suggerirei di rendere pubblica la situazione con l'intervento delle Jene oppure di striscia la notizia.
Basta andare su facebook, inviare il messaggio e spiegare la situazione che vi ha penalizzato.
Facendo in questo modo, contestualmente al servizio che andrà in onda verrà interpellato sicuramente qualche responsabile dell'INPS dove, dovrà rispondere pubblicamente per chiarire la situazione altrimenti, non ne uscirete piu'.
E' un mio pensiero banale che puo' servire a tuti voi.

Saluti
Dopo aver letto le 35 pagine create su questa problematica, mi e venuto un dubbio,con tutti questi numeri,e calcoli, se siete appartenenti al comparto sicurezza e difesa oppure siete studenti di un istituto tecnico commerciali per ragionieri-

Avatar utente
giovanni53
Consigliere
Consigliere
Messaggi: 536
Iscritto il: gio apr 07, 2016 4:33 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da giovanni53 » lun gen 23, 2017 1:15 pm

guidoreni ha scritto:Salve a tutti,vorrei sapere cortesemente dagli esperti del forum se uno che si è arruolato il 9 Luglio 1995 e ha ricongiunto anni 1, mesi 3,giorni 18, se rientra nel ricalcolo e se no ,per quanti mesi resta fuori il presunto nuovo conteggio.
Ma...è giusta la data 9 luglio 1995???? se sì allora non c'entra niente col ricalcolo, è praticamente un contributivo, l'unico coeff che vedrà sarà quello dell'età anagrafica al congedo

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10641
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da gino59 » lun gen 23, 2017 1:47 pm

guidoreni ha scritto:Salve a tutti,vorrei sapere cortesemente dagli esperti del forum se uno che si è arruolato il 9 Luglio 1995 e ha ricongiunto anni 1, mesi 3,giorni 18, se rientra nel ricalcolo e se no ,per quanti mesi resta fuori il presunto nuovo conteggio.
====================================="guidoreni"]....!!!!!
Arruolato 9 luglio 1995,anche se ricongiunto un misero periodo di AA1 MM3 GG18..non hai neanche
maggiorazioni del servizio.-Addios

guidoreni
Affidabile
Affidabile
Messaggi: 217
Iscritto il: sab set 05, 2015 7:16 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da guidoreni » lun gen 23, 2017 2:59 pm

Per Gino,chiedo scusa per l'errore di "battitura",la data é : 9 luglio 1985.

danieled
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 18
Iscritto il: ven feb 19, 2016 4:22 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da danieled » lun gen 23, 2017 4:01 pm

Secondo una logica l'art 54 DPR.1092/73 Vá applicato come principio a tutti in quanto il legislatore non poteva prevedere che dal 1995 ci sarebbero stati 3 conteggi diversi, quindi quando è stato instituito era solo per il sistema di calcolo RETRIBUTIVO......Credo si stia facendo parecchia confusione circa la sua applicazione....Al Berti gli è stato conteggiato sul sistema misto perchè non aveva i famosi 18 anni al 31.12.1995.......altrimenti l'avrebbero calcolato sulle 2 quota A e B ...Questo è il mio ragionamento

emamuele1965
Disponibile
Disponibile
Messaggi: 36
Iscritto il: ven dic 23, 2016 3:50 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da emamuele1965 » lun gen 23, 2017 5:07 pm

giovanni53 ha scritto:
emamuele1965 ha scritto:Giova, bel ragionamento. Pero', qualche messaggio fa, avevo già detto che se al.31/12/1992 avessi avuto 15 anni di contributi non sarei tra quelli interessati a fare istanza in quanto al 31/12/1995 avrei avuto 18 anni di contributi. Questo mi crea gia' un dubbio. Ora,per il periodo 1 gennaio 1993 31 dicembre 1995 si è stabilito per legge che la base stipendiale su cui calcolare la pensione non è quella relativa all ultima retribuzione ma alla media degli ultimi dieci anni e contestualmente si è stabilito che dal 1 gennaio 1996 si passa con il sistema contributivo, ma non cambia, appunto, l art. 54 del lontamissimo dpr del 1973. Ma non dice neanche che al 1992 si tronca l anzianità contributica per riprenderne un altra. Poi, lo 0.392, potrebbe essere ricavato come segue: art. 44 del dpr 1092 che prevede la base pensionabile del 35% previsto per i civili; a questo è stato aggiunto 1.80 per ogni anno che nel mio caso fa 3.60; poi sono stati aggiunti i quattro mesi al 0,015 per mese che fa 0.060 e la somme totale fa 0.392, cosi come previsto per i civili dal famigerato decreto. È quel 0.32 e rotti indicati nella quota B che non capisco perche' viene moltiplicato per la base pensionabile della quota A. Se siamo d'accordo che le leggi del 94 e del 95 non hanno modificato né l'articolo 54 nè anno interrrotto l anzianità contributiva al 92 e hanno modificato solo il sistema di calcolo della base stipendiale potremmo dire che ad entrambe le quote dovrebbe essere applicato l art. 54 con le differenti basi stipendiali e dal 1 gennaio 1996 in poi calcolarla con il sistema contributivo.
In ultimo la circolare che hai postato è pericolosissima perche' potrebbe svegliare il cane che dorme
Se ha dormito finora sarà narcotizzato eheheh
Comunque ti seguo con molta difficoltà, sarà l'età.
Dunque, prima di tutte le riforme si andava in pensione con una cifra data dal prodotto dell'ultima retribuzione in servizio, maggiorata, coi benefici, con di tutto e di più moltiplicata x l'aliquota di rendimento raggiunta che è una percentuale relativa agli anni di servizio utile totalizzati.
E' stata poi introdotta la pensione in quote, dove per chi NON è retributivo, la pensione è data dalla somma di queste 3 moltiplicazioni...
1^ moltipl. Quota A : ultima retribuzione x aliquota rendim. raggiunta al 31/12/92 (coeff. B)
2^ moltipl. Quota B : media ultime 10 retrib x (aliq rendim. raggiunta al 31/12/95 (coeff A) - coeff B)
3^ moltipl, Quota C : Montante contributivo dal 1996 x coeff età anagrafica al congedo

Quindi arruolato nel 1981, al 1992 hai raggiunto il 32% di anzianità (2.33/anno x 13A 9M cioè 0.32 coeff B.
che viene usato per calcolare la tua quota A, moltiplicandolo x ultima retribuzione.
Poi non c'è nessuna interruzione o troncatura, la tua anzianità continua a crescere anno per anno fino ad arrivare al 31/12/95 dove sarà di 17A 4M e quindi avrai raggiunto, come giustamente hai calcolato con l'art. 44 dei civili, tu stesso il 39,20% cioè 0.392 coeff A. Questo coeff A viene usato per il calcolo della quota B ma non intero, diminuito del coeff B come sai, in pratica si sottrae l'anzianità già calcolata nella quota A e si determina il coeff C = A - B. cioè 0.392 - 0.32 = 0.072 che sono i 3A 7M maturati dal 1992 al 1995.

Con l'eventuale favorevole applicazione dell 'art. 54 per i militari il coeff A 0.392 diverrebbe 0.440.
Quindi la quota A , coeff B, non varia.
Mentre la quota B , coeff C dato da A - B, crescendo A al 0.440 sarebbe 0.440 - 0.32 = 0.120 , aumenta.
Notte**
Giova, sarai pure autista di aerei ma devo ammettere che di questa roba qui ne hai capito più d me e cedo le Armi con te e le imbraccio con l inps. Vediamo che cosa succede. Ciao e appena ho aggiornamenti li mettero' a disposizione. E grazie.

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10641
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da gino59 » lun gen 23, 2017 5:41 pm

oreste.vignati ha scritto:
ciro49 ha scritto:
oreste.vignati ha scritto:Sicuramente, ma solo se percepiscono già la pensione..........

Inviato dal mio SM-T560 utilizzando Tapatalk
Grazie domani vado al cimitero e lo riferisco
Ciro con tutto il rispetto per tuo nonno, ma se potesse sentirci ci potrebbe prendere a calci nel sedere

Inviato dal mio SM-T560 utilizzando Tapatalk
============================================Nooooooooooooooo================
Pretenderebbe anche lui l'art.54....ahahaaaaiiiiihihi

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10641
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da gino59 » lun gen 23, 2017 5:47 pm

guidoreni ha scritto:Per Gino,chiedo scusa per l'errore di "battitura",la data é : 9 luglio 1985.
======================Mi pareva strana la domanda================
Premesso che il corso è di MM6 e quindi,al 31.12.1995 sono AA13 MM9 GG9...gg+ gg- .-Saluti

gino59
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 10641
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da gino59 » lun gen 23, 2017 5:51 pm

emamuele1965 ha scritto:
giovanni53 ha scritto:
emamuele1965 ha scritto:Giova, bel ragionamento. Pero', qualche messaggio fa, avevo già detto che se al.31/12/1992 avessi avuto 15 anni di contributi non sarei tra quelli interessati a fare istanza in quanto al 31/12/1995 avrei avuto 18 anni di contributi. Questo mi crea gia' un dubbio. Ora,per il periodo 1 gennaio 1993 31 dicembre 1995 si è stabilito per legge che la base stipendiale su cui calcolare la pensione non è quella relativa all ultima retribuzione ma alla media degli ultimi dieci anni e contestualmente si è stabilito che dal 1 gennaio 1996 si passa con il sistema contributivo, ma non cambia, appunto, l art. 54 del lontamissimo dpr del 1973. Ma non dice neanche che al 1992 si tronca l anzianità contributica per riprenderne un altra. Poi, lo 0.392, potrebbe essere ricavato come segue: art. 44 del dpr 1092 che prevede la base pensionabile del 35% previsto per i civili; a questo è stato aggiunto 1.80 per ogni anno che nel mio caso fa 3.60; poi sono stati aggiunti i quattro mesi al 0,015 per mese che fa 0.060 e la somme totale fa 0.392, cosi come previsto per i civili dal famigerato decreto. È quel 0.32 e rotti indicati nella quota B che non capisco perche' viene moltiplicato per la base pensionabile della quota A. Se siamo d'accordo che le leggi del 94 e del 95 non hanno modificato né l'articolo 54 nè anno interrrotto l anzianità contributiva al 92 e hanno modificato solo il sistema di calcolo della base stipendiale potremmo dire che ad entrambe le quote dovrebbe essere applicato l art. 54 con le differenti basi stipendiali e dal 1 gennaio 1996 in poi calcolarla con il sistema contributivo.
In ultimo la circolare che hai postato è pericolosissima perche' potrebbe svegliare il cane che dorme
Se ha dormito finora sarà narcotizzato eheheh
Comunque ti seguo con molta difficoltà, sarà l'età.
Dunque, prima di tutte le riforme si andava in pensione con una cifra data dal prodotto dell'ultima retribuzione in servizio, maggiorata, coi benefici, con di tutto e di più moltiplicata x l'aliquota di rendimento raggiunta che è una percentuale relativa agli anni di servizio utile totalizzati.
E' stata poi introdotta la pensione in quote, dove per chi NON è retributivo, la pensione è data dalla somma di queste 3 moltiplicazioni...
1^ moltipl. Quota A : ultima retribuzione x aliquota rendim. raggiunta al 31/12/92 (coeff. B)
2^ moltipl. Quota B : media ultime 10 retrib x (aliq rendim. raggiunta al 31/12/95 (coeff A) - coeff B)
3^ moltipl, Quota C : Montante contributivo dal 1996 x coeff età anagrafica al congedo

Quindi arruolato nel 1981, al 1992 hai raggiunto il 32% di anzianità (2.33/anno x 13A 9M cioè 0.32 coeff B.
che viene usato per calcolare la tua quota A, moltiplicandolo x ultima retribuzione.
Poi non c'è nessuna interruzione o troncatura, la tua anzianità continua a crescere anno per anno fino ad arrivare al 31/12/95 dove sarà di 17A 4M e quindi avrai raggiunto, come giustamente hai calcolato con l'art. 44 dei civili, tu stesso il 39,20% cioè 0.392 coeff A. Questo coeff A viene usato per il calcolo della quota B ma non intero, diminuito del coeff B come sai, in pratica si sottrae l'anzianità già calcolata nella quota A e si determina il coeff C = A - B. cioè 0.392 - 0.32 = 0.072 che sono i 3A 7M maturati dal 1992 al 1995.

Con l'eventuale favorevole applicazione dell 'art. 54 per i militari il coeff A 0.392 diverrebbe 0.440.
Quindi la quota A , coeff B, non varia.
Mentre la quota B , coeff C dato da A - B, crescendo A al 0.440 sarebbe 0.440 - 0.32 = 0.120 , aumenta.
Notte**
Giova, sarai pure autista di aerei ma devo ammettere che di questa roba qui ne hai capito più d me e cedo le Armi con te e le imbraccio con l inps. Vediamo che cosa succede. Ciao e appena ho aggiornamenti li mettero' a disposizione. E grazie.
==================================== In alta quota,si ha la mente più libera (no inquinata) e quindi, più concentrata...Congratulazioni.-

oreste.vignati
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 2488
Iscritto il: gio ago 21, 2014 8:34 am
Località: bologna

Re: ATTENZIONE, L'INPS DEVE RIFARE I CALCOLI ARRUOLATI 81/83

Messaggio da oreste.vignati » lun gen 23, 2017 6:02 pm

gino59 ha scritto:
oreste.vignati ha scritto:
ciro49 ha scritto:
Grazie domani vado al cimitero e lo riferisco
Ciro con tutto il rispetto per tuo nonno, ma se potesse sentirci ci potrebbe prendere a calci nel sedere

Inviato dal mio SM-T560 utilizzando Tapatalk
============================================Nooooooooooooooo================
Pretenderebbe anche lui l'art.54....ahahaaaaiiiiihihi
Mitico gino , ahahahah

Inviato dal mio SM-T560 utilizzando Tapatalk

Rispondi