arrotondamento x 1 giorno negato dall inps

Diritto Militare e per le Forze di Polizia
Feed - L'Avv. Giorgio Carta risponde

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito ed i quesiti rivolti all'avvocato Giorgio Carta saranno evasi compatibilmente con i suoi impegni professionali. Riceveranno risposta solo i quesiti pubblicati nell’area pubblica, a beneficio di tutti i frequentatori del forum. Nel caso si intenda ricevere una consulenza riservata e personalizzata , l’avvocato Carta è reperibile ai recapiti indicati sul sito www.studiolegalecarta.com, ma la prestazione professionale è soggetta alle vigenti tariffe professionali.
Rispondi
maurmira
Attività iniziale
Attività iniziale
Messaggi: 12
Iscritto il: mer gen 17, 2018 5:16 pm

arrotondamento x 1 giorno negato dall inps

Messaggio da maurmira » mar ago 28, 2018 12:08 pm

Richiesta di arrotondamento di frazioni di giorno superiori a 16 giorni ad un mese

Al 31.12.1995 lo scrivente risulta avere la seguente anzianità di servizio:

17 anni, 11 mesi, 29 giorni.

L’ufficio pensioni della Questura di ha rappresentato allo scrivente che l’INPS non prevede l’arrotondamento di giorni 1 cosi’ invece come previsto dalla normativa vigente e pertanto provvederà predisporre la pensione con sistema misto lasciando allo scrivente l’onere di un costoso ed inutile ricorso.

Nella circostanza, avevo richiesto

· il riconoscimento del diritto al trattamento pensionistico secondo il sistema RETRIBUTIVO, come disposto da:
art. 3 D.L. 274/1991, che fissa il principio per cui “il complessivo servizio utile viene arrotondato a mese intero, trascurando la frazione di mese non superiore a 15 giorni e computando per mese intero quella superiore
circolare INPS nr. 14 del 16 marzo 1998 (punto 6) la quale dispone che per le frazioni di giorni si applicano gli arrotondamenti come previsto dal richiamato art. 3 legge 274/91. (…omissis… ai fini della misura del trattamento pensionistico, dovranno arrotondare il servizio complessivo utile a mese intero, trascurando la frazione del mese non superiore a 15 giorni e computando per un mese quella superiore…omissis..)

Tale diritto viene riconosciuto in maniera chiara ed esaustiva, da:

a) legge ordinaria, (art. 3 D.L. 274/1991)
b) dalla circolare INPS (14/98)
c) da una Giurisprudenza consolidata univoca e recentissima la quale ne dispone la attualita` e ne ribadisce la sua applicazione

(Si citano al riguardo una serie di sentenze univoche sul medesimo argomento emesse dalla Corte dei Conti di diverse Regioni chiamate a determinare su contenziosi generati sull’applicazione della normativa inerente il riconoscimento della frazione di giorni superiori a 15):

Sez. Giur Liguria del 19.12.2016 nr. 118,
Sez. Giur. Trentino Alto Adige-Trento del 5.04.2017 nr. 14,
Sez. Giur. Sardegna 20.6.2017 nr. 87,
Sez. Giur Veneto nr. 14 del 25 gennaio 2018
Sez Giur. Lombardia nr. 16 del 31.01.2018

L`Inps a cui avevo inoltrato analogo quesito mi ha confermato il diniego e rappresentato, tra l`altro, che:

l'individuazione del sistema da applicare avviene tenendo conto dell`anzianità`al 31.12.1995 senza arrotondamento. mentre l`arrotondamento della stessa avviene unicamente nella misura della determinazione del trattamento di quiescenza in un sistema retributivo o nella quota retributiva di un sistema misto.

Sinceramente non ho ben compreso cosa significa questa ultima parte. Se qualcuno e`in grado di spiegarmi in parole semplici gliene sarei grato.

Non capisco quale e`la logica per cui il lavoratore deve perdere 29 giorni a fronte dell`inps che ne dobrebbe perdere 1 solo.
Grazie



Rispondi