Pagina 1 di 2

VISITA FISCALE

MessaggioInviato: ven gen 12, 2018 7:32 pm
da Roby68
Chi è in malattia per sindrome ansiosa è soggetto a visita fiscale o si può muovere liberamente?
Cambia se è C.S. o Aspettativa?
SE i giorni vengono dati dal C.M.O.?
Grazie

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: ven gen 12, 2018 8:27 pm
da Louis65
Passeggia liberamente e svagati,
ciao

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: sab gen 13, 2018 1:03 pm
da Roby68
Ti sarei grato se fossi più chiaro

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: sab gen 13, 2018 1:58 pm
da trasmarterzo
Louis65 ha scritto:Passeggia liberamente e svagati,
ciao


Collega, posso dirti che in questo forum tempo addietro lessi una sentenza positiva verso un collega non trovato in casa per una visita fiscale ed affetto da stanto ansioso ecc..., in poche parole il giudice ha dato ragione al collega perchè il fatto di non rimanere chiuso in casa e di camminare per la città altro non fa che beneficiare positivamente sullo stato di salute, che è l'elemento essenziale nella cura della patologia.
Se trovo la sentenza (se hai tempo e voglia puoi farlo anche te mettendo nel campo di ricerca parole tipo stato ansioso ecc...) te la comunico.
Saluti.

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: sab gen 13, 2018 9:52 pm
da Roby68
Te ne sarei grato

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: dom gen 14, 2018 1:18 am
da Louis65
ma se uno è a disposizione della CMO nemmeno la possono mandare la v.f.

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: dom gen 14, 2018 10:59 am
da Zenmonk
se si tratta di una sentenza intervenuta sul fatto, vuol dire che c'e' stata una vicenda giudiziaria (penale o amministrativa?) in cui e' conunque incorso il collega per essere andato in giro con lo stato ansioso e quindi questo dimostra che i problemi comunque ci sono stati e anche belli grossi.
in pratica, nessuno lo ha baciato in fronte.
dunque, suggerirei con molta umilta' - prima di dare consigli - di stare attenti alle loro conseguenze.

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: dom gen 14, 2018 12:18 pm
da trasmarterzo
Zenmonk ha scritto:se si tratta di una sentenza intervenuta sul fatto, vuol dire che c'e' stata una vicenda giudiziaria (penale o amministrativa?) in cui e' conunque incorso il collega per essere andato in giro con lo stato ansioso e quindi questo dimostra che i problemi comunque ci sono stati e anche belli grossi.
in pratica, nessuno lo ha baciato in fronte.
dunque, suggerirei con molta umilta' - prima di dare consigli - di stare attenti alle loro conseguenze.


Per il collega Roby68
Per il collega monaco... Zenmonk

link al forum (grazie al collega Panorama):
titolo post: visita fiscale e malattia dipendente da causa di servizio
carabinieri-f43/visita-fiscale-e-malattia-dipendente-da-causa-di-servizio-t3439.html

Quando ho detto che ho letto (molto spassionatamente...e senza impegno...) una sentenza per una questione simile, l' ho detto con assoluta certezza, io sono qui a partecipare al forum per dare e ricevere consigli, ripeto consigli e non certezze, quelle ciascuno di noi poi li deve verificare.
Comunque, visto che mai mi sono nascosto dietro il dito anzi a me piace partecipare nel mio piccolo, come promesso l' ho cercata per fare una cortesia al collega e a quanti sono in quella situazione.
La sentenza ovviamente va letta con attenzione e poco cambia (SECONDO ME) se trattasi di lavoro privato o pubblico, la patologia che colpisce è uguale per TUTTI GLI UOMNI.
Nella sostanza , insomma dice:

La sindrome ansioso depressiva giustifica l’assenza da casa nelle ore di reperibilità.
Corte di Cassazione Sez. Lavoro - Sent. del 21.10.2010, n. 21621
La sindrome ansiono depressiva giustifica l'assenza da casa nelle ore di reperibilità, chi soffre di tale "stato patologico" non è obbligato alla reperibilità.


Buona lettura, ogni commento è ben accetto.

Saluti.

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: dom gen 14, 2018 7:55 pm
da Zenmonk
letta la sentenza, era come diceva il monaco, ossia se volete pagare un avvocato per tre gradi di giudizio fino alla cassazione per giocare alla roulette con l'ondivaga (in)giustizia italiana, andate tranquillamente in giro quando siete in malattia per causa di servizio

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: lun gen 15, 2018 1:16 am
da Roby68
Zenmonk ha scritto:letta la sentenza, era come diceva il monaco, ossia se volete pagare un avvocato per tre gradi di giudizio fino alla cassazione per giocare alla roulette con l'ondivaga (in)giustizia italiana, andate tranquillamente in giro quando siete in malattia per causa di servizio


Scusami ma è già in vigore per le FF PP

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: lun gen 15, 2018 10:58 am
da naturopata
La sentenza della Cassazione è inerente un caso di un dipendente di una ditta. Credo che ci sia alquanto differenza se la malattia sia stata concessa dal dirigente medico o meglio ancora dalla C.M.O. per i militari e forze dell'ordine. Poi, per la carità, tutto può succedere, ma questo vale per qualsiasi cosa uno voglia fare e quindi usando il buon senso, se fossi io, tranne nel caso di riposo medico del medico curante, in questo caso non mi porrei il problema. Altra cosa però da valutare, sono anche i rapporti con i propri superiori che se non idilliaci, potrebbero creare problemi che, alla fine non porteranno a nulla, ma insomma arrivare a una cassazione per definire il tutto.........

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: lun gen 15, 2018 1:38 pm
da antoniope
Le sentenze di Cassazione non hanno forza di legge: queste servono solo a decidere un caso specifico, hanno valore solo tra le parti in causa. Se, ad esempio, esce una sentenza che stabilisce un determinato principio non è detto che – in assenza di una apposita circolare interna – gli uffici della pubblica amministrazione vi si conformino.

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: lun gen 15, 2018 3:29 pm
da Zenmonk
Esatto. Aggiungerei (sempre molto umilmente) che il balletto o meglio il giro di valzer di leggi scritte male e sentenze creative non mi pare troppo difficile da riassumere come segue: le leggi le scrivono alcuni magistrati appositamente collocati fuori ruolo negli uffici legislativi dei ministeri, in modo tale che quei pochi loro colleghi cui purtroppo tocca ancora scrivere le sentenze possano consolarsi decidendo come vogliono, rendendo così virtualmente illimitato il proprio potere, fino all’arbitro assoluto.
Molto triste come fotografia...

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: lun gen 15, 2018 3:50 pm
da Zenmonk
Ovviamente scherzo....

Re: VISITA FISCALE

MessaggioInviato: lun gen 15, 2018 4:20 pm
da naturopata
antoniope ha scritto:Le sentenze di Cassazione non hanno forza di legge: queste servono solo a decidere un caso specifico, hanno valore solo tra le parti in causa. Se, ad esempio, esce una sentenza che stabilisce un determinato principio non è detto che – in assenza di una apposita circolare interna – gli uffici della pubblica amministrazione vi si conformino.


No, ma fanno giurisprudenza, mentre le circolari, oltre a non avere forza di legge, non fanno neanche giurisprudenza:

Sentenza della Corte di Cassazione n. 5137/2014 sul valore delle circolari e risoluzioni ministeriali, ma vedi anche sentenza n. 237, depositata il 9 gennaio 2009 e la pronuncia n. 23031 del 9 ottobre 2007:

La prima affermazione desumibile dalla sentenza 237/2009 è quella secondo cui le circolari non sono atti normativi (né tanto meno sono a essi assimilabili) e, pertanto, sono prive del potere di innovare l'ordinamento giuridico.

Pur producendo di norma effetti vincolanti sul piano interno (ove il vincolo discende proprio dal rapporto gerarchico tra organo emanante e destinatari), le circolari possono essere legittimamente disattese quando in "evidente" contrasto con le norme di legge.

Ciò che i giudici intendevano affermare è che nell'eventualità in cui l'ufficio disattenda il contenuto della circolare, il contribuente non può per ciò solo far valere l'illegittimità dell'atto impugnato; quest'ultima, infatti, può derivare solo dal contrasto del contenuto dell'atto con le norme di legge. L'atto sarà, cioè, illegittimo solo se, a prescindere dalla sua conformità o meno a una circolare interpretativa, esso sia contrario alla legge, in quanto unico e solo parametro di valutazione della legittimità di un atto.
Tale conclusione appare ovvia alla luce di quanto detto a proposito del potere posto a fondamento dell'emanazione della circolare e del suo carattere "non innovativo" dell'ordinamento giuridico.