Link sponsorizzati

legge 539/50

legge 539/50

Messaggioda massive » ven gen 09, 2015 4:59 pm

Salve amici, a voi esperti voglio fare una domanda alla quale tante persone a cui ho chiesto il parere mi hanno dato risposte poco esaustive, per cui la giro a voi esperti.
Il quesito è questo:
A metà di questo anno, come gia postato in precedenza verrò riformato per crisi ansiose, e sono in attesa del benefit dello sblocco che prevede la maggiorazione del 2°ass. funz. e tutti gli altri scatti.
Pertanto lo scrivente gode della legge 539/50 dal 2004 e percepisco per questo l'indennità di euro 19,24 sul cedolino è a causa di questo, anni addietro ho percepito l'equo indennizzo in unica soluzione, per cui la domanda è... nel momento in cui mi faranno i conteggi della pensione, al calcolo mi verrà aggiunta anche la privileggiata oppure no!
Grazie


Link sponsorizzati
massive
Affidabile
Affidabile
 
Messaggi: 216
Iscritto il: lun nov 10, 2014 8:26 pm

Link sponsorizzati
  • Condividi su
  •   Vuoi avere più possibilità di risposta? Condividi questa pagina!
      

Re: legge 539/50

Messaggioda giggi60 » ven gen 09, 2015 5:06 pm

Ciao la privilegiata la puoi chiedere dopo la riforma e hai tempo due anni . Per il restante nussuno ti tocca nulla la legge 539/50 e l'intenita che ti è stata riconosciuta sulla tabella come categoria a vita
ciao
Sul forum ho postato stamattina in pdf la normativa sulla privilegiata


Link sponsorizzati
giggi60
 

Re: legge 539/50

Messaggioda massive » ven gen 09, 2015 9:18 pm

Grazie Giggi 60 per la tua gentile risposta.


Link sponsorizzati
massive
Affidabile
Affidabile
 
Messaggi: 216
Iscritto il: lun nov 10, 2014 8:26 pm

Re: legge 539/50

Messaggioda nico59 » mer feb 25, 2015 1:58 pm

Ciao a tutti,
io invece vi chiedo se detta Legge spetta e quali sono i criteri per avanzare richiesta della stessa. Premetto, che solo 5 gg. fa sono vento a conoscenza del beneficio.
quindi, carissimi amici, io attualmente sono in pensione e ho riconosciuta una causa di servizio cat. B e successivamente cat. 8^ A per aggravamento.
Posso ora chiedere l'estensione di detta Legge? e chi sono i destinatari?

Ringrazio a tutti coloro che mi danno lumi.

Nico59


Link sponsorizzati
nico59
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 75
Iscritto il: ven giu 10, 2011 6:20 pm

Re: legge 539/50

Messaggioda gino59 » gio feb 26, 2015 12:44 am

I benefici della legge 539/50
di
Alcune Amministrazioni pubbliche, tra cui il ministero dell’Interno, interpretando in modo sbagliato la normativa che ha previsto, a decorrere dal 1° gennaio 1987, il congelamento del cosiddetto “salario di anzianità” (classi e scatti di stipendio nell’ambito di ciascun livello retributivo), hanno sospeso anche l’attribuzione degli scatti di natura soggettiva, come quelli previsti dagli articoli 43 e 44 del Regio Decreto 1290/22 per i mutilati e invalidi di guerra, ed estesi, con la legge 15 luglio 1950, n. 539, al personale riconosciuto invalido per servizio.
Poiché il sistema di progressione economica per classi e scatti non è stato abolito in tutti i settori di contrattazione collettiva, l’attribuzione di tale beneficio continua ad operare nel Comparto Scuola, della Sanità (limitatamente all’area medica) ed in tutti quei settori non contrattualizzati come quello dei magistrati, degli avvocati dello Stato, dei professori universitari, dei dirigenti dello Stato, ecc., creando una evidente sperequazione di trattamento tra lavoratori della stessa pubblica Amministrazione.
In seguito a varie proteste e prese di posizione da parte di alcune organizzazioni sindacali, è stato interessato il Consiglio di Stato il quale, prima con decisione n. 742/92 del 17 maggio 1993 dell’Adunanza Generale e successivamente con vari pareri (335/95, 361/96 e 452/98) della stessa Commissione Speciale Pubblico Impiego, ha chiaramente stabilito che:
• “i suddetti benefici, in quanto previsti da fonte primaria con carattere di specialità, non possono considerarsi abrogati, neppure implicitamente, da una normativa secondaria, quale è quella dettata dagli accordi sindacali, tanto più che la materia in questione non è compresa fra quella sottoposta a contrattazione collettiva e non è stata quindi delegificata”;
• l’attribuzione di tale beneficio, al personale riconosciuto invalido per servizio deve avvenire d’ufficio, con atto dispositivo dell’Amministrazione di appartenenza. La domanda dell’interessato, pertanto, che ha la funzione di costituire in mora l’Amministrazione, può essere presentata dal dipendente anche in stato di quiescenza (parere 452/99);
• la decorrenza giuridica ed economica del beneficio sorge dalla data del processo verbale, con il quale viene riconosciuta la dipendenza dell’infermità o lesione per causa di servizio;
• la base di calcolo del benefizio in esame (uno scatto del 2,50% per le infermità ascritte dalla 1ª alla 6ª categoria, ovvero mezzo scatto dell’1,25% per la 7ª e l’8ª categoria), va individuata nello stipendio del livello retributivo di appartenenza comprensivo della retribuzione individuale di anzianità, prevista dall’art. 3 del D.p.r. 150/87 per il personale della Polizia di Stato, (parere n. 452/99 della Commissione Speciale Pubblico Impiego);
• dal momento che detti benefici consistono nell’abbreviazione di due ovvero di un anno dell’anzianità di servizio, a seconda che l’invalidità di cui il pubblico dipendente è portatore sia ascrivibile alle prime sei ovvero alle ultime due categorie di menomazione della tabella A, annessa al D.p.r. 834/81 e successive integrazioni, non sono da riassorbire nel tempo, nemmeno per mutamento dell’assetto retributivo (ad esempio per acquisizione di una successiva classe o scatto stipendiale, oppure per passaggio dal sistema retributivo dei “livelli” a quello dirigenziale);
• destinatari del beneficio in parola sono, oltre al personale in attività lavorativa, anche il personale collocato a riposo, a condizioni che il riconoscimento delle relative lesioni o infermità invalidanti siano avvenute in costanza di servizio, nonché i congiunti dei caduti in servizio (parere n. 361/96);
• viene infine ribadito il principio della imprescrittibilità del diritto allo stipendio, alla pensione e alla sua giusta misura, e quindi anche al beneficio in discussione che ne costituisce un incremento percentuale previsto per legge. Le somme arretrate invece sono soggette alla prescrizione quinquennale, ai sensi dell’art. 2 della legge 428/85, senza che il relativo diritto venga richiesto.
Dopo queste ultime indicazioni alcune pubbliche Amministrazioni, che in precedenza avevano sospeso l’attribuzione di tali benefici, hanno emanato precise disposizioni applicative per consentire il ripristino dell’istituto soppresso, nonché l’applicazione dello stesso anche al personale in quiescenza.
In proposito si cita la recente circolare n. DGPM/IV/11ˆ/CD/139758 del 9 novembre 2001 del ministero della Difesa, con la quale vengono impartite direttive per l’attribuzione d’ufficio dei benefici in questione, a tutto il personale militare, in attività di servizio ed in pensione, riconosciuto invalido per servizio. Risulta, inoltre, che anche il ministero per le Politiche Agricole, con propria disposizione n. 11316 del 23 novembre 1998, abbia già adottato analogo criterio.
Anche la Direzione generale dell’Inpdap ha recentemente emanato una propria circolare in merito alla questione (n. 31 del 18 marzo 2002), a firma del Dirigente generale (dott. Costanzo Gala), con la quale invita tutte le amministrazioni pubbliche ad informare, con cortese sollecitudine, il personale dipendente, sensibilizzando soprattutto quello collocato a riposo, il quale non abbia finora fruito del beneficio, sull’opportunità della presentazione di istanze.
Per l’Amministrazione dell’Interno, invece, a tutt’oggi, persistono forti perplessità, soprattutto per quanto riguarda: la prescrizione del diritto, l’assorbimento del beneficio una volta concesso, le modalità di calcolo e la concessione dello stesso beneficio al personale in quiescenza.
Per i motivi suesposti si consiglia al personale della Polizia di Stato, sia in attività di servizio che in quiescenza, che hanno ottenuto il riconoscimento di infermità o di lesioni dipendenti da causa di servizio, a presentare mirata istanza all’Amministrazione di appartenenza.
Per agevolare tale operazione si allegano tre schemi di istanze:
- la prima per il personale che non ha mai richiesto l’attribuzione del beneficio;
- la seconda per il personale che ha già presentato una richiesta nell’ultimo quinquennio e non ha ancora ottenuto il beneficio;
- la terza per quei colleghi che hanno ottenuto l’attribuzione del beneficio (uno scatto o mezzo scatto) che, però, successivamente è stato loro riassorbito dall’Amministrazione.


Link sponsorizzati
Immagine
gino59
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 9426
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: legge 539/50

Messaggioda nico59 » sab feb 28, 2015 9:08 pm

Ciao Gino59 (il grande)

non so se il tuo inserito si base alla mio quesito, ma mi pare di aver capito che mi hai dato ambia risposta.
Premesso ciò Gino, nello specifico io mi sono trovato dalla cat, B massima e transitato per aggravamento in 8^ A, a detto transito di cat. ero ancora in servizio. Ciò che ti chiedo visto la tua grande conoscenza io posso presentare domanda ora pure essendo in congedo? Rappresentando che a tutt'oggi non mi è stato notificato ancora il D.M., ma sono solo in possesso del Verbale della C.M.O.

Ti ringrazio e ti saluto calorosamente

Nico59


Link sponsorizzati
nico59
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 75
Iscritto il: ven giu 10, 2011 6:20 pm

Re: legge 539/50

Messaggioda gino59 » sab feb 28, 2015 10:22 pm

nico59 ha scritto:Ciao Gino59 (il grande)

non so se il tuo inserito si base alla mio quesito, ma mi pare di aver capito che mi hai dato ambia risposta.
Premesso ciò Gino, nello specifico io mi sono trovato dalla cat, B massima e transitato per aggravamento in 8^ A, a detto transito di cat. ero ancora in servizio. Ciò che ti chiedo visto la tua grande conoscenza io posso presentare domanda ora pure essendo in congedo? Rappresentando che a tutt'oggi non mi è stato notificato ancora il D.M., ma sono solo in possesso del Verbale della C.M.O.

Ti ringrazio e ti saluto calorosamente

Nico59

====================Io a breve presenterò (guasi) uguale istanza...speriamo bene====Ciaoooooooo


Link sponsorizzati
Immagine
gino59
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 9426
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm

Re: legge 539/50

Messaggioda nico59 » dom mar 01, 2015 12:11 pm

gino59 ha scritto:
nico59 ha scritto:Ciao Gino59 (il grande)

non so se il tuo inserito si base alla mio quesito, ma mi pare di aver capito che mi hai dato ambia risposta.
Premesso ciò Gino, nello specifico io mi sono trovato dalla cat, B massima e transitato per aggravamento in 8^ A, a detto transito di cat. ero ancora in servizio. Ciò che ti chiedo visto la tua grande conoscenza io posso presentare domanda ora pure essendo in congedo? Rappresentando che a tutt'oggi non mi è stato notificato ancora il D.M., ma sono solo in possesso del Verbale della C.M.O.

Ti ringrazio e ti saluto calorosamente

Nico59

====================Io a breve presenterò (quasi) uguale istanza...speriamo bene====Ciaoooooooo

Ciao Gino59,
ti ringrazio della tua gentile di cui sopra, e ti chiedo se possibile tenermi informato e se eventualmente hai il fax-simile della domanda, magari, se non ti crea problemi di allegarla anche eventualmente in MP.
Ciao e grazie ancora
Nico59


Link sponsorizzati
nico59
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 75
Iscritto il: ven giu 10, 2011 6:20 pm

Re: legge 539/50

Messaggioda gino59 » dom mar 01, 2015 2:07 pm



Link sponsorizzati
Immagine
gino59
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 9426
Iscritto il: lun nov 22, 2010 11:26 pm


Torna a POLIZIA PENITENZIARIA






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti




CSS Valido!