Link sponsorizzati

Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda avt8 » lun mag 15, 2017 10:13 pm

A seguito della sentenza della Corte di Cassazione nr.7761/2017, molte vittime del dovere non percettori del vitalizio da 500 euro , che sono in tanti, hanno formulato regolare richiesta al Ministero della Difesa,appartenenti al comparto difesa, quale equiparati alle vittime del dovere,per avere l'adeguamento di tale assegno ad euro 500-
Il Ministero della Difesa , a tutti i richiedenti sta rispondendo con la medesima risposta di cui vi riporto il contenuto :

In riferimento all'istanza datata marzo 2017, e pervenuta in data 6 aprile 2017,formulata dalla S.V. tendente ad ottenere l'elevazione dell'assegno vitalizio in godimento ad euro 500-
Sulla questione la scrivente Direzione Generale ha ritenuto doveroso interessare i massimi livelli istituzionali tra cui L'Avvocatura Generale dello Stato quale organo consultivo,osservando che sebbene la Suprema Corte con sentenza n.7761 del 7 marzo 2017 ,abbia affermato il principio di diritto secondo cui l'importo dell'assegno vitalizio da corrispondere alle vittime del dovere equiparate, dovrà essere uguale a quello attribuito alle vittime del terrorismo ciè pari ad euro 500,00 mensili ,non sono state individuate le conseguenti misure di carattere finanziario per far fronte a maggiori oneri in termini di spesa pubblica derivanti dall'adeguamento dell'assegno in via amministrativa.
Quanto sopra atteso che la parzialità dell'estensione dei benefici nella previsione della norma in epigrafe risulta chiaramente desumibile dalla progressività dell'estensione sancita dal comma 562 ,ninchè dal vincolo rappresentato dal tetto di spesa di cui al comma 565.-
In merito ,l'Organo consultivo adito con la nota CT.15110/17,si e pronunciato in maniera assorbente a quanto prospettato dalla Scrivente,evidenziando ,che qualora non si ritenga di intervenire sulle norme vigenti in via interpretativa e/o modificata,si dovranno individuare misure idonee a fronteggiare i realtivi oneri di spesa-
Ciò stante questa Direzione Generale rimane in attesa della definizione della questione nelle opportune sedi istituzionali al fine di procedere,eventualmente all'accoglimento dell'istanza.-

In pratica il Ministero conferma che spetta , ma no ha i soldi per adeguare l'assegno- vitalizio da 500 euro, per cui con questa risposta avanti al giudice del lavoro un ricorso verrà definito in pochissimo tempo-

Ho in cantiere circa una 20 di ricorsi-
Poi vi farò sapere l'esito-


Link sponsorizzati
avt8
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1942
Iscritto il: gio gen 30, 2014 9:36 pm

Link sponsorizzati
  • Condividi su
  •   Vuoi avere più possibilità di risposta? Condividi questa pagina!
      

Re: Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda Zenmonk » lun mag 15, 2017 11:00 pm

avt8 ha scritto:A seguito della sentenza della Corte di Cassazione nr.7761/2017, molte vittime del dovere non percettori del vitalizio da 500 euro , che sono in tanti, hanno formulato regolare richiesta al Ministero della Difesa,appartenenti al comparto difesa, quale equiparati alle vittime del dovere,per avere l'adeguamento di tale assegno ad euro 500-
Il Ministero della Difesa , a tutti i richiedenti sta rispondendo con la medesima risposta di cui vi riporto il contenuto :

In riferimento all'istanza datata marzo 2017, e pervenuta in data 6 aprile 2017,formulata dalla S.V. tendente ad ottenere l'elevazione dell'assegno vitalizio in godimento ad euro 500-
Sulla questione la scrivente Direzione Generale ha ritenuto doveroso interessare i massimi livelli istituzionali tra cui L'Avvocatura Generale dello Stato quale organo consultivo,osservando che sebbene la Suprema Corte con sentenza n.7761 del 7 marzo 2017 ,abbia affermato il principio di diritto secondo cui l'importo dell'assegno vitalizio da corrispondere alle vittime del dovere equiparate, dovrà essere uguale a quello attribuito alle vittime del terrorismo ciè pari ad euro 500,00 mensili ,non sono state individuate le conseguenti misure di carattere finanziario per far fronte a maggiori oneri in termini di spesa pubblica derivanti dall'adeguamento dell'assegno in via amministrativa.
Quanto sopra atteso che la parzialità dell'estensione dei benefici nella previsione della norma in epigrafe risulta chiaramente desumibile dalla progressività dell'estensione sancita dal comma 562 ,ninchè dal vincolo rappresentato dal tetto di spesa di cui al comma 565.-
In merito ,l'Organo consultivo adito con la nota CT.15110/17,si e pronunciato in maniera assorbente a quanto prospettato dalla Scrivente,evidenziando ,che qualora non si ritenga di intervenire sulle norme vigenti in via interpretativa e/o modificata,si dovranno individuare misure idonee a fronteggiare i realtivi oneri di spesa-
Ciò stante questa Direzione Generale rimane in attesa della definizione della questione nelle opportune sedi istituzionali al fine di procedere,eventualmente all'accoglimento dell'istanza.-

In pratica il Ministero conferma che spetta , ma no ha i soldi per adeguare l'assegno- vitalizio da 500 euro, per cui con questa risposta avanti al giudice del lavoro un ricorso verrà definito in pochissimo tempo-

Ho in cantiere circa una 20 di ricorsi-
Poi vi farò sapere l'esito-


La certezza secondo me sussiste solo se se la declaratoria di vittima è stata ottenuta ope iudicis dall'Ag ordinaria: viceversa, ossia se il diritto fosse stato dichiarato dalla giustizia amministrativa, poi dichiarata priva di giurisdizione in materia, i solerti avvocati delle amministrazioni potrebbero rimettere in discussione il diritto stesso, con domanda riconvenzionale (già successo).
Ve la sentite per 3000 euro l'anno?


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1434
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda avt8 » lun mag 15, 2017 11:21 pm

Zenmonk ha scritto:
avt8 ha scritto:A seguito della sentenza della Corte di Cassazione nr.7761/2017, molte vittime del dovere non percettori del vitalizio da 500 euro , che sono in tanti, hanno formulato regolare richiesta al Ministero della Difesa,appartenenti al comparto difesa, quale equiparati alle vittime del dovere,per avere l'adeguamento di tale assegno ad euro 500-
Il Ministero della Difesa , a tutti i richiedenti sta rispondendo con la medesima risposta di cui vi riporto il contenuto :

In riferimento all'istanza datata marzo 2017, e pervenuta in data 6 aprile 2017,formulata dalla S.V. tendente ad ottenere l'elevazione dell'assegno vitalizio in godimento ad euro 500-
Sulla questione la scrivente Direzione Generale ha ritenuto doveroso interessare i massimi livelli istituzionali tra cui L'Avvocatura Generale dello Stato quale organo consultivo,osservando che sebbene la Suprema Corte con sentenza n.7761 del 7 marzo 2017 ,abbia affermato il principio di diritto secondo cui l'importo dell'assegno vitalizio da corrispondere alle vittime del dovere equiparate, dovrà essere uguale a quello attribuito alle vittime del terrorismo ciè pari ad euro 500,00 mensili ,non sono state individuate le conseguenti misure di carattere finanziario per far fronte a maggiori oneri in termini di spesa pubblica derivanti dall'adeguamento dell'assegno in via amministrativa.
Quanto sopra atteso che la parzialità dell'estensione dei benefici nella previsione della norma in epigrafe risulta chiaramente desumibile dalla progressività dell'estensione sancita dal comma 562 ,ninchè dal vincolo rappresentato dal tetto di spesa di cui al comma 565.-
In merito ,l'Organo consultivo adito con la nota CT.15110/17,si e pronunciato in maniera assorbente a quanto prospettato dalla Scrivente,evidenziando ,che qualora non si ritenga di intervenire sulle norme vigenti in via interpretativa e/o modificata,si dovranno individuare misure idonee a fronteggiare i realtivi oneri di spesa-
Ciò stante questa Direzione Generale rimane in attesa della definizione della questione nelle opportune sedi istituzionali al fine di procedere,eventualmente all'accoglimento dell'istanza.-

In pratica il Ministero conferma che spetta , ma no ha i soldi per adeguare l'assegno- vitalizio da 500 euro, per cui con questa risposta avanti al giudice del lavoro un ricorso verrà definito in pochissimo tempo-

Ho in cantiere circa una 20 di ricorsi-
Poi vi farò sapere l'esito-


La certezza secondo me sussiste solo se se la declaratoria di vittima è stata ottenuta ope iudicis dall'Ag ordinaria: viceversa, ossia se il diritto fosse stato dichiarato dalla giustizia amministrativa, poi dichiarata priva di giurisdizione in materia, i solerti avvocati delle amministrazioni potrebbero rimettere in discussione il diritto stesso, con domanda riconvenzionale (già successo).
Ve la sentite per 3000 euro l'anno?


Caro ZEM ,il diritto acquisto del riconoscimento di VD, avuto sia in via amministrativa che in via giudiziaria con sentenza passata in giudicato, nessuno può intaccarlo più solo " la morte "
Ma non sono 3.000 euro solo annui , ci sono anche gli arretrati intorno ai 40.000 euro per chi ha evento prima del della legge-


Link sponsorizzati
avt8
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1942
Iscritto il: gio gen 30, 2014 9:36 pm

Re: Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda Zenmonk » mar mag 16, 2017 12:42 am

avt8 ha scritto:
Zenmonk ha scritto:
avt8 ha scritto:A seguito della sentenza della Corte di Cassazione nr.7761/2017, molte vittime del dovere non percettori del vitalizio da 500 euro , che sono in tanti, hanno formulato regolare richiesta al Ministero della Difesa,appartenenti al comparto difesa, quale equiparati alle vittime del dovere,per avere l'adeguamento di tale assegno ad euro 500-
Il Ministero della Difesa , a tutti i richiedenti sta rispondendo con la medesima risposta di cui vi riporto il contenuto :

In riferimento all'istanza datata marzo 2017, e pervenuta in data 6 aprile 2017,formulata dalla S.V. tendente ad ottenere l'elevazione dell'assegno vitalizio in godimento ad euro 500-
Sulla questione la scrivente Direzione Generale ha ritenuto doveroso interessare i massimi livelli istituzionali tra cui L'Avvocatura Generale dello Stato quale organo consultivo,osservando che sebbene la Suprema Corte con sentenza n.7761 del 7 marzo 2017 ,abbia affermato il principio di diritto secondo cui l'importo dell'assegno vitalizio da corrispondere alle vittime del dovere equiparate, dovrà essere uguale a quello attribuito alle vittime del terrorismo ciè pari ad euro 500,00 mensili ,non sono state individuate le conseguenti misure di carattere finanziario per far fronte a maggiori oneri in termini di spesa pubblica derivanti dall'adeguamento dell'assegno in via amministrativa.
Quanto sopra atteso che la parzialità dell'estensione dei benefici nella previsione della norma in epigrafe risulta chiaramente desumibile dalla progressività dell'estensione sancita dal comma 562 ,ninchè dal vincolo rappresentato dal tetto di spesa di cui al comma 565.-
In merito ,l'Organo consultivo adito con la nota CT.15110/17,si e pronunciato in maniera assorbente a quanto prospettato dalla Scrivente,evidenziando ,che qualora non si ritenga di intervenire sulle norme vigenti in via interpretativa e/o modificata,si dovranno individuare misure idonee a fronteggiare i realtivi oneri di spesa-
Ciò stante questa Direzione Generale rimane in attesa della definizione della questione nelle opportune sedi istituzionali al fine di procedere,eventualmente all'accoglimento dell'istanza.-

In pratica il Ministero conferma che spetta , ma no ha i soldi per adeguare l'assegno- vitalizio da 500 euro, per cui con questa risposta avanti al giudice del lavoro un ricorso verrà definito in pochissimo tempo-

Ho in cantiere circa una 20 di ricorsi-
Poi vi farò sapere l'esito-


La certezza secondo me sussiste solo se se la declaratoria di vittima è stata ottenuta ope iudicis dall'Ag ordinaria: viceversa, ossia se il diritto fosse stato dichiarato dalla giustizia amministrativa, poi dichiarata priva di giurisdizione in materia, i solerti avvocati delle amministrazioni potrebbero rimettere in discussione il diritto stesso, con domanda riconvenzionale (già successo).
Ve la sentite per 3000 euro l'anno?


Caro ZEM ,il diritto acquisto del riconoscimento di VD, avuto sia in via amministrativa che in via giudiziaria con sentenza passata in giudicato, nessuno può intaccarlo più solo " la morte "
Ma non sono 3.000 euro solo annui , ci sono anche gli arretrati intorno ai 40.000 euro per chi ha evento prima del della legge-

Eppure i furbacchioni dell'amministrazione l'hanno fatta la riconvenzionale, poi a dire il vero il tribunale li ha mazzolati per benino condannandoli alle spese e mi pare pure ai danni per lite temeraria, ma non ne sono sicuro.
Certo la domanda riconvenzionale nessuno gli vieta di farla e se trovano il giudice "sensibile" beh...


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1434
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda antoniomlg » mar mag 16, 2017 9:20 am

"Zenmonk" ha scritto:
La certezza secondo me sussiste solo se se la declaratoria di vittima è stata ottenuta ope iudicis dall'Ag ordinaria: viceversa, ossia se il diritto fosse stato dichiarato dalla giustizia amministrativa, poi dichiarata priva di giurisdizione in materia, i solerti avvocati delle amministrazioni potrebbero rimettere in discussione il diritto stesso, con domanda riconvenzionale (già successo).
Ve la sentite per 3000 euro l'anno?


La domanda riconvenzionale è sempre esperibile?
essa non soggiace al giudicato formale .?

grazie


Link sponsorizzati
Avatar utente
antoniomlg
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3040
Iscritto il: ven set 03, 2010 10:18 am

Re: Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda Zenmonk » mar mag 16, 2017 1:27 pm

La domanda riconvenzionale e' prerogativa del convenuto (tu chiedi che lui dia/faccia x a te e lui con domanda riconvenzionale chiede che invece sia tu a dover dare/fare y).
Soggiace sicuramente a dei termini ma non saprei dirti quali.


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1434
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda Zenmonk » mar mag 16, 2017 1:36 pm

Zenmonk ha scritto:La domanda riconvenzionale e' prerogativa del convenuto (tu chiedi che lui dia/faccia x a te e lui con domanda riconvenzionale chiede che invece sia tu a dover dare/fare y).
Soggiace sicuramente a dei termini ma non saprei dirti quali.

Scusa avevo dimenticato di rispondere all'altra domanda.
Certo che il giudicato ordinario non è impugnabile; non altrettanto mi pare l'esito di una pronuncia della giurisdizione amministrativa, in quanto dichiarata incompetente dalla Cassazione a Sezioni Unite in materia di vittime del dovere.


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1434
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: Vittime del dovere .vitalizio da 500 euro

Messaggioda antoniomlg » mar mag 16, 2017 1:53 pm

bene

grazie dei chiarimenti....

e speriamo di non averne mai bisogno..

ciao


Link sponsorizzati
Avatar utente
antoniomlg
Veterano del Forum
Veterano del Forum
 
Messaggi: 3040
Iscritto il: ven set 03, 2010 10:18 am


Torna a POLIZIA DI STATO






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti




CSS Valido!