Link sponsorizzati

Rnnovo l'invito per ottenere qualche consiglio...

Rnnovo l'invito per ottenere qualche consiglio...

Messaggioda Niclo » lun lug 17, 2017 11:54 am

Gentili colleghi,

premetto di aver appena rappresentato il quesito anche all'Avvocato Carta, per poter valutare la possibilità di un'azione risarcitoria nei confronti dell'Amministrazione.
Sono un Sov. Capo con circa 31 anni di servizio (15° corso Nettuno).
In data 24.11.2016 mi veniva notificato il Provvedimento Ex. art. 48 D.P.R. 782/1985 senza fornirmi alcun tipo di chiarimento in merito.
Il provvedimento, ho poi scoperto che mi è stato irrogato da un Medico della P.S. a seguito di una presunta Relazione di servizio, secondo la quale, il medico mi riteneva affetto da turbe comportamentali.
Dopo essermi sottoposto a ben due perizie psichiatriche, prima con lo Psichiatra preposto dall'Amministrazione, e poi con lo psichiatra dell'Esercito presso la C.M.O., venivo giudicato idoneo al servizio d’Istituto per “Assenza di psicopatologia evidenziabile in atto a carattere invalidante”, senza che l'Amministrazione mi abbia mai contestato nulla, né a livello disciplinare né tanto meno a livello penale.

Benissimo...

A questo punto, ritenevo opportuno chiedere l'accesso agli atti a tutti gli Uffici interessati:

1) La PAS (Divisione Passaporti/Armi/Sociale), interessata dal provvedimento in quanto detengo armi regolarmente denunciate e detenute,

2) L'ufficio Sanitario, dal quale ha avuto origine il provvedimento,

3) L'Ufficio del Personale, in quanto custode del mio fascicolo.

La PAS mi ha concesso un parziale accesso agli atti per ragioni di riservatezza, per cui, in pratica, a parte il verbale di ritiro cautelativo delle armi detenute, non avrei potuto accedere a nessun'altro atto riguardante il procedimento.

L'Ufficio Sanitario, presso il quale ho avuto modo di aquisire una riservata, redatta dal Medico che ha irrogato il provvedimento, nella quale rappresenta di aver visionato l'oramai "volatilizzata" Relazione di servizio, nel senso che della medesima non vi è più traccia alcuna.

L'Ufficio del Personale, presso il quale ho avuto modo di acquisire la medesima riservata di cui sopra, ma anche quì, della fantomatica relazione, nessuna traccia.

Siccome ho motivo di credere di essere stato vittima di uno "scherzo" di cattivo gusto, la cui regia sia da attribuire altrove, ho ritenuto opportuno rappresentare al Sig. Questore, la gravità degli ultimi fatti emersi per mezzo di una riservata, senza aver ancora ottenuto alcun cenno di risposta.
Ammesso ma non concesso che la relazione salti fuori, gradirei conoscere l'iter procedurale per adire le vie legali, nelle sedi più opportune, nei confronti dei responsabili di questo vile atto perpetrato ai miei danni, a seguito del quale ho rischiato di vedermi riformato con disonore qualora uno dei due psichiatri non avesse voluto assumersi la responsabilità di riconoscermi NON AFFETTO DA TURBE COMPORTAMENTALI, come asserito da qualche "improvvisato regista", che poi si è guardato bene dal lasciare tracce del suo operato, ma spero di poter fare luce quanto prima sull'accaduto, a qualunque costo.

Preciso di essere in possesso dell'intera documentazione comprovante quanto sostenuto.
Svolgendo servizio a Milano, avrei bisogno di un legale di indubbia capacità, per poter esercitare un'azione risarcitoria nei confronti di questi vili personaggi facenti parte dell'Amministrazione.

Un sentito ringraziamento a tutti coloro che potranno fornirmi un aiuto, affinchè un'indomani non capiti a voi ciò che l'Amministrazione mi ha riservato.

Cordialmente.


Link sponsorizzati
Niclo
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 36
Iscritto il: lun nov 24, 2014 12:17 am

Link sponsorizzati
  • Condividi su
  •   Vuoi avere più possibilità di risposta? Condividi questa pagina!
      

Re: Rnnovo l'invito per ottenere qualche consiglio...

Messaggioda Zenmonk » lun lug 17, 2017 12:41 pm

Niclo ha scritto:Gentili colleghi,

premetto di aver appena rappresentato il quesito anche all'Avvocato Carta, per poter valutare la possibilità di un'azione risarcitoria nei confronti dell'Amministrazione.
Sono un Sov. Capo con circa 31 anni di servizio (15° corso Nettuno).
In data 24.11.2016 mi veniva notificato il Provvedimento Ex. art. 48 D.P.R. 782/1985 senza fornirmi alcun tipo di chiarimento in merito.
Il provvedimento, ho poi scoperto che mi è stato irrogato da un Medico della P.S. a seguito di una presunta Relazione di servizio, secondo la quale, il medico mi riteneva affetto da turbe comportamentali.
Dopo essermi sottoposto a ben due perizie psichiatriche, prima con lo Psichiatra preposto dall'Amministrazione, e poi con lo psichiatra dell'Esercito presso la C.M.O., venivo giudicato idoneo al servizio d’Istituto per “Assenza di psicopatologia evidenziabile in atto a carattere invalidante”, senza che l'Amministrazione mi abbia mai contestato nulla, né a livello disciplinare né tanto meno a livello penale.

Benissimo...

A questo punto, ritenevo opportuno chiedere l'accesso agli atti a tutti gli Uffici interessati:

1) La PAS (Divisione Passaporti/Armi/Sociale), interessata dal provvedimento in quanto detengo armi regolarmente denunciate e detenute,

2) L'ufficio Sanitario, dal quale ha avuto origine il provvedimento,

3) L'Ufficio del Personale, in quanto custode del mio fascicolo.

La PAS mi ha concesso un parziale accesso agli atti per ragioni di riservatezza, per cui, in pratica, a parte il verbale di ritiro cautelativo delle armi detenute, non avrei potuto accedere a nessun'altro atto riguardante il procedimento.

L'Ufficio Sanitario, presso il quale ho avuto modo di aquisire una riservata, redatta dal Medico che ha irrogato il provvedimento, nella quale rappresenta di aver visionato l'oramai "volatilizzata" Relazione di servizio, nel senso che della medesima non vi è più traccia alcuna.

L'Ufficio del Personale, presso il quale ho avuto modo di acquisire la medesima riservata di cui sopra, ma anche quì, della fantomatica relazione, nessuna traccia.

Siccome ho motivo di credere di essere stato vittima di uno "scherzo" di cattivo gusto, la cui regia sia da attribuire altrove, ho ritenuto opportuno rappresentare al Sig. Questore, la gravità degli ultimi fatti emersi per mezzo di una riservata, senza aver ancora ottenuto alcun cenno di risposta.
Ammesso ma non concesso che la relazione salti fuori, gradirei conoscere l'iter procedurale per adire le vie legali, nelle sedi più opportune, nei confronti dei responsabili di questo vile atto perpetrato ai miei danni, a seguito del quale ho rischiato di vedermi riformato con disonore qualora uno dei due psichiatri non avesse voluto assumersi la responsabilità di riconoscermi NON AFFETTO DA TURBE COMPORTAMENTALI, come asserito da qualche "improvvisato regista", che poi si è guardato bene dal lasciare tracce del suo operato, ma spero di poter fare luce quanto prima sull'accaduto, a qualunque costo.

Preciso di essere in possesso dell'intera documentazione comprovante quanto sostenuto.
Svolgendo servizio a Milano, avrei bisogno di un legale di indubbia capacità, per poter esercitare un'azione risarcitoria nei confronti di questi vili personaggi facenti parte dell'Amministrazione.

Un sentito ringraziamento a tutti coloro che potranno fornirmi un aiuto, affinchè un'indomani non capiti a voi ciò che l'Amministrazione mi ha riservato.

Cordialmente.

Il tuo caso e' purtroppo comune e lo era ancora di più in passato, quando era prassi consolidata, per dirla come disse una volta un colonnello medico, quella di "risolvere con la medicina militare i problemi dell'amministrazione", ossia, in termini più chiari, di togliersi dai piedi dipendenti "scomodi" facendoli passare per pazzi, come ancora avviene negli stati totalitari con i dissenzienti.
Per fortuna una prassi del genere, evidentemente abusiva e gravemente illegittima, incontra crescente resistenza da parte di studi legali specializzati nel diritto militare e conseguente giurisprudenza sempre meno timida ossia meno ossequiente verso le amministrazioni quando esse agiscono fuori dalle regole: ricordo distintamente, nei primi anni 90, un provvedimento di archiviazione di notizia di reato, in cui l'illegittimo invio di personale in osservazione psichiatrica veniva timidamente definito "inopportuno"; al giorno d'oggi, probabilmente i responsabili di tale "psichiatrizzazione del dissenso" sarebbero stati incriminati...
Cosa fare? Rivolgersi certamente ad uno studio legale noto per non essere completamente "inginocchiato" o semplicemente "avvicinato" (che si tratti o meno di cercare un ago nel pagliaio) e - risolto questo problema non indifferente - percorrere senza timori tutte le strade per arrivare alla piena conoscenza dei fatti, all'individuazione e punizione dei responsabili e al risarcimento dei danni per ogni loro singola voce (penso al danno morale oltre che biologico).
Una volta fatta chiarezza, ti arriveranno tardive ed ipocrite scuse, che non servono a niente, ma almeno avrai aiutato queste amministrazioni a fare scelte diverse da quella - ritenuta erroneamente la più semplice - di pugnalare alle spalle chi non si uniforma ai desideri, peraltro sovente inespressi, del potente di turno.
In bocca al lupo.


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1479
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: Rnnovo l'invito per ottenere qualche consiglio...

Messaggioda Niclo » lun lug 17, 2017 1:15 pm

Che dire ?

Ti ringrazio per l'onestà intelettuale, oltre che per la rapida risposta, in quanto sembra che certi argomenti destino paura.

Farò tesoro dei tuoi consigli, nella speranza di trovare persone fidate alle quali rivolgermi per ottenere giustizia.

Comunque non mancherò di fare la dovuta pubblicità all'Amministrazione.

Senpre a disposizione per quei colleghi che dovessero trovarsi a dover subire tale ignominia.

INVICTUS MANEO / MORIOR INVICTUS


Link sponsorizzati
Niclo
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 36
Iscritto il: lun nov 24, 2014 12:17 am

Re: Rnnovo l'invito per ottenere qualche consiglio...

Messaggioda Zenmonk » lun lug 17, 2017 1:25 pm

Niclo ha scritto:Che dire ?

Ti ringrazio per l'onestà intelettuale, oltre che per la rapida risposta, in quanto sembra che certi argomenti destino paura.

Farò tesoro dei tuoi consigli, nella speranza di trovare persone fidate alle quali rivolgermi per ottenere giustizia.

Comunque non mancherò di fare la dovuta pubblicità all'Amministrazione.

Senpre a disposizione per quei colleghi che dovessero trovarsi a dover subire tale ignominia.

INVICTUS MANEO / MORIOR INVICTUS

Grazie a te e mi raccomando: tienici informati con tempestività, perché è noto che certi parassiti proliferano e si nutrono nel buio mentre la luce del sole li rende innocui.


Link sponsorizzati
Avatar utente
Zenmonk
Esperto del Forum
Esperto del Forum
 
Messaggi: 1479
Iscritto il: dom lug 13, 2014 2:38 pm

Re: Rnnovo l'invito per ottenere qualche consiglio...

Messaggioda Niclo » lun lug 17, 2017 1:32 pm

Non mancherò, in tal senso, la vostra soddisfazione, sarebbe l'ancor più mia soddisfazione.


Link sponsorizzati
Niclo
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 36
Iscritto il: lun nov 24, 2014 12:17 am


Torna a POLIZIA DI STATO






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: matteo223 e 13 ospiti




CSS Valido!