Link sponsorizzati

RIMOZIONE DAL GRADO E CALCOLO PPO

Moderatore: Avv. Giorgio Carta

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte all'Avv. Carta verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con l'avvocato ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.

RIMOZIONE DAL GRADO E CALCOLO PPO

Messaggioda principe124 » ven giu 02, 2017 7:37 pm

Un caro saluto a tutti,
vorrei chiederVi (visto che nel forum della gdf e delle 3 FF.AA.) non ha risposto nessuno), a quanto ammonterebbe la p.p.o.
1) Arruolamento in GDF 20.9.1989 quale allievo finanziere senza aver fatto il militare;
2) nel 2006 è stata riconosciuta la causa di servizio tabella A categoria 8^ per artrosi diffusa e c 3 e c 4;
3) il 3.10.2009 viene presentata un'altra istanza per il riconoscimento di patologia quale causa di servizio, ma stante la non stabilizzazione della patologia la cmo nel 2013 "sospende l'attribuzione della categoria e della tabella e trasmette il fascicolo al Cvcs il quale si esprime per la non dipendenza da causa di servizio, contro il quale sono state prodotte osservazioni ex art.10 bis legge 241/90;
4) il 20.5.11 sospensione dal servizio a titolo facoltativo per rinvio a giudizio per reato militare con 50% dello stipendio (per i primi 4 anni € 666 e solo per l'ultimo anno e mezzo € 1.040,00 al mese);
5) il 24.10.16 mentre si era ancora sospesi dal servizio, perviene la rimozione dal grado a seguito di procedimento disciplinare avviato per condanna penale militare per un reato militare;
6) ai fini della buonuscita sono stati riscattati gli anni dal 1989 fino al 2011;
a) è corretto aver percepito solo € 666 per i primi 4 anni ed € 1.040,00 per il restante anno e mezzo nella posizione di sospeso dal servizio?
b) è corretto non corrispondere il rimanente 50%, visto che a coloro che invece a seguito del procedimento disciplinare, nel caso venga inflitta la sospensione dal servizio per 6 mesi, viene riassegnato il 50% dello stipendio non fruito per i 4 anni e mezzo e quindi, pur non avendo lavorato si vedono rimborsato l'intero stipendio per ben 4 anni e mezzo?;
c) quanto percepirò di p.p.o., FAF, Liquidazione, ecc?
d) quanto al punto 3 la cmo qualora nel 2013, avesse riconosciuto una 5 categoria avrebbe disposto la riforma, ma non essendosi espressa perché la patologia non era stabilizzata, non deve comunque ad oggi, definire la pratica, assegnando il proprio giudizio? come posso fare per far emettere ora per allora il giudizio? difatti, in caso riconoscano la 5^ categoria anche se non per causa di servizio, potrei ottenere la pensione per riforma a decorrere dal giorno dell'assegnazione della categoria 5^ con aumento dei 6 punti percentuale che dovrebbero decorrere dal 2013 o dalla data di effettiva visita?
Sin dal 24.10.16 mi ritrovo con una famiglia a carico ma senza percepire alcuna pensione. Ringrazio chiunque voglia fornirmi delle informazioni.


Link sponsorizzati
principe124
Appena iscritto
Appena iscritto
 
Messaggi: 6
Iscritto il: sab nov 19, 2011 5:16 pm

Link sponsorizzati
  • Condividi su
  •   Vuoi avere più possibilità di risposta? Condividi questa pagina!
      

Re: RIMOZIONE DAL GRADO E CALCOLO PPO

Messaggioda indio » dom giu 04, 2017 10:45 pm

la tua situazione mi sembra complicata.
dovevi fare ricorso alla rimozione dal grado.
rivolgiti URGENTEMENTE ad un avvocato esperto di diritto militare.

crepi il lupo

Ciao
Indio


Link sponsorizzati
indio
Altruista
Altruista
 
Messaggi: 120
Iscritto il: sab mag 24, 2014 7:03 pm

Re: RIMOZIONE DAL GRADO E CALCOLO PPO

Messaggioda principe124 » lun giu 12, 2017 10:41 pm

ho fatto il ricorso al tar e la sospensiva è stata respinta con ordinanza cautelare. Il problema è che prima che giunga il merito del giudizio passeranno molti anni.
Per gli altri post ho visto un sacco di risposte, mentre per il mio post pur comprendendo che è particolare, non capisco come nessuno voglia fornire informazioni ancorché limitate a fornire risposte parziali e cioè per quanto di competenza di ognuno.
Tra l'altro, la situazione drammatica dovrebbe indurre a prodigarsi maggiormente nel fornire suggerimenti, visto che nelle richieste generiche di calcolo della pensione o altro vi sono decine di interventi.
Chiedere è lecito e rispondere e cortesia, quindi, ribadisco che se qualcuno intende prodigarsi a fornire riscontro gliene sarei grato.
ad maiora.


Link sponsorizzati
principe124
Appena iscritto
Appena iscritto
 
Messaggi: 6
Iscritto il: sab nov 19, 2011 5:16 pm


Torna a L'AVVOCATO RISPONDE






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 8 ospiti




CSS Valido!