Link sponsorizzati

Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/97

Moderatore: avv. Massimo Vitelli

Regole del forum
Questo servizio è gratuito, quindi le domande che saranno rivolte all'Avv. Vitelli verranno evase compatibilmente con i suoi impegni professionali. Nel caso desideri approfondire il rapporto professionale, potrai metterti in contatto con l'avvocato ai recapiti che leggerai in calce ad ogni sua risposta.

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda seccus » mar set 05, 2017 9:00 pm

Buonasera Avvocato: desideravo sottoporre alla sua cortese attenzione questo articolo trovato in rete in riferimento al “moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/97” in quanto conterebbe novità negative per i riformati dal 07/07/2017:

“Nella Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 143 del 22.06.2017, è stato pubblicato il Decreto Legislativo n. 94 del 29.05.2017 intitolato “Disposizioni in materia di riordino dei ruoli e delle carriere del personale delle Forze armate, ai sensi dell’articolo 1, comma 5, secondo periodo, della legge 31 dicembre 2012, n. 244” entrato in vigore il 07.07.2017.
L’art. 10 comma 1 lett. aa) del suddetto decreto ha modificato l’art. 1865 del Codice dell’Ordinamento Militare che risulta così riformulato: “Per il personale militare si applica l’articolo 3, comma 7, del decreto legislativo 30 aprile 1997, n.165”.
Nella precedente stesura della norma invece si leggeva: “ Per il personale militare escluso dall’istituto dell’ausiliaria di cui all’art. 992, si applica l’articolo 3, comma 7, del D. Lgs. 30 aprile 1997 n. 165”. Una ulteriore modifica si registra anche nella rubrica dell’articolo che prima riportava “Trattamento di quiescenza del personale escluso dall’ausiliaria” e oggi è titolata “Trattamento di quiescenza del personale alternativo all’istituto dell’ausiliaria”.
L’art. 10, comma 2 dello stesso D. Lgs. 94/2017 è poi intervenuto sull’ultima parte dell’art. 3, comma 7 del D. Lgs. 165/1997 che nella sua formulazione attuale afferma: “Per il personale di cui all’articolo 1 escluso dall’applicazione dell’istituto dell’ausiliaria che cessa dal servizio per raggiungimento dei limiti di età previsto dall’ordinamento di appartenenza e per il personale militare che non sia in possesso dei requisiti psico-fisici per accedere o permanere nella posizione di ausiliaria, il cui trattamento di pensione è liquidato in tutto o in parte con il sistema contributivo di cui alla legge 8 agosto 1995, n. 335, il montante individuale dei contributi è determinato con l’incremento di un importo pari a 5 volte la base imponibile dell’ultimo anno di servizio moltiplicata per l’aliquota di computo della pensione. Per il personale delle Forze di polizia ad ordinamento militare e per il personale delle Forze armate il predetto incremento opera in alternativa al collocamento in ausiliaria, previa opzione dell’interessato.” È utile e opportuno ricordare che la precedente stesura della norma non conteneva alcun richiamo al “personale delle Forze armate”.
All’apparenza un insignificante cambiamento, nella sostanza questi interventi operati dal Governo in sede di esercizio della delega legislativa, hanno cambiato radicalmente la portata delle due norme.
Coloro che saranno riformati a partire dal 07.07.2017 SENZA aver raggiunto i limiti di età per la pensione non potranno dunque usufruire dell’incremento pari a 5 volte l’ultima base imponibile.
Peraltro alla luce dell’attuale formulazione dell’art. 3, comma 7 del D. Lgs 165/1997 pare che anche per questi ultimi, la concessione del beneficio sia correlata a una espressa richiesta.
A seguito delle modifiche sopra riportate, infatti, tutto il personale riformato delle Forze Armate, (Guardia di Finanza, Carabinieri, Esercito, Marina Militare) potrà beneficiare dell’istituto del “Moltiplicatore” di cui all’art. 3, comma 7 del D. Lgs 165/1997 solo se ha comunque raggiunto i limiti di età previsti dal proprio grado per andare in pensione ed è escluso dall’istituto dell’ausiliaria per inidoneità fisica o psichica.
ATTENZIONE: LE MODIFICHE ATTUATE DAL GOVERNO NEL GIUGNO SCORSO NON HANNO IN OGNI CASO EFFETTO RETROATTIVO- QUINDI PER TUTTI I MILITARI RIFORMATI PRIMA DEL 07.07.2017 OPERA LA NORMATIVA PRECEDENTE.
Ovvero le precedenti stesure dell’art. 1865 del codice dell’ordinamento militare e dell’art. 3, comma 7 del d.lgs 165/1997 RIMANGONO PIENAMENTE VALIDE PER I RIFORMATI PRIMA DEL 07.07.2017.-
L’intervento mirato del Governo di cui vi abbiamo riferito, indirettamente, sembra confermare la validità di quanto da noi sostenuto nel nostro precedente articolo (l’applicabilità ai militari riformati che non hanno raggiunto i limiti di età per la pensione del beneficio del moltiplicatore di cui all’art. 3, comma 7, D. Lgs 165/1997): infatti se il beneficio non fosse stato applicabile ai riformati a prescindere dal limite di età e dalla causa della riforma, non ci sarebbe stato alcun bisogno di abrogarlo almeno in parte.
L’intervento attuato dal Governo e sopra descritto, determina una evidente penalizzazione per i militari riformati a partire dal 07.07.2017 incidendo in senso deteriore sul loro trattamento di quiescenza. Tale intervento presenta a nostro avviso profili di illegittimità costituzionale.”

Per quanto sopra gradirei conoscere il suo qualificato parere su cosa si devono aspettare tutti i militari riformati dopo il 07/07/2017 senza aver raggiunto i limiti di età previsti per il proprio grado per andare in pensione.

Grazie e buona serata.
seccus
Appena iscritto
Appena iscritto
 
Messaggi: 1
Iscritto il: sab gen 14, 2017 6:02 pm

Link sponsorizzati

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda avv. Massimo Vitelli » mer set 06, 2017 12:11 am

Buonasera SECCUS.
Conosco la posizione espressa nell'articolo in questione da alcune Colleghe di Arezzo, ma non la condivido affatto e la ritengo manifestamente infondata.
Tieni presente che ho per di più esternato il mio fermo dissenso personalmente alle Colleghe di cui sopra.
In breve, dopo essermi occupato della vicenda sin dal 2011 (tra l'altro, in esclusiva, come dimostra la circostanza che fino al 2017 non esistono ricorsi del genere prodotti da altri colleghi e decisi dalla CDC), ritengo che non solo il recente decreto sul riordino non abbia modificato alcunché in ordine al moltiplicatore rispetto ai "riformati" militari dal mese di luglio 2017 in poi, ma addirittura la normativa in parola semplifichi ed ampli anche per il futuro la possibilità per gli interessati di ottenere il beneficio in oggetto.
Il tutto, lo ribadisco ancora, a condizione che la Corte dei Conti continui a confermare l'orientamento già esternato nelle precedenti due sentenze favorevoli da me ottenute.
Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it
Avatar utente
avv. Massimo Vitelli
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 227
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda KURO OBI » mer set 06, 2017 11:11 pm

avv. Massimo Vitelli ha scritto:Buonasera SECCUS.
Conosco la posizione espressa nell'articolo in questione da alcune Colleghe di Arezzo, ma non la condivido affatto e la ritengo manifestamente infondata.
Tieni presente che ho per di più esternato il mio fermo dissenso personalmente alle Colleghe di cui sopra.
In breve, dopo essermi occupato della vicenda sin dal 2011 (tra l'altro, in esclusiva, come dimostra la circostanza che fino al 2017 non esistono ricorsi del genere prodotti da altri colleghi e decisi dalla CDC), ritengo che non solo il recente decreto sul riordino non abbia modificato alcunché in ordine al moltiplicatore rispetto ai "riformati" militari dal mese di luglio 2017 in poi, ma addirittura la normativa in parola semplifichi ed ampli anche per il futuro la possibilità per gli interessati di ottenere il beneficio in oggetto.
Il tutto, lo ribadisco ancora, a condizione che la Corte dei Conti continui a confermare l'orientamento già esternato nelle precedenti due sentenze favorevoli da me ottenute.
Cordialitá


Infatti volevo proprio dire quello che il nostro avvocato ha espresso, a me sembra che le possibilità aumentino. Avvocato Le ho scritto una mail
KURO OBI
Disponibile
Disponibile
 
Messaggi: 38
Iscritto il: mar ago 15, 2017 9:59 am

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda avv. Massimo Vitelli » gio set 07, 2017 10:50 am

KURO OBI ha scritto:
avv. Massimo Vitelli ha scritto:Buonasera SECCUS.
Conosco la posizione espressa nell'articolo in questione da alcune Colleghe di Arezzo, ma non la condivido affatto e la ritengo manifestamente infondata.
Tieni presente che ho per di più esternato il mio fermo dissenso personalmente alle Colleghe di cui sopra.
In breve, dopo essermi occupato della vicenda sin dal 2011 (tra l'altro, in esclusiva, come dimostra la circostanza che fino al 2017 non esistono ricorsi del genere prodotti da altri colleghi e decisi dalla CDC), ritengo che non solo il recente decreto sul riordino non abbia modificato alcunché in ordine al moltiplicatore rispetto ai "riformati" militari dal mese di luglio 2017 in poi, ma addirittura la normativa in parola semplifichi ed ampli anche per il futuro la possibilità per gli interessati di ottenere il beneficio in oggetto.
Il tutto, lo ribadisco ancora, a condizione che la Corte dei Conti continui a confermare l'orientamento già esternato nelle precedenti due sentenze favorevoli da me ottenute.
Cordialitá


Infatti volevo proprio dire quello che il nostro avvocato ha espresso, a me sembra che le possibilità aumentino. Avvocato Le ho scritto una mail

=========
Ok, ribadisco l'interpretazione estensiva del decreto sul riordino circa il "moltiplicatore".
Se Lei si chiama Enrico, confermo la ricezione della mail, altrimenti La prego di rinnovarla.
Cordialità
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it
Avatar utente
avv. Massimo Vitelli
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 227
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda Carminiello » lun set 11, 2017 6:03 pm

Buonasera Avv., una domanda che mi viene spontanea: solo i riformati delle forze di polizia (tipo CC o GdF) ha diritto al moltiplicatore o tutti i militari (EI, AM, MM)?

Chiedo questo perchè nella "nuova" legge è stato aggiunto "e per il personale delle Forze armate", cosa che nella precedente versione non c'era. Io sono un ex militare AM riformato nel 2015. Posto la nuova legge con la parte aggiunta: "Per il personale delle Forze di polizia ad ordinamento militare e per il personale delle Forze armate il predetto incremento opera in alternativa al collocamento in ausiliaria, previa opzione dell’interessato.”
Posso ricorrere? Grazie.
Carmine
Carminiello
Consigliere
Consigliere
 
Messaggi: 549
Iscritto il: mer apr 10, 2013 9:58 am
Località: Caserta

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda avv. Massimo Vitelli » lun set 11, 2017 8:39 pm

Carminiello ha scritto:Buonasera Avv., una domanda che mi viene spontanea: solo i riformati delle forze di polizia (tipo CC o GdF) ha diritto al moltiplicatore o tutti i militari (EI, AM, MM)?

Chiedo questo perchè nella "nuova" legge è stato aggiunto "e per il personale delle Forze armate", cosa che nella precedente versione non c'era. Io sono un ex militare AM riformato nel 2015. Posto la nuova legge con la parte aggiunta: "Per il personale delle Forze di polizia ad ordinamento militare e per il personale delle Forze armate il predetto incremento opera in alternativa al collocamento in ausiliaria, previa opzione dell’interessato.”
Posso ricorrere? Grazie.
Carmine

===========
Risposta affermativa, erano e sono compresi tutti i militari, di tutte le Forze Armate e di Polizia, ma sempre dietro ricorso alla Corte dei Conti e sempre che la Corte, lo ribadisco ancora, non muti orientamento.
La nuova legge ha ampliato le possibilità di ottenere il beneficio in oggetto per i militari delle Forze Armate, come precisato anche nei post e nelle pagine precedenti.
Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it
Avatar utente
avv. Massimo Vitelli
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 227
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda Antonio Arcidiaco » mer set 27, 2017 8:53 pm

Gentilissimo Avvocato
sono un ex Sottufficiale della Marina Militare (riformato) riconoscimento di dipendenza da causa di servizio in corso. Sono stato arruolato il 15/09/1984 e riformato in data 29/09/2016. Anni di servizio effettivi 32, cumulativi 38. Regime misto. Da quello che mi pare di capire rientrerei nelle condizioni riportate all'art. 3 del D.L. 165/97. In tal caso potrebbe cortesemente segnarmi i passi che dovrei compiere per ottenere i benefici in esso descritti, qualora mi conferma di averne diritto?
La ringrazio per il lavoro che fa per tutti noi e la ringrazio per la cortese attenzione che vorrà dedicare alla presente.
Grazie
Antonio Arcidiaco
Antonio Arcidiaco
Appena iscritto
Appena iscritto
 
Messaggi: 2
Iscritto il: mer set 27, 2017 8:32 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda avv. Massimo Vitelli » gio set 28, 2017 12:23 pm

Antonio Arcidiaco ha scritto:Gentilissimo Avvocato
sono un ex Sottufficiale della Marina Militare (riformato) riconoscimento di dipendenza da causa di servizio in corso. Sono stato arruolato il 15/09/1984 e riformato in data 29/09/2016. Anni di servizio effettivi 32, cumulativi 38. Regime misto. Da quello che mi pare di capire rientrerei nelle condizioni riportate all'art. 3 del D.L. 165/97. In tal caso potrebbe cortesemente segnarmi i passi che dovrei compiere per ottenere i benefici in esso descritti, qualora mi conferma di averne diritto?
La ringrazio per il lavoro che fa per tutti noi e la ringrazio per la cortese attenzione che vorrà dedicare alla presente.
Grazie
Antonio Arcidiaco

================
Ricorso alla Corte dei Conti (sperando che non muti orientamento), previa istanza/diffida alla sede INPS territoriale, che verrà ovviamente riscontrata in modo negativo.
Ai fini della definitiva conferma di essere in possesso dei prerequisiti per incardinare il ricorso giudiziale, occorre esaminare la documentazione pensionistica, anche se non dovrebbero esserci dubbi.
Qualora decidesse di rivolgersi ad un legale, quest'ultimo procederà senz'altro a tutte le incombenze di cui sopra.
Cordialità
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it
Avatar utente
avv. Massimo Vitelli
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 227
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda cpa64 » ven set 29, 2017 1:09 pm

Un'Assistente Capo di PP riformato per inabilità in modo assoluto nella PP con possibilità di transito nei ruoli civili, arruolato nel 1984 nel Disciolto Corpo Agenti di Custodia (Militare) poi Corpo di Polizia Penitenziaria, riformato dalla CMO mese di agosto 2017 con 52,10 anni di età e 33 anni di servizio effettivo nel corpo a cui sommare i 5 anni di scivolo di cui 3 riscattati, RIENTRA NEL MOLTIPLICATORE PREVVISTO DALL'ART.3 COMMA 7 DEL D.LGS. 165/1997 CONSIDERATO CHE E' CESSATO DAL SERVIZIO SENZA AVER RAGGIUNTO IL LIMITE DI ETA E RIENTRA NEL CALCOLO MISTO (RETRIBUTIVO+CONTRIBUTIVO)?
Ringrazio in anticipo quanti mi danno informazioni e chiarimenti in merito.
cpa64
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 61
Iscritto il: mer set 02, 2015 6:53 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda avv. Massimo Vitelli » ven set 29, 2017 2:42 pm

cpa64 ha scritto:Un'Assistente Capo di PP riformato per inabilità in modo assoluto nella PP con possibilità di transito nei ruoli civili, arruolato nel 1984 nel Disciolto Corpo Agenti di Custodia (Militare) poi Corpo di Polizia Penitenziaria, riformato dalla CMO mese di agosto 2017 con 52,10 anni di età e 33 anni di servizio effettivo nel corpo a cui sommare i 5 anni di scivolo di cui 3 riscattati, RIENTRA NEL MOLTIPLICATORE PREVVISTO DALL'ART.3 COMMA 7 DEL D.LGS. 165/1997 CONSIDERATO CHE E' CESSATO DAL SERVIZIO SENZA AVER RAGGIUNTO IL LIMITE DI ETA E RIENTRA NEL CALCOLO MISTO (RETRIBUTIVO+CONTRIBUTIVO)?
Ringrazio in anticipo quanti mi danno informazioni e chiarimenti in merito.

=========

No, a prescindere dalla circostanza ininfluente di essersi arruolato a suo tempo come militare.
Infatti, il personale della POLPEN non può attualmente transitare in ausiliaria (come invece accade ai militari) e quindi a mio avviso beneficia del "moltiplicatore" solo al raggiungimento del limite di età.
Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it
Avatar utente
avv. Massimo Vitelli
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 227
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda SOLBIATE » ven set 29, 2017 5:20 pm

Avvocato buongiorno e scusi del disturbo, volevo porgli una la mia situazione.
Mi sono arruolato il 01.10.1982 e sono stato riformato in data 12.01.2012 non dipendente da causa di servizio.
Sono stato giudicato idoneo al transito nei ruoli civili. Volevo sapere se rientro in detta normativa e se la sentenza emessa dalla sezione Abruzzo vale anche per le altre regioni o se bisogna fare un qualche ricorso.
Eventualmente la risposta fosse affermativa c'è un facs simile da poter utilizzare per inoltrare la domanda? La ringrazio in anticipo e le porgo distinti saluti.
SOLBIATE
Appassionato
Appassionato
 
Messaggi: 99
Iscritto il: gio giu 23, 2011 12:06 am

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda avv. Massimo Vitelli » ven set 29, 2017 6:48 pm

SOLBIATE ha scritto:Avvocato buongiorno e scusi del disturbo, volevo porgli una la mia situazione.
Mi sono arruolato il 01.10.1982 e sono stato riformato in data 12.01.2012 non dipendente da causa di servizio.
Sono stato giudicato idoneo al transito nei ruoli civili. Volevo sapere se rientro in detta normativa e se la sentenza emessa dalla sezione Abruzzo vale anche per le altre regioni o se bisogna fare un qualche ricorso.
Eventualmente la risposta fosse affermativa c'è un facs simile da poter utilizzare per inoltrare la domanda? La ringrazio in anticipo e le porgo distinti saluti.

=================
Buonasera.
Si, è necessario produrre ricorso davanti alla Corte dei Conti, perchè tutti i Giudici sono AUTONOMI e non vincolati da altre decisioni. Da parte sua, l'INPS "proprio non ci sente"!
Dovrei esaminare la Sua documentazione per la conferma dei prerequisiti.
Non ci sono formule "sacramentali" per richiedere (inutilmente) il beneficio all'INPS, è sufficiente una semplice istanza scritta con la prova della ricezione.
Cordialità
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it
Avatar utente
avv. Massimo Vitelli
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 227
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda Rosallegro » dom ott 01, 2017 4:09 pm

Salve avvocato mi servirebbe sapere se il moltiplicatore sarà valido ai militari che saranno riformate in futuro oppure bisognerà fare ricorso
Rosallegro
Appena iscritto
Appena iscritto
 
Messaggi: 4
Iscritto il: sab mag 07, 2016 2:29 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda Antonio Arcidiaco » dom ott 01, 2017 8:13 pm

avv. Massimo Vitelli ha scritto:
Antonio Arcidiaco ha scritto:Gentilissimo Avvocato
sono un ex Sottufficiale della Marina Militare (riformato) riconoscimento di dipendenza da causa di servizio in corso. Sono stato arruolato il 15/09/1984 e riformato in data 29/09/2016. Anni di servizio effettivi 32, cumulativi 38. Regime misto. Da quello che mi pare di capire rientrerei nelle condizioni riportate all'art. 3 del D.L. 165/97. In tal caso potrebbe cortesemente segnarmi i passi che dovrei compiere per ottenere i benefici in esso descritti, qualora mi conferma di averne diritto?
La ringrazio per il lavoro che fa per tutti noi e la ringrazio per la cortese attenzione che vorrà dedicare alla presente.
Grazie
Antonio Arcidiaco

================
Ricorso alla Corte dei Conti (sperando che non muti orientamento), previa istanza/diffida alla sede INPS territoriale, che verrà ovviamente riscontrata in modo negativo.
Ai fini della definitiva conferma di essere in possesso dei prerequisiti per incardinare il ricorso giudiziale, occorre esaminare la documentazione pensionistica, anche se non dovrebbero esserci dubbi.
Qualora decidesse di rivolgersi ad un legale, quest'ultimo procederà senz'altro a tutte le incombenze di cui sopra.
Cordialità


Salve Avvocato
mi rendo conto che forse mi sto spingendo troppo oltre con le richieste ma tentar non nuoce, sarebbe possibile che posti un facsimile di domanda/diffida da mandare all'INPS...ho avuto notizia di tali domande già respinte dall'Ente previdenziale e quindi la necessità di dover procedere al ricorso. Sarebbe opinabile una buona impostazione delle domanda/diffida che qualora pubblicata in questo forum darebbe più o meno a tutti con un sol colpo la possibilità di compilare un uniforme tipologia di domanda che presumo vada inviata con R/R.
Mi scusi se forse approfitto troppo della sua cortesia.
Ex Capo di 1^cl. Antonio Arcidiaco
Antonio Arcidiaco
Appena iscritto
Appena iscritto
 
Messaggi: 2
Iscritto il: mer set 27, 2017 8:32 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

Messaggioda avv. Massimo Vitelli » lun ott 02, 2017 2:24 pm

Antonio Arcidiaco ha scritto:
avv. Massimo Vitelli ha scritto:
Antonio Arcidiaco ha scritto:Gentilissimo Avvocato
sono un ex Sottufficiale della Marina Militare (riformato) riconoscimento di dipendenza da causa di servizio in corso. Sono stato arruolato il 15/09/1984 e riformato in data 29/09/2016. Anni di servizio effettivi 32, cumulativi 38. Regime misto. Da quello che mi pare di capire rientrerei nelle condizioni riportate all'art. 3 del D.L. 165/97. In tal caso potrebbe cortesemente segnarmi i passi che dovrei compiere per ottenere i benefici in esso descritti, qualora mi conferma di averne diritto?
La ringrazio per il lavoro che fa per tutti noi e la ringrazio per la cortese attenzione che vorrà dedicare alla presente.
Grazie
Antonio Arcidiaco

================
Ricorso alla Corte dei Conti (sperando che non muti orientamento), previa istanza/diffida alla sede INPS territoriale, che verrà ovviamente riscontrata in modo negativo.
Ai fini della definitiva conferma di essere in possesso dei prerequisiti per incardinare il ricorso giudiziale, occorre esaminare la documentazione pensionistica, anche se non dovrebbero esserci dubbi.
Qualora decidesse di rivolgersi ad un legale, quest'ultimo procederà senz'altro a tutte le incombenze di cui sopra.
Cordialità


Salve Avvocato
mi rendo conto che forse mi sto spingendo troppo oltre con le richieste ma tentar non nuoce, sarebbe possibile che posti un facsimile di domanda/diffida da mandare all'INPS...ho avuto notizia di tali domande già respinte dall'Ente previdenziale e quindi la necessità di dover procedere al ricorso. Sarebbe opinabile una buona impostazione delle domanda/diffida che qualora pubblicata in questo forum darebbe più o meno a tutti con un sol colpo la possibilità di compilare un uniforme tipologia di domanda che presumo vada inviata con R/R.
Mi scusi se forse approfitto troppo della sua cortesia.
Ex Capo di 1^cl. Antonio Arcidiaco

===========
Mi perdoni, ma anche la più "raffinata" delle istanze è destinata ad essere respinta dall'INPS.
Le confermo, inoltre, che è idonea qualsiasi tipologia di istanza scritta.
La Sua richiesta, infine, esula in modo evidente dall'attività pro bono della rubrica.
Cordialitá
Studio legale: Teramo, via Fonte Regina n° 23
E-mail: massimovitelli@alice.it
Avatar utente
avv. Massimo Vitelli
Staff Moderatori
Staff Moderatori
 
Messaggi: 227
Iscritto il: ven apr 07, 2017 12:51 pm

Re: Moltiplicatore per Militari Riformati, art.3, d.l. 165/9

 

PrecedenteProssimo

Torna a L'avv. Vitelli risponde






 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

CSS Valido!